S.A.S.: Società in Accomandita Semplice o Senza Alcuna Speranza?
Thread poster: Fabio Scaliti

Fabio Scaliti  Identity Verified
Italy
Local time: 18:56
Member (2004)
German to Italian
+ ...
Dec 16, 2008

Ciao a tutti,

da tempo mi ronza in testa l'idea di trasformare la mia attività da lavoratore autonomo, o ditta individuale (stando a quanto indicato sul certificato di attribuzione della partita IVA), a una forma societaria.

Sto raccogliendo in questi giorni informazioni sulla forma più conveniente e utile, e penso di avere individuato la Società in Accomandita Semplice (S.A.S.) come possibile soluzione; il socio con cui fondarla ci sarebbe, quindi ciò non costituirebbe un problema.

Parlandone però con il mio commercialista, questi ritiene che non mi convenga dal punto di vista fiscale (che sarebbe, ovviamente, il fine principale del passaggio), in quanto sia il reddito da lavoro che l'utile a fine anno andrebbero tassati con aliquote analoghe a quelle applicate ora in qualità di lavoratore autonomo.

Un altro aspetto che mi è stato menzionato dal commercialista è la faccenda del conferimento dell'attività alla nuova società, che comporterebbe un costo di avviamento (collegato al valore commerciale dell'attività) e relative imposte di passaggio molto gravose.

Per sentito dire, però, alcuni colleghi, anche su questi forum, hanno adottato questa forma di società.

Mi piacerebbe quindi saperne di più da chi ha sperimentato e sta lavorando effettivamente in questo modo.

Grazie sin d'ora a chi vorrà intervenire su questo argomento.

Saluti,

Fabio


Direct link Reply with quote
 

Dragomir Kovacevic  Identity Verified
Italy
Local time: 18:56
Member
Italian to Serbian
+ ...
a patto che tu cambia, o l'hai già cambiata... Dec 16, 2008

salve fabio,

... a patto che tu cambia la tipologia di clientella, vale a dire, che lavori solo con i clienti finali, ed hai i mezzi, o li avrai, per fornire servizi migliori alle società degli utenti. in tal caso, oltre al vantaggio del ricavo maggiore, potrai posizionarti con più forza, brutta o fine, dipende.

perché le società sono "persone", e come tali, prottete dalle leggi!? possono anche falire con onore, o possono anche non pagare a collaboratore esterno, imponendosi con vigliacheria neri loro confronti. salvo 20-30 percento delle ditte che lavorano seriamente e rimangono attive per decenni.

dragomir


Fabio Scaliti wrote:

Ciao a tutti,

da tempo mi ronza in testa l'idea di trasformare la mia attività da lavoratore autonomo, o ditta individuale (stando a quanto indicato sul certificato di attribuzione della partita IVA), a una forma societaria.


[Edited at 2008-12-16 14:40 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Fabio Scaliti  Identity Verified
Italy
Local time: 18:56
Member (2004)
German to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Cosa c'entra cambiare clientela? Dec 16, 2008

Dragomir Kovacevic wrote:

salve fabio,

... a patto che tu cambia la tipologia di clientella, vale a dire, che lavori solo con i clienti finali, ed hai i mezzi, o li avrai, per fornire servizi migliori alle società degli utenti. in tal caso, oltre al vantaggio del ricavo maggiore, potrai posizionarti con più forza, brutta o fine, dipende.

perché le società sono "persone", e come tali, prottete dalle leggi!? possono anche falire con onore, o possono anche non pagare a collaboratore esterno, imponendosi con vigliacheria neri loro confronti. salvo 20-30 percento delle ditte che lavorano seriamente e rimangono attive per decenni.

dragomir



Ciao Dragomir,

ti ringrazio per la risposta, ma mi interesserebbe di più l'aspetto fiscale e contributivo (INPS) dell'operare come società.

Non ho interesse a dichiarare fallimento in pochi anni, né a lavorare come farabutto.

Altri pareri e idee?

Fabio

[Modificato alle 2008-12-16 15:01 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Chiara De Santis  Identity Verified
Italy
Local time: 18:56
Member (2002)
Dutch to Italian
+ ...
anche io Dec 16, 2008

ho chiesto spesso al mio commercialista se non fosse il caso di costituire una qualche società per alleggerire il carico fiscale, ma me lo ha sempre sconsigliato dicendomi che le società hanno aliquote più elevate di quelle già salate che pago, oltre ad essere soggette a contabilità più complessa e maggiori controlli. Ho pertanto rinunciato. Una cosa che però sono in procinto di fare, è creare una società (o impresa) familiare, per "spalmare" il reddito, altrimenti soggetto ad aliquote molto elevate, su tutti i familiari (mio marito). Partirò con il 2009, dunque non so ancora dirti se funziona o meno, ma ovviamente spero di si....

Direct link Reply with quote
 

mariant  Identity Verified
Italy
Local time: 18:56
Member (2006)
German to Italian
+ ...
Informarsi è fondamentale! Dec 16, 2008

Ciao Fabio,

ti consiglio di dare uno sguardo al forum di fiscoetasse.it: http://www.fiscoetasse.it/forum/dillo-fisco-e-tasse/
Per me è stato molto utile: da pochi mesi ho trasformato la ditta individuale in impresa familiare (con l'ingresso di mio fratello, che si occupa di web e grafica). Volevo avere le idee chiare e ho trovato diverse informazioni, poi vagliate naturalmente con il commercialista e l'agenzia delle entrate.
Nel mio caso il passo è stato più semplice: solo il passaggio dal notaio per l'atto di costituzione e per mio fratello l'iscrizione alla gestione separata inps.
Anche i costi sono inferiori (solo la spesa del notaio, meno di € 500) rispetto alla costituzione di una società: una mia amica ha costituito una s.a.s. (2 soci) ad aprile e mi diceva che per l'atto notarile ha pagato € 1.200. Lei ha scelto la forma s.a.s perché più immediata e meno costosa: una s.r.l richiede un capitale iniziale, una s.n.c. mette in conto un rischio di condivisione totale di un eventuale fallimento...
Naturalmente una società ha una fisionomia diversa e più "forte" di una ditta individuale... ma noi (per ora... !), non abbiamo mire espansionistiche!
Chiederò ulteriori informazioni alla mia amica e ti farò sapere.

Maria Antonietta


Direct link Reply with quote
 

Fabio Scaliti  Identity Verified
Italy
Local time: 18:56
Member (2004)
German to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Grazie dell'alternativa Dec 16, 2008

Chiara De Santis wrote:

ho chiesto spesso al mio commercialista se non fosse il caso di costituire una qualche società per alleggerire il carico fiscale, ma me lo ha sempre sconsigliato dicendomi che le società hanno aliquote più elevate di quelle già salate che pago, oltre ad essere soggette a contabilità più complessa e maggiori controlli. Ho pertanto rinunciato. Una cosa che però sono in procinto di fare, è creare una società (o impresa) familiare, per "spalmare" il reddito, altrimenti soggetto ad aliquote molto elevate, su tutti i familiari (mio marito). Partirò con il 2009, dunque non so ancora dirti se funziona o meno, ma ovviamente spero di si....


Ciao Chiara,

grazie del tuo commento. L'alternativa dell'impresa familiare non dovrebbe differire molto dalla S.A.S., ai fini fiscali.

Così facendo, però, il reddito di tuo marito andrebbe assoggettato all'INPS comunque, giusto?

Fabio


Direct link Reply with quote
 

Fabio Scaliti  Identity Verified
Italy
Local time: 18:56
Member (2004)
German to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Grazie Dec 17, 2008

Ciao Maria Antonietta,

grazie anche a te per le informazioni.

Avevo già dato un'occhiata sul sito indicato, ma mi è sembrato popolato da un sacco di teste diverse (un po' come da noi ) che non sempre hanno le idee chiare in materia. Comunque può servire per farsi un'idea di massima.

Mi farebbe piacere conoscere anche l'esperienza della tua amica: rinnovo l'invito a te e a tutti gli interessati a contribuire sull'argomento.

Al di là dell'interesse personale, penso che si tratti di un aspetto importante per tutti al fine di trarre il massimo beneficio dalla propria attività, organizzandola nel modo più proficuo e sano possibile.

Saluti,

Fabio


Direct link Reply with quote
 

Chiara De Santis  Identity Verified
Italy
Local time: 18:56
Member (2002)
Dutch to Italian
+ ...
Credo di si Dec 17, 2008

in effetti si, l'INPS dovrà versarla anche mio marito, ma siccome in fatto di contabilità sono un vero disastro, mi riservo di chiedere ulteriori dettagli al mio commercialista (la costituzione della società deve avvenire entro il 31 dicembre) e postarli qui ad uso e beneficio di tutti, perché, come dice Fabio, simili informazioni sono utili per l'intera categoria. Buona giornata a tutti,

Chiara


Direct link Reply with quote
 

mariant  Identity Verified
Italy
Local time: 18:56
Member (2006)
German to Italian
+ ...
Per Chiara: inps e impresa familiare Dec 17, 2008

Ciao Chiara,

visto che io ho già fatto quel passo, posso dirti che tuo marito, come nel nostro caso mio fratello (e in generale ogni familiare coadiuvante nell'impresa familiare), deve provvedere a iscriversi all'inps nella gestione separata. Se sei tu la titolare, riguardo all'inps non devi fare niente perché vale la tua posizione precedente aperta con l'apertura della ditta individuale.
I versamenti contributivi per i familiari coadiuvanti spettano al titolare dell'impresa.

Comunque, attendo aggiornamenti dal commercialista, visto che siamo a fine anno e anche per la nostra impresa familiare e per la posizione di mio fratello tutto parte dal 2009.

Qui qualche altra informazione di base: http://www.pd.cna.it/crealimpresa/UserFiles/file/FORMEGIURIDICHE.pdf

Ciao

Maria Antonietta


Direct link Reply with quote
 

Fabio Scaliti  Identity Verified
Italy
Local time: 18:56
Member (2004)
German to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Ricevuto Dec 17, 2008

mariant wrote:

Ciao Chiara,

visto che io ho già fatto quel passo, posso dirti che tuo marito, come nel nostro caso mio fratello (e in generale ogni familiare coadiuvante nell'impresa familiare), deve provvedere a iscriversi all'inps nella gestione separata. ...
I versamenti contributivi per i familiari coadiuvanti spettano al titolare dell'impresa.


Ciao Maria Antonietta,

come immaginavo. Pertanto non c'è un grande risparmio contributivo, da quanto ho capito.

Ho provato ad aprire o scaricare il pdf che hai segnalato, ma il link non funziona; anzi, sembra che non funzioni l'intero sito. Riproverò.

Fabio


Direct link Reply with quote
 

mariant  Identity Verified
Italy
Local time: 18:56
Member (2006)
German to Italian
+ ...
link Dec 17, 2008

ora sembra che il link qui sopra funzioni...

Anche questo può essere interessante: http://www.studiamo.it/avviare-nuova-impresa.html


Direct link Reply with quote
 

Fabio Scaliti  Identity Verified
Italy
Local time: 18:56
Member (2004)
German to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Interessante Dec 17, 2008

mariant wrote:

ora sembra che il link qui sopra funzioni...

Anche questo può essere interessante: http://www.studiamo.it/avviare-nuova-impresa.html


In attesa che il link pd.cna.it riprenda a funzionare anche da me, ti ringrazio per lo specchietto sul sito studiamo.it

Penso che lo stamperò prima su un foglio e poi sulla scrivania del commercialista, così se lo studia per benino (e anch'io).

Ancora mille grazie!

Fabio


Direct link Reply with quote
 

María José Iglesias  Identity Verified
Italy
Local time: 18:56
Italian to Spanish
+ ...
Se il partner è un dipendente Dec 18, 2008

Penso che la società convenga rispetto alla ditta individuale solo se l'altro partner è un dipendente. Se il socio ha un'altra attività per conto proprio, non si trova beneficio nelle tasse. Così almeno mi risulta ma bisognerebbe vedere il reddito.



[Modificato alle 2008-12-18 11:22 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Chiara De Santis  Identity Verified
Italy
Local time: 18:56
Member (2002)
Dutch to Italian
+ ...
ultime notizie Dec 18, 2008

Innanzitutto scusate l'improvvisa sparizione.
Vi aggiorno sulla mia situazione. Effettivamente, con la costituzione della società familiare si aprono più posizioni previdenziali, con costi dunque fissi (la quota minima fissa dell'INPS si aggira intorno ai 2600 euro). In base al singolo carico fiscale si può quindi giudicare se vale la pena di accollarsi simili spese fisse (che per due persone ammontano dunque a ca. 5200 euro) o se rinunciare. Ovviamente, se qualcuno ha un'idea su come risparmiare sulle tasse senza dover costituire società in paradisi fiscali a me, ahimè, inaccessibili, le accetto ultravolentieri!!!!


Direct link Reply with quote
 

mariant  Identity Verified
Italy
Local time: 18:56
Member (2006)
German to Italian
+ ...
Sulle S.A.S. Dec 18, 2008

Ho chiesto un po' di informazioni alla mia amica, fondatrice di una s.a.s.
Ecco un riassunto:

INPS: lei, che si occupa di servizi di segretariato ecc., si è iscritta alla gestione separata - settore commercio. Il calcolo dei contributi è partito subito dopo la costituzione della società e la comunicazione di inizio attività alla camera di commercio.
Anche lei deve effettuare i versamenti contributivi in 3 rate annuali.
Il suo socio (socio minoritario) non presta attività all'interno della società, i suoi contributi gli vengono versati dall'ente per cui lavora.

Cose importanti da considerare: prevedere tutte le possibili attività che si desidera o si pensa di svolgere. Per esempio, se decido di fondare una s.a.s. per svolgere il lavoro di traduttore ma vorrei in futuro occuparmi anche di, poniamo, conduzione di un telegiornale, devo farlo presente, così che venga inserito nell'atto costitutivo. Se non lo faccio e dopo qualche tempo mi venisse offerta la possibilità di condurre un telegiornale, dovrei tornare dal notaio per modificare l'atto. E ogni modifica costa, naturalmente! La mia amica ha pagato al notaio € 1.200 e ha fatto inserire nell'atto tutte le attività possibili e immaginabili (relative al suo ambito lavorativo, ma anche a quello del socio).

Spese fisse: commercialista, iva, irap, inps, inail, consulente che si occupa dei versamenti Inail e tenuta registri infortuni, bolli, camera di commercio per la comunicazione inizio attività, apertura del conto a nome della società e spese per la tenuta del conto, eventuali ritenute di acconto per notaio, commercialista, consulente, più varie ed eventuali... La mia amica ha calcolato che la metà dei soldi guadagnati in questo primo anno di attività sono andati via in spese fisse.

Concludo come sempre (;) )con un link: http://www.notaio-busani.it/it-it/notaio_societa_aziende.aspx --> Il sito di un notaio con tante informazioni utili, non solo in ambito societario...

Ciao
Maria Antonietta


Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

S.A.S.: Società in Accomandita Semplice o Senza Alcuna Speranza?

Advanced search






Across v6.3
Translation Toolkit and Sales Potential under One Roof

Apart from features that enable you to translate more efficiently, the new Across Translator Edition v6.3 comprises your crossMarket membership. The new online network for Across users assists you in exploring new sales potential and generating revenue.

More info »
PDF Translation - the Easy Way
TransPDF converts your PDFs to XLIFF ready for professional translation.

TransPDF converts your PDFs to XLIFF ready for professional translation. It also puts your translations back into the PDF to make new PDFs. Quicker and more accurate than hand-editing PDF. Includes free use of Infix PDF Editor with your translated PDFs.

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs