Mobile menu

Pages in topic:   [1 2] >
questioni di...italiano..
Thread poster: irene serafini

irene serafini  Identity Verified
Spain
Local time: 06:16
English to Italian
+ ...
Aug 15, 2007

Buon Ferragosto a tutti.
Sono una giovane traduttrice, da qualche tempo entrata nel campo lavorativo della traduzione.
Come si dice, sbagliando si impara, e recentemente mi son dovuta accorgere di certe mie "lacune" che non pensavo di avere. Si tratta di lacune in campo ortografico (qual è senza apostrofo, etc..) che, sorprendentemente, nessuno mi aveva mai corretto fino ad ora, nemmeno durante la mia carriera universitaria alla Scuola Superiore di Interpreti e Traduttori.

Pongo quindi una domanda, che è più di riflessione, non è forse assurdo che in tutto questo tempo (Liceo, Università) nessuno mi abbia mai spiegato rigidamente le regole ortografiche italiane? E dire che ero una delle migliori della classe... Si tratta quindi di regole che stanno "sparendo", sono a discrezione o forse non sono così rigidamente applicabili? (o semplicemente non ho mai avuto bravi insegnanti..)

Ho anche una richiesta.
Conoscete dei buoni manuali di ortografia/libri di stile di italiano da poter consultare? Anche libri che spieghino la storia della lingua e quali sono i corretti usi di parole/espressioni (per esempio "o" o "oppure") Sono sempre disposta ad imparare ed a migliorare!

Grazie Mille!


Direct link Reply with quote
 

Angie Garbarino  Identity Verified
Spain
Local time: 06:16
Member (2003)
French to Italian
+ ...
Accademia della Crusca Aug 15, 2007

Potresti intanto leggerti il sito dell'Accademia della Crusca

http://www.accademiadellacrusca.it

Buona fortuna!


Direct link Reply with quote
 

Riccardo Schiaffino  Identity Verified
United States
Local time: 22:16
Member (2003)
English to Italian
+ ...
Tanto per iniziare: Gabrielli e Crusca Aug 15, 2007

Ciao Irene, e buon Ferragosto.

Ti consiglierei due vecchi libri di Aldo Gabrielli: Il piacere dell'italiano. Come districarsi tra i segreti di grammatica e sintassi e Nella foresta del vocabolario. (o, se lo trovi, Si dice o non si dice?, sempre dello stesso autore) Si tratta di libri vecchi, probabilmente non più facili da trovare, ma ancora utilissimi proprio per dirimere dubbi riguardo a cosa sia corretto e cosa non lo sia (e perché).

Poi ti consiglio di esaminare i messaggi sul vecchio forum dell'accademia della Crusca (forum che, purtroppo, ha sospeso l'attività, ma i vecchi messaggi sono ancora consultabili), dove si dibattevano questioni proprio tipo se fosse corretto o meno scrivere "qual'è" (e, magari sorprendentemente, ci si scopre che anche buoni autori hanno spesso utilizzato la forma "errata" con l'apostrofo).


Direct link Reply with quote
 

sabina moscatelli  Identity Verified
Italy
Local time: 06:16
Member (2004)
German to Italian
+ ...
Grammatica del Serianni Aug 16, 2007

ma anche un buon libro della scuola media è più che sufficiente se proprio vuoi fare un ripasso sintetico dell'ortografia.

Mi capita spesso di segnalare ai miei studenti i loro errori/orrori di ortografia italiana, ma con altrettanta frequenza osservo che glissano su questo aspetto, quasi fosse secondario.

Sicuramente anche nel tuo caso gli insegnanti avranno segnato con la mitica penna rossa gli svarioni ortografici, ma tu probabilmente sarai stata più concentrata sul voto o su altri aspetti dei tuoi testi.

Buon ripasso!


Direct link Reply with quote
 

irene serafini  Identity Verified
Spain
Local time: 06:16
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Grazie a tutti. Aug 16, 2007

Grazie per tutti i consigli.
Avevo già dato un'occhiata al sito dell'Accademia della Crusca, dove ci sono diverse bibliografie in merito, quello che volevo però era avere i consigli di testi già sperimentati da qualcuno, ossia sapere quali sono i più "quotati".

Il Serianni sembra avere un'ottima reputazione e senza dubbio proverò a cercare i libri di Gabrielli.

Volevo però dire a Sabina che, per come sono fatta, se mi avessero segnato in rosso degli errori ne avrei certamente tenuto conto ^^. In ogni caso, se me li avessero corretti e io avessi sorvolato, se l'errore ortografico è così importante (quanto un "ha senza "h") perché non insistere di più?
È questo quello che mi chiedo e che mi fa riflettere: fino a che punto è "tassativo" o "grave" in italiano mettere "cosi" senza accento o "qual'è" con apostrofo?


Direct link Reply with quote
 

Francesco Damiani  Identity Verified
Local time: 06:16
French to Italian
+ ...
Ne sei sicura? Aug 16, 2007

Non sarei sicuro che i suoi insegnanti le abbiano segnalato questi errori, e che lei non abbia fatto attenzione.........
Fra l'altro per me, per esempio, la fretta è un pessimo (o ottimo) nemico nell'ortografia.........Anche se quando le cose si sanno non si dovrebbe sbagliare.
Ciao!


Direct link Reply with quote
 

Chiara Foppa Pedretti  Identity Verified
Italy
Local time: 06:16
English to Italian
+ ...
Un modestissimo parere Aug 16, 2007

Io penso che, per chi lavora con la lingua come noi, la grammatica e l'ortografia non possano essere "sorvolate". Fanno parte del nostro "strumento di lavoro", sono loro stesse strumenti, e pertanto vanno usate bene.

E' vero che alcuni "errori" stanno diventando sempre più accettabili (ma soprattutto nella lingua parlata): ad esempio, "gli" per "a lei".

Questo, tuttavia, secondo me, non è ancora una giustificazione valida per commettere errori ortografici o grammaticali.

Tra l'altro, ho avuto la fortuna di avere degli ottimi insegnanti di italiano a tutti i livelli di insegnamento, e, probabilmente, anche di aver studiato linguistica all'università. Lo dico visto che credo di avere pochissimi anni meno di te: credo che tu abbia ragione sul dire che è un po' assurdo che nessuno ti abbia mai corretta!


Direct link Reply with quote
 

Francesco Rho  Identity Verified
Spain
Local time: 06:16
Member (2008)
English to Italian
+ ...
Se tu può consolare... Aug 16, 2007

Devo dirti che anch'io, pur essendo laureato in Lettere, molte "regolette" le ho scoperte (o, per meglio dire, riscoperte) lavorando come correttore di bozze e come traduttore.
Ho trovato molto utile questo testo, che mi ha consigliato il mio primo direttore editoriale: "Il Nuovo Manuale di Stile" di Roberto Lesina, Zanichelli. Contiene non solo indicazioni su grammatica e ortografia, ma anche su questioni come l'uso delle parentesi, delle virgolette, delle citazioni e così via.
In saluto


Direct link Reply with quote
 
smarinella  Identity Verified
Italy
Local time: 06:16
Member (2004)
German to Italian
+ ...
perché qualcuno deve imparare l'ortografia...da adulti Aug 16, 2007

Cara Irene,

il tuo problema non è... raro tra coloro che hanno frequentato la scuola (media e quindi anche superiore) a partire diciamo dalla metà-fine degli anni Ottanta. Da allora si è cominciato a eliminare lo studio della grammatica 'tradizionale' e solo i pochi fortunati che hanno avuto come insegnante una persona non giovanissima sono
ora in grado, da adulto, di possedere in maniera approfondita e veramente sicura la lingua materna.

Molti miei colleghi di lettere (io insegno anche) hanno difficoltà - parlo di insegnanti di lettere, non di ragionieri o baristi - a scrivere con proprietà di linguaggio una relazione (non parlo dei congiuntivi e consecutio temporum sbagliate che pure ahimé ahimé talora si trovano...) proprio perché hanno frequentato le medie e le superiori quando la grammatica era già stata bandita. Come fanno i poveretti a insegnarla se non l'hanno appresa da nessuno?

Un mio amico direttore di giornale dice che 'i giornalisti' - forse anche gli insegnanti di lettere? - sono come il vino, si scelgono in base all'annata. Che tristezza...

Comprendo che chi offre 'servizi linguistici' (e sono in tanti: giornalisti, pubblicitari solo per citarne alcuni) si trovi in difficoltà ma d'altro canto basta vedere come si scrive (e legge) in TV o su qualsiasi forum per rendersi conto che il possesso 'sicuro' dell'italiano (non parlo di sinonimia, né di ampiezza di vocabolario o semantica o altro no di mere strutture grammaticali) è ormai appannaggio di pochi.

Il possesso sicuro delle strutture grammaticali, poi, non va confuso con la 'capacità di scrittura' che è tutt'altra cosa; anch'essa però, pur essendo come dire un talento naturale come il canto o la pittura - va affinata ed esercitata per anni e anni e anni.

Traduttori letterari non si diventa da un momento all'altro - traduttori tecnici neanche, ma forse è meno arduo.

Che dirti? Perché mai, poi, scusa, avrebbero dovuto insegnarti la grammatica italiana all'Università? Non è mica compito loro...

Solo a Fisica e Ingegneria fanno ora dei corsi propedeutici perché le matricole non sono in grado neanche di capire cosa vien detto durante le lezioni... ma qui si tratta di conoscenze base di matematica o altre discipline scientifiche. Poveri noi...

[Edited at 2007-08-16 15:55]

[Edited at 2007-08-16 16:03]


Direct link Reply with quote
 
MonicaO
Local time: 06:16
English to Italian
+ ...
Professori impreparati/inadeguati? Aug 16, 2007

Nonostante il fatto che negli ultimi anni la mia aspirazione si sia rivelata far parte di questa categoria, temo che le colpe maggiori siano proprio da imputare ai nostri professori; in particolare a quelli delle scuole elementari e medie, responsabili della formazione iniziale e della costruzione di quelle famose "solide basi" fondamentali per ogni futuro apprendimento.

Ho terminato ormai da qualche anno le scuole superiori (ho 25 anni), ma ricordo ancora benissimo le lacune di molti studenti nella mia classe di un Liceo classico di provincia.
Ricordo ancora meglio - però - gli strafalcioni vergognosi della mia prof. di italiano delle medie.
Un esempio?
La giovane insegnante considerava inesistente l'aggettivo "ininfiammabile"..dato che il contrario di "infiammabile" (per lei: "che non brucia") era evidentemente "fiammabile" (per lei: "che brucia").

... :|

La cosa ridicola è che le correzioni (ed i relativi dibattiti con conseguente conclusione del tipo: "e perchè..io cosa vi avevo detto??") spettavano sempre ad un paio di studentesse (tra cui anche la sottoscritta), che avevano anche meritato - non si sa bene come - l'onore/onere di affiancare la prof nella correzione dei compiti in classe di grammatica!

Quasi da denuncia.

Con queste premesse, non c'è da stupirsi molto se poi ci si accorge di avere alcune lacune solo da adulti..magari per lavoro; e non c'è da stupirsi nemmeno nel sentire commenti avvelenati ed umilianti rivolti a "questi giovani insegnanti di oggi che non servono a niente e non sono in grado di insegnare nulla ai nostri figli". [Cito quanto le mie orecchie hanno dovuto ascoltare qualche settimana fa in treno..]

Triste, no?
A me viene ancora più voglia di insegnare però..


Direct link Reply with quote
 

humana
Brazil
Local time: 01:16
English to Spanish
+ ...
Siamo in tanti Aug 17, 2007

Carissimi Irene ed altri,
sento come miei le tue preoccupazioni. Anche io ho frequentato un Liceo classico e soltanto adesso, da adulto, mi sono reso conto che ho un debbito con le regole del bel scrivere. Anzi, soltanto pochi anni addietro ho incominciato a imparare a scrivere, in un senso lato, diciamo, con correttezza! E guarda come sono le cose: ho incominciato a scrivere meglio in portoghese, una lingua che adesso considero come equivalente e con la quale mi trovo più ad agio, che con la mia linguamadre, che è lo spagnolo e che un tempo fu anche l'italiano.
Il risultato di tutto questo è che oggigiorno mi ritrovo ancora a rillegermi quei trattati di grammatica (insopportabili) con tutte le regole che un tempo mi sono imparato a scuola.
Penso che il problema di sottofondo sia la forma con cui siamo stati presentati a quell'inconmensurabile patrimonio colletivo che è la nostra lingua. A questo punto mi ricordo del bellissimo saggio pedagogico di Douglas Robinson Becoming a translator, dove l'autore consiglia un tipo de approccio più istintivo, non semplicemente razionale, allo studio e alla pratica delle lingue.
Saluti a tutti
Sandro


Direct link Reply with quote
 

Laura Gentili  Identity Verified
Italy
Local time: 06:16
Member (2003)
English to Italian
+ ...
Scuola elementare Aug 17, 2007

Io ho 3 figli alle elementari e noto che le maestre non hanno una conoscenza approfondita della lingua italiana. E' capitato anche a me di notare strafalcioni nei testi preparati dalle maestre o cose del genere. Anche al di là delle cose più clamorose (come ad esempio l'uso del verbo scendere in forma transitiva) noto tanti piccole imprecisioni diffuse. Quindi non mi stupisce che poi studenti universitari o laureati si trovino in difficoltà.

Direct link Reply with quote
 

irene serafini  Identity Verified
Spain
Local time: 06:16
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
quindi :) Aug 17, 2007

grazie mille a tutti
nel leggere i vostri commenti mi sorge una riflessione, anche in seguito a quanto mi ha suggerito un mio ex professore universitario di letteratura convocato in merito, ovvero che "la grammatica la fa l'uso e non le regole".
Visto che tutti, chi più chi meno, abbiamo riscontrato una certa tendenza nel "tralasciare" certe regoline di grammatica (lasciando da parte gli strafalcioni), forse non è segno di un cambio nella lingua come tanti altri già avvenuti, nonostante faccia inorridire le generazioni presenti?
O è solo segno dell'"ignoranza" crescente? ^^
ai posteri l'ardua sentenza suppongo.


Direct link Reply with quote
 
Sergio Mangiarotti
Local time: 06:16
German to Italian
Scendere le scale Aug 17, 2007

Laura Gentili wrote:

Anche al di là delle cose più clamorose (come ad esempio l'uso del verbo scendere in forma transitiva) noto tanti piccole imprecisioni diffuse.


Nel mio Zingarelli (1970) però c'è:

9 B v. tr. 1 Percorrere andando dall'alto verso il basso: - una montagna, le scale, i gradini.

(Forse però intendevi casi del tipo: "scendi il bimbo che lo gioco"..-)

[Edited at 2007-08-17 10:05]

[Edited at 2007-08-17 10:06]


Direct link Reply with quote
 

Laura Gentili  Identity Verified
Italy
Local time: 06:16
Member (2003)
English to Italian
+ ...
Scendere Aug 17, 2007

Mi riferivo ad espressioni come "lo scendo io" (sott. il quaderno, il registro ecc.)

Laura

[Edited at 2007-08-17 19:23]


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

questioni di...italiano..

Advanced search






Across v6.3
Translation Toolkit and Sales Potential under One Roof

Apart from features that enable you to translate more efficiently, the new Across Translator Edition v6.3 comprises your crossMarket membership. The new online network for Across users assists you in exploring new sales potential and generating revenue.

More info »
Déjà Vu X3
Try it, Love it

Find out why Déjà Vu is today the most flexible, customizable and user-friendly tool on the market. See the brand new features in action: *Completely redesigned user interface *Live Preview *Inline spell checking *Inline

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs