Mobile menu

Maiuscolo nelle forme di cortesia
Thread poster: LuciaC

LuciaC
United Kingdom
Local time: 04:41
English to Italian
+ ...
Dec 21, 2004

Ciao a tutti,

vorrei chiedervi un parere: si usano ancora le forme di cortesia scritte con la maiuscola?

a Lei
noi La preghiamo
richiederLe
richiederVi

ecc.

I miei clienti hanno parere discordanti. Uno vuole tutte le forme maiuscole (salvo nel caso di 'richiederle') e non si discute. Un altro le vuole minuscole.

La mia impressione è che questa forma sia completamente scomparsa dai giornali e dal Web ma sia ancora molto usata nelle lettere commerciali. Io tendo a preferire la maiuscola perché trovo che a volte la forma minuscola sia veramente ambigua.
Qualcuno può confermare o smentire?

Grazie mille e saluti natalizi
Lucia

[Edited at 2004-12-21 13:54]


Direct link Reply with quote
 

Giusi Pasi  Identity Verified
Italy
Local time: 05:41
Member (2003)
Italian
+ ...
Dipende Dec 21, 2004

...dal contesto e dal cliente. Se il cliente è un rappresentante legale la forma maiuscola è praticamente obbligata, poiché in ambito legale la forma pomposa e altamente formale è quella che prevale sempre e comunque.
In altri contesti e con altri clienti, la maiuscola frappone un certo distacco e affettazione che può risultare fuori luogo.
In campo pubblicitario e marketing dove prevale il "tu" anche nei rapporti interpersonali e i formalismi sono messi al bando, un "lei" minuscolo con annesse forme pronominali è la migliore soluzione quando non si ha confidenza.
E così nei rapporti commerciali in genere. Alla fine, comunque, si tratta di una questione di gusti personali.

Giusi


Direct link Reply with quote
 

sabina moscatelli  Identity Verified
Italy
Local time: 05:41
Member (2004)
German to Italian
+ ...
Direi anch'io: dipende Dec 21, 2004

nell'azienda dove ho lavorato io andavano matti per le minuscole. Ricordo che la formula di chiusura delle lettere era addittura:

Ci è gradita l'occasione per porgerLe, Stimato Pisquano, i nostri più cordiali saluti.

Maiuscole all'impazzata...


Direct link Reply with quote
 

Luca Tutino  Identity Verified
Italy
Local time: 05:41
Member (2002)
English to Italian
+ ...
ambiguità Dec 22, 2004

E' verissimo che spesso nelle traduzione l'uso della terza persona minuscola crea delle ambiguità, e la tentazione di eliminare l'ambiguità mediante la maiuscola è spesso forte.

La scelta tra la forma maiuscola e minuscola però non dovrebbe dipendere da questo problema, ma essere interamente determinata dallo stile e dalla destinazione del testo. Se si opta per la terza persona minuscola, bisognerà poi fare attenzione a sbrogliare l'ambiguità con altri mezzi più meno drastici.


Direct link Reply with quote
 

Giusi Pasi  Identity Verified
Italy
Local time: 05:41
Member (2003)
Italian
+ ...
Umorismo in tema Dec 22, 2004

A proposito dell'ambiguità delle forme di cortesia e della maiuscola che - almeno nello scritto - può tornare utile, ecco una barzellettina:

Un manager nota che un suo dipendente si assenta tutte le mattine per un'oretta.
decide di indagare e chiede a un suo collaboratore di seguirlo e informarlo sul perché di queste uscite apparentemente non motivate.
Dopo 2 giorni il collaboratore riferisce al manager:
- È uscito, andato a casa sua, stato un'ora con sua moglie, poi è tornato in ufficio.
Il manager si intenerisce:
- Vedi che carino... si vede che è una coppia molto innamorata e molto unita...
- No scusi, non ha capito: è uscito, andato a casa sua, stato un'ora con sua moglie, poi è tornato in ufficio.
- Appunto, mi sembra una cosa molto carina.
- Le posso dare del tu?
- Faccia pure.
- Allora: è uscito, andato a casa tua, stato un'ora con tua moglie, poi è tornato in ufficio.

Cari saluti,
Giusi


Direct link Reply with quote
 
Romina Minucci
Italy
Local time: 05:41
English to Italian
+ ...
x Giusy Dec 22, 2004

veramente carina e rende bene l'idea....

auguri a tutti..................


Direct link Reply with quote
 

LuciaC
United Kingdom
Local time: 04:41
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Grazie Dec 22, 2004

Rimango perplessa quanto alle norme stilistiche. In pratica la banca x si rivolge ai propri clienti in minuscolo, mentre la banca y in maiuscolo.
Tempo fa un'agenzia aveva deciso di passare al minuscolo, poi ha reintrodotto il maiuscolo 'a grande richiesta'.

Mi pare che siamo in un periodo di transizione verso il tutto minuscolo. Non ho problemi ad adattarmi all'evoluzione della lingua, una volta constatato qual è l'uso più diffuso.

Attualmente, per deviare dall'argomento, sto tenendo d'occhio anche gli apostrofi. Ho notato che molti scrivono 'anche io' e non 'anch'io' (io faccio persino fatica a pronunciarlo con la E) e noto che anche l'articolo indeterminativo femminile viene apostrofato sempre meno. Es.

un'attività 906.000 hit su Google
una attività 239.000
un'amica 170.000
una amica 26.900

Senza apostrofo è in minoranza ma tutt'altro che irrilevante.

Grazie a tutti e a Giusi in particolare per la nota di colore!

Lucia


Direct link Reply with quote
 

Giuseppina Gatta, MA (Hons)
Member (2005)
English to Italian
+ ...
anche io barzelletta (ma stavolta è vera) Dec 23, 2004

Mio figlio, quando aveva 4 anni, ascolta una conversazione fra me e un signore (ovviamente non ci davamo del tu) e dopo un po' commenta:
"Ma perché gli dai del Lei, non vedi che è un uomo?!?"


Giusi


Direct link Reply with quote
 
Lorenzo Lilli  Identity Verified
Local time: 05:41
German to Italian
+ ...
Lui Dec 23, 2004

Giuseppina Gatta wrote:

"Ma perché gli dai del Lei, non vedi che è un uomo?!?"



Eheheh, è il motivo per cui molti bergamaschi veraci danno del Lui ("lü") agli uomini


Direct link Reply with quote
 
Tal Haberman
Local time: 05:41
Italian to Hebrew
+ ...
curioso Jul 19, 2005

Pure in Veneto, almeno quello sud-orientale, si usa dare del "éa" (Lei) a una signora ed "éo" (Lui) a un signore.

Direct link Reply with quote
 

italia  Identity Verified
Germany
Local time: 05:41
Italian to German
+ ...
aneddotto personale Jul 19, 2005

Ricordo ancora il mio docente del "modulo di scrittura italiana", non faccio nomi in questa sede, che se la rideva sotto all'esame orale complimentandosi con me per il mio stile a volte troppo aulico e consigliandomi di fare a meno delle maiuscole nelle forme di Lei vi/le (e sto parlando del 1994). Lui mi spiegò che erano forme obsolete:)))
Cmq sia fatto sta che da quella volta, non mi sono mai + azzardata ad usare le MAIUSCOLE:))) e cosa peggiore quando vedo queste forme mi viene una gran voglia di fare la saccente con la bacchetta in mano:)))Scherzo ovviamente...
Ora come ora credo che si tratti di gusti personali anche se x quanto riguarda la stampa sembra che queste forme siano ormai state bandite da un bel pò.
Ho però ancora alcuni clienti che mi si rivolgono usandole:)))
Chiudo con Sciascia: A ciascuno il suo:)))
Buon lavoro a tutti e scusate lo sfogo personale:)))



[Edited at 2005-07-19 22:16]


Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

Maiuscolo nelle forme di cortesia

Advanced search






PerfectIt consistency checker
Faster Checking, Greater Accuracy

PerfectIt helps deliver error-free documents. It improves consistency, ensures quality and helps to enforce style guides. It’s a powerful tool for pro users, and comes with the assurance of a 30-day money back guarantee.

More info »
Protemos translation business management system
Create your account in minutes, and start working! 3-month trial for agencies, and free for freelancers!

The system lets you keep client/vendor database, with contacts and rates, manage projects and assign jobs to vendors, issue invoices, track payments, store and manage project files, generate business reports on turnover profit per client/manager etc.

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs