Mobile menu

Discriminati i lettori di lingue nelle Università italiane
Thread poster: Giuseppina Gatta, MA (Hons)

Giuseppina Gatta, MA (Hons)
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Dec 12, 2005

Da Repubblica di oggi (ma no, non ci posso credere, un Paese come l'Italia, che ama e rispetta la cultura e le lingue, sarà l'invenzione di qualche com1ista...)

Sta per arrivare all'Italia una multa da 310mila euro al giorno per irregolarità sul nuovo contratto che molte università non riescono a correggere
"Discriminate i lettori di lingue"
Scontro ciclopico tra Italia e Ue
di LUDOVICO FRAIA




I lettori di lingua straniera nelle università? Discriminati nelle università italiane, dicono le istituzioni europee e insistono gli inglesi. Non è vero, rispondono gli italiani. Questo l'oggetto di una guerra ciclopica (e anche molto costosa) in corso prima tra Stato italiano e Commissione europea appoggiata dal Regno Unito - con coinvolgimento di sei università italiane, oltre che del Governo e del Parlamento della Repubblica. Possibilità di risolverla, per ora, pochissime.

Agli atti risulta che in ben sei università (della Basilicata, di Milano, di Palermo, di Pisa, di Roma "La Sapienza" e presso l'Istituto universitario orientale di Napoli) non è stata mai riconosciuta ai collaboratori linguistici, in termini di trattamento economico e previdenziale, l'anzianità di servizio che essi avevano acquisito quando erano lettori di lingua straniera, cioè prima della legge 236 del 1995 che li ha trasformati in collaboratori linguistici, con un'innovazione lessicale non priva di ingegno. In sostanza: sono stati sì assunti con contratti legali, ma come se prima non avessero mai lavorato e come non sarebbe mai potuto succedere a un cittadino italiano.

Una prima condanna per questa situazione l'Italia l'ha avuta il 26 giugno del 2001: la Corte di giustizia (che ha sede nel Lussemburgo, ma prende decisioni vincolanti per tutti i Paesi dell'Unione e quindi anche per l'Italia) ha dato torto all'Italia e ragione alla Commissione (e quindi agli ex lettori). Ma l'Italia non si è adeguata: anzi, per la verità, ha sollecitato le università ad adeguarsi, è intervenuta per cambiare il contratto universitario e perfino ha varato un decreto-legge (poi convertito dal Parlamento) con il quale si imponeva alle università inadempienti di ricostruire la carriera degli ex lettori, assimilandoli economicamente ai ricercatori confermati a tempo definito. Ma il Governo italiano dice che non ci può fare niente se sindacati e università non riescono a mettersi d'accordo sui nuovi contratti.


La Commissione europea, invece, è irremovibile: l'Italia deve adeguarsi e rimuovere chiaramente la discriminazione sulla base della cittadinanza e, se non lo fa, deve essere condannata. Uno scontro ciclopico, in parte inspiegabile e apparentemente senza soluzione: perché, anche se le carte non lo dicono, è probabile - ricorrendo all'italica dietrologia - che qualcuno nel mondo accademico o nelle mafie universitarie si opponga a questa equiparazione totale degli ex lettori. Tanto che l'ultima udienza dello scontro al Lussemburgo il 15 novembre scorso è stata malinconicamente senza novità e la decisione della Corte, che dovrebbe essere nei primi mesi del 2006, non si annuncia benevola.

Ebbene, che succede se l'Italia viene condannata? Una condanna europea - checché se ne possa pensare - non è proprio una grida manzoniana. L'Italia rischia una di quelle terribili sanzioni quotidiane che la Corte di giustizia europea riserva da qualche anno agli Stati meno rispettosi delle decisioni dei suoi giudici: lo Stato membro dell'Unione europeo non si adegua? Bene da oggi dovrà pagare ogni giorno una multa all'Europa fino a quando non ci ripenserà. Una delle prime vittime fu la Grecia, colpita per non aver sanato secondo le regole europee una discarica illegale di rifiuti urbani (compresi oli usati e batterie) nel vallone di un innocente torrente dal nome di Kouruoupitos. Una mancanza di riguardo verso la Corte (e soprattutto verso l'ambiente) costata alla Grecia, dal luglio 2000 al marzo 2001 (epoca di chiusura del sito infernale) la bellezza di 5 milioni e 400mila euro. Soldi che sono stati regolarmente sborsati.

L'Italia rischia una multa molto pi√Ļ pesante (309mila 750 euro al giorno) per aver trattato o, meglio, per aver lasciato che le universit√† trattassero i lettori di lingua straniera come lavoratori di serie B.
(12 dicembre 2005)


Direct link Reply with quote
 

Hilaryc78  Identity Verified
Local time: 09:24
German to Italian
+ ...
che vergogna! Dec 14, 2005

Ma perchè queste cose succedono solo da noi?

Non mi capita mai di leggere che all'estero succedono cose simili....

Certe volte mi chiedo: perch√® sono tornata a casa? Stavo tanto bene quando studiavo e lavoravo all'estero, dove tutto √® pi√Ļ semplice e trasparente.



Ilaria


Direct link Reply with quote
 
Marcela MF
Italy
Local time: 09:24
English to Romanian
+ ...
purtroppo Dec 14, 2005

Hilaryc78 wrote:

Ma perchè queste cose succedono solo da noi?




Ciao Ilaria,

ho letto recentemente un articolo che mi ha fatto molto, molto pensare...."Addio, Dolce Vita, Nov 24th 2005, From The Economist
For all its attractions, Italy is caught in a long, slow decline...".
http://www.economist.com/surveys/displaystory.cfm?story_id=5164061

Nell'ultimo numero della stessa rivista ho letto che la crescita economica dell' Italia e' pari allo "0"...penso che tutto gira intorno all'economia.
Quando l'economia va bene in un paese non capitano cose di questo tipo...."Discriminazioni per i lettori di lingue", ma qui la coperta e' corta, non ci sono posti neanche per gli italiani (vedi articolo)
http://www.repubblica.it/online/scuola_universita/fugacervelli/fugacervelli/fugacervelli.html

Purtroppo, credo che questa sia la spiegazione.

Saluti,
Marcela


Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

Discriminati i lettori di lingue nelle Università italiane

Advanced search






Protemos translation business management system
Create your account in minutes, and start working! 3-month trial for agencies, and free for freelancers!

The system lets you keep client/vendor database, with contacts and rates, manage projects and assign jobs to vendors, issue invoices, track payments, store and manage project files, generate business reports on turnover profit per client/manager etc.

More info »
SDL Trados Studio 2017 Freelance
The leading translation software used by over 250,000 translators.

SDL Trados Studio 2017 helps translators increase translation productivity whilst ensuring quality. Combining translation memory, terminology management and machine translation in one simple and easy-to-use environment.

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs