Mobile menu

Pages in topic:   [1 2] >
Capita anche a voi di sentirvi vittime dei revisori?
Thread poster: Teresalba

Teresalba
Italy
Local time: 09:15
English to Italian
+ ...
Jun 10, 2006

Ieri, un'agenzia UK mi ha chiesto se mi avrebbe fatto piacere leggere il feedback del revisore su una mia traduzione.
Già la sola domanda mi ha mandato in agitazione: vorranno farmi sapere con questo sistema che ho fatto uno schifo di traduzione???
Col fiato sospeso ho risposto di sì, ed eccola lì, la 'sentenza', in meno di un minuto: "there are just a few changes, it was a good translation, except for a couple of things (xxx is not the same as "zzz", as well as the prepositions of the verb "yyy" which tended to be the same as in English - and not always it is correct in Italian)."
AAAARGHHH! Non so dirvi quanto un così moderato giudizio mi abbia fatto male. Forse avrei voluto leggere qualcosa come "traduzione eccelsa, perfetta e in quanto tale non giudicabile" - Il fatto è che razionalmente mi ritengo perfetta padrona dell'italiano, ottima ed esperta conoscitrice dell'inglese, ineccepibile correttrice... etc. Ma mi pare anche evidente che irrazionalmente non sono poi tanto sicura di me, se posso andare in crisi per quel genere di obiezioni.
Ah, c'è da dire anche che quando capita a ME di fare revisioni, sono assai saccente: correggo di tutto, dagli spazi imperfetti agli accenti, dalla sintassi ai modi di dire se non mi sembrano più che appropriati. Insomma, lo ammetto, il traduttore originale ne esce sempre piuttosto malconcio, e la cosa (sono sadica?) NON mi dispiace - sarà forse perché fa risaltare la MIA competenza. Tuttavia, lo stesso trattamento, applicato a me, mi appare oltremodo ingiusto.
Le domande sono due
a) Sono normale?
b) Siete a conoscenza di trucchi per rendere perfette e inattaccabili le proprie traduzioni? (lo so, questa è scema, ma... non si sa mai!!)
ciao, e buona fine settimana a tutti
Teresa


Direct link Reply with quote
 
giogi
Local time: 08:15
Mi capita spesso Jun 10, 2006

di revisionare traduziono per una casa editrice molto seria e conosciuta che lavora così:
Io revisiono, loro mandano il mio feedback al traduttore, sempre che lui/lei lo voglia e poi loro mandano il feedback del traduttore a me, sempre che ci siano correzioni.
in genere correggo gli errori di comprensione (e talvolta ce ne sono) e la sintassi contorta, Non correggo mai secondo il mio gusto personale, un po' come faccio per i paper dei miei studenti, insomma. E se lofaccio ( esempio cercando di eliminare i passivi che in Italiano sono pesanti, o accorciando le frasi) non lo segnalo mai come "errore" del traduttore, ma faccio presente che si tratta soltanto di una questione stilistica. Non siamo tutti uguali, no?
Sappi però che in genere revisiono testi letterari o comunque narrativi, mai traduzioni tecniche.
Mi ha incuriosito il commento sulla preposizioni del verbo. Qui non si scappa; se tu ritieni che le proposizione sia quella corretta, perchè non farglielo sapere ovviamente motivando? Che cosa vuol dire "tended" e "not always"? Hai cambiato la preposizione dello stesso verbo più volte nel corso del teso? Qualche volta è giusta e qualche volta no? Non è che sia chiarissimo, ecco. "Tended" e "not always" non hanno certo una connotazione negativa qui; e cosa stanno a indicare?

Questa è la mia esperienza, non so dirti altro e ti abbracci
Giovanna


Direct link Reply with quote
 
Alfredo Tutino  Identity Verified
Local time: 09:15
English to Italian
+ ...
Auto-lavaggio del cervello? Jun 10, 2006

Temo che la sola cosa da fare sia mettersi davanti allo specchio più volte al giorno e ripetere con costanza degna di miglior causa:

"Dopotutto, sembra proprio che anch'io sia solo un essere umano"

(con variazioni sul tema).

Io ogni tanto, soprattutto quando sono molto stanco, ci casco; e comunque, cinquantadue anni e molte batoste dopo, riesco abbastanza spesso a fare passabilmente finta...

e qualche volta, incredibile dictu, capita persino che qualcuno mi insegni qualcosa davvero...




NB. Tengo a far notare che le mie traduzioni sono SEMPRE perfette (senza trucchi); inattaccabili no, con tutti gli incompetenti presuntuosi che ci sono in giro!



Peraltro, se persino Omero ogni tanto sonnecchiava...

[Edited at 2006-06-10 11:06]

[Edited at 2006-06-10 11:06]


Direct link Reply with quote
 

Mario Cerutti  Identity Verified
Japan
Local time: 17:15
Italian to Japanese
+ ...
Dannazione ai revisori... Jun 10, 2006

Teresa Sassani wrote:
Le domande sono due
a) Sono normale?


No, almeno come revisore.

Ah, quanto amo i revisori!

Mario Cerutti
http://www.aliseo.com

[Edited at 2006-06-10 12:54]


Direct link Reply with quote
 
giogi
Local time: 08:15
Potrebbe capitare a te! Jun 10, 2006

Mario Cerutti wrote:

Ah, quanto odio i revisori!

Mario Cerutti
http://www.aliseo.com


o potrebbe capitare a molti altri di dover revisionare un testo...E, chissà si può sempre imparare qualcosa anche dal revisionare... e dall' essere "revisionati", magari ad avere la "grinta "di chiedere spiegazione della correzione, o a ritrovare il bambino che siamo stati riprovando la stessa sensazione di stizza mista a inadeguatezza di quando la maestra ci correggeva qualcosa che credevamo ( ed era) perfetto, no?

Giovanna


[Edited at 2006-06-10 11:49]

[Edited at 2006-06-10 11:50]


Direct link Reply with quote
 
Barbara Micheletto
Italy
Local time: 09:15
Russian to Italian
+ ...
Io al tuo posto... Jun 10, 2006

sarei tutta contenta che il revisore abbia scritto "it was a good translation"! Personalmente quando so che un testo da me tradotto viene sottoposto a revisione per tirare un sospiro di sollievo mi è sufficiente non ricevere lamentele di sorta. Per esperienza personale, tutte le volte che riprendo in mano una mia traduzione passata vedo io stessa degli "obbrobri" che non avrei mai sospettato e ogni mio testo, visto con il giusto distacco (cioè dopo un certo periodo di... "decantazione"), mi sembra perfettibile. Figurarsi cosa non ci troveranno occhi estranei! Secondo me un buon revisore (che solitamente conosce anche l'altra parte della barricata, essendo a sua volta un traduttore) dovrebbe correggere solo ed esclusivamente gli errori, astenendosi dal correggere lo stile o la forma se non sono sbagliati. Il traduttore invece dovrebbe essere invece in possesso di una buona dose di umiltà e dovrebbe approfittare della revisione per imparare cose nuove o per confermare le proprie conoscenze. Devo ammettere che io ho imparato moltissimo dalle correzioni degli altri, magari più esperti di me in un determinato campo. In base al parere del tuo revisore, quindi, penso che la tua traduzione fosse senz'altro molto buona e che tu debba andarne giustamente orgogliosa (anche un po' scaramanticamente... chissà che domani non ti capiti invece una "maestrina dalla penna rossa"!).

Ciao.

B.

[Edited at 2006-06-10 12:16]


Direct link Reply with quote
 

Angela Arnone  Identity Verified
Local time: 09:15
Member (2004)
Italian to English
+ ...
Ti dico una sola cosa ... Jun 10, 2006

Teresa Sassani wrote:
.... and not always it is correct in Italian)."....
Teresa



Mi sembra che questa frase abbia qualche lacuna ... anzi infrange una regola base in inglese ed è una delle prime cose che si insegna ... quindi il tuo revisore non ha fatto proprio una bella figura ....

Dove va l'avverbio in inglese? MAI prima del verbo ....

Angela


Direct link Reply with quote
 
Giacomo Camaiora  Identity Verified
Italy
Local time: 09:15
English to Italian
+ ...
Le domande mal poste Jun 10, 2006

Teresa Sassani wrote:

Le domande sono due
a) Sono normale?
b) Siete a conoscenza di trucchi per rendere perfette e inattaccabili le proprie traduzioni? (lo so, questa è scema, ma... non si sa mai!!)
ciao, e buona fine settimana a tutti
Teresa



Le domande che ti poni sono mal poste; andrebbero modificate cosi':

a) Sono cost-effective (offro dei risultati commisurati alle esigenze del mercato)?
b) Esistono dei sistemi per migliorare la propria resa professionale (e senza diventare scema, ... non si sa mai!!)

Senti, ... se i tuoi clienti continuano ad offrirti del lavoro vuol dire che vai bene cosi'; volendo potresti anche raggiungere il perfettismo ideale, ma prima dovresti cambiare la tua faccia d'angelo con il volto mostruoso di un robot.

Giacomo


Direct link Reply with quote
 

Laura Gentili  Identity Verified
Italy
Local time: 09:15
Partial member (2002)
English to Italian
+ ...
cerchiamo di vedere il lato positivo Jun 10, 2006

Il feedback dei revisori serve soprattutto a tenerci sempre in guardia, a evitare di lasciarci andare a sciatterie, lavori consegnati in fretta ecc. Quindi è estremamente utile all'ecosistema del traduttore.
A me sembra che il giudizio fosse sostanzialmente positivo (qualcosa il revisore deve pur sempre trovare), quindi la tua reazione è un pochino sproporzionata.
Per fornire traduzioni "perfette" esistono sicuramente dei metodi, non sempre applicabili:
A) lasciar decantare il testo minimo 24 ore e rileggerlo su carta, a mente fresca
B) aumentare le tariffe in modo che comprendano anche una rilettura (a pagamento) da parte di un collega (4 occhi sono SEMPRE meglio di 2)


Laura


Direct link Reply with quote
 

Mario Cerutti  Identity Verified
Japan
Local time: 17:15
Italian to Japanese
+ ...
Dipende Jun 10, 2006

Giovanna Rampone, PhD wrote:
Potrebbe capitare a te! o potrebbe capitare a molti altri di dover revisionare un testo...


Per principio declino qualsiasi richiesta di revisionare traduzioni fatte da altri, soprattutto dai madrelingua nella lingua di destinazione. Ma quando è un buon cliente a chiedermelo, e quindi non posso deluderlo, mi faccio dire chiaramente entro quali limiti devo stare.


E, chissà si può sempre imparare qualcosa anche dal revisionare... e dall' essere "revisionati"


Sino ad ora, sfortunatamente per quel poco di feed-back che ho avuto, ho dovuto constatare che chi mi ha revisionato si è comportato proprio come la collega che ha aperto questa discussione, mentre avrei certamente gradito si fosse limitato alle correzioni effettivamente necessarie (poche, comunque). Inoltre, ce ne vuole proprio tanto di tempo per fare capire a un'agenzia Giapponese - che d'Italiano capisce solo spaghetti e pizza - chi ha ragione. Purtroppo - e purtroppo non ho ancora avuto esperienze che mi dimostrino il contrario - spesso i "colleghi" revisori non ci pensano due volte a pugnalare alle spalle il collega sconosciuto.

Certamente non saranno tutti così, ma io non ne ho ancora conosciuti.

Mario Cerutti
http://www.aliseo.com

[Edited at 2006-06-10 12:53]


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 06:15
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Ah, l'amore... Jun 10, 2006

Mario Cerutti wrote:
Ah, quanto odio i revisori!


....successivamente corretto in....

Mario Cerutti wrote:
Ah, quanto amo i revisori!





È un caso sicuro di amore-odio

Gianfranco


Direct link Reply with quote
 

Mario Cerutti  Identity Verified
Japan
Local time: 17:15
Italian to Japanese
+ ...
Solo ironia Jun 10, 2006

Gianfranco Manca wrote:

Mario Cerutti wrote:
Ah, quanto odio i revisori!


....successivamente corretto in....

Mario Cerutti wrote:
Ah, quanto amo i revisori!


È un caso sicuro di amore-odio

Gianfranco


Poiché "odio" del primo intervento ha subito sollevato una critica, secondo me eccessiva, la successiva revisione è per semplice ironia. Il mio sentimento verso i revisori, voglio dire, in generale è sempre quello.

Mario Cerutti
http://www.aliseo.com


Direct link Reply with quote
 

Teresalba
Italy
Local time: 09:15
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
che ne dite di un decalogo? Jun 10, 2006

Interessanti, i vostri contributi!
Noto un certo istintivo (italico) odio per i controllori, anche se poi dovete ammetterlo tutti, il revisore è una fortuna, chissà quante amenità passerebbero inosservate la frontiera, se qualcuno non avesse inventato questa pratica!
Mi sono ricordata di un caso che merita segnalazione: qualche tempo fa un'agenzia (anch'essa UK) mi commissionò una revisione, aggiungendo alle istruzioni questa aggraziata richiesta: "...could I please ask you to highlight (in a colour of your choice) any of your amendments which were NOT applied for reasons of personal style."
Questo sistema di differenziare gli errori rispetto alle modifiche 'per motivi di stile personale', (in modo che anche chi non conosce la lingua possa farsi un'idea del valore dei due lavori) mi sembra possa andare a costituire uno dei primi articoli del 'decalogo del revisore'.
Altri punti potrebbero essere ricavati dalle vostre esperienze, per esempio quello suggerito da Giovanna di uno scambio diretto tra traduttore e revisore (ma quante agenzie hanno questa disponibilità?).
O i consigli di self-review di Laura...
Insomma, avevo scritto il post più che altro per sfogarmi... non riuscivo a digerire di aver avuto una reazione spropositata di fronte ad un giudizio. Ma ora l'argomento si fa molto interessante, in quanto - mi par di capire - parecchio d'attualità. Tecnicamente più che psicologicamente.
Grazie comunque a tutti
Teresa


Direct link Reply with quote
 
giogi
Local time: 08:15
Ciao Mario Jun 10, 2006

[/quote]

Poiché "odio" del primo intervento ha subito sollevato una critica, secondo me eccessiva, la successiva revisione è per semplice ironia. Il mio sentimento verso i revisori, voglio dire, in generale è sempre quello.

Mario Cerutti
http://www.aliseo.com [/quote]
visto che l'unica persona che ha risposto a te personalmente sono io, mi dispiace che il mio quantomai pacato intervento ti sia giunto come una "critica" e tantopiù "eccessiva".
Non era mia intenzione.
Soltanto ironia e non sarcasmo.

Chiedo scusa per questo piccolo "fuori tema" e abbraccio tutti.
Giovanna

[Edited at 2006-06-10 14:06]


Direct link Reply with quote
 

Giuliana Buscaglione  Identity Verified
Austria
Local time: 09:15
Member (2001)
German to Italian
+ ...
Ciò che conta è la mancata contestazione ;-), no? Jun 10, 2006

Ciao,

è semplicemente una questione di abitudine;-) Ciò che conta è l'assenza di contestazione per me e fintanto che non mi si contesta qualcosa come un errore, non reagisco alle modifiche in alcun modo, ringrazio solo per la revisione effettuata. Devo ammettere che chi rilegge trova a volte soluzioni più "leggere" e "digeribili", appunto perché non ha dovuto tradurre.

Sono d'accordo con Laura: 24 h di "posa" sarebbero perfette, peccato che spesso non è proprio possibile ritagliarle.

Dato che poi io stessa eseguo revisione e QS in altri casi, mi guardo bene dall'usare le penne rosse e blu sugli stili, perché 40 traduttori forniscono 40 traduzioni diverse e ciò che può suonare a me migliore è giudicato in modo totalmente diverso da un(a) altro/a collega - a meno che ci siano delle istruzioni precise fornite dal cliente e si tratti di testi sullo stesso argomento che richiedono anche una concordanza precisa a livello terminologico.

Ciò che ho imparato nel corso di qualche annetto è che il feeling per la propria lingua è molto diverso da persona a persona, dal Nord al centro al Sud e a volte da Regione a Regione.

Ci sono infine clienti che desiderano forme precise (più passivi che riflessivi), una certa interpunzione, certe forme e, che mi piaccia o no, le devo ben accettare, visto che ho accettato il lavoro. Se tuttavia non vi sono istruzioni particolari a cui rifarsi, mi limito a correggere eventuali errori di battitura ed eliminare ripetizioni.

Fondamentalmente ciò che conta è il risultato finale (un cliente soddisfatto che ritornerà sempre) e il commento generale sul proprio lavoro.

Giuliana


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

Capita anche a voi di sentirvi vittime dei revisori?

Advanced search






memoQ translator pro
Kilgray's memoQ is the world's fastest developing integrated localization & translation environment rendering you more productive and efficient.

With our advanced file filters, unlimited language and advanced file support, memoQ translator pro has been designed for translators and reviewers who work on their own, with other translators or in team-based translation projects.

More info »
CafeTran Espresso
You've never met a CAT tool this clever!

Translate faster & easier, using a sophisticated CAT tool built by a translator / developer. Accept jobs from clients who use SDL Trados, MemoQ, Wordfast & major CAT tools. Download and start using CafeTran Espresso -- for free

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs