Mobile menu

Lavorare solo con il codice fiscale (senza partita IVA)
Thread poster: fedric
fedric  Identity Verified
Italy
Local time: 22:51
English to Italian
+ ...
Jun 23, 2003

Sono una nuova arrivata e chiedo a voi esperti di questo mondo proziano se è possibile lavorare anche solo con il codice fiscale, cosa che faccio regolarmente. Mi chiedo questo perchè vedo molti interventi sull'IVA, ma non ho ancora sentito parlare di codice fiscale o ritenuta d'acconto. Spero che qualcuno mi faccia un po' di chiarezza. Grazie in anticipo.

Direct link Reply with quote
 
Antonella Andreella  Identity Verified
Italy
Local time: 22:51
German to Italian
+ ...
Diciamo che Jun 23, 2003

se il tuo fatturato annuo resta al di sotto di un certo livello, soprattutto se sei agli inizi, puoi tranquillamente lavorare emettendo la nota di collaborazione occasionale con codice fiscale. Successivamente, è consigliabile aprire la P. IVA.
Vuoi sapere a quanto corrisponde 'un certo livello'? Meglio chiederlo a un commercialista di fiducia.



Antonella


Direct link Reply with quote
 
fedric  Identity Verified
Italy
Local time: 22:51
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
e con i clienti stranieri? Jun 23, 2003

Antonella Andreella wrote:

se il tuo fatturato annuo resta al di sotto di un certo livello, soprattutto se sei agli inizi, puoi tranquillamente lavorare emettendo la nota di collaborazione occasionale con codice fiscale. Successivamente, è consigliabile aprire la P. IVA.
Vuoi sapere a quanto corrisponde 'un certo livello'? Meglio chiederlo a un commercialista di fiducia.



Antonella


Direct link Reply with quote
 

Sarah Ponting  Identity Verified
Italy
Local time: 22:51
Italian to English
+ ...
codice fiscale e ritenuta d'acconto Jun 23, 2003

Puoi tranquillamente lavorare senza la partita IVA all'inizio - probabilmente saranno i tuoi clienti a dirti quanto il lavoro non è più di natura occasionale, chiedendoti di aprire la partita IVA.
Per adesso sulla fattura è sufficiente segnalare il totale meno la ritenuta d'acconto del 20%.

Ciao

Sarah

[Edited at 2003-06-23 07:58]


Direct link Reply with quote
 

Claudia Mattaliano  Identity Verified
Local time: 22:51
Member (2006)
German to Italian
+ ...
Ciao! Jun 23, 2003

Lavoro da quasi due anni come libera professionista e per il primo anno e mezzo ho utilizzato la classica nota di pagamento per gli incarichi svolti. Effettivamente, nel momento in cui la mole di lavoro diventa più consistente, è consigliabile aprire P.I., anche perché molti clienti (almeno nel mio caso), sembrano avere una predilezione particolare per questo codicillo..!

Io ti consiglio di vedere come riesci a muoverti all'inizio e di valutare poi la possibilità di aprire P.I. Io l'ho fatto a gennaio di quest'anno. Mi raccomando però: affidati ad una persona realmente valida e informati sul regime cosiddetto "forfettario" (o "forfettino" - legge 388/2000), che per i primi tre anni, e sotto un certo fatturato, ti permette di risparmiare parecchio in tasse!

In bocca al lupo!
Claudia


Direct link Reply with quote
 
Antonella Andreella  Identity Verified
Italy
Local time: 22:51
German to Italian
+ ...
Con i clienti stranieri Jun 23, 2003

mi spiace, ma a questo non so rispondere... diciamo che quando lavoravo con nota di collaborazione occasionale ero anch'io agli inizi e non mi ricordo di nulla al riguardo. E' probabile che non avessi clienti stranieri a quel tempo...

Mah..
Ciao
Antonella


Direct link Reply with quote
 

Giuseppina Gatta, MA (Hons)
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Non c'e' limite Jun 23, 2003

[quote]Antonella Andreella wrote:

Successivamente, è consigliabile aprire la P. IVA.
Vuoi sapere a quanto corrisponde 'un certo livello'? Meglio chiederlo a un commercialista di fiducia.

Ho fatto a suo tempo ricerche al riguardo, la legge non prescrive alcun limite, puoi anche fatturare miliardi (sebbene come traduttrice è quasi certo che non avverrà mai, la partita IVA di solito la si apre per poter scaricare l'IVA sugli acquisti o perche' i clienti (italiani) la richiedono.
Su questa cosa sono sicura.
Giusi


Direct link Reply with quote
 

Sarah Ponting  Identity Verified
Italy
Local time: 22:51
Italian to English
+ ...
anche con i clienti stranieri Jun 24, 2003

All'inizio io ho lavorato per un paio di anni senza la partita IVA anche con dei clienti inglesi. E in ogni modo, visto che i lavori per i clienti stranieri sono IVA esente (nella mia esperienza, ma forse ci sono delle eccezioni, quindi meglio controllare con il commercialista ogni volta) non serve la P. IVA. Infatti, va fatturato solo la cifra riguardante il tuo lavoro - niente ritenuta d'acconto, niente IVA e niente contributo previdenziale.

Ciao

Sarah

[Edited at 2003-06-24 05:46]


Direct link Reply with quote
 

Laura Gentili  Identity Verified
Italy
Local time: 22:51
Partial member (2002)
English to Italian
+ ...
P.IVA per clienti esteri Jun 24, 2003

Molte agenzie estere chiedono espressamente la partiva IVA. E' vero che i lavori per committenti UE sono fuori campo IVA, però chiedono lo stesso la P. IVA. Mi riferisco a clienti con sede in Francia, Belgio, Germania e Israele.
Laura


Direct link Reply with quote
 
lesley haigh
Italy
Local time: 22:51
Italian to English
+ ...
cambiano le regole Jun 24, 2003

fedric wrote:

Sono una nuova arrivata e chiedo a voi esperti di questo mondo proziano se è possibile lavorare anche solo con il codice fiscale, cosa che faccio regolarmente. Mi chiedo questo perchè vedo molti interventi sull'IVA, ma non ho ancora sentito parlare di codice fiscale o ritenuta d'acconto. Spero che qualcuno mi faccia un po' di chiarezza. Grazie in anticipo.


Direct link Reply with quote
 
lesley haigh
Italy
Local time: 22:51
Italian to English
+ ...
cambio nella legge del lavoro occasionale Jun 24, 2003

uote]fedric wrote:

Sono una nuova arrivata e chiedo a voi esperti di questo mondo proziano se è possibile lavorare anche solo con il codice fiscale, cosa che faccio regolarmente. Mi chiedo questo perchè vedo molti interventi sull'IVA, ma non ho ancora sentito parlare di codice fiscale o ritenuta d'acconto. Spero che qualcuno mi faccia un po' di chiarezza. Grazie in anticipo.[/quote]


Ciao
anch'io ho cominciato da poco e mi sono trovata nella stessa situazione. Dopo suggerimenti da proz.com sono andata ad informarmi al NIDIL che si occupa di nuovi inquadramenti di lavoro e normalmente fa parte della CGIL. Per farla breve ho scoperto che il lavoro occasionale va bene ma non lo si può fare per molto ed esiste già una legge e sono in attesa di decreto attuativo(previsto verso settembre) che cambierà la legge del lavoro occasioale mettendo un limite di fatturato totale di € 5000 annuo e un limite temporale di 30gg di lavoro all'anno per committente. Per un traduttore non so come faranno per i 30gg ma un totale di 5000 euro all'anno non è molto.....quindi bisognerà informarsi a fine estate. Io penso di aprire partita iva anche se devo ancora fare dei conti ma se entra in vigore la nuova legge non mi sembra che abbiamo molta scelta.
Ciao
Lesley


Direct link Reply with quote
 
elenas
Italy
Local time: 22:51
German to Italian
+ ...
nella stessa barca Jul 4, 2003

Anche io sto valutando l\'idea di aprire la P.I. dopo aver lavorato per un anno e oltre con R.A. Mi sono trovata a dover pensare alla P.I. ahimè, non per motivi di fatturato che è ancora molto basso, ma perchè molti potenziali clienti, agenzie, clienti stranieri Austria, ecc. me l\'hanno richiesta.
Mi sono informata e comunque ci sono delle buone possibilità di rientrare nel regime fiscale agevolato che fa respirare un po\' di più. In tal cso è meglio però partire all\'inizio dell\'anno per sfruttare una annualità completa. Io probabilmente rimando a Gennaio anche se comunque all\'inizio sarà un salto nel buio: tasse da pagare e poche entrate.
Speriamo bene!


Direct link Reply with quote
 

Simona Onali
Local time: 22:51
English to Italian
+ ...
Buongiorno a tutti Jul 28, 2009

Io non ho P.IVA e finora ho sempre lavorato tramite collaborazione occasionale.
Ieri sono stata contattata da un'agenzia la quale mi ha chiesto cosa indicare come mia professione principale.Io ho risposto traduttrice freelance ma mi è stato detto: "se la sua professione ufficiale è traduttirce non possiamo collaborare con un accordo di collaborazione occasionale, sarebbe quindi necessaria la P.Iva". Al momento la mia professione però è questa,cosa posso indicare come professione compatibile con la collaborazione occasionale?
Grazie!
Simona


Direct link Reply with quote
 

Rita Bilancio  Identity Verified
Local time: 22:51
English to Italian
+ ...
esiste già Aug 3, 2009

lesley haigh wrote:


Ciao
anch'io ho cominciato da poco e mi sono trovata nella stessa situazione. Dopo suggerimenti da proz.com sono andata ad informarmi al NIDIL che si occupa di nuovi inquadramenti di lavoro e normalmente fa parte della CGIL. Per farla breve ho scoperto che il lavoro occasionale va bene ma non lo si può fare per molto ed esiste già una legge e sono in attesa di decreto attuativo(previsto verso settembre) che cambierà la legge del lavoro occasioale mettendo un limite di fatturato totale di € 5000 annuo e un limite temporale di 30gg di lavoro all'anno per committente. Per un traduttore non so come faranno per i 30gg ma un totale di 5000 euro all'anno non è molto.....quindi bisognerà informarsi a fine estate. Io penso di aprire partita iva anche se devo ancora fare dei conti ma se entra in vigore la nuova legge non mi sembra che abbiamo molta scelta.
Ciao
Lesley


Questa legge esiste già, se hai superato il limite ti conviene parlarne con un commercialista


Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

Lavorare solo con il codice fiscale (senza partita IVA)

Advanced search






LSP.expert
You’re a freelance translator? LSP.expert helps you manage your daily translation jobs. It’s easy, fast and secure.

How about you start tracking translation jobs and sending invoices in minutes? You can also manage your clients and generate reports about your business activities. So you always keep a clear view on your planning, AND you get a free 30 day trial period!

More info »
SDL MultiTerm 2017
Guarantee a unified, consistent and high-quality translation with terminology software by the industry leaders.

SDL MultiTerm 2017 allows translators to create one central location to store and manage multilingual terminology, and with SDL MultiTerm Extract 2017 you can automatically create term lists from your existing documentation to save time.

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs