Mobile menu

Pagamento dilazionato? Sì, no...
Thread poster: iris1963

iris1963
Local time: 05:26
English to Italian
+ ...
Jul 5, 2007

Ciao! Vorrei sottoporvi un dubbio che da giorni mi attanaglia.
Giorni fa sono stata contattata da un editore per la traduzione (ENG-IT) e impaginazione di una guida turistica di circa 500 pagine (due cartelle per pagina, più o meno). Tempo di consegna: fine agosto.

Dal momento che mi sembrava una missione impossibile, ho provato a contrattare la consegna e le modalità di lavoro: ho chiesto di estendere la consegna a fine settembre (accordato) e di poter dividere il lavoro con una collega ("noi non sappiamo nulla: resti tu la responsabile della qualità del lavoro").

Veniamo al punto dolente: nella lettera di incarico che il giorno successivo ho visionato venivano riportati i termini di pagamento: 90 giorni data consegna e approvazione del lavoro. Alla mia richiesta di un pagamento dilazionato (1/3 a fine luglio con consegna di circa 200 pagine, 2/3 a 90 giorni data consegna del lavoro) sono stata assalita verbalmente e liquidata con frasi "da anni lavoriamo con traduttori molto più esperti di te e nessuno ha mai avuto pretese simili".

Domanda: è davvero così scandaloso chiedere a un editore (con il quale non ho mai lavorato e che non conosco) un pagamento dilazionato? Se devo lavorare 4, 5 ore al giorno da qui a settembre e vedrò i frutti del mio lavoro solo a gennaio, cosa mangio nel frattempo?

dubbio. 8)


Direct link Reply with quote
 

Giuseppina Gatta, MA (Hons)
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Contratto?!? Jul 5, 2007

Cara Iris,

ti faranno firmare un contratto?
Mi sembra la prima cosa di cui preoccuparsi.

Ciao
Giusi


Direct link Reply with quote
 

Maria Antonietta Ricagno  Identity Verified
Local time: 05:26
Member
English to Italian
+ ...
La mia opinione Jul 5, 2007

iris1963 wrote:

sono stata assalita verbalmente e liquidata con frasi "da anni lavoriamo con traduttori molto più esperti di te e nessuno ha mai avuto pretese simili".

Domanda: è davvero così scandaloso chiedere a un editore (con il quale non ho mai lavorato e che non conosco) un pagamento dilazionato? Se devo lavorare 4, 5 ore al giorno da qui a settembre e vedrò i frutti del mio lavoro solo a gennaio, cosa mangio nel frattempo?

dubbio. 8)


Ho cercato di mettermi al tuo posto e sinceramente l'atteggiamento generale di questo cliente non mi convince: intanto, come sarebbe "noi non sappiamo nulla: resti tu la responsabile della qualità del lavoro"? Dovrebbero avere una posizione al riguardo, non lavarsene le mani scaricandoti semplicemente la responsabilità addosso. Sono sicura che tu sai benissimo da sola che la responsabile del lavoro finale sarai tu.

Riguardo al pagamento, anch'io avrei chiesto dei pagamenti dilazionati: mi sembra di capire che loro se ne infischiano di come vivi nel frattempo prima che ti paghino il lavoro, ma questo non significa che possa fare altrettanto tu!

E poi, giustamente, prima di tutto il contratto ben dettagliato.

Antonella


Direct link Reply with quote
 
Lorenzo Lilli  Identity Verified
Local time: 05:26
German to Italian
+ ...
attenzione Jul 5, 2007

iris1963 wrote:

Domanda: è davvero così scandaloso chiedere a un editore (con il quale non ho mai lavorato e che non conosco) un pagamento dilazionato?



Fossi in te sarei molto diffidente, visto che non hai mai lavorato con questo editore. Non so con che ritmi lavori, quanto sia difficile questo libro ecc., ma mi sembra una mole di lavoro enorme, anche con la consegna a settembre, visto che devi occuparti anche dell'impaginazione. Da come hai descritto la situazione, il loro atteggiamento non mi sembra molto serio. Non vorrei che ti facessero firmare un contratto in base a cui, nel caso la traduzione non sia all'altezza di certi standard qualitativi ***a giudizio insindacabile dell'editore***, ti possa essere decurtata una parte del pagamento. Anche le case editrici più note e serie hanno spesso clausole di questo tipo ma non le applicano quasi mai: le usano per tutelarsi in quei pochissimi casi in cui il traduttore consegna un lavoro davvero illeggibile che deve essere sostanzialmente rifatto. Ma se il loro atteggiamento generale è poco serio, mi viene il sospetto che possano abusare di una clausola di questo genere. Morale: ti consiglio di stare molto attenta a quello che firmi. Buona fortuna.


Direct link Reply with quote
 

texjax DDS PhD  Identity Verified
Local time: 23:26
Member (2006)
English to Italian
+ ...
Proposta inaccettabile ( e illegale…piccolo dettaglio) Jul 5, 2007

Ciao Iris:
Per me la proposta, così come è formulata, è assolutamente inaccettabile. Oltretutto proviene da un editore con il quale non hai mai lavorato prima e che presumibilmente, come tutti gli editori, non sarà disposto a pagare grandi cifre, per usare un eufemismo.
Non è accettabile lavorare per percepire il compenso, se si percepisce, dopo 6 mesi (3 mesi di lavoro, pagamento a 90 giorni…poi ci sono le vacanze di Natale, Capodanno, la Befana, i ritardi delle poste, la banca è chiusa, etc etc..ed i 6 mesi si trasformano magicamente in 8 o più). Inoltre, se non erro, i pagamenti oltre i 30 giorni sono illegali. Non sono un’esperta, ma avevo letto qualcosa al proposito in uno dei tanti forum nei quali si è discusso l’argomento e che riporto perché mi sembra interessante.

Luca Tutino wrote:

Volevo solo menzionare il fatto che contro la prassi italiana, e gran parte di quelle di altri paesi europei, vige una direttiva del parlamento europeo, convertita in legge da moltissimi stati membri compresa l'Italia, che vieta termini di pagamento superiori ai 30 giorni dalla consegna senza giustificato motivo.

Dato che tale motivo deve essere specificato nel contratto, ne deriva che in mancanza di termini concordati qualsiasi ritardo nel pagamento superiore ai 30 giorni è una violazione della legge.

La legge Italiana è il Decreto Legislativo 9 ottobre 2002, n. 231, "Attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 249 del 23 ottobre 2002. Oltre tale termine si devono applicare gli interessi (tasso di sconto BCE + 7%) su tutto il periodo di ritardo + il risarcimento dei costi di recupero (particolarmente ingenti nel caso d'intervento di una agenzia recupero crediti).

http://www.proz.com/topic/21795?start=0&float=

Certo, le 500 cartelle che ti hanno sventolato possono apparire allettanti, ma considera anche i rischi ai quali ti esponi. Inoltre, per lavori che richiedono un impegno di tempo a lungo termine, i pagamenti dilazionati non sono un lusso, sono una necessità e un tuo diritto ( a meno che anche al supermercato non decidano di mandarti lo scontrino dopo 6 mesi). Un altro vantaggio non trascurabile dei pagamenti rateizzati: male che vada ti saranno debitori di 1/3 del compenso, e non dell’intera somma.
Insomma, il mio piccolo consiglio: valuta attentamente i pro e i contro e chiarisci bene tutti gli aspetti della cosa prima di farti mandare il contratto, indispensabile.
In bocca al lupo…o forse ci sei già… (battutaccia, perdonami, I couldn’t help myself )


[Edited at 2007-07-05 19:04]


Direct link Reply with quote
 

iris1963
Local time: 05:26
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Il Gran Rifiuto c'è già stato... Jul 5, 2007

Scusate, non ho chiarito bene nel messaggio precedente che dopo essere stata assalita verbalmente ho declinato l'offerta. Meglio: mi hanno imposto loro una risposta immediata ("O sì, o no!") e io ho restituito il materiale.

Mi è rimasto il dubbio di essere stata troppo presuntuosa (come hanno cercato di farmi sentire) o impulsiva. Mi son sentita male al solo pensiero di coinvolgere altre persone e di non poter garantire loro il pagamento in tempo (o addirittura tutto il pagamento).

Grazie delle vostre risposte: avevo bisogno del parere di professionisti bravi ed esperti come voi,

e... Freelance Pride!


Direct link Reply with quote
 

Laura Gentili  Identity Verified
Italy
Local time: 05:26
Partial member (2002)
English to Italian
+ ...
anticipi per traduzioni editoriali Jul 5, 2007

Quella degli anticipi per le traduzioni editoriali è un po' una zona grigia: alcuni editori li accordano, altri no. Alcuni traduttori li pretendono, altri no (ovviamente hanno altre fonti di reddito).
Trovo però poco professionale la reazione del tuo interlocutore di fronte ad una tua richiesta più che legittima. Questo atteggiamento intimidatorio nei confronti di un nuovo collaboratore (hai avuto l'onore di vederti offrire un incarico da noi, quindi striscia e non fiatare) non promette nulla di buono.

Laura

[Edited at 2007-07-05 20:45]


Direct link Reply with quote
 
Raffaella Cornacchini  Identity Verified
Local time: 05:26
English to Italian
+ ...
dal punto di vista dell'editore Jul 6, 2007

la tua proposta non era affatto scandalosa. Io - che lavoro in una casa editrice - regolo le traduzioni sempre per tranches, essendo libri ponderosi. Ad esempio: ti do 8000 euro in quattro tranches da 2000 euro l'una alla consegna puntuale di XX cartelle di traduzione del testo tal dei tali.
raffaella


Direct link Reply with quote
 

lanave  Identity Verified
Italy
Local time: 05:26
French to Italian
+ ...
Anticipo e saldo Jul 7, 2007

Lavoro per un cliente per il quale traduco annualmente un grosso lavoro che viene anche pubblicato, pubblicazione destinata al settore di riferimento.

Non ha mai creato problemi al pagamento suddiviso in acconto e saldo. Anzi, fu lui a proporlo inizialmente e da allora quello è diventato il nostro modo di lavorare.

Non sei stata presuntuosa, Iris, hai chiesto il dovuto. Evidentemente l'editore è in malafede. Non riesco a pensare altro.

Chiusa una porta con dignità, si apre un portone (ne ho avuto ennesima riprova due giorni fa ) forza e coraggio.


Direct link Reply with quote
 

Elisa Comito  Identity Verified
Local time: 05:26
English to Italian
+ ...
Pagamento e altri problemi Jul 8, 2007

Ciao Iris,

io lavoro come traduttrice editoriale e anche a me l'atteggiamento del "tuo" editore sembra sospetto, ma non tanto per la questione del pagamento quanto per tutto il resto.

Mi spiego: purtroppo nel mondo dell'editoria sono molti gli editori che pagano a 90 gg e in un'unica soluzione. Se vuoi lavorare nell'editoria italiana devi accettare, soprattutto all'inizio quando hai pochi clienti e non puoi scegliere, anche questo tipo di pagamenti. Comunque i restanti pagano a 60 gg; sono RARISSIMI quelli che pagno prima, e la grande maggioranza paga in un'unica soluzione. Alcuni danno anticipi ma non è certo - purtroppo - un uso comune.

Però non è tanto il tempo del pagamento il problema, ma la serietà dell'editore. Non è vero, come ha detto qualcuno, che se accetti pagamenti a 90 gg non riesci a vivere del tuo lavoro. Questo può valere all'inizio ma, appena hai un flusso di lavoro continuativo, il sistema funziona come qualunque altro. Io, per esempio, a fine luglio riscuoterò dei pagamenti per lavori consegnati a fine aprile. Che problema c'è? Se tu sai quali somme arriveranno, e quando, puoi preventivare tutte le spese.

Però - e qui sta il pericolo! - questo (come del resto ogni sistema) funziona solo con editori seri e siccome in Italia ci stanno nominalmente migliaia di editori tra cui tanti imbroglioni (come in tutti i settori) è sempre bene prendere informazioni preventive chiedendo info ai colleghi che ci hanno già lavorato.

Se anche il tuo editore ti avesse promesso un pagamento a 30 gg, o a rate, il discorso varrebbe lo stesso, perché ci sono editori che promettono tutto quello che vogliono i traduttori (e magari offrono cifre molto alte a cartella) tanto sanno che non pagheranno mai! Ce ne sono alcuni che hanno COME SISTEMA quello di pagare, infine, solo quei traduttori che si rivolgono a un avvocato. Capisci, fanno il calcolo che, anche se occasionalmente devono pagare il dovuto sborsando magari anche un risarcimento legale (ma questo non avviene quasi mai, perché in genere pagano dopo le prime lettere dell'avvocato), gli conviene sempre!

Se vuoi soddisfare la tua curiosità, iscriviti alla mailing list di Biblit (sito di riferimento per i traduttori letterari) , consulta gli archivi e metti una domanda il lista chiedendo informazioni sull'editore in causa. In ogni caso ti consiglio di rivolgerti a Biblit se in futuro dovessi avere l'occasione di collaborare con altri editori, e non solo per fare queste verifiche ma per comiunciare a documentarti sui meccanismi della traduzione editoriale, che sono diversi da quella tecnica. E' diverso anche il regime fiscale che si applica alle traduzioni editoriali e altri aspetti su cui è bene informarsi per non muoversi alla cieca e non rimetterci anche economicamente.

Buona domenica,

Elisa


Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

Pagamento dilazionato? Sì, no...

Advanced search






Anycount & Translation Office 3000
Translation Office 3000

Translation Office 3000 is an advanced accounting tool for freelance translators and small agencies. TO3000 easily and seamlessly integrates with the business life of professional freelance translators.

More info »
Wordfast Pro
Translation Memory Software for Any Platform

Exclusive discount for ProZ.com users! Save over 13% when purchasing Wordfast Pro through ProZ.com. Wordfast is the world's #1 provider of platform-independent Translation Memory software. Consistently ranked the most user-friendly and highest value

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs