Mobile menu

Pages in topic:   [1 2] >
traduttori sottopagati
Thread poster: Margherita Zappatore
Margherita Zappatore  Identity Verified
Italy
Local time: 07:33
English to Italian
+ ...
Oct 11, 2007

Dando un'occhiata alle discussioni già aperte nel forum in italiano mi sono resa conto che c'è molto malcontento tra i traduttori professionisti.
La cosa mi preoccupa alquanto perchè la situazione, secondo me, è molto critica e se non si riesce a risolvere questo problema del "sottopagamento" avremo dei seri problemi perchè tutto ormai è a buon mercato a discapito della qualità a mio parere.
Come risolvere il problema? Ancora non ho trovato una risposta a questo tarlo che mi tormenta.

Marghe


Direct link Reply with quote
 

Stefano Papaleo  Identity Verified
Italy
Local time: 07:33
Member (2005)
English to Italian
+ ...
come lo risolvi? Oct 11, 2007

Cara Marghe,

in effetti di post su ProZ sui problema delle tariffe o del rapporto coi clienti ce ne sono a bizzeffe in tutte le lingue e credo che questo sia già il terzo in pochi giorni sul forum italiano quindi.... l'argomento esiste, è importante ed interessa ma... cosa suggerisci per risolverlo?

In tutto il mondo tra traduttori, interpreti ed agenzie saremo milioni, con tariffe diverse, costi e stilil di vita diversi a seconda del paese in cui vivi. La corsa al ribasso è un fatto che esiste già da qualche anno in tutti i settori della produzione di beni e servizi a livello mondiale (non è vero che all'estero la situazione sia migliore e che sia un problema prevalentemente italiano o che qui sia peggiore la situazione, è presente in tutti i continenti nessuno escluso). Molti lavoratori sono sottopagati, molti dei prodotti o dei servizi che abbiamo sono di scarsa qualità indipendentemente dal prezzo pagato (il prezzo non è sempre proporzionale alla qualità e viceversa).

Ho già espresso le mie opinioni in altri post, è questione di mercato, il problema esiste e preoccupa anche me e più di una volta ho dovuto rifiutare lavori per via della tariffa "bassa", o il cliente non ha accettato per via della tariffa "alta", altre volte invece ho accettato. Dipende da caso a caso, a volte accetti un lavoro perché ti può essere utile per altro che non sono i soldi, o comunque vuoi "agganciare" il cliente o avere certi lavori sul CV o mille altre motivi. Non ci sono ricette o segreti e l'idea di "educare" i clienti mi fa sorridere perché è inapplicabile x mille motivi e non riguarda solo il mondo della traduzione, ci sono troppi casi disperati in giro, meglio dedicare quel tempo ad altro. Lo stesso avviene per i tecnici, gli informatici, i grafici, i consulenti e mille altre categorie: il cliente paga poco il professionista che gli ha fatto un sito o una brochure o una pubblicità perché tanto "premi 2 tasti sul pc cosa vuoi che sia" e magari paga 20, 50 100 volte tanto chi gli affitta lo spazio pubblicitario dove il prodotto del professionista apparirà. Lo stesso avviene con noi: la traduzione la pago un'inezia, la pubblicità per promuovere il prodotto tradotto la pago tanto e non mi lamento.

A tutti piace pagare poco o niente, anche a noi traduttori. Non credo che nessuno di noi griderebbe allo scandalo se domani mattina il pane lo pagassimo un decimo di quello che l'abbiamo pagato oggi... solo che... ovviamente col pane non succede anzi... aumenta, e di sicuro non ti metti a fare come questi clienti che tirano sul centesimo; non hai i soldi per il pane? Vai da un'altra parte.

Vediamo il discorso al contrario su due fronti:

- Ed i traduttori o le agenzie che sparano tariffe impossibilmente alte e che pure lavorano allora? Esistono clienti disposti a pagare il giusto e che sono consci del lavoro, o che comunque non fanno le corse al ribasso o che magari pagano tanto e non capiscono niente ma... meglio per chi li trova. Sono sempre più rari, ma esistono.

- Ed è normale forse sborsare centinaia, migliaia di euro per notai ed avvocati per 2 moduletti prestampati che sei obbligato per legge a farti fare (v. compravendite ecc.)? Sono ricchi per legge o comunque nessuno va a mercanteggiare le loro tariffe... il traduttore invece...

Tutto vero e tutto bello ma... il prezzo non lo imponiamo noi né da soli né in gruppo, lo decidiamo ma, così come noi siamo liberi di accettare un lavoro o meno (non solo sulla base del prezzo voglio sperare), lo stesso fanno agenzie e clienti finali. E poi dal punto di vista pratico come faremmo? Ci consultiamo in qualche migliaio ogni volta che arriva un lavoro? Pubblichiamo un manifesto? Facciamo un cartello? E che ne so io cosa fa il traduttore X? O se quello che si scandalizza poi magari invece accetta? Mi fa sorridere perché mi ricorda la notizia di oggi al TG: zaini più leggeri per legge! E che pesano ogni mattina i zainetti di milioni di studenti? Ma x favore!!!

Siamo seri e pratici. Ognuno per sé ma con la libertà di discuterne tra colleghi e di decidere di volta in volta i propri limiti, principi ecc. e sperando che la situazione non degeneri troppo e troppo presto. Altro non possiamo fare. O se sì per favore illuminatemi, i suggerimenti sono bene accetti.

Buona serata


Direct link Reply with quote
 
Margherita Zappatore  Identity Verified
Italy
Local time: 07:33
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
traduzione farlocca Oct 11, 2007

Ciao Stefano,

infatti la mia paura è proprio quella che hai espresso tu verso la fine...."e se la cosa degenera più di adesso????"...
ti racconto solo che il mio capo non mi ha affidato un lavoro di traduzione di n. 4 manuali perchè mi ha giudicato troppo "cara" e li ha fatti tradurre da una rumena che doveva prima tradurli dall'inglese al rumeno e poi dal rumeno all'italiano...risultato? Li ho dovuti ricontrollare tutti perchè aveva tradotto (se così posso definire il lavoro che ci ha restituito) in un modo orrendo!
ho fatto una fatica immane a revisionare le sue traduzioni...questo perchè? perchè io avevo chiesto qualche centesimo di euro in èiù rispetto a lei!
Dimmi tu cosa ne pensi... di una cosa sola sono contenta: non mi sbagliavo! avevo messo in guardia il mio capo della probabile situazione che poi puntualmente si è verificata!

Buona serata anche a te!
Marghe


Direct link Reply with quote
 

Stefano Papaleo  Identity Verified
Italy
Local time: 07:33
Member (2005)
English to Italian
+ ...
once bitten twice shy Oct 11, 2007

frase che potrebbe servire a al tuo capo per evitare simili idiozie.. ma dubito

Scusa un secondo però.... sei una dipendente o un'autonoma? Non mi torna il fatto del capo e della tariffa troppo cara. Se decidi la tariffa sei una freelance e sei "capa" di te stessa, se sei una dipendente non hai tariffe ma uno stipendio comunque deciso dal capo. Mi illumini? E sei sei freelance allora non gli hai fatto pagare per bene la revisione o meglio ritraduzione? O della serie cornuta e mazziata?

Purtroppo questa pratica di affidare al meno caro i lavori non è nuova, se non altro ha avuto la "buona" idea di far controllare la traduzione.

Succede come per gli appalti: corsa al ribasso e l'unica voce che conta è il prezzo, qualità, professionalità, cura, impegno ecc. valgono meno di zero. Se lo fanno per case ponti e strade figuriamoci per delle parole.


Direct link Reply with quote
 

Giuseppina Gatta, MA (Hons)
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Hai sbagliato ad accettare la revisione Oct 11, 2007

Secondo me hai sbagliato (se sapevi di cosa si trattava, come mi sembra di capire) ad accettare la revisione di un testo che non ti hanno fatto tradurre per motivi di prezzo.

Che cosa ci hai guadagnato? Proprio niente. Hai perso tempo, fatto fatica, perso denaro e il cliente ha ottenuto ciò che voleva al prezzo che voleva, ma cosa ancora peggiore, si sentirà per questo incoraggiato a continuare così.


Direct link Reply with quote
 
lingomania
Local time: 15:33
Italian to English
Esatto Oct 11, 2007

Giuseppina Gatta wrote:

Secondo me hai sbagliato (se sapevi di cosa si trattava, come mi sembra di capire) ad accettare la revisione di un testo che non ti hanno fatto tradurre per motivi di prezzo.

Che cosa ci hai guadagnato? Proprio niente. Hai perso tempo, fatto fatica, perso denaro e il cliente ha ottenuto ciò che voleva al prezzo che voleva, ma cosa ancora peggiore, si sentirà per questo incoraggiato a continuare così.


Sono d'accordo con te.


Direct link Reply with quote
 

Giuseppe C.  Identity Verified
Italy
Local time: 07:33
Member
English to Italian
Sottopagati è un termine adatto ai lavoratori dipendenti Oct 12, 2007

musona_80 wrote:

Dando un'occhiata alle discussioni già aperte nel forum in italiano mi sono resa conto che c'è molto malcontento tra i traduttori professionisti.
La cosa mi preoccupa alquanto perchè la situazione, secondo me, è molto critica e se non si riesce a risolvere questo problema del "sottopagamento" avremo dei seri problemi perchè tutto ormai è a buon mercato a discapito della qualità a mio parere.
Come risolvere il problema? Ancora non ho trovato una risposta a questo tarlo che mi tormenta.

Marghe


Scusa, ma come fa un traduttore libero professionista ad essere sottopagato? Non è mica obbligato a praticare prezzi o accettare controproposte di remunerazione che lo fanno sentire sottopagato. Potrei capire se si trattasse di un lavoratore dipendente, ma il libero professionista ha sempre la possibilità, con l'"avventore" la cui controproposta a suo parere è sottopagante, di rifiutare semplicemente l'incarico e passare al successivo "avventore".
Io credo che più che un problema creato dai committenti si stia facendo strada un problema creato da chi opera in teoria come traduttore libero professionista sentendosi in realtà alla stregua di un lavoratore precario in balia dei clienti che considera come "datori di lavoro" da cui dipendere e da non perdere assolutamente. Sarebbe come se un parrucchiere, vedendo qualcuno che, una volta esaminato il tariffario esposto, va via, dovesse inseguirlo e agguantarlo chiedendogli quanto intende pagare, promettendogli di accettare qualsiasi cifra purché si sieda nel suo locale e si faccia servire.
Quando si fa questo mestiere in proprio, bisogna entrare nell'ottica non del prestatore d'opera salariato da un padrone che ci garantisce un reddito fisso, ma di quello del "fornitore di un servizio" a un cliente che ne ha bisogno, da qualcuno, che potresti essere tu o qualcun altro, esattamente come al mercato coi banchi di frutta e verdura, l'uno accanto all'altro e l'uno con prezzi e qualità dei prodotti diversi per tasche diverse e palati diversi.
Se un possibile cliente vuole spendere molto meno di ciò che gli chiediamo, dopo averne anche valutato naturalmente l'affidabilità come reale pagatore, può sempre rivolgersi a chi fa pagare meno, oppure magari a chi fa questo mestiere a tempo perso per raggranellare i soldini per le vacanze o per la motoretta mentre studia all'università ed è disposto a scrivere qualsiasi cosa a 0,01- 0,02 euro a parola (come i nigeriani con i loro banchetti improvvisati su cui stendono improbabili occhiali da sole per chi intende rovinarsi la vista) perché non ha alcuna necessità di garantire alcun livello di qualità in vista del suo futuro lavorativo che magari sarà ben diverso, ma solo quello di raggranellare qualcosa, fatte le debite eccezioni per chi magari ha un momento particolare.
L'importante è che questi clienti non tornino a presentarci ciò che hanno ottenuto con la richiesta di dare una "aggiustatina", cosa che naturalmente rifiuto sistematicamente di fare a meno che non mi si paghi tanto quanto avrei fatto pagare per tradurre il tutto da zero, o poco meno se c'è qualcosa da salvare, godendomela in questo caso per il sovrapprezzo dei 0,01- 0,02 Euro pagati in precedenza dal cliente e felice di avere dato a uno studente o ad una studentessa in bolletta, come lo siamo stati tutti i non figli di papà all'università, la possibilità di pagarsi il motorino, i libri o la vacanza a sbafo del del "parco" e "furbissimo" cliente.
Siamo dei commercianti o, se vuoi, degli artigiani, e non dei lavoratori precari: vendiamo qualcosa a un certo prezzo, magari trattabile se lo si vuole ed è possibile, ma alla fine occorre dedicarsi al prossimo cliente e congedare gentilmente quello che, almeno per il momento, non ha intenzione di comprare da noi ciò che vendiamo e al prezzo da noi ritenuto idoneo e indiscutibile. E....a volte ritornano....;-)

[Edited at 2007-10-12 04:07]


Direct link Reply with quote
 

Carlotta Minozzi  Identity Verified
Italy
Local time: 07:33
Italian to English
+ ...
Mio parere Oct 12, 2007

Salve a tutti,
ho letto con interesse i vari thread relativi alle tariffe.
La mia situazione è forse un po' anomala, perché lavoro sia come agenzia che come freelancer. Questo però mi consente di considerare la questione da entrambi i punti di vista.
Come agenzia, posso dirvi che la mia tariffa è assolutamente nella media, anzi, è medio-bassa, e nonostante questo ho fatto tanti preventivi che non sono stati accettati. Di fronte ad altri preventivi, poi accettati, mi è stato detto "così tanto?" e io sapevo perfettamente che non era per niente un prezzo alto, anzi.
Anch'io, come tutti voi, rifletto su questa questione da tempo e non sono certa che esista una soluzione.
Penso però che sarebbe sicuramente un aiuto se esistessero tariffari guida per agenzie e traduttori. Dovrebbero essere tariffari ufficiali che mostrano i costi minimi e i costi massimi, stabiliti osservando il mercato (cosa che non credo sia facilissima). Ognuno sarebbe comunque libero di fare la propria tariffa, ma almeno quando la si propone si può sempre dire "è nella media", rimandando il cliente (finale o agenzia che sia) al relativo tariffario per verifica.
Anni fa ho fatto una piccola indagine tra le agenzie della zona: per la stessa traduzione, tra le varie agenzie, la tariffa oscillava tra 16€ e 35€ a cartella. Mi metto nei panni del cliente estraneo al nostro mondo: come si fa a capire qual è il costo giusto per una traduzione di qualità?
Non ho la bacchetta magica, purtroppo (e se l'avessi probabilmente la userei per cose decisamente più importanti), e non sono sicura che esista una soluzione.
La mia è solo un'idea, che nasce dal dovere continuamente giustificare a clienti vari una tariffa che corrisponde a un costo orario nettamente inferiore a quello di un muratore (parlo per esperienza).
Buona giornata e buon lavoro a tutti!
C.


Direct link Reply with quote
 

Paola Dentifrigi  Identity Verified
Italy
Local time: 07:33
Member (2003)
English to Italian
+ ...
ma come si fa? Oct 12, 2007

musona_80 wrote:

ti racconto solo che il mio capo non mi ha affidato un lavoro di traduzione di n. 4 manuali perchè mi ha giudicato troppo "cara" e li ha fatti tradurre da una rumena che doveva prima tradurli dall'inglese al rumeno e poi dal rumeno all'italiano...risultato?
Marghe


Io mi rifiuto categoricamente di accettare le "revisioni" di trad.
RO/PL>IT effettuate da non madrelingua (e senza questo assurdissimo, inconcepibile doppio passaggio che citi tu).
Peggio per chi le ha commissionate. E che s'arrangi. Ah che goduria se puoi pure vedere come se la sbroglia!
Bada, sono reduce da una revisione* che m'ha fatto accapponare la pelle e ho il dente di molto avvelenato


Buon w/e
Paola

*Di una madrelingua italiana



[Edited at 2007-10-12 08:52]


Direct link Reply with quote
 
Margherita Zappatore  Identity Verified
Italy
Local time: 07:33
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
dente avvelenato Oct 12, 2007

Anch'io ho il dente che dire avvelenato è dir poco!!!!
Ma lui pur di non darmela vinta e dirmi che avevo avuto raigone sin dall'inizio ha continuato per la sua strada dando alla ragazza rumena altri manuali da tradurre...vedremo come se la caverà quando i cleinti chiameranno per lamentarsi dei manuali (ti posso assicurare che non si capisce veramente niente, sembrano tradotti con il traduttore auotmatico)
Buona giornata,
Marghe

Bada, sono reduce da una revisione* che m'ha fatto accapponare la pelle e ho il dente di molto avvelenato


Buon w/e
Paola

*Di una madrelingua italiana



[Edited at 2007-10-12 08:52] [/quote]

[Modificato alle 2007-10-12 09:41]


Direct link Reply with quote
 

Paola Dentifrigi  Identity Verified
Italy
Local time: 07:33
Member (2003)
English to Italian
+ ...
Un consiglio Oct 12, 2007

musona_80 wrote:


Ma lui pur di non darmela vinta e dirmi che avevo avuto raigone sin dall'inizio ha continuato per la sua strada dando alla ragazza rumena altri manuali da tradurre...


Mi raccomando, non metterci assolutamente mano se ti fa la stessa richiesta. Resistenza passiva. Serve. E chiedigli se si fa togliere i denti dal barbiere.
Paola


Direct link Reply with quote
 
Margherita Zappatore  Identity Verified
Italy
Local time: 07:33
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
ritorno di fiamma Oct 12, 2007

La vuoi sapere una cosa? è ritornato alla carica...mi ha chiesto di fargli un buon prezzo per altre traduzioni...si è reso conto che non avevo tanto torto...
Grazie per il sostegno,
Marghe


Mi raccomando, non metterci assolutamente mano se ti fa la stessa richiesta. Resistenza passiva. Serve. E chiedigli se si fa togliere i denti dal barbiere.
Paola [/quote]


Direct link Reply with quote
 

Luca Ruella  Identity Verified
United States
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Non c'è bisogno Oct 12, 2007

musona_80 wrote:

Bada, sono reduce da una revisione* che m'ha fatto accapponare la pelle e ho il dente di molto avvelenato


Non c'è bisogno di innervosirsi.
In queste situazioni io dico sempre: "la traduzione è di pessima qualità e il testo deve essere rivisto radicalmente, quindi posso fare la revisione a una tariffa oraria di 25 euro."

Innervosirsi non ha senso, dato che più fa schifo la traduzione, più dovrò lavorarci sopra, più guadagnerò. Anzi, peggio è, meglio è. Non fare assolutamente la revisione con tariffa a parola o forfait.

Se per lui i soldi sono troppi, rifiuta il lavoro.

Lui si troverà a un bivio: o si tiene la traduzione da ciapaciuc, oppure spende il doppio per farla mettere a posto.

Vedrai che dalla prox volta la darà direttamente a te al tuo prezzo.


Direct link Reply with quote
 
Margherita Zappatore  Identity Verified
Italy
Local time: 07:33
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
infatti Oct 12, 2007

"Vedrai che dalla prox volta la darà direttamente a te al tuo prezzo."

Infatti è proprio quello che sta succedendo perchè si sta nuovamente "avvicinando" a me con altri lavori di traduzione...perchè ha già visto come lavoro! sa che se il lavoro non è perfetto non glielo faccio neanche vedere!
Ho tradotto da sola un manuale di circa 200 pagg. e finchè non era perfetto non glielo consegnato!

Saluti,
Marghe


Direct link Reply with quote
 

Paola Dentifrigi  Identity Verified
Italy
Local time: 07:33
Member (2003)
English to Italian
+ ...
quote errato Oct 12, 2007

Luca Ruella wrote:

musona_80 wrote:

Bada, sono reduce da una revisione* che m'ha fatto accapponare la pelle e ho il dente di molto avvelenato


Non c'è bisogno di innervosirsi.


Ero io a dirlo, non musona_80. Mi ha fatto accapponare la pelle (e nessun nervosismo) per motivi che qui non posso elencare, non perché non sappia come gestire il mio rapporto con le agenzie (be', ci mancherebbe altro...).
Poiché il lavoro era stato commissionato da un'ottima agenzia di traduzione la storia ha l'happy end.

Paola


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

traduttori sottopagati

Advanced search






Anycount & Translation Office 3000
Translation Office 3000

Translation Office 3000 is an advanced accounting tool for freelance translators and small agencies. TO3000 easily and seamlessly integrates with the business life of professional freelance translators.

More info »
memoQ translator pro
Kilgray's memoQ is the world's fastest developing integrated localization & translation environment rendering you more productive and efficient.

With our advanced file filters, unlimited language and advanced file support, memoQ translator pro has been designed for translators and reviewers who work on their own, with other translators or in team-based translation projects.

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs