Mobile menu

interpretazione simultanea per 3 lingue.... cosa fare?
Thread poster: Silvia Baldi

Silvia Baldi  Identity Verified
Italy
Local time: 03:54
Member (2012)
English to Italian
+ ...
May 18, 2005

cari amici,

ho bisogno dell'aiuto di qualche collega piu esperto di me, riguardo ad un problema che mi sta veramente facendo rodere il fegato...

sono un'interprete alle prime armi, lavoro specialmente con inglese e ho avuto parecchi incarici come traduttrice, interprete di trattativa e consecutiva, ma mai simultanea. il prossimo weekend sono stata convocata per un grosso convegno, come interprete di simultanea inglese-italiano, che sarebbe il mio primo vero lavoro da interprete in cabina. mi sto preparando da una vita, e ci tengo particolarmente a far bene il lavoro.

l'agenzia che ha organizzato il tutto, ieri, se n'è uscita con la seguente faccenda. uno degli oratori, spagnolo, terrà il suo discorso in spagnolo, quindi io dovrei fare anche cabina di spagnolo, mentre l'interprete che sarebbe in cabina con me, che non ha spagnolo nelle sue combinazioni, dovrebbe fare relais da me verso inglese.

il problema è che l'agenzia non ha intenzione di pagarmi per il servizio extra di spagnolo. a me sembra una grossa presa in giro, visto che non c'è assolutamente nessun tipo di materiale su cui prepararsi, ho dovuto lavorare come una matta per trovare informazioni solo per l'inglese, e ora una settimana prima, se ne approfittano del fatto che sono inesperta e mi dicono che devo fare questa cosa perche non hanno soldi da spendere per un'altra coppia di interpreti.

vi sembra giusto? vi è mai capitato? cosa devo fare? la cosa ridicola è che non faccio spagnolo da tanto tempo, e in piu non ho mai fatto sim attiva (al convegno prevedono solo passiva, ma se qualcuno fa domande?). inoltre, l'altra interprete non sa lo spagnolo, e mi toccherebbe fare tutto da sola.

vi prego aiutatemi, sono veramente in difficoltà!


Direct link Reply with quote
 

Barbara Baldi  Identity Verified
Local time: 03:54
English to Italian
+ ...
Attiva di spagnolo... May 18, 2005

Cara Silvia,
anche a me è capitata una cosa simile solo che...l'ho scoperto sul posto. In pratica io che ho un retour verso il francese mi vedo proporre una simultanea verso l'inglese, cosa che posso anche fare visto che lo parlo correntemente e che ho abitato e lavorato in Inghilterra per un certo periodo ma, ho specificato all'agenzia che avrei accettato a patto che non si trattasse di una riunione tecnica. Ovviamente per vendermela mi ha assicurato che non sarebbe stato cosi' e devo dire che in questo senso è stata onesta. Il problema è sorto quando ho scoperto la composizione delle équipe: mi sono ritrovata in cabina con una ragazza che per quanto avesse un livello eccezionale in ogni sua lingua NON AVEVA L'ITALIANO MA LO SPAGNOLO per cui non poteva darmi il cambio!!! E' andato tutto piuttosto bene (il raffreddore per qualche strano motivo migliorava l'accento, non chiedermi perché dovrebbe andare cosi' con le nasali francesi) ma ad un certo punto quando la Presidente ha fatto un intervento di 45 minuti non so che avrei fatto se le colleghe - amiche della cabina italiana non fossero venute a darmi il cambio! Sarei soffocata dopo una notevole diminuzione delle prestazioni lavorative. I delegati avrebbero sentito un pof! dell'interprete collassata sul microfono. E cosa dire delle mie deliziose colleghe che avendo intuito dal mio "girare intorno" ad un termine tecnico he mi stava dando filo da torcere mi hanno persino inviato un sms per aiutarmi? Meno male che per curiosità mi ascoltavano...
Aneddoti a parte, quello che ha fatto quest'agenzia è scorretto. Io trovo che avere ben due retour alle prime armi quando devi gestire la terminologia, lo stress, la preparazione e tutto il resto sia chiedere troppo. E se dicessi loro che non puoi garantire una prestazione professionale verso lo spagnolo visto che è da un po' che non lo pratichi e che i patti iniziali erano diversi? Potresti cercare di far capire loro che se lo avessi saputo prima magari avresti potuto allenarti facendo un po' di sim verso lo spagnolo su quell'argomento ma che ora è troppo tardi.
In bocca al lupo comunque!
Barbara Baldi (non siamo parenti lo so)


Direct link Reply with quote
 

Jermena Ore
Local time: 03:54
English to Russian
+ ...
E' veramente scoretto, anzi scorettissimo!!!!! May 19, 2005

Ciao! Sono assolutamente d'accordo con la B.B.,dopo tutto potevano anche dirti da tempo che serve anche la combinazione con lo spagnolo...! Adesso è veramente tardi a prepararti,poi c'è un decreto legislativo (mi spiace, ma non posso precisare in questo momento n.D.to L.vo ecc.)sul tema "...l'agenzia deve avere 1 interprete sim. per ogni combinazione....è ciò vuol dire che non possono farti lavorare per 2 combinazioni (questo è in caso se loro insistono: la legge lò proibisce)!!! Mi è capitato un convegno dove dovevo fare sim.russo>italiano, io anche ero pronta (ed anche detto questo) di fare la sim. viceversa, ma solo allora ho saputo che le coombinazioni anche se sempre fra solo 2 lingue non erano permessi... La Legge!!! Figuriamoci fra 3...!!!!! Sono sicura che farai tutto ciò che devi nel modo perfetto ed anche risolverai la situazione....Un abbraccio di solidarietà! Jermena da Trieste.

Direct link Reply with quote
 

Silvia Baldi  Identity Verified
Italy
Local time: 03:54
Member (2012)
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Grazie per il sostegno! May 19, 2005

Care colleghe,

innanzi tutto vi ringrazio per il vostro sostegno.

avevo la certezza quasi assoluta di essere nel giusto, però data l'inesperienza avevo il timore di sembrare "pigra" nel non voler accettare l'incarico anche per lo spagnolo. Alla fine ho fatto capire le mie ragioni all'agenzia: l'oratore spagnolo parlerà nel suo italiano stentato, quindi dovremo fare l'attiva (ancora non si sa in che lingua parleranno gli oratori stranieri...), ma questo è sicuramente meglio che improvvisare un servizio approssimativo.

Jermena, siamo concittadine! quindi immagino che anche tu ti sia scontrata più volte con la dura realtà professionale della nostra città. in questo periodo ho preso una serie interminabile di batoste... quando ho deciso di iniziare, mi sono imposta il dovere di documentarmi il più possibile sugli aspetti più pratici della professione (tariffe, codice "deontologico", aspetti tecnici), per essere preparata a qualsiasi evenienza. ora mi rendo conto di aver fatto bene.

vi ringrazio ancora per i vostri commenti, mi hanno davvero infuso coraggio.

a presto,
silvia


Direct link Reply with quote
 

Elena Simonelli  Identity Verified
Italy
Local time: 03:54
English to Italian
+ ...
simultanea inglese<>italiano May 27, 2005

Ciao Silvia e ciao a tutti i colleghi,
leggo ora con interesse che la simultanea in due lingue non è ammessa...
Stavo cercando nel forum argomenti simili perché mi hanno appena chiamata per fare simultanea in un congresso italiano-inglese e viceversa. Io ho detto che non me la sentivo di fare entrambe saltabeccando da una lingua all'altra; non so... magari avrei anche potuto, ma così su due piedi non mi sono azzardata...
Insomma, quando ho detto a questo signore che dovrebbe esserci un'interprete di madrelingua inglese che faccia italiano>inglese mi ha trattata come una somara; poi quando gli ho chiesto più informazioni sulla dinamica del congresso, si è seccato e mi ha liquidata bruscamente con "ci faremo vivi noi".
Allora mi confermate che è giusto non fare la traduzione nelle due lingue? succede così spesso che lo chiedano?
Grazie e tutti e buon lavoro.
Elena


Direct link Reply with quote
 

Barbara Baldi  Identity Verified
Local time: 03:54
English to Italian
+ ...
interpretazione Jun 5, 2005

Ciao Elena,
non è facile rispondere in modo netto perché un conto sono le condizioni di lavoro ideali ed un conto è la realtà.
Fare una simultanea dall'italiano verso un'altra lingua non è un reato. Se uno se la sente, se ha passato molti anni nel paese in cui si parla quella lingua, se (beato lui) è bilingue perché no? Detto questo alla scuola interpreti di Trieste ho visto studenti che non avevano nessuno di questi requisiti fare delle ottime simultanee verso l'inglese e il francese (gli altri dipartimenti non li conosco visto che non parlo russo né cinese o sloveno).
Il mercato italiano richiede molto un retour verso una lingua straniera e a volte persone come me e te si fanno mille scrupoli per poi scoprire che chi si butta fa anche un lavoro meno buono del nostro. Io direi di lanciarsi con le debite precauzioni, informarsi bene sull'argomento, valutarne la tecnicità e assicurarsi che ci sia un collega che può darci il cambio (questa è una condizione che le agenzie italiane devono imparare a considerare fondamentale).
Per concludere non direi drasticamente che una simultanea verso una lingua straniera non è ammessa, resta pur sempre il fatto che un madrelingua farà comunque meglio (spesso però quest'argomentazione non è tanto presa in considerazione da chi forma le équipe e vuole risparmiare sul numero degli interpreti da assumere).
Concludo con una battura: a volte è difficile spiegare ad un profano perché traduco verso il francese in simultanea (vivo in paesi francofoni dal 1988) ma non per scritto..."scripta manent verba volant"? O come diceva la mia Prof. a Trieste Lidia Meak "l'interpretazione è un male necessario" per cui potrei concludere se proprio si deve fare un retour lo si fa, ma se c'è un madrelingua è meglio. Detto questo a me il retour non dispiace anzi, mi diverte nella maggior parte dei casi, metto alla prova il mio francese e soprattutto capisco tutto dalla lingua di partenza (salvo oratori destrutturati). E poi diciamolo sono già stati versati fiumi d'inchiostro sul dilemma "meglio un madrelingua o no"? Pare che prima della cadura del muro di Berlino nell'ex URSS usassero per le relazioni internazionali solo intepreti russi perché non si fidavano di noi per cui queste persone facevano sempre un retour. Resta da vedere anche che cosa si cerca: un madrelingua con uno stile sicuro ed elegante o uno straniero con un po' d'accento che però capisce la sua lingua di partenza alla perfezione ma non garantisce un output perfetto?
L'argomento mi appassione e vedo che come sempre mi sono lasciata andare a troppe disquisizioni....
Barbara


Direct link Reply with quote
 

Giuseppe Randazzo  Identity Verified
Italy
Local time: 03:54
French to Italian
+ ...
int. attiva Jun 6, 2005

Ciao Elena,
Ciao a tutti,

Sul mercato privato viene richiesto quasi sempre il retour e a volte addirittura un retour da una lingua C. "purtroppo" il mercato italiano (ma non solo credo) funziona cosi e non si può sperare di lavorare solo verso l'italiano da una lingua B.
E' anche vero che è meglio dire di no se non si è sicuri o se si pensa di non essere in grado di fare un'attiva perché si rischia di compromettersi e di non essere piu' chiamati neanche per la passiva...In base a quello che ho avuto modo di sperimentare, funziona molto a passaparola per cui può capitare di fare una passiva eccezionale ma di fare un retour mediocre che ci si ricorda solo di quello fatto male..Non sempre per fortuna...Come dice giustamente Barbara, il retour ha i suoi pro. Si capisce perfettamente la lingua di partenza e conoscendo bene la lingua d'arrivo si riescono a volte a trovare delle strategie e delle soluzioni migliori rispetto alla passiva... Mi è capitato spessissimo di fare meglio l'attiva della passiva...

Barbara,
saggia donna la Meak..Peccato che io l'ho conosciuta come "osservatrice" durante le lezioni della altrettanto mitica Falbo! Le proff di francese a TS sono davvero delle grandi!
Dopo questa pubblicità;)... Barbara, hai visto che sto organizzando un Powwow a TS? Non riesci a venire?

Buon lavoro a tutti,
Giuseppe


Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

interpretazione simultanea per 3 lingue.... cosa fare?

Advanced search






memoQ translator pro
Kilgray's memoQ is the world's fastest developing integrated localization & translation environment rendering you more productive and efficient.

With our advanced file filters, unlimited language and advanced file support, memoQ translator pro has been designed for translators and reviewers who work on their own, with other translators or in team-based translation projects.

More info »
PDF Translation - the Easy Way
TransPDF converts your PDFs to XLIFF ready for professional translation.

TransPDF converts your PDFs to XLIFF ready for professional translation. It also puts your translations back into the PDF to make new PDFs. Quicker and more accurate than hand-editing PDF. Includes free use of Infix PDF Editor with your translated PDFs.

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs