Pages in topic:   [1 2] >
Traduzione "rubata", come agire?
Thread poster: Tommaso Martelli

Tommaso Martelli  Identity Verified
Italy
Local time: 08:53
Member (2013)
German to Italian
+ ...
Dec 3, 2008

Salve a tutti,

vorrei chiedervi un consiglio riguardo ad uno spiacevole episodio capitatomi recentemente.
I fatti si sono svolti più o meno così:

4 anni fa ho fatto una traduzione di un saggio di diritto internazionale (circa 50 pagine dal tedesco all'italano), per un conoscente, all'epoca ricercatore universitario, che aveva bisogno di questo testo per un progetto universitario.
Io, dato che all'epoca non avevo ancora partita iva e presupposto che si trattava di una persona amica di un mio parente, in buona fede (ahimè) gli feci la traduzione per un prezzo ridicolo e senza ricevuta, cioè a nero. Il diretto interessato mi pagò, assicurandomi più volte che se ci fosse stata in futuro qualche possibilità di pubblicazione mi avrebbe certamente fatto sapere.
Qualche giorno fa scopro casualmente che il testo è stato pubblicato, edizioni Laterza, e il nome del traduttore non è ovviamente il mio ma quello di tale persona.
Io l'ho contattato per telefono e lui ha sostenuto di aver rifatto la traduzione ex-novo, e che quindi il lavoro era suo.
A questo punto io ho comprato il libro, l'ho confrontato con la mia traduzione originale e ovviamente non è uguale al 100%, ma oseri dire all'incirca al 70%, dove le differenze consistono solamente in qualche cambio di parola, sinonimi vari e poche e rare frasi con una costruzione sintattica diversa dalla mia traduzione originale.
Oltretutto la suddetta persona non possiede nemmeno le conoscenze linguistiche per eseguire una traduzione dal tedesco, e quindi ha sicuramente riadattato la mia versione originale, magari parafrasandola qua e là.
Vi potete immaginare la rabbia...

Qualcuno sa darmi qualche consiglio su come poter agire per far valere i miei diritti?

-io ho comunque qualche documento (email, bonifico bancario con causale) che prova il fatto che io ho eseguito la traduzione del testo per lui ben 4 anni fa.


Grazie a tutti

Tommaso Martelli


Direct link Reply with quote
 

Giuseppina Gatta, MA (Hons)
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Avvocato Dec 4, 2008

Io al posto tuo mi rivolgerei a un avvocato esperto di diritto d'autore, subitissimo.

Ti copio e incollo questo breve paragrafo che ho trovato su Wikipedia:

B) Il diritto alla paternità dell'opera.
L'autore gode del diritto di rivendicare la paternità dell'opera, cioè di esserne pubblicamente indicato e riconosciuto come l'artefice e all'inverso, che non gli venga attribuita un'opera non sua o diversa da quella da lui creata. L'usurpazione della paternità dell'opera costituisce plagio, contro il quale il vero autore può difendersi ottenendo per via giudiziale la distruzione dell'opera dell'usurpatore, oltre al risarcimento dei danni (in caso di opera anonima o pseudonima l'autore può rivelarsi, se vuole, quando meglio crede) e di opporsi a qualsiasi modifica o ad ogni atto che possa pregiudicare il suo onore o la sua reputazione.

Ciao e buona fortuna
Giusi

[Edited at 2008-12-04 01:09 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Stefano Incerti
Italy
Local time: 08:53
German to Italian
+ ...
Dettagli Dec 4, 2008

tomasmartelli wrote:

e senza ricevuta, cioè a nero.


Eviterei di specificare questi piccoli dettagli anche perché potrebbero rappresentare un problema in sede giudiziale....

Ciao e buona fortuna

Stefano I.


Direct link Reply with quote
 

A_Nespoli  Identity Verified
Italy
Local time: 08:53
Member (2007)
German to Italian
+ ...
Avvocato Dec 4, 2008

Anche io chiederei il parere di un avvocato, ma mi informerei molto bene anche per quanto riguarda l'aspetto fiscale.

Cerca, cioè, di essere sicuro che, caso mai comparisse il tuo nome sulla pubblicazione, o ti spettasse qualcosa per i diritti d'autore (non ne so nulla in realtà), poi tu non incorra nel rischio di vederti arrivare una cartella fiscale salatissima, con tanto di multe, sanzioni e annessi e connessi.
Sai com'è....

Ale


Direct link Reply with quote
 

Mariella Bonelli  Identity Verified
Local time: 08:53
Member (2004)
English to Italian
+ ...
Avvocato Dec 4, 2008

Mi dispiace davvero per quanto ti è accaduto e condivido appieno la tua rabbia. Come i colleghi, ti consiglio di rivolgerti a un avvocato, perché la paternità dell'opera non ha a che vedere con l'aspetto fiscale, e resta sempre tua.

A questo proposito ti consigio anche un testo: "Diritti d'autore del traduttore" di Fabrizio Megale. È abbastanza attuale e potrai trovare spunti interessanti a sostegno della tua posizione.

In bocca al lupo e tienici inforati.


Direct link Reply with quote
 

Elisa Comito  Identity Verified
Local time: 08:53
English to Italian
+ ...
Anch'io sentirei un avvocato Dec 4, 2008

tomasmartelli wrote:


-io ho comunque qualche documento (email, bonifico bancario con causale) che prova il fatto che io ho eseguito la traduzione del testo per lui ben 4 anni fa.


Grazie a tutti

Tommaso Martelli



Tommaso,

quando dici che hai la mail ti riferisci alla mail con cui gli spedivi il testo (con la traduzione in allegato, che dimostra chiaramente che in quella data gli hai mandato tale file) ? Questo sarebbe importante per poter dimostrare QUALE traduzione gli hai inviato, nel caso sostenesse che la tua era inutilizzabile ed è stato costretto a rifarla integralmente.
(è difficile dimostrare che lui non ha una conoscenza del tedesco adeguata, se per caso lo conosce anche a un livello minimo).

Certo, il fatto che lui ti abbia pagato e, soprattutto, che tu abbia la prova della causale del pagamento (cosa dice esattamente? Caratterizza QUELLA traduzione o parla di UNA traduzione genericamente? Anche questo è importante), è un elemento positivo perché è più difficile sostenere di aver pagato per una traduzione inutilizzabile.

Quindi io sentirei un avvocato (non so di dove sei ma se fossi di Roma o dintorni prova a sentire l'avvocato dell'SNS, che si occupa anche delle traduzioni editoriali , guarda il sito www.traduttorisns.it). Tieni presente però che il risultato (nel caso si andasse in causa) non è affatto certo.
Ma magari l'avvocato ti potrà aiutare a concordare con il conoscente un possibile risarcimento (anche perché Laterza è un editore importante e non credo al tuo conoscente convenga avere pubblicità negativa, è dunque nell'interesse di entrambi raggiungere un accomodamento).

Invece non mi preoccuperei che, nel caso di un'azione legale, il fisco possa aizzarsi e colpirti per il nero (anche se ovviamente tu non hai alcun interesse a toccare questo tasto, limitati a dire e dimostrare di aver ricevuto il pagamento). Intanto perché i controlli fiscali non sono collegati con le cause discusse nei tribunali e poi perché, anche nel remotissimo caso che la cosa finisse sotto gli occhi del fisco, dubito fortemente che il compenso per questa traduzione, e di conseguenza l'importo evaso, sia tale da destare seria preoccupazione.

Mi preoccuperei molto di più delle spese legali e delle seccature (soprattutto perdite di tempo) di un'eventuale causa ma, nonostate ciò, al tuo posto andrei a fondo alla faccenda.


In bocca al lupo e ovviamente ricorda: per il futuro niente traduzioni senza contratto chiaro, tutto nero su bianco!

Per Alessandra: il compenso per cessione di diritti d'autore può avvenire a percentale sulle vendite (royalties) , a forfait (come nella maggior parte dei casi in Italia) o con un sistema misto (come in diversi paesi europei, questo è il sistema migliore). Il sistema di pagamento va concordato al momento del contratto. Nel caso di Tommaso il problema non si pone nel senso che lui è stato di fatto pagato a forfait. Questo non esclude affatto che quel pagamento fosse per cessione di diritti d'autore visto che la legge sul diritto d'autore autorizza tale forma di pagamento per le traduzioni. Non avendo concordato royalites queste non gli sarebbero dovute nel caso venisse legalmente riconsciuto come autore quindi, dal punto di vista fiscale, il compenso in nero resterebbe sempre e solo la somma forfettaria ricevuta.


Direct link Reply with quote
 

A_Nespoli  Identity Verified
Italy
Local time: 08:53
Member (2007)
German to Italian
+ ...
..... Dec 4, 2008



Per Alessandra: il compenso per cessione di diritti d'autore può avvenire a percentale sulle vendite (royalties) , a forfait (come nella maggior parte dei casi in Italia) o con un sistema misto (come in diversi paesi europei, questo è il sistema migliore). Il sistema di pagamento va concordato al momento del contratto. Nel caso di Tommaso il problema non si pone nel senso che lui è stato di fatto pagato a forfait. Questo non esclude affatto che quel pagamento fosse per cessione di diritti d'autore visto che la legge sul diritto d'autore autorizza tale forma di pagamento per le traduzioni. Non avendo concordato royalites queste non gli sarebbero dovute nel caso venisse legalmente riconsciuto come autore quindi, dal punto di vista fiscale, il compenso in nero resterebbe sempre e solo la somma forfettaria ricevuta.


Non ne sapevo davvero niente. Grazie.

Anche relativamente al fisco, ovviamente, ne so poco tanto più che andrebbe considerato l'importo, la situazione reddituale al momento etc. etc.
Diciamo che è uno scrupolo che al posto suo mi farei, anche se i controlli fiscali non sono collegati alle cause discusse in tribunale, ma a eventuali segnalazioni di privati forse sì, visto che è possibile denunciare la mancata emissione di scontrino, anche solo per un caffè preso al bar.

Mi ripeto, ne so davvero poco, e proprio per questo mi farei lo scrupolo di chiedere anche delucidazioni in merito all'avvocato a cui mi rivolgo.

Ciao
Ale

[Modificato alle 2008-12-04 10:03 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Elisa Comito  Identity Verified
Local time: 08:53
English to Italian
+ ...
Certo Dec 4, 2008

Certo Ale, hai ragione, è bene sempre informarsi a 360°, soprattutto in caso di contenziosi!

Dicendogli di non preoccuparsi eccessivamente volevo incoraggiarlo perché qui noi ci facciamo tanti scrupoli ma c'è gente che non se ne fa per niente ed è bene non farsi frenare da chi magari cerca di approfittare dei nostri errori per avallare i propri, ben più dannosi (ovviamente mi riferisco al suo conoscente).



[Modificato alle 2008-12-04 10:13 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Agnès Levillayer
Italy
Local time: 08:53
Italian to French
+ ...
E la fonte? Dec 4, 2008

Una cosa mi sfugge in questa storia: l'originale in tedesco chi ne era l'autore? Sarebbe questa persona la prima ad essere stata derubata ancora prima del suo traduttore "non ufficiale" e potrebbe essere questo ricorso il più temibile per la casa editrice, non credi?

Direct link Reply with quote
 

Tommaso Martelli  Identity Verified
Italy
Local time: 08:53
Member (2013)
German to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
RE: "E la fonte?" Dec 4, 2008

Il saggio che ho tradotto è del 1938, scritto da un giurista tedesco ormai scomparso, quindi penso che la questione non si ponga.

Grazie a tutti per i preziosi consigli, spero di potere ottenere il riconoscimento della mia traduzione, vi terrò aggiornati sugli sviluppi.

Tommaso


Direct link Reply with quote
 

Dragomir Kovacevic  Identity Verified
Italy
Local time: 08:53
Member
Italian to Serbian
+ ...
meglio non fare nulla Dec 4, 2008

tomasmartelli wrote:

Il saggio che ho tradotto è del 1938, scritto da un giurista tedesco ormai scomparso, quindi penso che la questione non si ponga.

Grazie a tutti per i preziosi consigli, spero di potere ottenere il riconoscimento della mia traduzione, vi terrò aggiornati sugli sviluppi.

Tommaso



secondo me, è meglio non agitare nulla, poiché hai lavorato senza ricevuta. inoltre, un kharma incattivito ti rovinerà il lavoro quotidiano, cioé la tua energia sarà spesa male.

D


Direct link Reply with quote
 

Giuseppe C.  Identity Verified
Italy
Local time: 08:53
Member
English to Italian
Vai tranquillo con l'avvocato Dec 4, 2008

tomasmartelli wrote:

Salve a tutti,

vorrei chiedervi un consiglio riguardo ad uno spiacevole episodio capitatomi recentemente.
I fatti si sono svolti più o meno così:

4 anni fa ho fatto una traduzione di un saggio di diritto internazionale (circa 50 pagine dal tedesco all'italano), per un conoscente, all'epoca ricercatore universitario, che aveva bisogno di questo testo per un progetto universitario.
Io, dato che all'epoca non avevo ancora partita iva e presupposto che si trattava di una persona amica di un mio parente, in buona fede (ahimè) gli feci la traduzione per un prezzo ridicolo e senza ricevuta, cioè a nero. Il diretto interessato mi pagò, assicurandomi più volte che se ci fosse stata in futuro qualche possibilità di pubblicazione mi avrebbe certamente fatto sapere.
Qualche giorno fa scopro casualmente che il testo è stato pubblicato, edizioni Laterza, e il nome del traduttore non è ovviamente il mio ma quello di tale persona.
Io l'ho contattato per telefono e lui ha sostenuto di aver rifatto la traduzione ex-novo, e che quindi il lavoro era suo.
A questo punto io ho comprato il libro, l'ho confrontato con la mia traduzione originale e ovviamente non è uguale al 100%, ma oseri dire all'incirca al 70%, dove le differenze consistono solamente in qualche cambio di parola, sinonimi vari e poche e rare frasi con una costruzione sintattica diversa dalla mia traduzione originale.
Oltretutto la suddetta persona non possiede nemmeno le conoscenze linguistiche per eseguire una traduzione dal tedesco, e quindi ha sicuramente riadattato la mia versione originale, magari parafrasandola qua e là.
Vi potete immaginare la rabbia...

Qualcuno sa darmi qualche consiglio su come poter agire per far valere i miei diritti?

-io ho comunque qualche documento (email, bonifico bancario con causale) che prova il fatto che io ho eseguito la traduzione del testo per lui ben 4 anni fa.


Grazie a tutti

Tommaso Martelli





Tu stesso hai detto di avere percepito una cifra irrisoria, quindi ciò che dovrai al fisco, ammesso che se ne occupi, è quanto dovuto all'epoca con gli interessi e una multa proporzionata alla cifra evasa che, se pagata senza fiatare nei tempi indicati per usufruire della riduzione della multa, viene ridotta a 1/4 della multa applicabile.

Una cosa del genere è successa a una mia amica che aveva ricevuto in eredità un terreno edificabile. Avendolo venduto immediatamenete ed essendo il CAF a cui si era rivolta a corto di competenza sulla faccenda al momento di redigerle la dichiarazione dei redditi, non aveva versato quanto dovuto al fisco in quanto, malgrado si trassasse di una eredità, rientrava nei rari casi in cui la vendita immediata costituiva reddito soggetto a imposta separata (non soggetto a detrazioni e deduzioni) se il prezzo di vendita comporta una plusvalenza (i terreni edificabili rientrano tra quelle poche eredità immobili la cui vendita è soggetta a imposta separata).
Per farla breve, ha pagato il 23% di IRPEF (che avrebbe dovuto pagare all'epoca) con gli interessi a circa il 4% e un 1/4 di una lieve multa proporzionata al valore di quel 23% di IRPEF dovuta.

Se fossi in te, io consulterei un avvocato per vedere se l'impostore ha un contratto che include una percentuale sulle vendite del testo. Mal che vada, pagherai le tasse dovute e la multa relativa alla mancata dichiarazione di quel reddito a tempo debito, cifra che non dovrebbe ammontare a granché stando al tuo racconto, ma perlomeno ti riprendi la paternità dell'opera e magari una quota delle eventuali royalties incassate e da incassare e qualcosa di risarcimento, oltre alle spese legali.


Accertati però che dalle ricevute che hai in mano si evinca chiaramente che il testo tradotto è proprio quello in questione. Poi a sfidare il tipo a tradurre un paio di righe banali dal tedesco ci penserà il tuo avvocato.

Aggiungo che il fatto che l'autore del testo in tedesco sia scomparso non fa decadere i suoi diritti d'autore, che, se non erro, attualmente si estendono fino a 70 anni dalla scomparsa dell'autore. Quindi potresti allearti con i suoi eredi o la casa editrice a cui aveva eventualmente ceduto i diritti, sempre che esista ancora.

[Edited at 2008-12-04 12:09 GMT]


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 03:53
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Anche io non farei niente Dec 4, 2008

Mmh... un lavoro di 4 anni fa, senza un contratto chiaro (anzi probabilmente senza nessun tipo di contratto), pagato una tariffa ridicola ma comunque pagato (quindi non rubato), ora pubblicato in forma riveduta senza citare il traduttore originale. Tutto sommato, io non mi farei il sangue marcio né andrei in causa, soprattutto con i tempi della giustizia italiana, per un caso tanto controverso. Ne farei semplicemente tesoro come un'esperienza di come NON si lavora e tirerei avanti, lavorando meglio in futuro.

Purtroppo fin troppi giovani traduttori non sono per niente informati su come si lavora, sanno poco o niente sui loro diritti, si fanno calpestare a destra e sinistra da clienti e agenzie, non sanno fatturare e non sanno fare un prezzo per il loro servizio. Un disastro per loro, innanzi tutto, ma anche per tutti gli altri traduttori che se li trovano come concorrenti in un mercato da cui cercano di trarre un reddito per vivere.

Questa esperienza, secondo me, potrebbe essere archiviata nella cartella "errori da non ripetere" ma trovo utile che il problema sia stato esposto in questo forum, per informare altri giovani traduttori su come non si dovrebbe agire, neppure agli inizi, almeno per quelli che leggono e vogliono capire come evitare di fare di persona gli stessi errori.

Auguri per il futuro, con tante traduzioni pubblicate e di successo.

ciao
Gianfranco



[Edited at 2008-12-04 13:08 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Paola Dentifrigi  Identity Verified
Italy
Local time: 08:53
Member (2003)
English to Italian
+ ...
ma sì Dec 4, 2008

Dragomir Kovacevic wrote:

inoltre, un kharma incattivito ti rovinerà il lavoro quotidiano, cioé la tua energia sarà spesa male.

D


Ecco cos'è quel nervoso quando mi pagano in ritardo o spezzo i rami secchi: è il terribile kharma che si vendica. Dici che non devo fare nulla e usare la mia energia per cucinare, spazzare o contemplare il tramonto?


Direct link Reply with quote
 

Mariella Bonelli  Identity Verified
Local time: 08:53
Member (2004)
English to Italian
+ ...
Diritti d'autore e fisco, due argomenti diversi Dec 4, 2008

I diritti d'autore e il fisco non hanno nulla a che vedere l'uno con l'altro e si muovono su due binari ben separati. Consulta un avvocato e te ne darà conferma. L'importante è avere in mano qualcosa che provi che hai fatto tu quel lavoro e mi pare che tu ce l'abbia.
Certo, eri agli inizi e hai anche voluto fare un favore, ma non è giusto che tu faccia finta di essere ancora ingenuo.
Se poi arriverà un controllo della finanza, quella è un'altra storia, ma perché la sfortuna dovrebbe sovrapporsi? Se fosse il tuo cliente a denunciarti dovrebbe rimetterci anche lui...


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

Traduzione "rubata", come agire?

Advanced search






Anycount & Translation Office 3000
Translation Office 3000

Translation Office 3000 is an advanced accounting tool for freelance translators and small agencies. TO3000 easily and seamlessly integrates with the business life of professional freelance translators.

More info »
Across v6.3
Translation Toolkit and Sales Potential under One Roof

Apart from features that enable you to translate more efficiently, the new Across Translator Edition v6.3 comprises your crossMarket membership. The new online network for Across users assists you in exploring new sales potential and generating revenue.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums