Mobile menu

Pages in topic:   [1 2] >
Come calcolare una tariffa "ragionevole"?
Thread poster: lbc2002
lbc2002
Local time: 08:22
English to Italian
Sep 29, 2007

ciao a tutti!
Sono approdato da poco qui su proz e sto cercando di muovere i primi passi. A proposito di tariffe, ho letto qui sul forum dei frequenti casi di tariffe troppo basse (tipo, se ho ben capito, 0,02 o 0,03 EUR a parola del testo originale). Ora, guardando un po' i profili, mi sembra abbastanza "diffusa" la tariffa di 0,05 EUR a parola: certo non è che ho visitato moltissimi profili dunque la mia è solo un'impressione ma, mi chiedo, 0,05/source word può essere per esempio considerata una buona tariffa di riferimento?

In pratica vorrei sapere come procedere in generale per calcolare una tariffa "ragionevole", né troppo bassa ma nemmeno troppo alta, soprattutto considerando che sono agli inizi!

Un'altra curiosità: visto che, almeno qualche volta, ad offrire un lavoro (vedi sezione job posts) mi pare che siano gli stessi traduttori che solitamente eseguono personalmente la traduzione, se ad esempio "Tizio" ha una tariffa personale di 0,06 EUR/parola come potrà offrire al collega una cifra uguale o maggiore a questa ed al tempo stesso ricavare qualcosa da quel lavoro? Dovrà in pratica pagare meno il collega oppure "scaricare" sul proprio cliente finale una richiesta di costo maggiore di quello che avrebbe potuto chiedergli qualora fosse stato lui stesso ad effettuare il lavoro? Ma se il cliente finale è magari lo stesso con cui ha solitamente rapporti di lavoro, e dunque già conosce la sua tariffa abituale, come giustificherà tale "sovrapprezzo"?

Grazie per qualsiasi consiglio e delucidazione!


Direct link Reply with quote
 

Christel Zipfel  Identity Verified
Partial member (2004)
Italian to German
+ ...
Benvenuto/a lbc 2002! Sep 29, 2007

Quella delle tariffe è una questione annosa, e molte volte è stata discussa in varie lingue.

Certo, 2 centesimi è assurdo, ma anche 3 o 4 centesimi è un prezzo troppo basso, considerato che è sempre lordo e che in tasca, a conti fatti, rimane spesso solo la metà o anche meno. Quindi come è possibile che un traduttore possa campare con quei soldi lì, visto anche che non lavora certo tutti i santi giorni da mane a sera? (Deve scrivere le fatture, rispondere alle mail, occuparsi dei glossari ecc. ecc....) In un'ora, qualunque donna delle pulizie guadagna più di lui, e le servono solo un paio di guanti e nient'altro. Chiunque lo capisce, no?

Per calcolare una tariffa "ragionevole", su questo forum troverai parecchie indicazioni di persone molto più capaci di me. Ad ogni modo, tieni sempre conto anche delle spese e naturalmente delle tasse e degli eventuali contributi all'INPS.

Se "Tizio" ha indicato sul suo profilo una tariffa di mettiamo 6 centesimi, non è detto che non possa occasionalmente guadagnare di più (anzi, glielo auguro proprio...!). Quindi può benissimo offire un compenso più alto se offre il lavoro via ProZ, a meno che preferisca rimetterci piuttosto che fare una brutta figura


Auguri comunque!


Direct link Reply with quote
 

Giuliana Buscaglione  Identity Verified
Austria
Local time: 08:22
Member (2001)
German to Italian
+ ...
Non c'è un solo mercato: a ciascuno il suo mercato Sep 29, 2007

Ciao "lbc2002",

il concetto di ragionevole è molto personale, ma non prescinde una logica basata sui costi e le spese da sostenere, mantenere se stessi e i propri figli (presenti o futuri) ovviamente accompagnata dal tipo di prodotto ed esperienza che si può offrire.

Non solo, non vi è una tariffa unica per tutto: la tariffa dipende dal tempo che un determinato lavoro richiede, perché al giorno si possono lavorare solo un certo numero di ore (6-8-10-12-14 o che sia), ma ogni giornata del mese deve fruttare una certa media per giungere a fine mese a ciò di cui si ha bisogno per ciò di cui sopra.

5 centesimi a parola sono **lordi**, nel senso che sebbene non includano l'IVA servono a finanziare ciò detto e a pagare le imposte. Per giungere a 3000 euro lordi (togli qui togli là rimane praticamente ben pooooco) bisogna tradurre 60 000 parole al mese, ossia una media di 2300 parole al giorno per 26 gg (ammesso di non lavorare solo di domenica).. tutti i giorni, un giorno dopo l'altro... 2300 e rotte parole sono ca. 8 e poco più pagine standard... possono essere poche, ma tantissime, a seconda del tipo di testo che si sta traducendo, la necessità di controllare online le definizioni (= assorbe tanto tempo) e persino per chi fa questo lavoro da anni ed è impegnato giornalmente possono a volte esser troppe.

Se è faticoso mantenere il ritmo, la stessa qualità, attenzione e cura, diventa molto difficile agli inizi, quando manca la routine e l'esperienza per riconoscere i "pericoli".

Trai le tue conclusioni sui cinque cent

Giuliana



[Edited at 2007-09-29 20:42]


Direct link Reply with quote
 

María José Iglesias  Identity Verified
Italy
Local time: 08:22
Italian to Spanish
+ ...
Benvenuto su ProZ.com. Le tariffe di "riferimento". Sep 30, 2007

lbc2002 wrote:
ciao a tutti!
Sono approdato da poco qui su proz e sto cercando di muovere i primi passi. A proposito di tariffe, ho letto qui sul forum dei frequenti casi di tariffe troppo basse (tipo, se ho ben capito, 0,02 o 0,03 EUR a parola del testo originale).

Ciao "lbc2002".
0,02 e 0,03 €/parola sono sicuramente tariffe non professionali per qualsiasi combinazione linguistica.

Ora, guardando un po' i profili, mi sembra abbastanza "diffusa" la tariffa di 0,05 EUR a parola: certo non è che ho visitato moltissimi profili dunque la mia è solo un'impressione ma, mi chiedo, 0,05/source word può essere per esempio considerata una buona tariffa di riferimento?


Non mi risulta che la media su ProZ.com per la tua combinazione linguistica sia di 0,05 €/parola, ma più elevata. Ad ogni modo, come diceva Giuliana, non c'è un solo mercato né una sola tariffa di riferimento. Una tariffa di 0,05 può essere molto bassa per un cliente di un Paese ed essere nella media per un altro cliente che si trova in un Paese diverso. La tariffa dipende anche dal tipo di cliente (agenzia o cliente diretto), dal tipo di lavoro, dal formato, dalla combinazione linguistica, dalla complessità, dal settore, dall'esperienza del traduttore, dal tipo di qualità (professionale o non), talvolta anche dal volume... (tipo di progetto, se multilingua o non)

Per poter avere un'idea di quale potrebbe essere una tariffa di riferimento che faccia per te, dovrai studiare il mercato del Paese al quale ti rivolgi per non correre il rischio di presentarti con tariffe fuori mercato.
Poi, non dici nella tua domanda se la tariffa di 0,05 € per la tua combinazione linguistica vuoi proporla ai tuoi clienti diretti o alle agenzie... E a quali agenzie.

Se tu sei agli inizi ma ti consideri un professionista (credi quindi di poter offrire un buon livello e ti sei formato adeguatamente per essere un traduttore nel tuo settore di interesse) non dovresti proporti a tariffe al di sotto della media; prima per una questione di immagine (molto spesso un cliente che trova un prezzo troppo basso diffida dalla qualità del prodotto o del servizio), ma poi per una questione di rispetto verso i professionisti che si muovono in vari mercati. Questi mercati, l'aspirante a traduttore dovrebbe imparare a conoscerli bene prima di proporsi, altrimenti c'è il rischio di sciupare quel mercato.

Un'altra curiosità: visto che, almeno qualche volta, ad offrire un lavoro (vedi sezione job posts) mi pare che siano gli stessi traduttori che solitamente eseguono personalmente la traduzione, se ad esempio "Tizio" ha una tariffa personale di 0,06 EUR/parola come potrà offrire al collega una cifra uguale o maggiore a questa ed al tempo stesso ricavare qualcosa da quel lavoro?


Infatti un collega che lavora (con agenzie o con clienti diretti) a una tariffa di 0,06 €/parola, non riesce solitamente a subappaltare una traduzione per avere un profitto da quel lavoro, a meno che:
1) la persona a cui affida la traduzione non sia un professionista;
2) con il suo collega traduttore non accordi di lavorare "alla pari" in una specie di "banca del tempo" (oggi faccio per te 3 cartelle e domani le fai tu per me);
3) il collega venga pagato da te alla stessa tariffa ragionevole che tu hai proposto al tuo cliente (in questo caso ovviamente non ci guadagni sopra, ma può essere utile quando si ha un eccesso di lavoro e non si vuole rischiare di perdere il cliente).

Se invece il cliente è un'agenzia, stai attento con gli appalti: quando un'agenzia contatta un traduttore, si rivolge a quel traduttore e NON ad un altro, quindi la responsabilità è tutta quanta del primo. Molte di queste agenzie (direi la maggior parte) propongono nelle loro condizioni di collaborazione il divieto di subappalto dei lavori. Personalmente lo trovo giusto e anch'io sostengo questo punto di vista.

Se un cliente diretto contatta invece un team, un'agenzia o uno studio, è chiaro che lo studio decide a chi affidare la traduzione tra i traduttori collaboratori in base a certi requisiti, ma questo è un'altra cosa diversa da quella che tu domandi. Del resto uno studio o una agenzia hanno solitamente tariffe ben più elevate da quelle che hai riferito.

Dovrà in pratica pagare meno il collega oppure "scaricare" sul proprio cliente finale una richiesta di costo maggiore di quello che avrebbe potuto chiedergli qualora fosse stato lui stesso ad effettuare il lavoro? Ma se il cliente finale è magari lo stesso con cui ha solitamente rapporti di lavoro, e dunque già conosce la sua tariffa abituale, come giustificherà tale "sovrapprezzo"?

Infatti, per non andare in perdita e per riuscire ad avere un ricavo per la "gestione" (la gestione include tante cose, tra cui la revisione, il sostegno al traduttore, la trattativa con il cliente alcuni altri elementi che meriterebbero una discussione a parte) la tariffa al cliente non dovrebbe essere al di sotto di 0,10 €/parola. Almeno dalla mia esperienza. E ancora dipende alla combinazione linguistica. Magari per il tedesco, per il russo e per altre lingue non del primo gruppo, la tariffa di 0,10 al cliente finale (parlo ora dell'Italia) non basterà.

Questo, ovviamente, se tu lavori con professionisti della traduzione che non ti facciano fare una brutta figura presso il tuo cliente

Grazie per qualsiasi consiglio e delucidazione!

Spero di averti dato un'idea almeno orientativa.

María José


Direct link Reply with quote
 
lbc2002
Local time: 08:22
English to Italian
TOPIC STARTER
grazie 1000! Oct 1, 2007

grazie a tutte per le utili e dettagliatissime risposte!


Non mi risulta che la media su ProZ.com per la tua combinazione linguistica sia di 0,05 €/parola, ma più elevata.

ok, come dicevo era solo un'impressione, non come media, ma più che altro come tariffa abbastanza "diffusa", almeno così mi era sembrato, scorrendo un po' di profili. Dunque è più elevata, ma più o meno quale è (se si può conoscere naturalmente)


per non correre il rischio di presentarti con tariffe fuori mercato.

esatto, proprio per quello ho pensato di chiedere, e voi mi avete aiutato a chiarire molti dubbi, grazie ancora!


Poi, non dici nella tua domanda se la tariffa di 0,05 € per la tua combinazione linguistica vuoi proporla ai tuoi clienti diretti o alle agenzie...
E a quali agenzie.

sinceramente pensavo che più o meno si potesse usare una tariffa, se non proprio uguale, diciamo simile, ma in effetti mi pare di capire dalle tue parole che debba essere diversa, in linea di massima come comportarsi?

non dovresti proporti a tariffe al di sotto della media; prima per una questione di immagine (molto spesso un cliente che trova un prezzo troppo basso diffida dalla qualità del prodotto o del servizio), ma poi per una questione di rispetto verso i professionisti che si muovono in vari mercati.

sì in effetti anche questo motivo era alla base della mia domanda, e il vostro aiuto e consigli per me sono stati preziosi! Grazie 1000!


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 05:22
Member (2001)
English to Italian
+ ...
A proposito di tariffe nel sito... Oct 1, 2007

Colgo l'ocasione di questa discussione, che verte, in sostanza, sulla ricerca di orientamento e informazioni sulle tariffe da praticare, per annunciare (in modo non ufficiale) una piccola novità nel sito.

Tra poco cambierà completamente la gestione delle tariffe (in numerosi aspetti su cui non mi soffermo) e una di queste novità sarà che tutte le tariffe medie saranno visibili a tutti, senza alcuna limitazione o restrizione.

È stata una discussione lunga e difficile, quasi una battaglia, ma alla fine è passata la linea dell'apertura totale. Attualmente le tariffe medie per una combinazione linguistica sono visibili solo a chi lavora in tale combinazione, e solo se inserisce le proprie tariffe (anche se non le mostra) e solo se è un membro pagante.
Tutto questo è stato discusso tra i moderatori ed è stato accettato il principio che le tariffe medie dovrebbero avere la massima pubblicità e visibilità possibile.

Resta valido, ovviamente, il principio che ognuno potrà decidere personalmente se inserire le prorprie tariffe o meno, ma tutte le tariffe inserite, visibili o non visibili, faranno parte delle medie, e tali valori medi saranno resi disponibili a tutti, anche a coloro che non inseriscono le proprie tariffe, anche ai non membri (utenti non paganti).

Spero che questi cambiamenti rendano presto la vita più semplice a chi cerca informazioni e cerca di orientarsi sulle tariffe da praticare.

Il cambiamento sarebbe già operativo se non fosse successa la nota disgrazia al programmatore che se ne occupava. Justin era il programmatore dedicato a queste modifiche, e le aveva già finite. Stava già lavorando agli ultimi dettagli quando ha avuto l'incidente fatale che lo ha strappato alla sua famiglia e amici.


Gianfranco




[Edited at 2007-10-01 13:18]


Direct link Reply with quote
 
lbc2002
Local time: 08:22
English to Italian
TOPIC STARTER
grazie Gianfranco! Oct 3, 2007


Colgo l'ocasione di questa discussione, che verte, in sostanza, sulla ricerca di orientamento e informazioni sulle tariffe da praticare, per annunciare (in modo non ufficiale) una piccola novità nel sito.

Tra poco cambierà completamente la gestione delle tariffe (in numerosi aspetti su cui non mi soffermo) e una di queste novità sarà che tutte le tariffe medie saranno visibili a tutti, senza alcuna limitazione o restrizione.

mi sembra una modifica molto utile, grazie!


Tutto questo è stato discusso tra i moderatori ed è stato accettato il principio che le tariffe medie dovrebbero avere la massima pubblicità e visibilità possibile.

penso che sarebbe una cosa molto utile, soprattutto ai nuovi come me che così potrebbero orientarsi un po'.



Spero che questi cambiamenti rendano presto la vita più semplice a chi cerca informazioni e cerca di orientarsi sulle tariffe da praticare.

grazie 1000! io penso proprio di sì!
Nel frattempo, se fosse possibile, perché magari non postare come argomento "fisso" in cima al forum un piccolo "prontuario" con le linee guida preparato da voi esperti (magari prendendo spunto proprio da questa discussione)? Lo potreste aggiornare via via al variare delle tariffe, solo un'idea, grazie ancora!


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 05:22
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Non ho capito Oct 3, 2007

lbc2002 wrote:
...
Nel frattempo, se fosse possibile, perché magari non postare come argomento "fisso" in cima al forum un piccolo "prontuario" con le linee guida preparato da voi esperti (magari prendendo spunto proprio da questa discussione)? Lo potreste aggiornare via via al variare delle tariffe, solo un'idea, grazie ancora!
...


Non sono sicuro di capire bene cosa intendi per "prontuario" e come possa essere "aggiornato via via al variare delle tariffe".

Potresti spiegare cosa intendi?


ciao
Gianfranco


Direct link Reply with quote
 
lbc2002
Local time: 08:22
English to Italian
TOPIC STARTER
una sorta di FAQ di orientamento sulle tariffe Oct 3, 2007


Non sono sicuro di capire bene cosa intendi per "prontuario" e come possa essere "aggiornato via via al variare delle tariffe".

Potresti spiegare cosa intendi?


Volentieri, Gianfranco.
Pensavo in sostanza a una cosa molto "pratica" e semplificata, tipo FAQ/linee guida strutturate per esempio sul genere "a domanda/risposta" in cui voi esperti indicate la tariffa media corrente (e quando sarà pronto l'aggiornamento che hai detto, basterà riportare naturalmente il link alla pagina del sito che visualizza tale media, in pratica simile a quanto già ora possibile con il menu "Jobs -- Rates" ma, da quanto vedo, accessibile solo ai membri platinum del sito) in un dato periodo (suppongo infatti che non sia un valore che cambia così in fretta, per cui penso potreste aggiornarlo manualmente ogni settimana o ogni 15 gg) e sulla base di questo dato di riferimento (sopra io pensavo potesse essere 0,05 EUR ma si è detto che è più elevato) inserire, prendendo spunto proprio da questa discussione, una serie di "linee guida", semplici ma chiare, che secondo me potrebbero essere molto utili per chi come me è agli inizi, per esempio:

Domanda: Quale è una tariffa media di riferimento per la coppia EN/IT?
Risposta: al momento (periodo dd/mm/yyyy - dd/mm/yyyy) è circa xxx... ("circa" ovviamente nel caso non si possa conoscere esattamente, penso che anche un valore indicativo potrebbe essere comunque utile)

Domanda: perchè non è opportuno proporre tariffe al di sotto della media?
Risposta: se ti sei formato adeguatamente per essere un traduttore nel tuo settore di interesse) non dovresti proporti a tariffe al di sotto della media; prima per una questione di immagine (molto spesso un cliente che trova un prezzo troppo basso diffida dalla qualità del prodotto o del servizio), ma poi per una questione di rispetto verso i professionisti che si muovono in vari mercati (fonte: Maria José Iglesias)

Spero di averti dato un'idea della cosa, e il tutto, se possibile potrebbe magari essere inserito come discussione "fissa" (sticky) in cima all'elenco del forum così chi arriva in cerca di orientamento tariffe potrebbe trovare subito una serie di indicazioni utili e pratiche per muovere i primi passi e magari evitare di proporsi per inesperienza a tariffe troppo basse o troppo alte.

Solo un'idea! grazie ancora


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 05:22
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Utilità delle tariffe medie. Come usarle? Oct 3, 2007

lbc2002 wrote:
Pensavo in sostanza a una cosa molto "pratica" e semplificata, tipo FAQ/linee guida strutturate per esempio sul genere "a domanda/risposta" in cui voi esperti indicate la tariffa media corrente (e quando sarà pronto l'aggiornamento che hai detto, basterà riportare naturalmente il link alla pagina del sito che visualizza tale media...


Ho capito. Chiedevi, mi pare, anche un'anticipazione sui numeri attualmente visibili, rendendoli disponibili da subito anche a chi ora non li vede.
Guarda, ti rispondo dicendo che non mi semrba il caso, per vari motivi.

Prima di tutto, il sito farà cambiamenti importanti su tutta la gestione delle tariffe, che saranno molto più articolate e, si spera, più simili a quanto avviene nel mondo reale.
Attualmente è possibile indicare una tariffa detta "target" per le traduzioni, ma non per i lavori di revisione o altri lavori.
Anticipo che tra poco sarà possibile indicare una tariffa specifica per ciascun tipo di servizio.
Inoltre, tale tariffa non sarà un valore unico, ma un "intervallo di valori abituali".
Insomma, non più X.xx cent, ma "da Y.xx a Z.xx" cent.

Su tutto questo, che come ho detto sarà molto articolato, in modo che ognuno possa mettere i valori che vuole, per ogni settore e ogni tipo di servizio prestato, saranno calcolate delle medie e questa saranno liberamente visibili.
Come vedi si sta lavorando a rendere non solo le tariffe libere ma anche molto più articolate, cercando nello stesso tempo di creare un'interfaccia semplice, sia per l'inserimento dei dati che per la consultazione.

Infine, concludo dicendo che i valori medi, sia pure utili, sono soltanto un indicatore, piccolo, parziale, e soprattutto sono medie, quindi hanno un valore ristretto a quanto può essere utile una media. Vanno usati per orientarsi insieme a tanti altri elementi.

Mi spiego, un valore medio pari a 100 non significa molto, in quanto significa che decine o centinaia di valori inferiori hanno contribuito a formarlo, insieme a decine o centinaia di valori superiori.
Il vero ragionamento da fare, sia pur guardando i numeri e conoscendoli, è quello di valutare cosa si è capaci di fare, cosa si fa effettivamente e e per quale tipo di mercato (Italia,. USA, Germania, cliente diretto, agenzia, ecc.)

Occorre sapere inoltre quanto costa lavorare (includendo lo studio, le attrezzature, gli aggiornamenti, la disponibilità, ecc..), quanto vale il servizio prestato, occorre poi mettere il tutto in relazione al costo della vita, alle esigenze materiali, ai margini per far fronte agli imprevisti (vacanze, malattie, previdenza) e altro ancora.

Da tutto questo occorre calcolare un budget (annuale o mensile), riportarlo al costo di una giornata o di un'ora di lavoro, e... voilà, si ha la famosa tariffa ragionevole da cui è partita l'intera discussione.

Questo è stato scritto in tante discussioni, può essere sempre discusso senza limiti nei forum, anche alla luce dei nuovi dati che saranno disponibili, ma non coincide con la media delle tariffe attuali o quelle future. C'è ben altro dietro il concetto di formare un prezzo che non conoscere la tariffa media di mercato, o di una combinazione linguistica, o altre medie.


ciao
Gianfranco


[Edited at 2007-10-03 20:11]


Direct link Reply with quote
 
lbc2002
Local time: 08:22
English to Italian
TOPIC STARTER
ok Oct 4, 2007

ok Gianfranco, come dicevo era solo un'idea che pensavo potesse essere utile per chi è nuovo come me, in ogni caso grazie ai vostri contributi mi sono potuto già fare un'idea, in generale, delle tariffe.
Attenderò senz'altro con interesse le nuove modifiche
grazie delle spiegazioni ciao!


Direct link Reply with quote
 

Rita Bilancio  Identity Verified
Local time: 08:22
English to Italian
+ ...
limite della decenza Oct 4, 2007

Mi scuso già se il mio intervento verrà frainteso.
Girovagando per la rete trovo l'ennesima offerta di traduzioni a partire da 6 euro a pagina (non cartella), sto per scandalizzarmi ma decido di tornare qui e scrivere un post. Vedo, con piacere, che c'è ancora chi parla di tariffe ragionevoli.
Sono d'accordo che la tariffa dipende da molti fattori ma mi sento di consigliare di non andare sotto il limite della decenza, poichè tale comportamento porterebbe sulla strada del non rispetto della professione da parte del cliente finale e non solo.


Direct link Reply with quote
 
Margherita Zappatore  Identity Verified
Italy
Local time: 08:22
English to Italian
+ ...
decenza! Oct 13, 2007

Ciao Rita,

ma qual'è il limite della decenza????
Potresti fare degli esempi? sono d'accordo con te che 6 euro a pagina è poco.

Ciao Marghe

Sono d'accordo che la tariffa dipende da molti fattori ma mi sento di consigliare di non andare sotto il limite della decenza, poichè tale comportamento porterebbe sulla strada del non rispetto della professione da parte del cliente finale e non solo.
[/quote]

[Modificato alle 2007-10-13 17:05]


Direct link Reply with quote
 

Christel Zipfel  Identity Verified
Partial member (2004)
Italian to German
+ ...
Interessante domanda! Oct 13, 2007

musona_80 wrote:


ma qual'è il limite della decenza????


Penso che dipenda sia da fattori soggettivi che oggettivi.

Partiamo da questi ultimi. Bisogna naturalmente tenere conto di dove vive il traduttore, e quindi del livello delle tasse e del costo della vita che deve sostenere. E' ovvio che ci sono delle enormi differenze sul globo e ciò che può essere buono per uno, semplicemente perché il costo della vita dove vive è basso, per un altro sarà oltraggioso. Nell'era della globalizzazione veniamo confrontati sempre più spesso con proposte di lavoro provenienti da Paesi diversi e ce ne rendiamo conto. Il problema nasce quando certe "proposte indecenti" vengono dal nostro stesso Paese e sappiamo che con quelle tariffe non potremmo vivere e neanche sopravvivere...
Insomma, quanto dovrebbe rimanere in tasca al traduttore, a fine giornata, dedotte le tasse e le spese, e quanto gli serve per vivere? Questo potrebbe essere un buon dato di partenza per i nostri calcoli.

Un fattore soggettivo potrebbe essere il senso del valore del proprio lavoro, inteso naturalmente come dato realistico. Questo è già più difficile. Quanto vale il nostro lavoro, tradotto in cartelle, ore, righe o quello che vogliamo? Qui non ho una risposta valida per tutti, purtroppo. Conosco solo quella che vale per me, e penso che ognuno il suo "limite di decenza" se lo deve stabilire da sé. Dipende da tanti fattori personali, la propria esperienza, la specializzazione.... Mi rendo conto che per chi comincia oggi, è difficile districarsi nella giungla di tariffe che vede tutti i giorni, ed è quindi molto facile perdere l'orientamento.
Certo però, se ti accorgi che la tua colf guadagna più di te, c'è sicuramente qualcosa che non va!:-(

[Bearbeitet am 2007-10-13 19:55]


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

Come calcolare una tariffa "ragionevole"?

Advanced search






Across v6.3
Translation Toolkit and Sales Potential under One Roof

Apart from features that enable you to translate more efficiently, the new Across Translator Edition v6.3 comprises your crossMarket membership. The new online network for Across users assists you in exploring new sales potential and generating revenue.

More info »
Anycount & Translation Office 3000
Translation Office 3000

Translation Office 3000 is an advanced accounting tool for freelance translators and small agencies. TO3000 easily and seamlessly integrates with the business life of professional freelance translators.

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs