bilinguismo
Thread poster: Marina Capalbo

Marina Capalbo  Identity Verified
Local time: 22:47
English to Italian
+ ...
Mar 19, 2007

Ciao a tutti, vi scrivo per chiedere un parere: ho da poco avuto uno splendido bambino, che adesso ha due mesi. Mi piacerebbe tanto che imparasse bene l'inglese e favorire in lui l'apprendimento di questa lingua meravigliosa. Ora, io non mi ritengo bilingue ma parlo correttamente inglese in modo fluido e con proprietà di linguaggio e, a dire di diversi colleghi madrelingua, con una pronuncia eccellente. Ho sempre sentito dire che se vuoi crescere un bambino bilingue è necessario che un genitore parli una lingua e l'altro parli l'altra, nel mio caso io in inglese e mio marito in italiano. Questo però è più facile a farsi per un madrelingua. In certe situazioni è normale che mi verrebbe spontaneo rivolgermi in italiano a mio figlio. Può essere comunque utile parlargli spesso, ma non esclusivamente, in inglese oppure rischio di confonderlo usando entrambe le lingue? C'è qualcuno che ha un'esperienza analoga che può fornirmi delucidazioni?
Un grazie anticipato


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 17:47
Member (2001)
English to Italian
+ ...
C'é un forum apposito Mar 19, 2007

Ciao Marina,

prima di tutto congratulazioni per il pupo, che un giorno vengo a vedere, visto che abitiamo a soli 8 km di distanza.

Per i problemi di istruzione, fai bene a pensarci con molto anticipo visto che i bambini crescono in un lampo (non ho figli ma lo vedo dalle mie nipotine) ti consiglierei di consultare o porre il quesito nel forum Multilingual families (in http://www.proz.com/forum/81 che è interamente dedicato all'argomento.

In particolare, se non trovi questo argomento specifico già discusso, ovvero l'insegnamento di una lingua estranea all'ambiente naturale da parte di una persona (la madre) che invece sarebbe il maggior canale di apprendimento della lingua primaria, potresti porlo tu per prima. Mi sembra interessante...

ciao
Gianfranco



[Modificato alle 2007-03-19 17:05]


Direct link Reply with quote
 

Beth Frisbee
Local time: 15:47
English to Italian
Consiglio da mamma a mamma Mar 19, 2007

Io sono bilingue, sono cresciuta con il papa' americano e la mamma italiana, sono sempre andata in una scuola italiana, ho abitato in Italia tutta la mia vita, mio padre mi parlava sempre in italiano perche' lavorava con italiani mentre mia mamma mi parlava in inglese. Ora parlo perfettamente entrambe le lingue. Ora sono sposata e ho una figlia di due anni, sono sposata ad un americano e ora abito negli Stati Uniti. Essendo negli USA voglio che mia figlia sia in grado di parlare entrambe le lingue ma specialmente l' italiano perche' voglio che sia in grado di parlare ai famigliari italiani, quindi io con lei parlo sempre in italiano e mio marito sempre in inglese, fra di noi pero' parliamo spesso in inglese. Io penso che l'importante e che si faccia l'orecchio, che si abitui ai suoni delle diverse lingue. Vedo con mia figlia che capisce perfettamente entrambe le lingue ma ci mette un po' di piu' a parlare perche' non sa ancora separare le due lingue, ma e' una cosa normalissima. Mia figlia ora estrapola un po' da una e un po' dall'altra, praticamente si sceglie le parole piu' semplici di ogni lingua, per esempio invece di dire perpiacere(cere per lei) preferisce dire please perche' la pronuncia e' piu' facile, invece per esempio invece di dire grandmother dice nonna o nonno, quindi dipende molto dal bambino, un po' di confusione la fara' ma nel future le sara' molto utile. Un consiglio e' quello di magari leggerle delle storie in inglese, ascoltare canzoni in inglese, guardare dei film.

Good luck!
Beth


Direct link Reply with quote
 

Nicole Maina  Identity Verified
Italy
Local time: 22:47
Member (2005)
German to Italian
+ ...
sito consigliato da milos prudek http://www.bilingualbaby.eu/ Mar 19, 2007

Ciao Marina,

personalmente ho trovato molto interessante il sito di Milos Prudek, http://www.bilingualbaby.eu/

di cui si parla nel relativo forum
http://www.proz.com/topic/67018

In bocca al lupo con il piccolo! Io sono cresciuta bilingue italiano-tedesco e non ho incontrato problemi particolari, ho sempre avuto ottimi voti nelle materie linguistiche sia nelle scuole tedesche, sia in quelle italiane. Vedrai che andrà tutto benissimo e il pupo assorbirà tutto come una spugna.

La difficoltà maggiore sta nell'abituarsi a parlare sempre e soltanto in quella lingua quando ci si rivolge al bambino, anche quando le altre persone intorno non la possono capire. Io non ho figli ma sto facendo l'esperienza con la mia nipotina di un anno e mezzo. La madre è italiana (mia sorella, bilingue italiano-tedesco come me) e il padre è tedesco, ma visto che abitano in italia, le parlano entrambi in tedesco, e hanno chiesto anche a me di farlo.

All'inizio è dura abituarsi, perchè con mia sorella ho sempre parlato sia in italiano, sia in tedesco, e ora invece ci sforziamo di parlarci sempre e soltanto in tedesco.

Il fatto che l'inglese non sia la tua madrelingua non credo sia un ostacolo, ti consiglio di leggere il racconto della famiglia ceca nel sito di cui sopra, in cui il padre (traduttore) ha deciso di insegnare a suo figlio l'inglese, pur essendo anche lui, come la madre, di madrelingua ceca.

Buona fortuna!
ciao
nicole


Direct link Reply with quote
 

Giuseppina Gatta, MA (Hons)
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Il mio parere Mar 19, 2007

Io non sono bilingue, ma con entrambi i miei figli ho/ ho avuto esperienze di permanenza all'estero e ti racconto un po' le mie osservazioni.

Prima di tutto, secondo gli psicolinguisti (e sono d'accordo con loro), la madre dovrebbe parlare al figlio sempre nella propria madrelingua, per una serie di motivi di natura emotiva/psicologica/comunicativa, che ti consiglio di approfondire. Di madre ce n'è una sola, e quasi sempre anche di madrelingua

A tuo sfavore hai inoltre il fatto che vivi in Italia, hai un marito italiano con il quale parlerai sicuramente in italiano, e anche se parlassi in inglese con tuo figlio, non appena tuo figlio sarà un po' più grande si rifiuterà di parlare con te in inglese, vedendo che con gli altri parli in italiano e vivendo in un ambiente italofono. E' una cosa che fanno tutti i bambini, i quali in genere non sopportano la diversità dai loro coetanei/ambiente, ecc.

Mio figlio grande, quando vivevamo in Germania, voleva parlare tedesco anche con me, proprio perché era immerso in un ambiente tedesco e voleva assolutamente integrarsi. E ciò nonostante io fossi madrelingua italiana, ma ero in "minoranza" e questo pesava. Succederebbe anche a tuo figlio.

Secondo me, l'unica via d'uscita provvisoria è avere una baby-sitter che parli solo inglese. In tal modo (e neanche se gli parli tu) tuo figlio sicuramente non diventerà bilingue, ma almeno sarà esposto a parlanti di un'altra lingua, e questo può aiutarlo, anche se i bambini imparano velocemente, ma dimenticano altrettanto velocemente. Mio figlio ha smesso di parlare tedesco dopo un po' di tempo che siamo tornati in Italia, appunto per i motivi che ti ho detto prima, e ha finito per dimenticarlo, pur essendo all'epoca perfettamente bilingue, in grado di leggere, scrivere ed esprimersi correttamente in tedesco, avendo frequentato asilo e scuola.

L'altra possibilità, forse l'unica che può creare un vero bilinguismo (che tra l'altro, secondo la psicolinguistica, è quasi un'utopia), è ovviamente solo quella di trasferirsi all'estero.

Ciao
Giusi


Direct link Reply with quote
 
xxxGabi Ancarol
Italy
Italian to Spanish
+ ...
io... e anche mio bimbo Mar 19, 2007

Ciao,

io sono cresciuta con due lingue fin dalla nascita, da genitori di diverse nazionalità.
Ora, con mio figlio (14 mesi) succede più o meno lo stesso...

La pediatra ha sempre incoraggiato l'uso delle due lingue a casa, seguendo la linea OPOL (one parent-one language), mio marito gli parla in italiano, io in spagnolo. Quando siamo da soli non trovo maggiori problemi. Ma quando siamo in famiglia devo sforzarmi per trovare un equilibrio. Non voglio smettere di parlare in spagnolo con il bimbo, ma non voglio neanche escludere gli altri membri della famiglia che lo spagnolo non lo capiscono...

L'unica cosa che mi ha detto la pediatra è che probabilmente il bimbo ci metterà di più a iniziare a parlare, però che questo è normale nei casi di bilinguismo...

Ti invito a vedere altri pareri in un thread che ho aperto un po' di tempo fa...



http://www.proz.com/topic/65102


Vedrai che andrà per il meglio.
Saluti

[Edited at 2007-03-19 20:22]


Direct link Reply with quote
 

Annamaria Arlotta  Identity Verified
Local time: 22:47
English to Italian
come un gioco Mar 19, 2007

Ciao. Sono d'accordo con Giuseppina sul fatto che se la madre parla la sua lingua la comunicazione sarà più naturale e genuina. Sarà anche più ricca, secondo me, perchè nelle inflessioni di voce è racchiuso così tanto che parlare in una lingua diversa può solo approssimare "the real thing", e soprattutto nei primi anni di vita in fondo cosa c'è di più importante dell'intimità tra mamma e figlio? Mia figlia è nata in Inghilterra e mio marito è americano, e se da una parte mi scocciava essere guardata come diversa, con il codice segreto col quale Ayla ed io comunicavamo, dall'altra non mi veniva proprio di parlarle in inglese, pur facendolo con mio marito da tanti anni.
Secondo me potresti fare due cose comunque utili: quando il bambino avrà due o tre anni, cantare delle canzoncine accompagnate dai gesti in inglese, e recitargli delle filastrocche, ma così, per gioco. Poi, quando andrà a scuola, se c'è una scuola internazionale dalle vostre parti e se siete preparati ad affrontarne la spesa, potreste iscriverlo là, come hanno fatto dei miei amici italiani il cui figlio, ora adolescente, parla e scrive bene le due lingue.

Quello che ha scritto Beth è vero anche per mia figlia: sceglieva tra le due lingue le parole più facili da pronunciare e la sua prima parola, detta per avere altra pappa, è stata "more" in inglese, con mio grande disappunto!


Direct link Reply with quote
 

Laura Gentili  Identity Verified
Italy
Local time: 22:47
Member (2003)
English to Italian
+ ...
parlagli in italiano Mar 20, 2007

Ho riflettuto molto su questo argomento in quanto i miei gemelli sono nati in Israele da madre italiana, padre israeliano e ambiente tutto in lingua ebraica, quindi l'unica che gli parlava in italiano ero io, poi quando avevano 3 anni e 9 mesi siamo venuti in Italia dove la situazione si è ribaltata.

In base alla mia esperienza, per favorire lo sviluppo psicoemotivo del bambino è fondamentale che la madre gli parli nella propria lingua madre. Tutto il resto sono forzature che possono addirittura creare problemi ad alcuni bambini.


Laura


Direct link Reply with quote
 

Marina Capalbo  Identity Verified
Local time: 22:47
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
grazie a tutti per i preziosi consigli Mar 23, 2007

Grazie per il vostro apporto, rifletterò sui vari punti di vista esposti e prenderò una decisione, anche se ad esser sincera anche io sono del parere di Laura, con tuo figlio è meglio parlare nella tua lingua madre. Magari adotterò la soluzione della baby sitter oppure quella proposta da Simon.
Un saluto a tutti gli amici proziani


Direct link Reply with quote
 

Marina Capalbo  Identity Verified
Local time: 22:47
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Grazie Gianfranco Mar 23, 2007

gianfranco wrote:

Ciao Marina,

prima di tutto congratulazioni per il pupo, che un giorno vengo a vedere, visto che abitiamo a soli 8 km di distanza.

Per i problemi di istruzione, fai bene a pensarci con molto anticipo visto che i bambini crescono in un lampo (non ho figli ma lo vedo dalle mie nipotine) ti consiglierei di consultare o porre il quesito nel forum Multilingual families (in http://www.proz.com/forum/81 che è interamente dedicato all'argomento.

In particolare, se non trovi questo argomento specifico già discusso, ovvero l'insegnamento di una lingua estranea all'ambiente naturale da parte di una persona (la madre) che invece sarebbe il maggior canale di apprendimento della lingua primaria, potresti porlo tu per prima. Mi sembra interessante...

ciao
Gianfranco



[Modificato alle 2007-03-19 17:05]
!


mi era sfuggita l'esistenza di questo forum, lo consulterò senz'altro. Quando vuoi passare a conoscere il mio piccolino sei sempre il benvenuto, magari quando vieni avverto pure il tuo omonimo e ci facciamo un micro pow-wow)


Direct link Reply with quote
 

Mariella Bonelli  Identity Verified
Local time: 22:47
Member (2004)
English to Italian
+ ...
Bilinguismo no, ma semplice insegnamento? May 16, 2007

Mi trovo anch'io a riflettere sull'apprendimento di una lingua straniera da parte dei bambini. In particolare, mi dà pena il livello dell'insegnamento dell'inglese negli asili e nelle scuole elementari. In queste ultime in particolare, fino a tempi recenti l'unica insegnante doveva avere un diploma magistrale che prevedeva due soli anni di studio dell'inglese alle superiori. Non era previsto nemmeno che ci fosse un insegnante laureato e questo lo trovo scandaloso. Sarei molto contenta di essere smentita su questi punti, spero che la legge sia cambiata. Ora, avendo anch'io una bimba piccola e una in arrivo, mi sono imposta di fare il possibile per lo meno per "insegnare" un po' di inglese, magari giocando. Non ho alcuna pretesa di bilinguismo, ma visto che dovrò affidare le mie figlie all'insegnamento di qualcun altro, di cui non posso garantire il livello, ho deciso di avviarle sulla strada e non penso che in questo ci sia nulla di sbagliato. Vedo che ad un certo punto i bambini iniziano a imparare con una rapidità impressionante. Lo so che mia figlia non sarà mai bilingue italiano-inglese, ma dovrà anche lei imparare l'inglese e allora perché non iniziare subito? Tanto prima o poi lo dovrà fare nella vita e iniziare presto non può che facilitarle il compito.


[Edited at 2007-05-16 08:00]

[Edited at 2007-05-16 08:00]


Direct link Reply with quote
 

sabina moscatelli  Identity Verified
Italy
Local time: 22:47
Member (2004)
German to Italian
+ ...
Nessuna pretesa di bilinguismo, May 17, 2007

neanche nel mio caso, ma molto insegnamento.

Mio figlio Pietro ha 11 anni e costantemente degli ottimi voti in inglese, perché è molto più avanti dei suoi compagni. In primavera ho fatto una settimana di full immersion in Inghilterra e me lo sono portato con me. Da piccolo gli parlavo in inglese soprattutto in talune e ripetitive situazioni: è ora di fare il bagno, adesso mangiamo, vai in giardino, prendi il libro, etc. etc.

Poi è andato alla primaria e ho iniziato a intensificare lo studio, trasformandolo progressivamente anche in vere e proprie lezioni. Tra l'altro ho insegnato io stessa per più di un anno scolastico nella sua classe e abbiamo fatto tantissime attività insieme. I bambini alla fine della IV sapevano raccontare delle semplici storie e descrivere le immagini e le scene della vita quotidiana che li riguardavano da vicino.

A partire dai sei anni ogni anno gli abbiamo proposto un soggiorno linguistico "in inglese" ma in Italia, grazie a un'organizzazione molto valida che abbiamo trovato dalle parti di Firenze. Il personale parla esclusivamente inglese (proprio perché non sanno una sola parola d'italiano), ma il contesto è italiano.

Morale: ha già fatto tutti e tre gli step del Cambridge Young Learners e potrebbe già fare il KET (Key English Test).

Maddalena ha 2 anni e sto procedendo nello stesso modo. Sa benissimo che quando dico "sit down" deve sedersi, mentre i pigtails sono i codini, dog è il cane, etc. etc.

[Edited at 2007-05-17 13:47]


Direct link Reply with quote
 

Loredana Calo
Italy
Local time: 22:47
Italian to English
+ ...
Entro i 3 anni di vita May 19, 2007

Ciao a tutti,

non sono bilingue e non ho esperienza in questo campo. Posso solo consigliare un termine massimo entro il quale il bambino puo' acquisire due lingue: entro il terzo anno di vita.

Da 0 a 3 anni di vita il bambino dovrebbe essere quotidianamente immerso in contesti del tipo: 1 genitore 1 prima lingua madre, l'altro genitore altra prima lingua madre.

I genitori possono parlare le stessa lingua solo in contesti collettivi, altrimenti il bambino si confonde.

Intorno al terzo anno di vita il bambino comincia a parlare utilizzando una "sua grammatica", pensa ed organizza il linguaggio autonomamente (anche se fa errori di grammatica, in realta' utilizza la "sua grammatica") formalizzando il suo pensiero.

Superato questo termine temporale, sara' difficile che il bambino possa diventare bilingue, anche se il mio parere di linguista mi fa sempre pensare che in un individuo vi sia sempre la predominanza inconscia di una o dell'altra lingua, ovvero una lingua fara' da filtro all'altra, oppure avra' anche una pur minima predominanza.

In altre parole, il bilinguismo e' un fenomeno molto raro.

Auguri Marina,
Loredana


Direct link Reply with quote
 
emanuela sias
Local time: 22:47
English to Italian
intervento forse tardivo May 23, 2007

Ciao,
non ho studi scientifici che possano sostenere le mie affermazioni ma, sulla base della mia esperienza personale, mi trovo in pieno accordo con chi dice che dovresti parlare a tuo figlio nella tua lingua madre, soprattutto se vivi in Italia. Le lingue si imparano senza problemi, nel tempo. Un buon inglese è certo utile per la carriera, ma si può imparare. Può essere di certo utile un'esposizione alla lingua fin da piccoli, ma, personalmente, non mi metterei a parlare a mio figlio in inglese o altra lingua che non sentissi mia (a meno che, come di tanto in tanto capita, tu non senta più "TUO" l'inglese di quanto tu senta tuo l'italiano). Credo lo sappia anche tu!

Buon tutto.
Emanuela


Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

bilinguismo

Advanced search






memoQ translator pro
Kilgray's memoQ is the world's fastest developing integrated localization & translation environment rendering you more productive and efficient.

With our advanced file filters, unlimited language and advanced file support, memoQ translator pro has been designed for translators and reviewers who work on their own, with other translators or in team-based translation projects.

More info »
Protemos translation business management system
Create your account in minutes, and start working! 3-month trial for agencies, and free for freelancers!

The system lets you keep client/vendor database, with contacts and rates, manage projects and assign jobs to vendors, issue invoices, track payments, store and manage project files, generate business reports on turnover profit per client/manager etc.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums