Mobile menu

Pages in topic:   [1 2] >
risposte mirate,consigli sinceri..
Thread poster: Martina_90
Martina_90
Italian
Jan 7, 2009

Ciao a tutti,confido in voi per avere risposte valide e sincere e vi ringrazio in anticipo..
intanto mi presento,mi chiamo Martina e ho 18 anni,e nonostante sia ancora giovanissima ho già parecchie idee su quello che vorrei fare e naturalmente,a queste idee,seguono diversi dubbi.
in breve,sono al 5 anno di scuola superiore e stavo prendendo in seria considerazione la possibilità di iscrivermi all'università di interpretariato e comunicazione a milano.
mi sono documentata,sono stata al centro orientamento e se qualcuno mi dovesse chiedere in che veste mi vedrei in futuro,risponderei che la mia passione sarebbe diventare interprete in particolare,ma anche tradruttrice.
la domanda,il dubbio che mi pongo è questo..in quanto fino ad ora ho avuto soltanto risposte contrastanti a riguardo.
Conseguendo una laurea TRIENNALE(in questo caso all'università di interpretariato e comunicazione)e senza fare poi la specialistica,è possibile lavorare come interprete,traduttrice dopo magari essere stata all'estero o comunque avendo approfondito le lingue?
oppure,in ogni caso,per diventare interprete,per LAVORARE insomma devo obbligatoriamente fare la specialistica ?

Grazie grazie!
un abbraccio a tutti coloro che avranno buon cuore di rispondermi;)!
Martina


Direct link Reply with quote
 

Marzia Colecchia  Identity Verified
Italy
Local time: 20:30
French to Italian
+ ...
Cara Martina Jan 7, 2009

Ciao Martina,

Mi chiamo Marzia e sono una giovane interprete e traduttrice laureta (triennale) l'anno scorso presso l'Istituto per Traduttori ed Interpreti di Perugia.
Vorrei brevemente rispondere al tuo dubbio, anche se sicuramente sono ancora una new entry nel mestiere, ma vorrei semplicemente incoraggiarti portandoti quella che è stata la mia esperienza in questo senso.
Avere le idee chiare e determinazione sono le parole chiave a mio avviso, io ho iniziato con la Laure Triennale conseguita lo scorso anno e di li a poco ho subito iniziato a lavorare abbastanza regolarmente (specialmente come interprete di conferenza) grazie ad una collaborazione occasionale con varie agenzie della mia zona ( Pesaro-Ancona-Rimini).
All'inizio farsi conoscere non è facile, perchè nessuno sa chi sei, e tutti cercano persone con esperienza....ma io mi chiedevo: questa esperienza come la faccio se nessuno mi da fiducia e disponibilità a collaborare? Poi pero' dopo un passaparola di un collega interprete è arrivata la prima occasione di lavoro, poi un'altra e ancora un'altra...e il cerchio si apre e se tu sei brava e ti impegni a fondo i risultati arrivano!
Con questo ti dico che non è tutta strada in pianura pero', sappi che bisogna studiare parecchio.
Per pefezionare le tecniche acquisite ho deciso dunque di iscrivermi ad un Master breve in Interpretariato di Conferenza che mi ha dato modo di fare mooolta pratica e di confrontarmi con metodi di insegnamento differenti.
La Laurea Specialistica non è necessaria, forse un Master ben fatto può offrirti molt di piu, anche se l'unico problema dei Master ora è che sono piuttosto costosi rispetto ai corsi di laurea pubblici...ma ad ogni modo con una borsa di studio o rateizzazione non sono poi cosi tremendi!Ti consiglio l'organizzazione TuttoEuropa di Torino, hanno un'offerta di corsi finanziati dai Fondi Europei davvero validi..have a go!!
Spero di averti aiutato un poco con le mie parole, puoi scrivemi per dei dubbi qnd vuoi.
In bocca al lupo!
Marzia Colecchia
Traduttrice-Interprete free-lance
FRA/ENGL


Direct link Reply with quote
 
Martina_90
Italian
TOPIC STARTER
grazie! Jan 8, 2009

Ciao cara,grazie mille sei stata gentilissima!
oltre a ringraziarti per avere risposto ti ammiro anche,non deve essere facile entrare nel mondo del lavoro in questo campo già dagli inizi!
se avrò bisogno di qualche altra informazione non esiterò a contattarti!!
Take care;)

Martina


Direct link Reply with quote
 

Marzia Colecchia  Identity Verified
Italy
Local time: 20:30
French to Italian
+ ...
buona fortuna! Jan 8, 2009

Bene Martina,
Mi fa piacere averti potuto infondere un pò di ottimismo..vedrai che con impegno riuscirai bene.
Ti saluto,
A presto

Marzia


Direct link Reply with quote
 

eva maria bettin
Local time: 20:30
German to Italian
+ ...
Sogno o fattibilità? Jan 9, 2009

Cara martina

ho 60 anni e due figli plurilingue- (pluri sono 4-.5) uno è meglio di me. Ma ho lavorato per oltre 20 anni con traduttori con tanto di laurea " con un romanzo di Tiecke del ?700 che poi pretendevano di tradurre farmacologia.
la mia domanda è. sei bilingue in qualcosa? sei stata o prevedi di andare all'estero per alcuni anni- che mesi non bastano? hai secelto "cosa vuoi tradurre?"

ai mei tempi e dove ho studiato io- dopo 2 anni di base si frequentava come uditore la facoltà prescelta_ chi andava a medicina- ingegegneria_ o quant'altro. E ti facevi un mazzo doppio.
Se non altro dopo altri due anni- uno aveva le idee chiare.

Dammi tue notizie. Forse posso dare un consiglio

Eva maria


Direct link Reply with quote
 
Martina_90
Italian
TOPIC STARTER
Eva Maria.. Jan 9, 2009

Grazie per la risposta,anche se non mi è molto chiara.
Per quanto riguarda le domande, no non sono bilingue ..studio tedesco da 5 anni e inglese da più ma ovviamente-data la mia età-soltanto a livello scolastico.
Per quanto riguarda la seconda domanda, sono stata all'estero e precisamente a Londra,ma per un periodo breve..dato che studio ancora e sto frequentando l'ultimo anno di superiori.
Per il futuro ovviamente non posso sapere quello che farò, ma non scarto la possibilità di stare all'estero per un periodo decisamente più lungo, almeno il necessario per perfezionare le 2 lingue che ho intenzione di imparare andando appunto all'università.
Non capisco il senso della domanda riguardante cosa vorrei tradurre, io ancora di traduzioni e interpretariato non so assolutamente nulla ..la mia domanda riguardava la possibilità di fare o meno l'interprete e traduttrice dopo avere frequentato l'università.(devo ancora andarci)!!!!

Grazie per l'attenzione,
Martina


Direct link Reply with quote
 

eva maria bettin
Local time: 20:30
German to Italian
+ ...
a martina Jan 9, 2009

parlavamo di cosa vorrai fare!

io sapevo benissimo che non mi sarei mai messa "in poesia"1 o roba simile- anche se oggi pe alcuni amici traduco poesia espressionista. Ma solo in casa direi.

tu devi trovare una materia che ti interessa più delle altre- altrimenti non vai da nessuna parte. Per quanto sinao cambiati i corsi di laurea- mi pare he a livello pratico non sia cambiato ancora niente. E quella materia- dato che non sono esperta di come funiona oggi la formazione dei traduttori- LA DEVI SEGURE! anche se è una fatica doppia.


Direct link Reply with quote
 
Martina_90
Italian
TOPIC STARTER
ho capito ma.. Jan 11, 2009

Sinceramente ora non ho in mente nessuna materia in particolare, anche perchè in università, o almeno in quella in cui desidero iscrivermi io, non ci sono materie specifiche nel campo della traduzione/interpretariato.
se si riferisce alle specialistiche, nemmeno quelle riguardano campi particolari della traduzione o dell'interpretariato ma semplicemente,mentre nei primi 3 anni studi sia interpretariato che traduzione, con la specialistica ti specializzi in interpretariato oppure traduzione.


Grazie,
Martina

[Modificato alle 2009-01-11 12:36 GMT]


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 17:30
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Occorre integrare gli studi linguistici Jan 11, 2009

Ciao Martina,

vorrei aggiungere a quanto detto in questa discussione i miei due granellini di esperienza pratica sul campo.

Gli studi linguistici universitari, a mio parere preziosissimi (anche se non indispensabili), sono solitamente concentrati sulla lingua e sulle tecniche, molto spesso anche in modo teorico, ma purtroppo sono spesso distanti dal mondo reale della traduzione e della pratica quotidiana.

Tieni conto che una volta ottenuto un titolo di studio, in lingue o in traduzione, con eventuale specializzazione, dovrai integrare questi studi con una serie di cose che all'università sono spesso trascurate.

Un breve elenco di questi approfondimenti:

1. Approfondimento linguistico
Preferibilmente con un soggiorno di vita e lavoro, e di sufficiente durata, nei paesi di cui si studia la lingua.

2. Conoscenze pratiche per condurre un attività professionale
I lavori da dipendente, in agenzie o grandi organizzazioni internazionali, sono rari o di difficile accesso, per cui diventa quasi sempre necessario saper gestire il proprio lavoro come professionista autonomo (traduttore o interprete freelance).
Occorre quindi sapere come avviare l'attività, gestire la contabilità, fatturare, incassare o eventualmente gestire clienti difficili per il pagamento, condurre un'efficace azione di marketing del proprio servizio e molte altre cose ancora.

3. Conoscenza degli strumenti di lavoro
A parte i dizionarli tradizionali su carta, oggigiorno si lavora sempre più con dizionari elettronici, altre risorse linguistiche on-line, ma occorre padroneggiare soprattutto il proprio computer, uno o più editor, software e utility assortite, strumenti per la traduzione assistita (CAT) e mille altre cose.


4. Argomenti di specializzazione

eva maria bettin wrote:
hai secelto "cosa vuoi tradurre?

ai mei tempi e dove ho studiato io- dopo 2 anni di base si frequentava come uditore la facoltà prescelta_ chi andava a medicina- ingegegneria_ o quant'altro. E ti facevi un mazzo doppio.


Martina_90 wrote:
Sinceramente ora non ho in mente nessuna materia in particolare, anche perchè in università, o almeno in quella in cui desidero iscrivermi io, non ci sono materie specifiche nel campo della traduzione/interpretariato.
se si riferisce alle specialistiche, nemmeno quelle riguardano campi particolari della traduzione o dell'interpretariato ma semplicemente,mentre nei primi 3 anni studi sia interpretariato che traduzione, con la specialistica ti specializzi in interpretariato oppure traduzione.


La collega Bettin (rileggi il suo intervento dopo il mio chiarimento) intendeva dire che per lavorare bene, per avere successo e lavoro regolare, occorre conoscere uno o più argomenti specialistici, i quali diventeranno, se opportunamente coltivati, i tuoi "campi di lavoro" principali. Le traduzioni di carattere generale (non specialistico) fanno parte della routine, ma un traduttore totalmente "generico", senza alcuni settori di specializzazione, non fa tanta strada.

Infatti non si traduce solo da una lingua straniera, ma anche da un argomento ben preciso. Se questo argomento è anch'esso "straniero", ovvero non si capisce veramente a fondo il testo, il libro, il manuale o il documento che si ha in mano, si rischia di prendere granchi colossali, fare un pessimo lavoro o non offrire un gran valore aggiunto, anche se si conosce la lingua in cui il testo è scritto.

Per esempio: un traduttore medico non deve saper curare i pazienti, questo è il lavoro del medico, ma deve conoscere la terminologia anche meglio del medico, e in entrambe le lingue!
Lo stesso discorso vale per le traduzioni legali, o tecniche, e per qualunque altro campo di specializzazione, grande o piccolo che sia.

Soprattutto, volevo mettere l'accento su questo concetto. Quando si parla di specializzazione, nel nostro campo, non si parla della specializzazione o della scelta fra traduzione o interpretariato, argomento del bienno specialistico a cui accennavi, ma dell'argomento specifico in cui si lavora.


ciao
Gianfranco



[Edited at 2009-01-23 23:12 GMT]


Direct link Reply with quote
 
Martina_90
Italian
TOPIC STARTER
grazie.. Jan 11, 2009

per la tua risposta completa gianfranco!
sono daccordo su tutto quello che hai detto,anche sul fatto di aver bisogno di specializzazioni in determinati "campi di lavoro".. ma quello che volevo dire è che queste specializzazioni non sarà possibile farle in università, in quanto essa non offre niente del genere!
quindi immagino saranno poi da fare dei corsi aggiuntivi,oppure dei master a riguardo!

una domanda:mi ha lasciata perplessa una tua frase..

"Gli studi linguistici universitari, a mio parere preziosissimi (anche se non indispensabili) [..]"

in che senso intendi dire che non sono indispensabili?

Grazie ancora!

Martina


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 17:30
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Strade alternative Jan 11, 2009

Martina_90 wrote:
quindi immagino saranno poi da fare dei corsi aggiuntivi,oppure dei master a riguardo!

... oppure coltivando i settori che scegli, secondo i tuoi interessi e le tue inclinazioni, con studi, letture e approfondimenti da autodidatta.

Martina_90 wrote:
una domanda:mi ha lasciata perplessa una tua frase..
"Gli studi linguistici universitari, a mio parere preziosissimi (anche se non indispensabili)
n che senso intendi dire che non sono indispensabili?[/quote]

Intendo dire che un corso di studi linguistici formali, quali ad esempio un corso di laurea in lingue o in traduzione, è solo uno dei vari modi esistenti per conoscere una lingua straniera al livello necessario per lavorare come traduttore.

Esistono altri modi, tant'138 vero che probabilmente il 90% dei traduttori attivi non ha una laurea in traduzione. Quindi, un titolo di studio utile ma non indispensabile.
A 20 anni, ovviamente, si ha tutto il tempo di seguire il percorso accademico e di integrarlo poi con quanto altro sia necessario, come detto sopra, ma molte persone scelgono di lavorare nel settore della traduzione dopo avere compiuto studi di altro tipo e con alle spalle altri percorsi professionali.

ciao
Gianfranco


Direct link Reply with quote
 
Martina_90
Italian
TOPIC STARTER
e per quanto riguarda l'interpretariato? Jan 11, 2009

anche in questo caso l'università non è indispensabile?quali altri percorsi si potrebbe percorrere per arrivare ad essere interprete?

Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 17:30
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Non sono un interprete Jan 11, 2009

Non lavoro come interprete, sarebbe meglio sentire direttamente la voce degli interpreti.

Esistono molti tipi di interpretariato, ma ho l'impressione che per alcuni di essi vi siano tecniche speciali difficili da apprendere o praticare da autodidatti, per esempio la tecnica per prendere appunti durante una interpretazione consecutiva.

Credo che la maggior parte degli interpreti attualmente attivi provenga da un corso di studi specifico, con l'eccezione forse di pochissimi casi, e degli interpreti che lavorano da tantissimi anni, ovvero dai tempi in cui i corsi per interpreti non esistevano ancora o erano molto pochi.

ciao
Gianfranco



[Edited at 2009-01-11 16:53 GMT]


Direct link Reply with quote
 
Martina_90
Italian
TOPIC STARTER
Gianfranco.. Jan 11, 2009

Ti ringrazio allora per tutti i tuoi preziosi consigli!
Buona giornata!!

martina


Direct link Reply with quote
 

María José Iglesias  Identity Verified
Italy
Local time: 20:30
Italian to Spanish
+ ...
Per lavorare come interpreti Jan 11, 2009

Per lavorare come interprete, la laurea specialistica in interpretazione è già un buon punto di partenza in quanto durante gli studi universitari si ha l'occasione di conoscere le diverse tecniche di interpretazione. Penso comunque che così come non è imprescindibile essere laureati in traduzione per lavorare come traduttori, non è indispensabile studiare interpretazione per lavorare come interpreti. È importante essere preparati nei campi specifici in cui si lavora e se poi si conoscono le basi teoriche per tradurre o per interpretare imparate all'Università, meglio ancora.
Così come succede per altre professioni, anche gli interpreti si fanno le ossa lavorando molto e, a volte, sbagliando sul campo.
La migliore palestra è, come sempre, il lavoro stesso.

Nessuna preparazione universitaria potrà comunque sostituire il lavoro previo (di studio della terminologia e del materiale di riferimento) a una giornata di interpretazione.

anche in questo caso l'università non è indispensabile?

Se intendi domandare se è indispensabile essere laureati in interpretazione per lavorare come interprete professionale, la risposta è no.

María José


[Modificato alle 2009-01-11 21:43 GMT]


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

risposte mirate,consigli sinceri..

Advanced search






WordFinder
The words you want Anywhere, Anytime

WordFinder is the market's fastest and easiest way of finding the right word, term, translation or synonym in one or more dictionaries. In our assortment you can choose among more than 120 dictionaries in 15 languages from leading publishers.

More info »
SDL Trados Studio 2017 Freelance
The leading translation software used by over 250,000 translators.

SDL Trados Studio 2017 helps translators increase translation productivity whilst ensuring quality. Combining translation memory, terminology management and machine translation in one simple and easy-to-use environment.

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs