Mobile menu

Aiuto: come si fa a iniziare se nessuno ti dà una chance?
Thread poster: Dany Caputo

Dany Caputo  Identity Verified
Italy
Local time: 10:15
Member (2008)
English to Italian
+ ...
Dec 29, 2006

Salve a tutti,

sono Dany e mi sono iscritta qui solo qualche giorno fa. Ho 25 anni e sono laureata in Lingue e Letterature Straniere (vecchio ordinamento). Presto vorrei iniziare anche un corso di perfezionamento o un master in traduzione, però nel frattempo vorrei fare un pò di esperienza nel campo delle traduzioni. Non sarebbe la mia prima volta perchè negli anni ho già fatto qualche prova di traduzione per delle case editrici e aiuto il gruppo locale di Amnesty International a tradurre petizioni e documenti vari che arrivano dalle loro sedi all'estero.
Ho notato però che è dura, la prima cosa che viene richiesta è l'esperienza lavorativa (le case editrici mi hanno sempre risposto che assumono solo chi ha già lavorato con altre case editrici), ma se non mi danno la possibilità di lavorare, quando inizierò a fare le mie esperienze? Ovviamente una cosa è lo studio e l'ambiente relativamente "sicuro" dell'università, un'altra è quello lavorativo, dove non c'è nessuno ad aiutarti e guidarti...
A dire il vero mi sento un pò scombussolata, non so a chi rivolgermi, da dove iniziare o dove trovare qualche lavoro freelance che mi permetta di aggiungere un pò di esperienze al mio curriculum... è per questo che ho pensato di chiedere a voi, ogni consiglio o suggerimento sarà il benvenuto!

Ps. Colgo ovviamente l'occasione per farvi i miei migliori auguri di buon anno!


Direct link Reply with quote
 

Angie Garbarino  Identity Verified
Spain
Local time: 10:15
Member (2003)
French to Italian
+ ...
Benvenuta Dec 29, 2006

Ciao Dany

Il primo passo l'hai già fatto, ti sei iscritta al workplace per traduttori migliore del mondo, quello che ti consiglio in base alla mia esperienza è di diventare membro (un investimento di 80 euro l'anno si ammortizza con una traduzione piccola piccola e quindi ne vale assolutamente la pena).

Poi, rispondere a tutte le offerte nelle tue coppie di lavoro e nel campo in cui ti senti più sicura, frequentare l'area kudoz e il forum,
vedrai che il lavoro non tarderà ad arrivare

Buon 2007!!

Scappo che forse riesco a fare 4 giorni di vacanza !

Angio

[Edited at 2006-12-29 17:08]


Direct link Reply with quote
 

Laura Gentili  Identity Verified
Italy
Local time: 10:15
Partial member (2002)
English to Italian
+ ...
Coraggio! Dec 29, 2006

Ciao Dany,
per prima cosa vorrei dirti di non scoraggiarti, il fatto di lavorare per AI mi sembra molto positivo e prestigioso.
Una cosa non è chiara nel tuo profilo: scrivi di essere madrelingua italiana, cosa peraltro confermata dalla laurea italiana, poi però come coppia linguistica indichi italiano-inglese. Questo confonde un po'.

Ho visto che seguirai i corsi a distanza dell'Università di Genova. Mi sembra ottimo in vista di una specializzazione (come saprai, senza specializzarsi oggi è difficile affermarsi). Solo che i corsi di Genova sono 2: uno in traduzione legale e uno in traduzione economica. In quale dei due campi vuoi specializzarti? Dovresti indicarlo nel profilo e nel CV.

Quindi se fossi in te mi chiarirei a fondo l'indirizzo specialistico che intendi seguire (forse quello legale, visto il lavoro per AI), cercherei di approfondire con letture specialistiche e testi bilingue (oltre, ovviamente, al master di Genova), cercherei di farmi conoscere dai colleghi rispondendo alle domande KudoZ nei tuoi campi di specializzazione, e cercherei di costruire una rete di contatti nei tuoi campi di specializzazione. Inutile buttarsi a mandare CV alle agenzie se prima non ci si è chiariti le idee.

Buon anno,
Laura


Direct link Reply with quote
 
xxxGabi Ancarol
Italy
Italian to Spanish
+ ...
insomma... come si fa...? Dec 29, 2006

Bisogna avere un po' di pazienza.. vedrai che la ruota inizia pian piano a girare..
un piccolo consiglio.. taglia via un po' di curriculum, certe cose a volte sono meno rilevanti di quanto sembrano.. poi, per una che l'esperienza sta cercando di farsela, cinque fogli di cv sono un po' tanti... non credi?

I miei auguri più sinceri.

Gabi


Direct link Reply with quote
 
smarinella  Identity Verified
Italy
Local time: 10:15
Member (2004)
German to Italian
+ ...
perché non impari un'altra lingua? Dec 29, 2006

Ciao,

anzitutto benvenuta in proz. e auguri per l'Anno Nuovo, che ti porti un inserimento concreto nel mondo del lavoro.

D'accordo con la lunghezza del CV, io che ho veramente fatto tante cose nella mia vita, quando scrivo in giro, non spedisco che una pagina perché so che la concisione è tutto e che molti CV, in caso contrario, vengono subito cestinati.

Sai perché gli inizi ti sembrano duri? Non me ne volere, ma il fatto è che in Italia si laureano ogni anno decine di migliaia di giovani, tutti in inglese e francese e tutti, dopo la laurea, alla disperata ricerca di qualcosa che stenta ad arrivare.

Giacché sei giovane, ti dò un consiglio: se veramente vuoi fare la traduttrice, impara un'altra lingua e conserva l'inglese come seconda lingua (last but not least): per esempio una lingua scandinava o una lingua baltica, per cui mancano assolutamente traduttori. Non ti dico di imparare né cinese né arabo, perché troppo difficili, ma se conoscessi per es. il lettone, un posto all'UE è quasi garantito...

Un'ultima cosa, spero che non me ne voglia se te lo dico apertamente: è bene tradurre solo verso la propria lingua materna. Io ho vissuto in Germania quasi 30 anni ma, per motivi di professionalità, non tradurrei mai verso il tedesco.

Tanto più se, come dici, vuoi proporti alle case editrici. Per tradurre per l'editoria (o per la stampa) serve un'eccellente capacità di scrittura, s'intende nella PROPRIA lingua - e ti assicuro che sono poche le persone che la possiedono! Saper scrivere, infatti, non è da tutti.

E poi rifletti sul fatto che i traduttori legtterari sono i peggio pagati, mentre un traduttore tecnico (IT, brevetti o altro) riesce a vivere e anche a mantenere una famiglia...

Ciao, ancora auguri per tutto


Direct link Reply with quote
 

Marco Oberto  Identity Verified
Italy
Local time: 10:15
Member (2003)
English to Italian
+ ...
Colleghi tutori, traduzioni monitorate e piccoli lavori Dec 29, 2006

Personalmente mi sono dato parecchio da fare agli inizi per farmi assegnare anche il più piccolo lavoretto di traduzione, seppur orientandomi verso i settori di traduzione che mi erano più congeniali; ho avuto il supporto dei miei insegnanti universitari che mi hanno guidato (non raccomandato!) verso le case editrici maggiormente interessate con le quali avviare un piccolo test di traduzione.

Dopo qualche esitazione, le cose hanno cominciato a ingranare, chiaramente con tanto impegno e sforzi e senza inizialmente potermi mantenere; nel giro di due anni mi sono messo in marcia al 100% e oggi sono molto sereno e contento del mio lavoro.

Una strada che non ho provato ma credo sia altrettanto utile è la conoscenza di un collega già affermato con attitudini simili alle tue che sia disposto a passarti piccoli lavori, rileggerti e guidarti nel mondo della traduzione.

Sulla scelta delle lingue più "vendibili" non condivido il consiglio di scegliere lingue esotiche: con l'inglese e il francese campo benissimo e lavoro per entrambe (50-50). Ci sono molti traduttori da/verso le lingue principali - è vero - ma c'è anche una mole di lavoro che le lingue minoritarie non avranno mai.


Direct link Reply with quote
 

lanave  Identity Verified
Italy
Local time: 10:15
French to Italian
+ ...
Pazienza e perseveranza Dec 30, 2006

L'inizio è molto duro ed è una fase che ha una durata molto variabile. Quindi armati fino ai denti di entrambe le cose. E soprattutto tieni gli occhi aperti perché gli "imprevisti" sono dietro l'angolo anche in questo mestiere.

Posso consigliarti di continuare a fare piccole traduzioni per associazioni non profit come stai già facendo. Questo ti aiuta a tenerti in allenamento e a imparare a gestire la tempistica, in previsione dei lavori futuri.

Poi sistema bene il tuo CV, traducilo nelle lingue di tua competenza e invialo alle agenzie di traduzione. All'inizio non riceverai risposta, poi ti chiederanno di effettuare dei test, poi ti chiederanno dei preventivi, poi, piano pianino inizieranno ad arrivare i lavori.

Un ulteriore consiglio, non ti svendere. Anche se stai appena affacciandoti nel campo, il tuo tempo e il tuo lavoro hanno un valore. Quindi valuta bene quanto ritieni di valere e soprattutto valuta bene le offerte che ti fanno. Novizio non vuol dire schiavo

Per il resto in bocca al lupo e buon anno a te.


Direct link Reply with quote
 

lanave  Identity Verified
Italy
Local time: 10:15
French to Italian
+ ...
Dimenticavo... Dec 30, 2006

Definisci se intendi dedicarti alla traduzione tecnica o a quella letteraria. In generale l'una non esclude l'altra, ma all'inizio è bene capire quale delle due strade intendi percorrere. Infatti per quanto queste possano incrociarsi in futuro, all'inizio è importante dare all'esterno un'immagine chiara della propria professionalità.

A-riciao


Direct link Reply with quote
 

Chiara Foppa Pedretti  Identity Verified
Italy
Local time: 10:15
English to Italian
+ ...
Approfitto di questo topic!! Jan 1, 2007

Ciao a tutti!
Mi sono appena iscritta a questo forum e avrei un po' di domande da fare.
Siccome riguardano il primo impiego, sfrutto questo topic già aperto.
Mi sono appena laureata in Mediazione Linguistica e Culturale e, mentre frequento la specialistica, vorrei iniziare a lavorare come traduttrice. Il problema è che sono piena di dubbi a riguardo!! Eccoli:

1- I miei professori universitari ci hanno suggerito di lavorare prima per un'agenzia, che come free lance. Cosa ne pensate?

2- Ho iniziato a guardare un po' i siti delle agenzie italiane: tutti dispongono di un formulario da compilare se si vuole lavorare con loro: ti chiedono però referenze, specializzazione, numero di cartelle giornaliere (a proposito, qual è il numero minimo "dichiarabile"?). Tutte cose a cui non posso rispondere, non avendo mai lavorato!! Dunque è meglio inviare loro un cv, forse?

3- O esistono altri mezzi per trovare lavoro??

4- E' meglio disporre di un CAT tool fin da subito?

Per ora è tutto. Mi scuso per la valanga di domande e ringrazio chi risponderà anche a solo una di esse!


Direct link Reply with quote
 

Dany Caputo  Identity Verified
Italy
Local time: 10:15
Member (2008)
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Wow grazie!! Jan 2, 2007

Innanzitutto volevo ringraziarvi per le tante risposte e consigli utilissimi, sono sempre più contenta di essermi iscritta e di aver deciso di postare.

Allora, per l'iscrizione credo che non ci siano problemi, anzi. Soltanto non ho capito che benefici hanno gli iscritti a pagamento rispetto a quelli non paganti...

Quello che vorrei precisare però è che Amnesty International non mi paga per tradurre, lo faccio per beneficenza, per dare una mano e anche per fare pratica nel campo, però la cosa finisce là.

Per rispondere a Laura, credo che mi piacerebbe seguire il master in traduzione economica per iniziare. Se devo essere onesta mi piacerebbe frequentare entrambi ma ovviamente al momento non è possibile (anche per motivi economici), quindi inizio con quello che potrebbe darmi più sbocchi, cioè quello economico e poi l'anno prossimo vorrei frequentare se possibile anche l'altro.
Mi piacerebbe crearmi dei contatti, questo è anche il motivo per cui sono qui, però non sono ancora molto pratica, quindi sto cercando di orientarmi un pò!

Credo che come mi avete consigliato il curriculum vada tagliato ma poi ho paura che anche quel pò di considerazione che mi viene data ora mi sia negata solo perchè non ho molta esperienza del campo. Non sono molti quelli che danno fiducia a qualcuno che ha appena iniziato!!

Come ha detto Marco anche io penso che la mole di lavoro che si ha per lingue come l'inglese non verrà mai da lingue esotiche, però in un futuro non mi dispiacerebbe poter imparare un'altra lingua. Il problema è che nel frattempo vorrei già iniziare a lavorare nel campo, i miei insegnanti non solo non mi hanno mai guidata (e qui non voglio infierire ma proprio loro sono il motivo per cui non frequenterei mai un master all'università dove mi sono laureata), ma non mi hanno mai consigliato su come/dove/a chi mandare un curriculum per lavorare nel campo. Insomma mi sono sempre trovata da sola e cerco di fare del mio meglio, anche se non è sempre facile...
Considerate che non ho nemmeno idea di quale siano le tariffe e benchè stia mandando curriculum a destra e a manca, come Anna aveva preannunciato, non ho ricevuto ancora nessuna risposta.
Magari potessi cominciare a lavorare! A volte mi piacerebbe che i datori di lavoro si rendessero conto che, anche se l'esperienza è molto importante, è anche fondamentale dare un pò di fiducia a giovani che hanno tanta voglia di imparare, migliorarsi e soprattutto lavorare!

Per quanto riguarda invece la pazienza e la perseveranza diciamo che credo di averne un bel pò, lavoro anche come fotografo e artista digitale freelance... credetemi, è bellissimo e adoro quello che faccio, però è ancora più difficile che riuscire a lavorare come traduttore, quindi se non ho ancora mollato tutto penso di avere qualche speranza.


Direct link Reply with quote
 

Angie Garbarino  Identity Verified
Spain
Local time: 10:15
Member (2003)
French to Italian
+ ...
Benefici della membership Jan 2, 2007

Dany Caputo wrote:Allora, per l'iscrizione credo che non ci siano problemi, anzi. Soltanto non ho capito che benefici hanno gli iscritti a pagamento rispetto a quelli non paganti


Premesso che non ho nessun interesse nel dare questo consiglio (che do a tutti quelli che me lo chiedono perchè così la vedo io).

In base alla mia esperienza personale, diventando platinum verificato, hai i seguenti vantaggi
1)Incuti nel potenziale cliente più fiducia,
2)Parecchi job postati sono solo per platinum, quindi hai maggiori chance
3)Anche per quanto riguarda i job aperti a tutti, il bid di un platinum viene posizionato prima di quello del "non pagante" e quindi hai maggiori possibilità che ti affidino il lavoro
4)Puoi accedere alle blueboard per verificare se l’outsourcer è serio,se paga ecc...

Un'altra cosa volevo dirti, i curriculum non mandarli solo alle agenzie italiane, mandali "all over the world", magari già lo fai in questo caso me ne scuso

Guardati anche questo thread, se vuoi, penso ti possa interessare e ti possa chiarire parecchi dubbi.
http://www.proz.com/post/460240#460240

Ciao in bocca al lupo per un 2007 pieno di salute e di tante belle traduzioni ben pagate!

Angio


[Edited at 2007-01-03 00:15]


Direct link Reply with quote
 

Dany Caputo  Identity Verified
Italy
Local time: 10:15
Member (2008)
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Thanks! Jan 6, 2007

Grazie Angio!
Crepi il lupo, speriamo che questo 2007 porti davvero buone cose. Mi hai dato consigli utilissimi, cercherò di sfruttarli al meglio!


Direct link Reply with quote
 

Maurizio Valente  Identity Verified
Italy
English to Italian
+ ...
Qualche risposta Jan 6, 2007

1. Lavorare prima per un'agenzia: mi sembra una buona idea, per ridurre il tempo di apprendimento, anche per quanto riguarda l'acquisizione di una mentalità imprenditoriale, capire come si fa un preventivo e come ci si relaziona con un cliente, impratichirsi del software. Se ti tengono solo a rispondere al telefono, capirai che hai scelto l'agenzia sbagliata. L'ideale sarebbe un'agenzia che ti fa anche tradurre internamente e rivedere le traduzioni degli esterni, imparare a coordinare progetti affidati a risorse esterne, ecc. Comunque le due cose non sono in alternativa: puoi lavorare per un'agenzia, magari part.-time, e fare la freelance.

2- Non ho visto dove abiti, ma se sei vicina a Milano puoi provare a chiedere un'appuntamento per discutere con la titolare, telefonando e cercando di farti passare la titolare. Non esiste un numero minimo "dichiarabile". Un valore tipico (per En>It) è di 2000-2500 parole (sorgente) al giorno oppure 10 -12 cartelle lingua di arrivo. Ma specifica che tale valore dipende dal grado di difficoltà del testo. Quando il testo è difficile, si scende anche a 1/3 di questi valori; se è facile si riesce a fare anche 4 volte tanto. Tieni presente poi che quando si usa un CAT Tool il testo viene "scaglionato" (frasi uguali o simili, fornitura di "memoria" da parte del cliente) e quindi entra in gioco la ripetitività.

3- O esistono altri mezzi per trovare lavoro?? La parola chiave è "networking". Devi investire molte energie per sviluppare relazioni con il massimo numero possibile di colleghi, per "succhiare" conoscenze e, con il tempo, di dare. E' chiaro che all'inizio succhierai e basta. Iscriviti anche a Langit (metti in google "Guida alla felicità" e troverai le istruzioni per iscriverti). Li' ogni tanto ci sono anche offerte di lavoro. Non millantare esperienze che non hai, dichiara francamente di essere alle prime armi. All'inizio lavorerai gratis o quasi. Prima di gettare la spugna, tieni presente che questa è una delle poche attività in cui l'investimento iniziale è molto contenuto (pensa a quanto costa una licenza di tassista o l'acquisto di una farmacia).

4- E' meglio disporre di un CAT tool fin da subito? Si', se vuoi fare traduzioni tecniche è quasi indispensabile. Comincia con Wordfast, che è il più semplice ed economico.

5. Pazienza, umiltà (si continua a imparare anche dopo vent'anni di questo lavoro). La curiosità intellettuale è un optional, ma rende molto più appagante questo lavoro, con cui, sappilo, le chance di diventare ricca sono veramente minime.

Con tanti auguri!

ChiaraFP wrote:

Ciao a tutti!
Mi sono appena iscritta a questo forum e avrei un po' di domande da fare.
Siccome riguardano il primo impiego, sfrutto questo topic già aperto.
Mi sono appena laureata in Mediazione Linguistica e Culturale e, mentre frequento la specialistica, vorrei iniziare a lavorare come traduttrice. Il problema è che sono piena di dubbi a riguardo!! Eccoli:

1- I miei professori universitari ci hanno suggerito di lavorare prima per un'agenzia, che come free lance. Cosa ne pensate?

2- Ho iniziato a guardare un po' i siti delle agenzie italiane: tutti dispongono di un formulario da compilare se si vuole lavorare con loro: ti chiedono però referenze, specializzazione, numero di cartelle giornaliere (a proposito, qual è il numero minimo "dichiarabile"?). Tutte cose a cui non posso rispondere, non avendo mai lavorato!! Dunque è meglio inviare loro un cv, forse?

3- O esistono altri mezzi per trovare lavoro??

4- E' meglio disporre di un CAT tool fin da subito?

Per ora è tutto. Mi scuso per la valanga di domande e ringrazio chi risponderà anche a solo una di esse!


Direct link Reply with quote
 

Chiara Foppa Pedretti  Identity Verified
Italy
Local time: 10:15
English to Italian
+ ...
Grazie! Jan 6, 2007

Sei stato davvero gentilissimo, Maurizio!
Spero davvero di poter presto entrare a pieno titolo nel mondo dei traduttori!

[Edited at 2007-01-06 16:27]


Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

Aiuto: come si fa a iniziare se nessuno ti dà una chance?

Advanced search






PerfectIt consistency checker
Faster Checking, Greater Accuracy

PerfectIt helps deliver error-free documents. It improves consistency, ensures quality and helps to enforce style guides. It’s a powerful tool for pro users, and comes with the assurance of a 30-day money back guarantee.

More info »
Protemos translation business management system
Create your account in minutes, and start working! 3-month trial for agencies, and free for freelancers!

The system lets you keep client/vendor database, with contacts and rates, manage projects and assign jobs to vendors, issue invoices, track payments, store and manage project files, generate business reports on turnover profit per client/manager etc.

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs