Mobile menu

validità della fattura proforma
Thread poster: Daniela Zambrini

Daniela Zambrini  Identity Verified
Italy
Local time: 06:51
Member (2005)
English to Italian
+ ...
May 22, 2006

Ciao a tutti,
avrei bisogno della vostra opinione.

Da circa un anno lavoro con un'agenzia italiana che ultimamente necessita di svariati solleciti prima di effettuare il pagamento. E fin qui, nulla di nuovo sotto il sole (purtroppo).

Sto facendo per loro un lavoro piuttosto grande (che finirò per fortuna entro la fine del mese) ed ho deciso comunque che questa sarà la mia ultima collaborazione.

La cosa strana è che oggi, insieme alla conferma che in giornata avrebbero finalmente provveduto al bonifico per i lavori passati (anche se il 31 maggio già dovrebbe entrare un altro pagamento ancora) ho ricevuto un mssaggio via e-mail in cui mi si chiedeva per i prossimi lavori (dunque quello che sto ultimando) di NON mandare fatture proforma, "semplicemente l'elenco dei lavori con l'imponibile" e che il calcolo di INPS e IVA l'avrebbero fatto poi loro.

Ora, quello che mi chiedo è: che valore ha una fattura proforma? Io normalmente ne genero una in automatico con i miei ed i loro dati contabili, con le prestazioni, le tasse, la dicitura relativa alla ritenuta d'acconto non applicabile per la legge 388, la dicitura indicante che quella definitiva sarà emessa in data del pagamento ecc ecc.

Poi, quando mi viene confermato il bonifico emetto la fattura con la data dell'effettivo pagamento e la numerazione.

Nessuno si è mai lamentato, ma mi sorge un dubbio circa il valore della fattura proforma:
1- se contiene tutti i dati fiscali dell'emittente e del destinatario immagino che sia valida
2- se non li contiene immagino che sia "un po' meno valida" e che io possa correre il rischio di faticare ancora più del solito prima di vedere i soldi.

A questo punto potrei mandare una raccomandata contenente direttamente la fattura definitiva e la dicitura "
In caso di pagamento oltre i 30 giorni data fattura decorreranno, senza necessità di intimazione o messa in mora, gli interessi sugli importi scaduti calcolati su base annua in misura pari al tasso legale corrente aumentato di cinque punti (D. L. del 9 ottobre 2002, no. 231, in attuazione della direttiva 2000/35/ce)."
Ma se poi non dovessi vedere i soldi, quella fattura emessa e numerata la dovrei comunque calcolare per il pagamento delle tasse...

Insomma, sarà che è tardi, sarà che sono stanca, ma temo che mi sfugga qualcosa ed avrei veramente bisogno di un vostro consiglio in materia.

Grazie! Sconsolatamente, D.





[Edited at 2006-05-23 06:52]


Direct link Reply with quote
 

Christel Zipfel  Identity Verified
Partial member (2004)
Italian to German
+ ...
La fattura proforma ha la stessa validità di una fattura "normale" May 22, 2006

per quanto ne sappia io. Purtroppo non ho trovato niente in merito in rete.

Le mie esperienze pratiche sono sicuramente datate, ma quando ho lavorato, un secolo fa, in un ufficio import-export, dopo l'ordine del cliente veniva emessa la fattura proforma, questi avviava le procedure per l'apertura della lettera di credito, la banca dava il benestare (appunto in base alla fattura proforma) e si procedeva all'imbarco della merce. Dopodiché, la banca pagava e quindi si rilasciava la fattura definitiva. Non credo che le cose siano cambiate nella sostanza da allora.

Ora noi non dobbiamo imbarcare (per fortuna) le nostre traduzioni, ma mi sembra che il concetto sia del tutto identico: io fornitore emetto una fattura proforma di fronte alla quale tu cliente mi paghi, anche se nel nostro caso non ci sono lettere di credito di mezzo. Basta che la fattura proforma sia in tutto e per tutto identica alla fattura definitiva, cioè contenga tutti i dati che dovrebbe contenere una fattura per così dire regolare. In fin dei conti, cambia solo il nome, ma la sostanza rimane: tu cliente di fronte a questa fattura mi devi pagare, che si chiami fattura proforma o fattura no. xxxx.

Ho risposto alla tua domanda sulla validità di tale fattura secondo scienza e coscienza - non sono una commercialista:-).

Per quanto riguarda il comportamento del tuo cliente, purtroppo non ti so dire. Mi sembra strano che non vogliano più nemmeno una fattura proforma, come si fa a stabilire quando è dovuto il pagamento?

Ciao Daniela e in bocca al lupo:-)

[Bearbeitet am 2006-05-22 22:37]


Direct link Reply with quote
 
Valentina_D  Identity Verified
Local time: 06:51
Member
English to Italian
+ ...
d'accordo con Christel May 22, 2006

Sostanzialmente mi trovo d'accordo, aggiungo alcune considerazioni:

1. La fattura pro-forma è un avviso di pagamento, del tutto valido, e serve, appunto, per avvisare il cliente del pagamento che deve effettuare nei tuoi confronti.
E' uno strumento valido, come saprai, per evitare di anticipare l'Iva a fine trimestre (se sei in regime ordinario) quando il cliente non ti ha ancora pagato. Funziona benissimo se non hai problemi con il tuo cliente...ed è questo il punto: mi pare che l'agenzia faccia la furbetta, non si capisce perché non debba più accettare le tue proforma se lo aveva già fatto in precedenza, e questo mi 'puzza' parecchio.
Poi, mandare la lista dei lavori con l'imponibile e lasciare calcolare a loro gli altri oneri mi pare francamente assurdo e inaccettabile..

2. Se loro proprio non la vogliono, manda una fattura (magari aggiungendo la dicitura relativa agli interessi). In caso, speriamo di no, che non dovessero pagartela, puoi sempre 'annullarla', se ti servisse, emettendo una nota di credito (chiedi al tuo commercialista in caso). Certo, è scomodo (io l'ho fatto una volta), però è meglio emetterla comunque, almeno presenti all'agenzia un documento fiscale valido e li inchiodi alle loro responsabilità o se non altro hai una pezza d'appoggio valida in caso dovessi adire le vie legali per il recupero della somma dovuta.

3. Ultima nota: anche se emetti fattura e poi non la incassi, non è un problema per il calcolo delle tasse. Come dice il mio commercialista, noi siamo liberi professionisti e non 'rozzi artigiani' (scherzando, ovvio!;)) e per noi vale la regola che si pagano le tasse sull'incassato e non sul fatturato.
Questo dovrebbe essere un punto fermo, non credo che cambi da un regime fiscale all'altro (io sono in regime ordinario, non agevolato).

Infine: un grosso in bocca al lupo, non ti scoraggiare mai (io nel caso che ti citavo prima, ho incassato, anche se parzialmente, dopo oltre un anno..).

ora me ne vado a dormire..uh.. si vede proprio che oggi la mia voglia di lavorare era al massimo...:(

Vale


Direct link Reply with quote
 

María José Iglesias  Identity Verified
Italy
Local time: 06:51
Italian to Spanish
+ ...
Concordo con Valentina... May 22, 2006

...in tutto. L'hai spiegato benissimo
In più direi che la "furberia" sta nel fatto che se tu emetti una fattura e non la proforma, loro si scaricano l'IVA prima. Per questo molte agenzie non accettano - o non amano - le proforme. Anche se il traduttore ha pieno diritto di farlo.
Certo, emettere una vera fattura anziché l'avviso di fattura ti "protegge" in qualche modo nel caso l'agenzia pensi di non pagarti e tu di iniziare un' ingiunzione per il recupero del credito. Ottenere un pagamento per una fattura che non è mai stata emessa è sempre più difficile.
Speriamo ti paghino, Daniela!


Direct link Reply with quote
 

Francesca Pesce  Identity Verified
Local time: 06:51
Member (2006)
English to Italian
+ ...
strana agenzia May 23, 2006

Mi sembra una richiesta assurda dell'agenzia!
Intendo dire che se per qualche motivo loro preferiscono una strada ad un'altra, devono alzare il telefono e chiedertelo gentilmente, dandoti le dovute spiegazioni della richiesta.

Non possono "ordinarti" per email di seguire la strada che vogliono loro.

Magari, visto che non sono loro le persone gentili, prova a perdere 5 minuti di tempo e chiamarli, chiedendo loro i motivi della richiesta. A quel punto devono dartene e devono essere plausibili. Non possono certo essere della serie "così se non ti paghiamo tu hai meno strumenti in mano per far valere i tuoi diritti"....

Inoltre, io suggerisco che prima di consegnare questo grosso lavoro tu verifichi che sia arrivato il bonifico per i lavori precedenti.

Dopo di che, se non hai interesse a continuare a lavorare per loro, non glielo far capire, irrigidendo in maniera palese il tuo comportamento. Della serie, sii rigida ma non darglielo a vedere che non hai intenzione di lavorare + per loro, altrimenti se sono scorretti col cavolo che ti pagano (oxford!). Tanto tu non hai molti strumenti utili per recuperare alcun credito (che non sia di importo molto rilevante).

un bacio e buon lavoro


Direct link Reply with quote
 

T F F  Identity Verified
Italy
Local time: 06:51
English to Italian
Disagree May 23, 2006

Scusate, ma io sono parzialmente in disaccordo con quanto leggo...

Qui si parla di "validità della fattura proforma"...
...Ma "validità" in che senso?
La fattura proforma - per definizione - non ha alcun valore commerciale! Se lo avesse, sarebbe un vero e proprio documento fiscale, cosa che non è!

Tralasciando il caso della "lettera di credito", la fattura proforma andrebbe considerata come un promemoria...un modello su cui deve basarsi il rapporto di pagamento: il venditore dice al compratore: "Allora, una volta conclusasi le vendita / maturata la scadenza di pagamento, la dazione di danaro dovrà avvenire secondo questi elementi...leggi e se ci sono problemi discutiamone ora, prima che io emetta una fattura commerciale con conseguente iscrizione all'attivo delle relative somme (e conseguente pagamento di tasse sull'imponibile!)"

Infine, Tiny...Io disagree con il tuo commercialista:) :nel senso che approvo il ragionamento di fondo che lui fa, ma ahimè, le tasse Devi pagarle, lo stesso, a meno che ottieni un provvedimento giudiziario che accerta il mancato pagamento a cui pur avevi diritto e per cui hai emesso fattura, col piffero che puoi scrivere al passivo le somme non ricevute...

Concludendo il tuo cliente sembra dire: è inutile che mi mandi ste fatture proforma...Mi basta che mi ricordi le somme che devi avere (gli imponibili), poi l'amministrazione si mette lì e fa tutti i conti."...A me viene da pensare, soprattutto se la società non è tanto grande, che il loro ragioniere / commercialista abbia detto al pm: "sentite, dite a questa di non mandare tanti documenti, che qui si fa casino: lo so fare il calcolo di inps e iva!...Organizziamoci in modo tale che i traduttori mandino un promemoria di quello che devono ricevere per i progetti svolti, poi quando il pagamento è maturo, ci mandano la fattura e noi la paghiamo!"

Capisco la tua preoccupazione di mettere in chiaro le cose subito...ma ci vuole un po' di pazienza! Del resto una volta che hai controllato che la somma sul PO è giusta, e che hai specificato che fatturerai il contributo inps, è effettivamente inutile che ti preoccupi di mandare una fattura proforma: iva ed RA si calcolano in modo del tutto automatico...non c'è possibilità di equivoco tale da giustificare una fattura proforma.

Come al solito non rileggo...quindi scusa gli errori!
Ciao,
Renato


Direct link Reply with quote
 
Valentina_D  Identity Verified
Local time: 06:51
Member
English to Italian
+ ...
esatto May 23, 2006

[quote]María José Iglesias wrote:

In più direi che la "furberia" sta nel fatto che se tu emetti una fattura e non la proforma, loro si scaricano l'IVA prima. Per questo molte agenzie non accettano - o non amano - le proforme.

È proprio questo il punto! È questo quello che è capitato a me, e sospetto che sia un trucco che adottano tante agenzie poco corrette.


Direct link Reply with quote
 
Valentina_D  Identity Verified
Local time: 06:51
Member
English to Italian
+ ...
anch'io 'disagree' in parte (con simpatia eh!)! ;) May 23, 2006

Renato Renno wrote:

Qui si parla di "validità della fattura proforma"...
...Ma "validità" in che senso?
La fattura proforma - per definizione - non ha alcun valore commerciale! Se lo avesse, sarebbe un vero e proprio documento fiscale, cosa che non è!

Sì, scusa, forse la parola 'validità' non è molto appropriata...
Io intendevo dire semplicemente che Daniela è del tutto legittimata a emettere una fattura proforma, non vedo motivi plausibili per cui l'agenzia non debba accettarla (se non per quello menzionato da María Jose).
Io emetto sempre fatture proforma per l'Italia, visti i tempi spesso lunghetti di pagamento...non esiste che io anticipi l'Iva per nessuno!!

Tralasciando il caso della "lettera di credito", la fattura proforma andrebbe considerata come un promemoria...un modello su cui deve basarsi il rapporto di pagamento: il venditore dice al compratore: "Allora, una volta conclusasi le vendita / maturata la scadenza di pagamento, la dazione di danaro dovrà avvenire secondo questi elementi...leggi e se ci sono problemi discutiamone ora, prima che io emetta una fattura commerciale con conseguente iscrizione all'attivo delle relative somme (e conseguente pagamento di tasse sull'imponibile!)"

Esatto: è un 'avviso di pagamento' come spero di aver detto nel mio primo post.

Infine, Tiny...Io disagree con il tuo commercialista:) :nel senso che approvo il ragionamento di fondo che lui fa, ma ahimè, le tasse Devi pagarle, lo stesso, a meno che ottieni un provvedimento giudiziario che accerta il mancato pagamento a cui pur avevi diritto e per cui hai emesso fattura, col piffero che puoi scrivere al passivo le somme non ricevute...

Guarda, premesso che in Italia pare che ogni commercialista dica tutto e il contrario di tutto, nell'ultimo bilancino che mi sono fatta dare da lui poco tempo fa, per i redditi del 2005, vengono calcolate solo le somme effettivamente incassate entro quell'anno (cioè la fattura è di dicembre ma il pagamento è avvenuto a gennaio dell'anno dopo, vengono calcolate come incassate nel nuovo anno)...Non so voi, ma a me chiede regolarmente le date di incasso di ogni fattura.
Se poi la somma non viene mai incassata, è un altro paio di maniche (a me alla fine non è successo), io la nota di credito l'avevo emessa per 'scalare l'Iva' che avevo comunque versato emettendo una fattura definitiva, lì e lì pensavo che servisse anche ai fini delle tasse, ma probabilmente hai ragione tu..
Rileggendo il post e pensandoci su, forse non sono stata molto chiara...(scrivi scrivi a ore tarde!)


Concludendo il tuo cliente sembra dire: è inutile che mi mandi ste fatture proforma...Mi basta che mi ricordi le somme che devi avere (gli imponibili), poi l'amministrazione si mette lì e fa tutti i conti."...A me viene da pensare, soprattutto se la società non è tanto grande, che il loro ragioniere / commercialista abbia detto al pm: "sentite, dite a questa di non mandare tanti documenti, che qui si fa casino: lo so fare il calcolo di inps e iva!...Organizziamoci in modo tale che i traduttori mandino un promemoria di quello che devono ricevere per i progetti svolti, poi quando il pagamento è maturo, ci mandano la fattura e noi la paghiamo!"

Comunque non sono affatto d'accordo: perché mai io dovrei lasciare all'agenzia il compito di calcolarmi Iva e Inps??
Sono io che esigo il pagamento, e sono io che stabilisco le somme (ovviamente secondo quanto previsto dalle relative norme!). A me non è mai, dico, mai capitata una richiesta simile! E se poi questi sono in malafede, e volutamente sbagliano qualche cifra, poi vai avanti anni e anni a chiarire le cose, dando loro il vantaggio di pagarti dopo anni luce.. (scusate, sarò prevenuta, ma a me è capitato proprio questo, per una contestazione sulla ritenuta d'acconto siamo andati avanti un anno e mezzo!)

Capisco la tua preoccupazione di mettere in chiaro le cose subito...ma ci vuole un po' di pazienza! Del resto una volta che hai controllato che la somma sul PO è giusta, e che hai specificato che fatturerai il contributo inps, è effettivamente inutile che ti preoccupi di mandare una fattura proforma: iva ed RA si calcolano in modo del tutto automatico...non c'è possibilità di equivoco tale da giustificare una fattura proforma.

Ammetto che non sono ottimista come te, Renato, e l'unico . per fortuna - problema di pagamento mi ha fatto rizzare le orecchie da allora...
Quando c'è qualche segnale 'strano' da parte del cliente, mi insospettisco..
Poi mi pare che questo cliente non sia ineccepibile dal punto di vista della correttezza nei pagamenti, e mi pare di aver capito che in passato accettavano le tue proforma, da qui la mia 'sensazione strana'.. (concordo con Francesca sul fatto di non inasprire ulteriormente i toni con l'agenzia, dicendo che questo comunque sarà l'ultimo lavoro per loro)
Mi auguro naturalmente di sbagliarmi, ci mancherebbe!

Infine: è ovvio che non sono un'esperta, queste sono solo le mie considerazioni personali...

ciao a tutti





Direct link Reply with quote
 

Daniela Zambrini  Identity Verified
Italy
Local time: 06:51
Member (2005)
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
In attesa di spiegazioni da parte dell'agenzia... May 23, 2006

...Grazie a tutti delle risposte.

Intanto, ho risolto sia con gli arretrati che con il pagamento di fine maggio: mi hanno sorpreso pagandolo..in anticipo di una settimana. E questo già mi consola

Per quel che riguarda le motivazioni della loro richiesta, sono in attesa di una risposta che chiarisca le mie perplessità.
Se non dovessi essere convinta, vorra dire che manderò una fattura proforma senza chiamarla così.

Renato Renno wrote:

Scusate, ma io sono parzialmente in disaccordo con quanto leggo...

Qui si parla di "validità della fattura proforma"...
...Ma "validità" in che senso?
La fattura proforma - per definizione - non ha alcun valore commerciale! Se lo avesse, sarebbe un vero e proprio documento fiscale, cosa che non è!

(...) la fattura proforma andrebbe considerata come un promemoria...un modello su cui deve basarsi il rapporto di pagamento:




La intitolerò solo "promemoria per il pagamento" ed indicherò le stesse identiche cose che ho sempre messo (inclusi i miei ed i loro dati fiscali) ed inclusa la dicitura sulla penale che dovrebbe (!) servire da deterrente per ulteriori ritardi.

Ulteriori commenti, suggermenti e consigli sono benvenuti!

D.


Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

validità della fattura proforma

Advanced search






CafeTran Espresso
You've never met a CAT tool this clever!

Translate faster & easier, using a sophisticated CAT tool built by a translator / developer. Accept jobs from clients who use SDL Trados, MemoQ, Wordfast & major CAT tools. Download and start using CafeTran Espresso -- for free

More info »
LSP.expert
You’re a freelance translator? LSP.expert helps you manage your daily translation jobs. It’s easy, fast and secure.

How about you start tracking translation jobs and sending invoices in minutes? You can also manage your clients and generate reports about your business activities. So you always keep a clear view on your planning, AND you get a free 30 day trial period!

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs