Mobile menu

Pages in topic:   [1 2 3] >
Traduzioni in campo medico e mancanza di professionalità
Thread poster: xxxMilena Bosco
xxxMilena Bosco  Identity Verified
Italy
Local time: 10:24
English to Italian
+ ...
Dec 1, 2008

Ho appena dato un "disagree" ad una collega che afferma di essere specializzata in traduzoni nel campo medico/cardiologico.

La collega ha confuso in un Kudoz, un problema del setto interatriale con un prolasso della mitrale. Praticamente ha confuso i "lembi" della mitrale con il setto. Come è possibile?

Io sinceramente sono sempre più meravigliata dalla mancanza di "azioni" serie da parte di moderatori e dello staff in questi casi.
Per fortuna l'asker ha contattato il cliente (anche lei in dubbio, dando credito alla collega di cui sopra ) ed ha scelto la risposta corretta.
Come si può tradurre in campo medico senza basi? Si renderanno conto della responsabilità? Si renderanno conto che una traduzione imprecisa può mettere a rischio la vita di qualcuno?

Buona serata,

Milena


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 05:24
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Ruolo dei moderatori Dec 1, 2008

Milena Bosco wrote:
Io sinceramente sono sempre più meravigliata dalla mancanza di "azioni" serie da parte di moderatori e dello staff in questi casi.

ciao Milena,
scusa ma non devi meravigliarti perché non è tra i ruoli dei moderatori (o del personale del sito) quello di controllare o di prendere iniziative in caso di errori di traduzione in KudoZ.
E giustamente, perché sarebbe impossibile garantire la correttezza, imparzialità o competenza, coprendo tutte le lingue, o combinazioni di lingue, e settori di specializzazione.

Di fatto, i moderatori quando partecipano in kudoz, lo fanno in veste di semplici membri, soggetti a errori come tutti, e non hanno alcun ruolo di "autorità linguistiche".

Hai fatto bene a offrire una risposta che ti sembrava più corretta, e KudoZ funziona proprio perché si confrontano idee e conoscenze diverse, spesso arrivando a una risposta buona o perfetta, aiutando un collega su un termine difficile.

ciao
Gianfranco


Direct link Reply with quote
 
xxxMilena Bosco  Identity Verified
Italy
Local time: 10:24
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Peccato! Dec 1, 2008

Forse ci vorrebbe qualche modifica, almeno in certi campi....

Ciao Gianfranco è sempre un piacere incontrarti.

Milena

[Edited at 2008-12-01 19:50 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Roland_Lelaj  Identity Verified
Canada
Local time: 04:24
Member (2008)
English to Albanian
+ ...
RE Dec 1, 2008

Ciao Milena,

Tu hai molta ragione per il problema che poni e vista la difficoltà di controllare, verificare e correggere tutte le risposte sarebbe un lavoro a sé. Proprio qui stà anche la bellezza di ProZ e la sua forza, penso io come nuovo arrivato. Partecipando numerosi in questo tipo di discussioni, anche per un semplice termine linguistico, ci si arriva alla soluzione migliore.
A volte succede che si fanno degli errori, ma i colleghi che danno una retifica, un'altra soluzione oppure un "disagree" possono aiutare sempre a fare chiarezza sulla questione.

Comunque sia, ce sempre posto per qualche modifica come dici tu, per evitare almeno gli errori che hanno a che fare con la vita altrui...

Buon lavoro!
roland


Direct link Reply with quote
 
xxxMilena Bosco  Identity Verified
Italy
Local time: 10:24
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Magari! Dec 1, 2008

Caro Roland:

Sfortunatamente non tutti hanno l'umiltà o lo spirito di accettare disagree.
La collega in questione (probabilmente ha dei problemi), in risposta al mio disagree si è presa la briga di cercare nei Kudoz una mia risposta che fosse ancora aperta per darmi un disagree, anche se tale Kudoz è nella coppia Esp>Eng in cui lei non lavora.
In questo modo, per ripicca, può dare un'idea sbagliata all'asker.

Speriamo che il buon senso prevalga.

Buona serata a tutti,

Milena


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 05:24
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Ho rimosso il peer-grade Dec 1, 2008

Comunico che ho individuato la domanda oggetto di questa discussione e ho deciso di rimuovere sia il commento allegato al peer-grade che la risposta al peer-grade.
Entrambi contenevano apprezzamenti personali che esulano dal termine richiesto e non sono consentiti dalle regole per KudoZ.

Mi spiace, ma entrambi erano di poco contenuto linguistico e toni sopra il rigo.

A scanso di equivoci, questo non entra nel merito della correttezza o meno del termine proposto, ma si limita a censurare il tono di certi commenti che non facilitano una atmosfera di cooperazione in KudoZ.

Buon lavoro a tutti
Gianfranco


Direct link Reply with quote
 
xxxMilena Bosco  Identity Verified
Italy
Local time: 10:24
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Grazie. Dec 1, 2008

Non credo che il tono del mio commento fosse scorretto. Era, a mio parere, dovutamente "acido", date le responsabilità implicate nell'errore.

Ora, per paradosso, il mio disagree non è più un contributo, mentre nell'altro , unico, disagree la risposta poco corretta è della collega in questione.

Non ci sarà mai collaborazione nei Kudoz se ci sono elementi che non hanno spirito di collaborazione. Ti invito, Gianfranco, a dare uno sguardo ai post della "Signora".

Buona serata,

Milena


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 05:24
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Commenti acidi Dec 1, 2008

Milena Bosco wrote:
Non credo che il tono del mio commento fosse scorretto. Era, a mio parere, dovutamente "acido", date le responsabilità implicate nell'errore.

Ora, per paradosso, il mio disagree non è più un contributo, mentre nell'altro , unico, disagree la risposta poco corretta è della collega in questione.


Purtroppo non possiamo fare distinzione tra commenti "acidi" e "dovutamente acidi"

Anche la replica della collega era di natura personale, e a suo modo di vedere, probabilmente "dovutamente acida", per cui è stata rimossa anch'essa, a prescindere dal fatto che l'acidità fosse giustificata, o dovuta, o meno.

Mi spiace, ma entrambi i commenti contribuivano a degradare l'atmosfera in KudoZ e non aggiungevano niente in termini di aiuto al collega che ha posto la domanda.

Se ora mi scrivi in privato e mi indichi in quale altra domanda hai ricevuto un peer-grade negativo che consideri una vendetta, posso controllare e agire.
In questo caso, l'azione fa parte dei compiti dei moderatori.


ciao
Gianfranco


Direct link Reply with quote
 
xxxMilena Bosco  Identity Verified
Italy
Local time: 10:24
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Re: Commenti acidi Dec 1, 2008

Caro Gianfranco:

Io invece non te lo dico.

Credo che a volte è meglio lasciare che ci si "esprima" al meglio, forse è più facile capire chi si ha davanti. Almeno io la penso così.

Un caro saluto,

Milena


Direct link Reply with quote
 

Roland_Lelaj  Identity Verified
Canada
Local time: 04:24
Member (2008)
English to Albanian
+ ...
Re: Commenti acidi Dec 1, 2008

Io penso e credo che possiamo imparare un sacco anche dai "disagree" dei colleghi.

Keep up the good work Milena!


Direct link Reply with quote
 
xxxLionel_M
Local time: 10:24
English to French
+ ...
Chi fa cosa su ProZ ? Dec 2, 2008

Mi allaccio al discorso aperto dalla collega Milena per portare altri pareri relativi all’oggetto.
Credo che ci sia un problema di fondo su ProZ: quello di trovare degli utenti “pubblici” confrontati a pareri di utenti “anonimi”.
E’ facile chiamarsi “Dr James Bond”, darsi titoli e credenziali non dimostrabili e “sparare” su utenti che, avendo il nome e CV online si espongo anche ad eventuale ripercussione legale qualora andassero a sconfinare con la “calunnia”, delitto punibile in penale in Italia.
In parole povere, un “anonimo” può scrivere quello che li pare ! Farsi cancellare di ProZ e rientrare il giorno dopo con un altro pseudo. E per favore non mi parlate di “IP” che chiunque sappia usare un PC ed internet sa che si può usare un IP dinamico, irraggiungibile, anche spesso per la Polizia Postale, figuriamoci per lo staff di ProZ.
Ebbene spesso ci si trova a “litigare” con pseudo professionisti che si attribuiscono titoli di studio finti. Questo lo dimostra la stupidità dalle loro risposte e/o domande ….. e non vorrei dovere dare esempi ! Chi vuole capire capisce !
Un secondo argomento che vorrei toccare poiché ci è dato la possibilità, nonché il piacere, di conversare liberamente (almeno si spera) e nel rispetto della buona educazione con uno, spero dei, moderatore (i) di ProZ, è quello del loro modo di applicare il regolamento.
In poche parole, sono stato bloccato per aver detto che mi ero stufato di un “comportamento stupido”. Questo era dovuto al fatto che per la decima volta una nostra collega cambiava il suo "peer comment" al mio riguardo, "volendo prove" di quanto avanzavo.
Ora, seppur giustificato la necessità di “eliminare” un commento come “mi sono stufato” (nb: scritto in Inglese), io e la medesima utente siamo stati bloccati ! Ma il bello è che avevo interpellato il moderatore della sezione in oggetto che aveva giustamente e “moderatamente” provveduto ad eliminare tale commento e i commenti relativi dell’altra utente. Successivamente, mi sono “visto piombare” una (pare) moderatrice che ha deciso il blocco, senza ovviamente sapere ne conoscere la dinamica della discussione che, oltre tutto, era rimasto seppur “agitata nel rispetto dell’educazione.
La mia domanda è semplice: ma i moderatori sanno cosa fanno ?
Fanno i “moderatori” o fungono da pubblico ministero che manda a reclusione a perpetuità chi ha rubato una mela ?
Non sarebbe più giusto selezionare moderatori capaci di dedicare un po' di tempo alla loro sezione cosi da “capire” prima di “sancire” ?
Credo che questo comportamento “aggressivo” che vuole applicare un regolamento alla lettera senza “informare l’utente che sta andando borderline” ma “sanzionandolo” a priori, sia di natura a demotivare chi vuole vedere questo sito crescere !
In altre parole: ma cosa sto pagando a fare se "chiunque" viene qua, mi insulta e sono pure io ad essere sanzionato ?

Scusate se sono stato lungo.
Spero solo che qualche collega e moderatore vorrà discutere di questi due aspetti senza pregiudizi ne voglia di “fare la caccia alle stregue” !
Un saluto a tutti !


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 05:24
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Sono disponibile alla discussione Dec 2, 2008

Lionel Marlier wrote:
Un secondo argomento che vorrei toccare poiché ci è dato la possibilità, nonché il piacere, di conversare liberamente (almeno si spera) e nel rispetto della buona educazione con uno, spero dei, moderatore (i) di ProZ, è quello del loro modo di applicare il regolamento.

Sono disponibile, visto che sto già partecipando a questa discussione.

Lionel Marlier wrote:
In poche parole, sono stato bloccato per aver detto che mi ero stufato di un “comportamento stupido”. Questo era dovuto al fatto che per la decima volta una nostra collega cambiava il suo "peer comment" al mio riguardo, "volendo prove" di quanto avanzavo.
Ora, seppur giustificato la necessità di “eliminare” un commento come “mi sono stufato” (nb: scritto in Inglese), io e la medesima utente siamo stati bloccati ! Ma il bello è che avevo interpellato il moderatore della sezione in oggetto che aveva giustamente e “moderatamente” provveduto ad eliminare tale commento e i commenti relativi dell’altra utente. Successivamente, mi sono “visto piombare” una (pare) moderatrice che ha deciso il blocco, senza ovviamente sapere ne conoscere la dinamica della discussione che, oltre tutto, era rimasto seppur “agitata nel rispetto dell’educazione.
La mia domanda è semplice: ma i moderatori sanno cosa fanno ?

Non conosco i dettagli dell'incidente specifico che citi, ma ti posso dire che, in generale, i moderatori si consultano e informano con un sistema di comunicazione piuttosto efficiente, e prima di decidere azioni nei confronti di un membro (pagante o meno, non fa differenza) valutano se i fatti sono obiettivamente contro le regole, soprattutto in caso di dubbio.
Nei casi invece dove non ci sono dubbi, agiscono immediatamente, rimuovendo i commenti o gli interventi inappropriati e lasciando una nota che informa i colleghi sui motivi, con link e motivazione ben chiari.
Tutte le azioni sono rintracciabili, possono essere messe in discussione ed everntualmente annullabili o reversibili da parte di altri moderatori, o staff del sito, in caso di rivelino inappropriate o eccessive. In caso di dubbio, si propende sempre per l'azione piu' leggera.
Spero che questo abbia risposto alla tua prima domanda.

Lionel Marlier wrote:
Fanno i “moderatori” o fungono da pubblico ministero che manda a reclusione a perpetuità chi ha rubato una mela ?

Questa affermazione, che trovo abbastanza generica e retorica, non serve a molto, visto che pe quanto ti riguarda stiamo parlando di scambi di opinioni, in genere in Kudoz, in cui sono stati semplicemente toni non accettabili, e non di furti. Tali scambi sono stati rimossi, decine di volte, da una mezza dozzina di moderatori diversi e, in alcuni casi (molto pochi rispetto al numero di infrazioni) sono state applicate sanzioni lievi, e non l'ergastolo.
Per esempio, un blocco di alcune settimane dalla partecipazione a kudoz, o il blocco nel peer-grade verso alcuni colleghi, dovuti a lunghe faide e battibecchi molto accesi, totalmente inaccettabili nei toni e nelle parola usate. Tutto qui.

Lionel Marlier wrote:
Non sarebbe più giusto selezionare moderatori capaci di dedicare un po' di tempo alla loro sezione cosi da “capire” prima di “sancire” ?

Sarebbe altrettanto utile selezionare partecipanti a kudoz che dedichino un po' del loro tempo a leggere le regole del sito e "capire" prima di litigare in un sito, con un'energia e un impegno che sarebbe meglio dedicare ad altre attività, occupando anche meno tempo ai moderatori.
Diciamo che il 99,9% dei partecipanti non crea mai alcun problema e tutto il nostro tempo viene occupato da un difficile 0,01%.
Naturalmente c'é un limite alla pazienza e al tempo dei moderatori e al numero di incidenti che vengono tollerati. Per questo molti degli utenti che hanno creato in passato un gran numero di incidenti ormai non fanno più parte di ProZ.com, in quanto bloccati o espulsi dal sito.

Lionel Marlier wrote:
Credo che questo comportamento “aggressivo” che vuole applicare un regolamento alla lettera senza “informare l’utente che sta andando borderline” ma “sanzionandolo” a priori, sia di natura a demotivare chi vuole vedere questo sito crescere !

Ogni azione viene comunicata al membro, anche con molti messaggi di avvertimento, prima di passare ai blocchi temporanei o permanenti, o anche alla rimozione definitiva del profilo.

Lionel Marlier wrote:
In altre parole: ma cosa sto pagando a fare se "chiunque" viene qua, mi insulta e sono pure io ad essere sanzionato ?

A prescindere dal fatto che si tratti di un membro pagante o non pagante, le azioni di tipo disciplinare (avvisi, blocchi temporanei, blocchi permanenti, rimozione del profilo) sono sempre applicate sulla base delle azioni del membro, e non a caso.
Rammento che, se si viene provocati, insultati o altro, la reazione corretta è quella di contattare un moderatore, e non quella di rispondere per le rime, con azioni uguali e contrarie, ma altrettanto discutibili.
In tal caso, infatti, è possibile che non solo vengano rimossi i commenti di entrambi i "duellanti", ma che venga applicata qualche sanzione a entrambi.
In breve, se un collega litigioso ci dice "Sei un ignorante spaventapasseri che non sa neppure leggere" non rispondete "E tu sei una cornacchia spelacchiata", o linguaggio simile, perché entrambe sono azioni contrarie alle regole KudoZ. Chiaro? Bene, a me sembra facile da capire, ma a quanto pare per alcune persone non lo è... Ci siamo capiti, vero?

Lionel Marlier wrote:
Scusate se sono stato lungo.
Spero solo che qualche collega e moderatore vorrà discutere di questi due aspetti senza pregiudizi ne voglia di “fare la caccia alle stregue” !

Spero di essere stato esauriente, ma per rispondere con precisione a incidenti particolari, con riferimenti a quanto è avvenuto in kudoz, sarebbe piu' opportuno fornire in privato link e fatti specifici, e sono pronto ad analizzare i motivi che hanno portato all'applicazione di eventuali sanzioni.

ciao
Gianfranco


Direct link Reply with quote
 
xxxMilena Bosco  Identity Verified
Italy
Local time: 10:24
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Moderatori ed elementi di disturbo Dec 2, 2008

Riferendomi a quanto scritto dal mio stimato collega Lionel, vorrei aggiungere la mia opinione.

Capita spesso di avere l'impressione che i moderatori "brancolino" nel buio.

1) Come Gianfranco già sa a me è capitato di ricevere una scarna (diciamo quasi maleducata) email di una moderatrice che mi accusava di avere due identità sul sito. Il mio "secondo" account fu immediatamente sospeso. Il bello è che quell'account era di mio marito, ovviamente con lo stesso indirizzo IP e il suo "torto" era stato quello di darmi un "agree" (un solo notate bene), in un Kudoz. Abbiamo scritto alla moderatrice che non ha avuto nemmeno il buon gusto di rispondere, e poi un ticket in cui chiedevamo se per usare il sito avremmo dovuto trasferirci in due case diverse, un responsabile ha riattivato l'account di mio marito immediatamente. Da professionista serio ed affidabile, lui del sito proz.com non ne vuole più sapere.

2)Tornando al membro di cui parla Lionel: si tratta di un membro non pagante, con identità nascosta, che non sono prende delle bufale micidiali, ma che ha una storia ben precisa nell'aggredire colleghi e moderatori, con tanto di catene di Sant'Antonio che insultano chi le si mette davanti. Eppure a mio parere i moderatori hanno un atteggiamento molto morbido.
Vi faccio un esempio: in un post in cui Lionel è stato bloccato e alcuni miei commenti cancellati legge ancora: "please don't post link that works ONLY for youDec 1" (il suo PC non le permette di accedere al link) come titolo di un post nella discussione linguistica.

3)La legge, spesso non è "uguale" per tutti, anzi, a volte una regola è applicata a metà. Ultimamente un mio post in una discussione linguistica è stato cancellato. Ho poi fatto notare che chi aveva chiesto l'intervento aveva fatto lo stesso tipo di "errore" ed anche il suo post è stato cancellato dopo un ticket.

Potrei fare altri esempi ma mi fermo perché ho paura di essere troppo "lunga".

Io capisco che il lavoro di moderatore sia duro. Capisco che spesso si tratti di colleghi già impegnati che si assumono un'ulteriore responsabilità. Ma è troppo chiedere un po' di stile ed educazione nel contattare gli user del sito? Se un moderatore sbaglia, e gli viene fatto presente tanto che un account bloccato viene sbloccato, non sarebbe il caso di scrivere due righe?
Se si conosce l'identità di un membro che costantemente crea problemi, e si prende la briga di scrivere decine di email ad altri moderatori insultando quello che non gliela dà vinta, si può tenere a mente quando gli altri membri sono sotto "attacco"?

Io uso il sito fondamentalmente per i Kudoz e per tenermi in contatto con il mio mondo. La professione è un tantino solitaria ed il riscontro è fondamentale.
L'impressione che si ha però della "moderazione" è che non ci sia una coralità ma che ognuno sia un solista, che a mio parere è negativo.
Se vado alle poste e l'impiegato è un maleducato, io avrò, di conseguenza, una povera opinione delle poste. Il moderatore, e farei l'esempio di Gianfranco, deve prendere decisioni difficili, ma deve saperlo fare con educazione, così come con educazione deve scusarsi se necessario.

Un saluto a tutti,

Milena






[Edited at 2008-12-02 10:20 GMT]

[Edited at 2008-12-02 10:21 GMT]


Direct link Reply with quote
 
xxxLionel_M
Local time: 10:24
English to French
+ ...
Grazie ! Dec 2, 2008

gianfranco wrote:

Lionel Marlier wrote:
Un secondo argomento che vorrei toccare poiché ci è dato la possibilità, nonché il piacere, di conversare liberamente (almeno si spera) e nel rispetto della buona educazione con uno, spero dei, moderatore (i) di ProZ, è quello del loro modo di applicare il regolamento.

Sono disponibile, visto che sto già partecipando a questa discussione.

Lionel Marlier wrote:
In poche parole, sono stato bloccato per aver detto che mi ero stufato di un “comportamento stupido”. Questo era dovuto al fatto che per la decima volta una nostra collega cambiava il suo "peer comment" al mio riguardo, "volendo prove" di quanto avanzavo.
Ora, seppur giustificato la necessità di “eliminare” un commento come “mi sono stufato” (nb: scritto in Inglese), io e la medesima utente siamo stati bloccati ! Ma il bello è che avevo interpellato il moderatore della sezione in oggetto che aveva giustamente e “moderatamente” provveduto ad eliminare tale commento e i commenti relativi dell’altra utente. Successivamente, mi sono “visto piombare” una (pare) moderatrice che ha deciso il blocco, senza ovviamente sapere ne conoscere la dinamica della discussione che, oltre tutto, era rimasto seppur “agitata nel rispetto dell’educazione.
La mia domanda è semplice: ma i moderatori sanno cosa fanno ?

Non conosco i dettagli dell'incidente specifico che citi, ma ti posso dire che, in generale, i moderatori si consultano e informano con un sistema di comunicazione piuttosto efficiente, e prima di decidere azioni nei confronti di un membro (pagante o meno, non fa differenza) valutano se i fatti sono obiettivamente contro le regole, soprattutto in caso di dubbio.
Nei casi invece dove non ci sono dubbi, agiscono immediatamente, rimuovendo i commenti o gli interventi inappropriati e lasciando una nota che informa i colleghi sui motivi, con link e motivazione ben chiari.
Tutte le azioni sono rintracciabili, possono essere messe in discussione ed everntualmente annullabili o reversibili da parte di altri moderatori, o staff del sito, in caso di rivelino inappropriate o eccessive. In caso di dubbio, si propende sempre per l'azione piu' leggera.
Spero che questo abbia risposto alla tua prima domanda.

Lionel Marlier wrote:
Fanno i “moderatori” o fungono da pubblico ministero che manda a reclusione a perpetuità chi ha rubato una mela ?

Questa affermazione, che trovo abbastanza generica e retorica, non serve a molto, visto che pe quanto ti riguarda stiamo parlando di scambi di opinioni, in genere in Kudoz, in cui sono stati semplicemente toni non accettabili, e non di furti. Tali scambi sono stati rimossi, decine di volte, da una mezza dozzina di moderatori diversi e, in alcuni casi (molto pochi rispetto al numero di infrazioni) sono state applicate sanzioni lievi, e non l'ergastolo.
Per esempio, un blocco di alcune settimane dalla partecipazione a kudoz, o il blocco nel peer-grade verso alcuni colleghi, dovuti a lunghe faide e battibecchi molto accesi, totalmente inaccettabili nei toni e nelle parola usate. Tutto qui.

Lionel Marlier wrote:
Non sarebbe più giusto selezionare moderatori capaci di dedicare un po' di tempo alla loro sezione cosi da “capire” prima di “sancire” ?

Sarebbe altrettanto utile selezionare partecipanti a kudoz che dedichino un po' del loro tempo a leggere le regole del sito e "capire" prima di litigare in un sito, con un'energia e un impegno che sarebbe meglio dedicare ad altre attività, occupando anche meno tempo ai moderatori.
Diciamo che il 99,9% dei partecipanti non crea mai alcun problema e tutto il nostro tempo viene occupato da un difficile 0,01%.
Naturalmente c'é un limite alla pazienza e al tempo dei moderatori e al numero di incidenti che vengono tollerati. Per questo molti degli utenti che hanno creato in passato un gran numero di incidenti ormai non fanno più parte di ProZ.com, in quanto bloccati o espulsi dal sito.

Lionel Marlier wrote:
Credo che questo comportamento “aggressivo” che vuole applicare un regolamento alla lettera senza “informare l’utente che sta andando borderline” ma “sanzionandolo” a priori, sia di natura a demotivare chi vuole vedere questo sito crescere !

Ogni azione viene comunicata al membro, anche con molti messaggi di avvertimento, prima di passare ai blocchi temporanei o permanenti, o anche alla rimozione definitiva del profilo.

Lionel Marlier wrote:
In altre parole: ma cosa sto pagando a fare se "chiunque" viene qua, mi insulta e sono pure io ad essere sanzionato ?

A prescindere dal fatto che si tratti di un membro pagante o non pagante, le azioni di tipo disciplinare (avvisi, blocchi temporanei, blocchi permanenti, rimozione del profilo) sono sempre applicate sulla base delle azioni del membro, e non a caso.
Rammento che, se si viene provocati, insultati o altro, la reazione corretta è quella di contattare un moderatore, e non quella di rispondere per le rime, con azioni uguali e contrarie, ma altrettanto discutibili.
In tal caso, infatti, è possibile che non solo vengano rimossi i commenti di entrambi i "duellanti", ma che venga applicata qualche sanzione a entrambi.
In breve, se un collega litigioso ci dice "Sei un ignorante spaventapasseri che non sa neppure leggere" non rispondete "E tu sei una cornacchia spelacchiata", o linguaggio simile, perché entrambe sono azioni contrarie alle regole KudoZ. Chiaro? Bene, a me sembra facile da capire, ma a quanto pare per alcune persone non lo è... Ci siamo capiti, vero?

Lionel Marlier wrote:
Scusate se sono stato lungo.
Spero solo che qualche collega e moderatore vorrà discutere di questi due aspetti senza pregiudizi ne voglia di “fare la caccia alle stregue” !

Spero di essere stato esauriente, ma per rispondere con precisione a incidenti particolari, con riferimenti a quanto è avvenuto in kudoz, sarebbe piu' opportuno fornire in privato link e fatti specifici, e sono pronto ad analizzare i motivi che hanno portato all'applicazione di eventuali sanzioni.

ciao
Gianfranco




Si Gianfranco sei stato molto di aiuto. Per risponderti preferisco, come da te suggerito, usare l'email privata. Appena ho un po' di tempo .... ti contato ! Con piacere ! Grazie per la tua disponibilità.


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2 3] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

Traduzioni in campo medico e mancanza di professionalità

Advanced search






Déjà Vu X3
Try it, Love it

Find out why Déjà Vu is today the most flexible, customizable and user-friendly tool on the market. See the brand new features in action: *Completely redesigned user interface *Live Preview *Inline spell checking *Inline

More info »
CafeTran Espresso
You've never met a CAT tool this clever!

Translate faster & easier, using a sophisticated CAT tool built by a translator / developer. Accept jobs from clients who use SDL Trados, MemoQ, Wordfast & major CAT tools. Download and start using CafeTran Espresso -- for free

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs