Mobile menu

Tariffe e sconti per lavori di grande volume
Thread poster: Valentina_D
Valentina_D  Identity Verified
Local time: 08:39
Member
English to Italian
+ ...
Nov 11, 2003

Ciao a tutti,
ultimamente sono in una fase in cui ho particolarmente bisogno dei vostri consigli!
So che di tariffe se ne è già parlato abbondantemente (conosco già il tariffometro), ma vorrei un vostro parere su alcuni aspetti.
Mi è stato chiesto di indicare la mia percentuale di sconto per lavori di grandi dimensioni, ma siccome non mi è mai capitato, non saprei cosa indicare, che mi consigliate?
Seconda cosa: come calcolare la tariffa oraria rispetto alla propria tariffa a cartella?
Grazie a tutti!


Direct link Reply with quote
 

Sarah Ponting  Identity Verified
Italy
Local time: 08:39
Italian to English
+ ...
sconti Nov 11, 2003

tiny wrote:

Ciao a tutti,
ultimamente sono in una fase in cui ho particolarmente bisogno dei vostri consigli!
So che di tariffe se ne è già parlato abbondantemente (conosco già il tariffometro), ma vorrei un vostro parere su alcuni aspetti.
Mi è stato chiesto di indicare la mia percentuale di sconto per lavori di grandi dimensioni, ma siccome non mi è mai capitato, non saprei cosa indicare, che mi consigliate?
Seconda cosa: come calcolare la tariffa oraria rispetto alla propria tariffa a cartella?



Per gli sconti ti conviene valutare bene. In genere io applico uno sconto (non più di 10%) solo quando il lavoro non è troppo impegnativo. Infatti, se si tratta di un argomento con cui hai una certa esperienza, anche con lo sconto riuscirai a guadagnare una somma dignitosa perché lavori abbastanza velocemente. Diverso il discorso per testi particolarmente complicati o argomenti nuovi. Già senza sconto ci impiegherai più tempo del solito a farli. Figurati se lo fai a meno... Poi devi valutare cosa sono per te "grandi dimensioni". Io li chiamo più di 100 cartelle se sono lavori singoli. Invece per lavori "regolari" (cioè testi dello stesso cliente che arrivano in modo abbastanza continuo) potresti applicare uno sconto dello stesso tipo se viene garantito una certa quantità di cartelle settimanali/mensili/annuali.

Per la tariffa oraria, invece, io lo calcolo in base al numero di cartelle che riesco a fare in un'ora (in media 2 - dipende dalla difficoltà).

In bocca al lupo.

Sarah

[Edited at 2003-11-11 17:26]


Direct link Reply with quote
 

Giuliana Buscaglione  Identity Verified
Austria
Local time: 08:39
Member (2001)
German to Italian
+ ...
Tabelle pronte... Nov 11, 2003

Ciao Tiny,

se fossi in te non fornirei una percentuale, ma terrei pronte tariffe diverse a seconda del numero di parole da tradurre, per es. tariffe fino a 5000 parole, da 5001 a 10000 e da 10001.. e a seconda del tipo di traduzione, del formato, della complessità.

Quanto alla tariffa a ora, beh... non vorrai guadagnare meno di un posatore, o sbaglio?


Giuliana


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 03:39
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Considerazioni varie Nov 11, 2003

tiny wrote:
...Mi è stato chiesto di indicare la mia percentuale di sconto per lavori di grandi dimensioni, ma siccome non mi è mai capitato, non saprei cosa indicare, che mi consigliate?


Io personalmente, nel formare una tariffa per un lavoro, considero sempre il suo volume, ma come un fattore in cui bilanciare aspetti positivi e negativi. Mi spiego meglio:

Fattori positivi:

I lavori di volume medio-grande, diciamo da 2 a 8 settimane, hanno il vantaggio di consentire una produzione continua che, unita alla progressiva conoscenza dell'argomento ottenuta nel corso del lavoro, può anche consentire volumi elevati di produzione giornaliera.

Un lavoro di grande volume riduce il tempo impiegato in altri compiti: amministrazione, incassi, fatture, solleciti, ecc... o impiegato in attività di marketing.

Fattori negativi:

Lavori molto grandi, con durata superiore a 8 settimane, soprattutto se impegnano l'intero tempo lavorativo, implicano la possibile perdita di altri lavori da clienti regolari già acquisiti. Tale perdita può anche diventare permanente e va fattorizzata, nel senso di resistere alla richiesta di sconti.

Lavorare per lunghi periodi per lo stesso progetto può diventare noioso e, se l'argomento non è particolarmente interessante, può diventare una vera tortura (a tutti piace un po' di varietà sul lavoro).

Lavorando per lunghi periodi per lo stesso cliente si aumenta il rischio in caso di problemi nel pagamento, con esiti disastrosi in caso di mancato pagamento. Pattuire sempre pagamenti intermedi o anche un pagamento di impegno iniziale all'avvio di un progetto molto lungo.

Infine, poiché il nostro lavoro non produce beni materiali, il lavoro necessario per 50.000 parole è esattamente pari a 5 volte quello necessario per 10.000 parole. Non esiste una vera possibilità di applicare sconti commerciali per quantità.
Al contrario, lavori di grande volume richiedono una maggiore concentrazione per mantenere la coerenza nello stile e nella terminologia.

* * *
In conclusione, se proprio interessa acquisire il lavoro e il cliente è fidato, una riduzione del 5-10% rispetto alla tariffa "normale" è giustificabile. A mio parere, oltre questo limite si rischia non solo di fare un lavoro sottopagato e un cattivo affare, ma anche di fare un grosso cattivo affare!


tiny wrote:
Seconda cosa: come calcolare la tariffa oraria rispetto alla propria tariffa a cartella?


In prima approssimazione, calcola quanto tempo impieghi per una cartella e ricava dalla tua tariffa a cartella la tariffa oraria.

In verità, mentre la tariffa per unità di lavoro (parola, riga, cartella) deve tener conto in modo preciso della natura del lavoro in oggetto (lingua, formato, difficoltà tecnica, livello di qualità richiesto, tipo di audience del risultato, ecc...) nella tariffa oraria si può prescindere da tutto ciò e la si può calcolare partendo da considerazioni economiche pure, quali il costo della vita, il reddito mensile desiderato, ecc... per poi ridurre tale valore a quello di una tariffa oraria.

Per ottenere la tariffa di base basta dividere il reddito lordo mensile desiderato, o giustificato dalla propria capacità ed esperienza, per 20-22 gg lavorativi e 7-8 ore lavorative.

È giusto aggiungere un correttivo (tra il 20% e il 30%) per tener conto che in un mese non si lavora per 22 gg continuativi e 8 ore al giorno, e si ottiene una tariffa oraria più equa per un "lavoratore autonomo".

Altri correttivi variabili potranno essere applicati, se necessario, per tener conto della specializzazione del servizio fornito e delle attrezzature utilizzate.

ciao
Gianfranco


[Edited at 2003-11-11 20:49]


Direct link Reply with quote
 
Valentina_D  Identity Verified
Local time: 08:39
Member
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
ok Nov 12, 2003

Grazie mille a tutti, ora mi è tutto più chiaro!!

Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

Tariffe e sconti per lavori di grande volume

Advanced search






PerfectIt consistency checker
Faster Checking, Greater Accuracy

PerfectIt helps deliver error-free documents. It improves consistency, ensures quality and helps to enforce style guides. It’s a powerful tool for pro users, and comes with the assurance of a 30-day money back guarantee.

More info »
Protemos translation business management system
Create your account in minutes, and start working! 3-month trial for agencies, and free for freelancers!

The system lets you keep client/vendor database, with contacts and rates, manage projects and assign jobs to vendors, issue invoices, track payments, store and manage project files, generate business reports on turnover profit per client/manager etc.

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs