Regime fiscale semplificato per i contribuenti minimi
Thread poster: xxxGabriella B.
xxxGabriella B.  Identity Verified
Italy
Local time: 16:49
English to Italian
+ ...
Aug 4, 2008

Ciao a tutti,
da qualche giorno sto raccogliendo informazioni sul regime fiscale semplificato e a fine agosto parlerò con il commercialista.
Nell’attesa vi sarei molto grata se, sulla base della vostra esperienza, poteste aiutarmi a sciogliere qualche dubbio in merito al reddito complessivo e alla contribuzione INPS in presenza di reddito da lavoro autonomo e reddito da lavoro dipendente (settore privato).

Dalla circolare N. 73/E della Agenzia delle Entrate
http://www.agenziaentrate.it/ilwwcm/resources/file/eb97f84fde5de50/circ_73e_21_12_2007.pdf

=========
…Si precisa al riguardo che il predetto reddito, assoggettato ad imposta
sostitutiva, non concorre alla formazione del reddito complessivo del
contribuente…

Nel decreto sarà previsto, tuttavia, che il reddito dell’attività soggetta al regime dei contribuenti minimi rileva, in aggiunta al reddito complessivo, ai fini del riconoscimento delle detrazioni per carichi di famiglia ai sensi dell’articolo 12, comma 2, del TUIR, nonché ai fini della determinazione della base imponibile dei contributi previdenziali ed assistenziali.
(1)**Cosa significa?**

…Al riguardo nel decreto sarà precisato che i contributi previdenziali ed assistenziali devono essere dedotti prioritariamente dal reddito di impresa o di
lavoro autonomo determinato in base al regime in esame, nei limiti in cui trovano capienza in tale reddito.
L’eventuale eccedenza è deducibile dal reddito complessivo del contribuente in base all’articolo 10 del Tuir.
(2)**Cosa significa?**
=========

Per quanto concerne i contributi INPS, ho raccolto tre versioni.

a) La percentuale per gli iscritti alla gestione separata che già versano altri contributi obbligatori è del 17% anziché del 24,72%.
b) La percentuale è del 10%.
c) I contributi INPS non vanno versati alla gestione separata purché sia dimostrabile che l’attività prevalente sia quella derivante da lavoro dipendente.

(3)**Qual è la cosa giusta da fare?**

(4)**Per aprire la P.IVA con questo regime si attende gennaio o si può già procedere?**

Spero di non aver fatto troppa confusione.
Vi ringrazio infinitamente.


Direct link Reply with quote
 

Francesca Pesce  Identity Verified
Local time: 16:49
Member (2006)
English to Italian
+ ...
Alcune risposte Aug 5, 2008

gabyy wrote:

(1) …Si precisa al riguardo che il predetto reddito, assoggettato ad imposta
sostitutiva, non concorre alla formazione del reddito complessivo del
contribuente…

Nel decreto sarà previsto, tuttavia, che il reddito dell’attività soggetta al regime dei contribuenti minimi rileva, in aggiunta al reddito complessivo, ai fini del riconoscimento delle detrazioni per carichi di famiglia ai sensi dell’articolo 12, comma 2, del TUIR, nonché ai fini della determinazione della base imponibile dei contributi previdenziali ed assistenziali.


Significa:
a) che il reddito da lavoro autonomo sottoposto al regime dei minimi non si somma al reddito complessivo per l'applicazione dell'IRPEF, bensì viene tassato al 20% secco. In altri termini non ti fa eventualmente superare gli scaglioni per quel che riguarda il reddito da lavoro privato.

b) che il reddito da lavoro autonomo sottoposto al regime dei minimi si somma al reddito complessivo per il calcolo delle detrazioni per familiari a carico e per il calcolo dei contributi previdenziali.

gabyy wrote:
(2) …Al riguardo nel decreto sarà precisato che i contributi previdenziali ed assistenziali devono essere dedotti prioritariamente dal reddito di impresa o di
lavoro autonomo determinato in base al regime in esame, nei limiti in cui trovano capienza in tale reddito.
L’eventuale eccedenza è deducibile dal reddito complessivo del contribuente in base all’articolo 10 del Tuir.


Significa che al momento della dichiarazione dei redditi, i contributi previdenziali pagati nell'anno di riferimento vengono detratti in prima istanza dal reddito di lavoro autonomo sottoposto al regime dei minimi (quello tassato al 20%). Solo qualora tale reddito sia inferiore all'importo da detrarre, puoi detrarlo dal reddito complessivo (tassato ad aliquote diverse).

gabyy wrote:
(3) Per quanto concerne i contributi INPS, ho raccolto tre versioni.

a) La percentuale per gli iscritti alla gestione separata che già versano altri contributi obbligatori è del 17% anziché del 24,72%.
b) La percentuale è del 10%.
c) I contributi INPS non vanno versati alla gestione separata purché sia dimostrabile che l’attività prevalente sia quella derivante da lavoro dipendente.

Qual è la cosa giusta da fare?**
[/quote]

Non sono informata sui contributi previdenziali in compresenza di lavoro dipendente, però nella tua domanda non si capisce se suggerisci che si paghi il 17% (a) oppure il 10% (b).

Non ho idea di quale sia la cosa giusta da fare, perché non è chiaro di quali alternative stai parlando. Ci stai chiedendo un parere? Oppure informazioni?

gabyy wrote:
(4) Per aprire la P.IVA con questo regime si attende gennaio o si può già procedere?


In teoria, la legge dice che chi aveva una partita IVA e rientrava nel regime dei minimi, lo doveva applicare automaticamente dal 1° gennaio scorso. In caso contrario, avrebbe dovuto inviare una comunicazione formale. Questo però implica che dall'inizio dell'anno le fatture fossero fatte con applicazione della ritenuta d'acconto del 20% e senza applicazione dell'IVA.
Non è chiaro tu in quale situazione sia.
Hai la partita IVA? Non ce l'hai?
Se tu non hai aperto la partita IVA e traduci in modalità "lavoro occasionale", puoi aprire la partita IVA, anche con il regime dei minimi, in qualsiasi momento dell'anno.

Spero di essere stata di aiuto, per quel che ho capito delle tue domande. Il suggerimento, tuttavia, è sempre quello di chiedere informazioni direttamente alla fonte:
1) Agenzia delle Entrate: tel 848 800444
2) INPS: 803 164?


In bocca al lupo!

Francesca


Direct link Reply with quote
 
xxxGabriella B.  Identity Verified
Italy
Local time: 16:49
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Grazie! Aug 5, 2008

Francesca, ti ringrazio tanto, sei stata chiarissima su tutto.

Per quanto concerne il versamento dei contributi INPS alla gestione separata, ho parlato con un funzionario della direzione subprovinciale il quale mi ha confermato che, ai sensi della L.335/95, in presenza di altre forme di previdenza obbligatoria, bisogna versare i contributi INPS alla gestione separata nella misura del 17%.
GRAZIE MILLE!


Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

Regime fiscale semplificato per i contribuenti minimi

Advanced search






WordFinder
The words you want Anywhere, Anytime

WordFinder is the market's fastest and easiest way of finding the right word, term, translation or synonym in one or more dictionaries. In our assortment you can choose among more than 120 dictionaries in 15 languages from leading publishers.

More info »
TM-Town
Manage your TMs and Terms ... and boost your translation business

Are you ready for something fresh in the industry? TM-Town is a unique new site for you -- the freelance translator -- to store, manage and share translation memories (TMs) and glossaries...and potentially meet new clients on the basis of your prior work.

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs