Mobile menu

Pages in topic:   [1 2] >
Ricevere le correzioni o i commenti relativi a una prova di traduzione è un diritto?
Thread poster: SusannaC

SusannaC  Identity Verified
Local time: 04:22
English to Italian
+ ...
Feb 7, 2004

Salve cari colleghi,
riprendendo in un certo senso le fila della discussione sorta per la disavventura di Befanetta vi pongo il seguente quesito:
Può definirsi un diritto del traduttore ricevere i commenti e/o il testo corretto e/o il testo prescelto per una prova di traduzione effettuata?

Vi pongo tale quesito perchè ho avuto una recentissima disavventura con un'agenzia che si è limitata a rispondere (sotto mia sollecitazione): "la sua prova è andata bene ma non così bene per i nostri standard" e basta.


Come fa un traduttore a sapere come e dove migliorare non avendo la possibilità di capire e vedere dove ha sbagliato?
Perchè viene spesso negato questo utile spunto di riflessione e di arricchimento professionale?

Genralmente ogni volta che consegno una prova di traduzione chiedo sempre, quasi come se fosse una cortesia, che nella risposta mi venga allegato il file corretto e/o i commenti...

Ma non pensate che più di una cortesia sia un vero e proprio DIRITTO del traduttore?

Buon fine settimana a tutti,
Susanna


Direct link Reply with quote
 

Domenica Grangiotti  Identity Verified
Local time: 04:22
English to Italian
+ ...
Feedback dalle agenzie Feb 7, 2004

Cara Susanna,
Hai ragione e - per la mia esperienza - il feedback dalle agenzie è sempre un tasto dolente.
Non solo è raro - ahimè - conoscere l'esito di un test di traduzione (ma li leggeranno davvero o li lasceranno lì a macerare fino alla necessità reale di un traduttore in quella coppia linguistica?). Spesso non si hanno feedback per i lavori effettuati. Tu dici: come fa un traduttore a migliorare? Me lo chiedo anch'io. Non credo che i testi che traduciamo siano perfetti (magari!). Sarebbe utile a tutti - innanzitutto all'agenzia - puntualizzare gli errori al traduttore, in modo da formare risorse sempre più preparate... ma così non è, almeno nella maggior parte dei casi. Ho avuto recentissimamente una esperienza assolutamente positiva con una agenzia austriaca (nuova, non ho trovato rif. né sulla BB, né su PP, né su TCR). Ho accettato il lavoro perché mi interessava ed era proprio nel mio campo, e alcuni dopo aver consegnato ho ricevuto una mail con scritto pressapoco... la traduzione era buona, salvo per i punti che le elenchiamo ... e seguivano gli errori da me fatti ... (non molti, per fortuna)
Un buon esempio davvero di rapporto con i traduttori. Appena ricevuto il pagamento della fattura inserirò il mio commento sulla BB.

Buon lavoro
Domenica


Direct link Reply with quote
 

Giuliana Buscaglione  Identity Verified
Austria
Local time: 04:22
Member (2001)
German to Italian
+ ...
Scegliamo la persona a cui regalare una traduzione Feb 7, 2004

Ciao,

Se è comunque stata valutata, non vedo il disturbo che il clic su invio di un semplicissimo messaggio a chi si è preso la briga di investire tempo senza compenso può creare: tanto, ormai il lavoro è stato fatto. Mi sembra poco accettabile da un punto di vista professionale. Non mi si venga a raccontare che avevano un numero XXX di testi da valutare e che cosa si pretende, ecc. come ho visto scritto e sentito dire da alcuni, perché così si mette in evidenza la propria mancanza di esperienza nel campo del reclutamento o il poco rispetto per il lavoro altrui o per lo meno che non lo si prende sul serio.


I professionisti non fanno fare traduzioni di prova a centinaia di persone: fanno una selezione iniziale, in base a esperienza, titoli e credenziali, aree di specializzazione. La prova viene inviata a un numero ristretto di persone che ricevono la loro traduzione rivista con tanto di commenti. I grandi professionisti con tanto di modulo standard a norma ISO con tutti i dettagli.


Ognuno decide a proprio giudizio, ma nel momento in cui mi si chiede una prova di traduzione, pretendo di sapere per quale scopo e che me la si renda con le eventuali correzioni, prima di effettuarla e per iscritto. È pur sempre un lavoro, anche se non retribuito. Anzi, a maggior ragione deve essere preso sul serio.

Quanto all'imparare, non ne sono molto convinta. Può darsi che il revisore si rifaccia alla terminologia (= preferenze) del cliente che un esterno non è detto usi oppure corregga ciò che non era necessario correggere (tipo lo stile) oppure ancora che ricalchi l'originale (nel limite del concesso dal punto di vista linguistico).

Secondo me si impara di più a leggere sull'argomento nelle due lingue (source e target) e a parlare sempre in entrambe le lingue da cui e verso cui si traduce: si deve "sentire" il significato di una lingua e a mio parere non lo si acquista prendendo nota delle correzioni di un altro su un testo scritto, proprio perché molto specifico, ma sviluppando la capacità di interpretare il senso, soprattutto ciò che l'autore del testo, qualunque esso sia, anche uno tecnico, voleva dire.

Non serve fare tante prove di traduzione per trovar lavoro: basta farle per le "persone giuste".

Si trovano anche agenzie che pagano le prove di traduzione, parola! Ovviamente non tra coloro che "aggiornano il database" Se anche tenessero i dati nel loro preziosissimo database, nel momento in cui avranno un lavoro reale per le mani, cercherebbero comunque altri traduttori e farebbero fare altre prove di traduzione, perché guarda caso quel lavoro è di un campo leggermente diverso...

Giuliana


Direct link Reply with quote
 
Lorenzo Lilli  Identity Verified
Local time: 04:22
German to Italian
+ ...
Spero... Feb 7, 2004

Domenica Grangiotti wrote:

Un buon esempio davvero di rapporto con i traduttori. Appena ricevuto il pagamento della fattura inserirò il mio commento sulla BB.

Buon lavoro
Domenica


... che non sia proprio questo l'unico difetto dell'agenzia. Comunque anche secondo me sarebbe corretto mandare un feedback, anche negativo. Ok, spesso le agenzie non hanno molto tempo per queste cose, ma in un testo breve (sulle 300 parole o poco più, che possono essere più che sufficienti per valutare un candidato) e scelto come standard per una selezione generica credo che la correzione sia abbastanza rapida.


Direct link Reply with quote
 

Domenica Grangiotti  Identity Verified
Local time: 04:22
English to Italian
+ ...
Un episodio Feb 7, 2004

Il primissimo test della mia vita l'ho fatto (tempo fa) per una agenzia di Torino, di quelle note per pagare un tozzo di pane.
Mi mandarono EN>IT, FR>IT e IT>EN e io feci anche IT > EN più che altro per vedere ...
Voi non ci crederete ma ... la valutazione fu un anomino pass verso l'italiano, e un bell'Excellent verso l'inglese

Comunque - e dico per Lorenzo - la fattura dell'agenzia austriaca non è ancora scaduta, e il lavoro era molto lungo (circa 11.000 parole) quindi una revisione è stata fatta ed è stata evidentemente approfondita.

Baci
Domenica


Direct link Reply with quote
 

Befanetta81
Italy
Member (2007)
Italian to German
+ ...
Dipende dalle agenzie Feb 7, 2004

Ciao,

E' un tuo diritto vedere la tua traduzione (giudicata negativa) rivista con eventuali commenti. Sai perché? A mio parere quando si rifiutano di mandarti il testo revisionato, significa che la tua traduzione era buona e il loro scopo era di ottenere una traduzione gratutita. A loro che costa mandarti per e-mail il tuo testo già corretto da un revisore???
1)Circa 15 giorni fa ho spedito una traduzione ad un'agenzia, dicono di non aver ancora tempo per darci uno sguardo
2) Tanto tempo fa, ho spedito una prova scritta ad un'agenzia e nessuno si è fatto vivo, neanche per comunicarmi l'esito
3) Un secolo fa, ho spedito una prova scritta ad un'agenzia e voilà esito negativo, non corrispondeva ai loro standart qualitativi. OK, nessun problema fin qua...ho richiesto il testo revisionato, e chi si è fatto più vivo?
4) Stamattina ho spedito una prova scritta ad un'agenzia, oggi pomeriggio mi hanno comunicato che è ben fatta!

Vedi, dipende dalle agenzie. Comunque resta ferma la mia opinione che si tratta di traduzioni gratuite quando le agenzie non si fanno più sentire.


Direct link Reply with quote
 

Riccardo Schiaffino  Identity Verified
United States
Local time: 20:22
Member (2003)
English to Italian
+ ...
Ma per piacere... Feb 8, 2004

Befanetta wrote:
A mio parere quando si rifiutano di mandarti il testo revisionato, significa che la tua traduzione era buona e il loro scopo era di ottenere una traduzione gratutita.


Se la "prova" sono 17 pagine fitte, come mi sembra dicevi in un altro messaggio, probabilmente sì.

In caso contrario, per prove di lunghezza ragionevole (200-300 parole), le ragioni per NON rispondere possono essere molte, da precise istruzioni da parte dei legali della ditta (è la norma negli Stati Uniti), a mancanza di tempo da parte di chi riceve le prove.


Direct link Reply with quote
 

Valentina Pecchiar  Identity Verified
Italy
Member
English to Italian
+ ...
Ci sono più cose in cielo e in terra... Feb 8, 2004

...per parafrasare il Bardo, di quante un traduttore possa immaginare.

Premessa: io sono un traduttore, non un'agenzia, ma mi occupo anche di revisionare i test sottoposti a una società di traduzioni e in passato facevo più o meno lo stesso per una casa editrice.


Befanetta wrote:
A mio parere quando si rifiutano di mandarti il testo revisionato, significa che la tua traduzione era buona e il loro scopo era di ottenere una traduzione gratutita. A loro che costa mandarti per e-mail il tuo testo già corretto da un revisore???

Credo fermamente che il freebie (mascherato da test) sia un caso limite e marginale. Le agenzie di traduzione sono in generale imprese commerciali che vogliono realizzare profitti, non associazioni a delinquere. Ci sono le eccezioni, non metto in dubbio, ma sono - appunto - eccezioni.

Una prova? So con certezza che per alcune grosse società di traduzione e localizzazione gli stessi medesimi precisi testi di prova sono stati affrontati quasi da generazioni intere di traduttori, una dopo l'altra (be', non proprio gerazioni, ma i test erano gli stessi per mesi e mesi di seguito)... E alcuni test che ho affrontato io proponevano testi che risalivano chiaramente ad almeno 2-3 anni prima (per esempio un articolo sulla *nuova* suite Office 97 nel 2001, o la brochure dell'ultimo modello di un'automobile, uscito 1 anno prima).
Davvero poco plausibile che fossero "traduzioni gratuite".

Possono esserci mille motivi per cui il testo revisionato non viene restituito. Uno te l'ha fornito Riccardo, io posso fare un esempio tratto dalla mia esperienza.
Una volta ho richiesto esplicitamente alla società per cui faccio le revisione che inoltrasse al candidato il test corretto: era puro delirio e avrei avuto davvero piacere che il traduttore vedesse di persona i suoi errori (di solito mandano soltanto il giudizio sintetico conclusivo). La risposta è stata che le regole di reclutamento (inserite nel manuale di controllo di qualità della società, che credo li canditato riceva con il testo di prova) ammettono che - solo su richiesta del candidato - venga eventualmente e unicamente inoltrata anche la sezione di giudizi analitici (il modulo per la valutazione è piuttosto articolato), ma non il testo vero e proprio. Non chiedermi il perché, ma la norma è lì, e io l'avevo pure letta durante il training per correggere i test (!) ma non me ne ricordavo.



1)Circa 15 giorni fa ho spedito una traduzione ad un'agenzia, dicono di non aver ancora tempo per darci uno sguardo

Quanto accennato può già suggerire che correggere un test di traduzione non è proprio "darci uno sguardo", che non sarebbe corretto nei confronti del candidato.
Per dire, il test che correggo io (che appartiene alla categoria dell'iterazione di cui sopra) è composto da 4 parti di circa 250 parole l'una, ciascuna per un settore di specializzazione: sta al traduttore decidere per quale/i settore/i candidarsi. Difficile che la correzione di un test completo richieda meno di due ore. Soprattutto se non va bene, il revisore deve cercare di capire quali sono i problemi: gli apparenti errori di interpretazione sono tali, o è solo una scelta terminologica infelice (che con un glossario si risolverebbero)? Il tempo sballato è un errore di grammatica o di battitura, come conteggiarlo? E' possibile che un termine che sembra strampalato sia un'alternativa ammessa da qualche vocabolario o giustificata dalla "WeBibbia", ovvero è da penalizzare o da accettare? Quali sono i punti di forza e/o debolezza del candidato?

Non credo di essere un caso unico nel sentire una responsabilità notevole durante la correzione di un test: ne va del lavoro di un'altra persona, e tale persona ha diritto alla massima attenzione e al dovuto rispetto in quanto professionista.


2) Tanto tempo fa, ho spedito una prova scritta ad un'agenzia e nessuno si è fatto vivo, neanche per comunicarmi l'esito

L'agenzia in questione sta reclutando o cercando un traduttore per un progetto particolare, oppure il test ha fatto seguito a una tua offerta di collaborazione? Nel secondo caso è ben possibile che la correzione sia una della priorità più basse nella loro agenda, non per malafede ma proprio perché la considerano una cosa seria e non hanno al momento il tempo o le risorse adeguate da allocare a questo compito.


4) Stamattina ho spedito una prova scritta ad un'agenzia, oggi pomeriggio mi hanno comunicato che è ben fatta!

Sei capitata a fagiolo, la persona giusta al momento giusto. Complimenti e auguri.


Vedi, dipende dalle agenzie.

Permettimi di integrare: dipende ANCHE dalle ESIGENZE delle agenzie.


Sia chiaro: io non parteggio per le agenzie, né voglio prendere le loro più o meno meritate difese. Ma non sempre le cose sono come sembrano, o come uno si immagina che siano. Non sempre la nostra "filosofia" (di traduttori), per tornare a Shakespeare, contempla tutti i fattori.



PS Se sei così cinica e quasi disillusa sul comportamento delle agenzie, come fai a ritenere vincente la strategia marketing di inviare "più candidature possibili in giro con una bella lettera di presentazione"?


[Edited at 2004-02-08 04:45]


Direct link Reply with quote
 

Befanetta81
Italy
Member (2007)
Italian to German
+ ...
Non sono cinica Feb 8, 2004

PS Se sei così cinica e quasi disillusa sul comportamento delle agenzie, come fai a ritenere vincente la strategia marketing di inviare "più candidature possibili in giro con una bella lettera di presentazione"?

Non sono cinica, diffido semplicemente visto che esistono le agenzie buone e cattive (è questa la realtà).
Sì, ritengo una buona strategia di marketing, inviare tante candidature. NEL MIA CASO funziona, mi contattano molte agenzie ed in questo periodo grazie a DIO ho abbastanza lavoro. Ritengo altresì importante una lettera di presentazione professionale, perché fa colpo. Ho suggerito questo alla collega, dal momento che da me ha funzionato. Tutto quà!
Se non sono stata abbastanza chiara nella mia spiegazione posso anche proseguire...


Direct link Reply with quote
 

SusannaC  Identity Verified
Local time: 04:22
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
il commento Feb 8, 2004

Nella mia esperienza ho capito che ci sono agenzie e agenzie....
Mi è capitato anche di essere stata pagata per fare prove di traduzione...
Il punto non è questo...
Mettiamo questa situazione specifica:
1) rispondo a un'offerta di lavoro
2) mi viene allegata alla mail, in cui mi viene detto che sono stata scelta fra un numero ristretto di traduttori, un prova di traduzione... Oltre tutto, e questo che mi ha fatto di molto insospettire mi è stata data un deadline per la consegna del test traduzione... VI SEMBRA NORMALE???
3) I testi erano due nei miei campi di expertise...
4) Ho rispettato la deadline imposta e consegnato, e a conferma della ricezione dei testi mi viene fatto presente che in 5 giorni mi avrebbero fatto sapere qualche cosa...
5) dopo 20 giorni di silenzio mi premuro di sollecitare... et voilà la risposta : il tuo test è andato bene ma non hai raggiunto i nostri standard...
6) alla richiesta di ricevere le correzioni: il nulla...

Io non chiedo tanto.. ci sono state agenzie che mi hanno mandato semplicemente la prova di traduzione che era stata ritenuta migliore e hanno lasciato a me fare i raffronti...



[Edited at 2004-02-08 13:46]


Direct link Reply with quote
 

Francesca Siotto  Identity Verified
Local time: 04:22
English to Italian
+ ...
è normale se.. Feb 8, 2004

SusannaC wrote:

Oltre tutto, e questo che mi ha fatto di molto insospettire mi è stata data un deadline per la consegna del test traduzione... VI SEMBRA NORMALE???

[Edited at 2004-02-08 13:46]



supponiamo che l'agenzia in questione, oltre allE abilità linguistiche, voglia valutare anche la velocità del candidato. Mettiamo che l'agenzia ti affida un test non troppo lungo (250-300 parole circa). E'normale presupporre che un traduttore esperto nel settore non impieghi una settimana per consegnare il test! Questo può accadere se per sfortuna riceviamo il test quando siamo carichi di lavoro e quindi costretti a rimandare, ma l'agenzia non terrà conto di questo. Quanto era lungo il tuo test? se la lunghezza era tutto sommato accettabile, il deadline forse serviva al motivo che ti ho spiegato. In generale comunque, sulla base delle mie esperienze, posso dire che quando l'esito di un test è positivo, (e l'agenzia è seria, naturalmente!) ti viene comunicato in poco tempo. Diversamente, la maggior parte delle agenzie non si scomoda neanche a risponderti, perchè probabilmente i contatti del candidato eliminato sono stati già cestinati e non si ricordano neppure di lui e di quale test parli.


Direct link Reply with quote
 

Giuliana Buscaglione  Identity Verified
Austria
Local time: 04:22
Member (2001)
German to Italian
+ ...
È ciò che è successo o solo un esempio ipotetico? Feb 8, 2004

Ciao Susanna,

SusannaC wrote:

Mettiamo questa situazione specifica:
1) rispondo a un'offerta di lavoro
2) mi viene allegata alla mail, in cui mi viene detto che sono stata scelta fra un numero ristretto di traduttori, un prova di traduzione... Oltre tutto, e questo che mi ha fatto di molto insospettire mi è stata data un deadline per la consegna del test traduzione... VI SEMBRA NORMALE???
..........
4) Ho rispettato la deadline imposta e consegnato, e a conferma della ricezione dei testi mi viene fatto presente che in 5 giorni mi avrebbero fatto sapere qualche cosa...
5) dopo 20 giorni di silenzio mi premuro di sollecitare... et voilà la risposta : il tuo test è andato bene ma non hai raggiunto i nostri standard...
6) alla richiesta di ricevere le correzioni: il nulla...


A questo punto, mi sorge un dubbio (se il Tuo esempio non è altro che ciò che è successo):

E se si trattasse effettivamente di un imbroglio? Sarebbe interessante scoprire se gli altri traduttori hanno ricevuto un test diverso...

Se vuoi, scrivimi in privato come coordinatrice dell'area job di ProZ.com con i dettagli (sopratutto se l'offerta era apparsa su proZ.com: in questo caso mandami per favore il link al job).

A proposito, visto che avevano promesso una risposta in 5 giorni, mi sembra lampante che non sono stati di parola.

Non sono d'accordo con i colleghi che sostengono che le agenzie possono avere buone ragioni per non far riavere la prova corretta (quando vi è un rifiuto), soprattutto quando vi è la promessa di far avere il risultato e quando si richiede la consegna entro una data precisa.

Giuliana

[Edited at 2004-02-08 14:00]


Direct link Reply with quote
 

Giuseppina Gatta, MA (Hons)
Member (2005)
English to Italian
+ ...
La mia esperienza e le mie idee sulle prove di traduzione Feb 9, 2004

Premetto che ho fatto nella mia "carriera" decine di prove e continuo a farne, quando capita, ovviamente obtorto collo. Forse 2 o 3 volte mi hanno pagato, non di più.
Circa il 10% di quelli che me ne hanno richiesta una si sono fatti risentire in bene o in male.
Il 90% di quelli che mi hanno richiesto prove di traduzione (anche quelle andate bene) non mi hanno mai dato lavoro.
L'80-90% dei miei attuali e passati clienti NON mi ha richiesto una prova di traduzione prima di cominciare a darmi dei lavori.
Io non ho mai richiesto gli esiti di una prova di traduzione (in genere non ho il tempo né la voglia di vedere gli eventuali errori). Se me li mandano bene, altrimenti è lo stesso.
Conclusione: credo che in generale le prove di traduzione servano a ben poco. Ancora meno serve sollecitare un feedback sugli esiti ovvero contestare eventuali diversità di vedute ecc. Se dopo una prova di traduzione ti vogliono dare il lavoro te lo danno, che tu solleciti o meno. Sembra ovvio ma forse non lo è. A mio parere, sollecitare un riscontro dà tanto di qualcuno che non ha molto da fare ovvero di dipendenza psicologica (non sapere se si è fatto bene o meno e desiderare conferme). E' vero che come traduttori siamo sempre un po' degli Amleti con il teschio (o il dizionario) in mano, ma è anche vero che l'insicurezza smodata non paga. Tampinare un'agenzia per cui si è fatta una traduzione secondo me è il modo peggiore per tentare di iniziare una collaborazione. Io non l'ho mai fatto
ciao


Direct link Reply with quote
 

Befanetta81
Italy
Member (2007)
Italian to German
+ ...
E' vero Feb 9, 2004

NON mi ha richiesto una prova di traduzione prima di cominciare a darmi dei lavori.

Sì,molte agenzie con le quali collaboro non mi hanno sottoposto a nessuna prova scritta!


Direct link Reply with quote
 

SusannaC  Identity Verified
Local time: 04:22
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
al contrario potrebbe essere preso per menfreghismo Feb 9, 2004

Io non ho mai richiesto gli esiti di una prova di traduzione (in genere non ho il tempo né la voglia di vedere gli eventuali errori). Se me li mandano bene, altrimenti è lo stesso.

Abbiamo probabilmente un differenza di visione... Penso che si possa sempre migliorare e in special modo quando ci viene detto di aver sbagliato... Ritengo che imparare dai propri errori soprattutto in questo campo sia l'insegnamento migliore e quello che più rimane impresso...

Conclusione: credo che in generale le prove di traduzione servano a ben poco.

Non concordo nemmeno in questo caso.. ho collaborato strettamente con un'agenzia che postato su Proz e ti assicuro che gente con curricula smodati ha tirato fatto delle traduzioni che nemmeno ti puoi immaginare.. La correzione è stata affidata a un traduttore molto esperto nel settore e nella lingua ma in quel caso, trovandomi dall'altra parte della barricata, lascelta dell'agenzia e me compresa è stata di mandare il file con evidenziature relative agli errori commessi.
LA PROVA A MIO GIUDIZIO SERVE..
Un curriculum vitae si può "pompare" e alla luce di questi fatti penso che sia necessaria..
È tutto un discorso di buona o cattiva fede da entrambi le parti in causa...


Ancora meno serve sollecitare un feedback sugli esiti ovvero contestare eventuali diversità di vedute ecc. Se dopo una prova di traduzione ti vogliono dare il lavoro te lo danno, che tu solleciti o meno.

Aridaje... scusami... il problema non è un feedback per l'assegnazione o meno di un lavoro...

Sembra ovvio ma forse non lo è. A mio parere, sollecitare un riscontro dà tanto di qualcuno che non ha molto da fare ovvero di dipendenza psicologica (non sapere se si è fatto bene o meno e desiderare conferme).

Non approvo... Preferisco definirla in tre modi: "maturità", accettazione dei propri limiti e consapevolezza di avere sempre qualche cosa da imparare...
Hai mai pensato che un atteggiamento contrario invece possa essere giudicato menefreghista?
Nelle selezioni del personale perde anche chi dimostra eccessiva sicurezza...

AH! Per inciso... non mi giro i pollici in attesa della manna dal cielo.. Ho trovato agenzie serie che oggi mi danno molto lavoro, le quali non solo hanno apprezzato le mie prove ma hanno ricambiato con lavori che a loro volta sono stati ben apprezzati!


E' vero che come traduttori siamo sempre un po' degli Amleti con il teschio (o il dizionario) in mano, ma è anche vero che l'insicurezza smodata non paga (no comment). Tampinare un'agenzia per cui si è fatta una traduzione secondo me è il modo peggiore per tentare di iniziare una collaborazione.

Non ho mai parlato di tampinamento... nè ho cominciato questa discussione per invogliare ad assumere tale atteggiamento..
Aridaje... ti consiglio di rileggere attentamente il mio post iniziale...

Io non l'ho mai fatto

Evidentemente hai fatto altre scelte per migliorarti come traduttrice...
Vorrei che tu mi risolvessi questo dubbio... come hai fatto in tanti anni a capire dove era necessario migliorare? Come hai fatto a capire se la scelta stilistica o terminologica era proprio quella giusta?
Soprattutto agli inizi poi...
sono curiosa...


P.S. Perdona il tono polemico della mia risposta ma ti invito nuovamente a rileggere il post inziale di questa discussione prima di fare commenti off-topic!


[Edited at 2004-02-09 20:44]


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

Ricevere le correzioni o i commenti relativi a una prova di traduzione è un diritto?

Advanced search






LSP.expert
You’re a freelance translator? LSP.expert helps you manage your daily translation jobs. It’s easy, fast and secure.

How about you start tracking translation jobs and sending invoices in minutes? You can also manage your clients and generate reports about your business activities. So you always keep a clear view on your planning, AND you get a free 30 day trial period!

More info »
Déjà Vu X3
Try it, Love it

Find out why Déjà Vu is today the most flexible, customizable and user-friendly tool on the market. See the brand new features in action: *Completely redesigned user interface *Live Preview *Inline spell checking *Inline

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs