Pages in topic:   [1 2] >
Diventare traduttore - Dubbi su questioni fiscali
Thread poster: Salvatore Costanzo
Salvatore Costanzo
Local time: 10:59
English to Italian
+ ...
Oct 21, 2007

Salve a tutti, mi scuso per la baniltà del titolo del topic, ma non avevo realmente idea di che titolo scegliere!Avevo già scritto un topic chiedendo come fosse possibile diventare traduttore freelance, ne ho apprezzato i consigli e mi sono messo a leggere tutta la sezione italiana del forum di Proz.com (per evitare di formulare domande che avessero già una risposta!). Tuttavia alcuni dubbi, e uno in particolare, mi assillano ossia come devo comportarmi col fisco?Tralasciamo un attimo l'aspetto formativo e la ricerca dei clienti e focaliziamoci sul momento in cui un'agenzia mi contatterà, io non ho una Partita IVA e non avrei nessun guadagno ad aprirne una se ancora non so se il mio lavoro avrà futuro e soprattutto se è quello che è davvero voglio. Ripeto avevo già letto qualcosa nel forum, ma il discorso non mi è sembrato abbastanza chiaro(perlomeno non da me che sono totalmente a digiuno sulle questioni fiscali!:(). Vorrei capire come comportarmi nel momento in cui mi capiterà di dover effettuare un lavoro di traduzione per un'agenzia o un privato (per il momento ho solo tradotto degli articoli evangelici per un sacerdote), sia nel caso si tratti di un membro UE o americano, se il documento di pagamento debba essere redatto in modo bilingue(italiano-inglese) e se fosse possibile avere dei modelli-tipo di questi documenti(in modo da poter essere utilizzati per i futuri pagamenti).

Spero abbiate il tempo e soprattutto la voglia di dedicarmi
un pò del vostro tempo per risolvere i miei innumerevoli dubbi!

[Modificato alle 2007-10-22 01:41]

[Modificato alle 2007-10-22 01:43]


Direct link Reply with quote
 

alessandra bocco  Identity Verified
Local time: 10:59
Member (2006)
English to Italian
+ ...
Ricevuta con ritenuta d'acconto Oct 22, 2007

Ciao Salvatore!
Non ho tempo ora per cercarti i link, ma sono certa che il discorso sia stato trattato moltissime volte in questi forum... Comunque, tanto per riassumere: se non hai la partita IVA devi fare ricevute con ritenuta d'acconto, almeno se il cliente è un sostituto d'imposta e può pagare la ritenuta per te (in pratica se si tratta di un'agenzia italiana o di un cliente con partita IVA). In pratica, inserisci semplicemente l'importo che ti vuoi far pagare e ci aggiungi il 20% di ritenuta d'acconto (ad es. 100 euro della trad e 20 di R.A. = 120 euro), in un normale documento Word che riporti i tuoi dati, con codice fiscale, e i dati del cliente, con partita IVA e quant'altro.
Il cliente pagherà per te quel 20%, che verrà detratto dalle tue tasse a fine anno (se rientri, ad es, in un'aliquota del 23%, dovrai pagare solo più il 3%).
Se invece il cliente non puà pagare la ritenuta per te, credo che ci sia da mettere solo l'importo della traduzione, e le tasse le pagherai tutte tu (ma non mi è mai capitato e non ne sono certissima).
Spero di essere stata chiara... Auguri!

Dimenticavo la questione della lingua: per i clienti stranieri faccio sempre fatture bilingui, cioè riporto tutto sia in italiano che nella lingua del cliente.

[Edited at 2007-10-22 09:29]


Direct link Reply with quote
 

Emanuela Galdelli  Identity Verified
Italy
Local time: 10:59
Member (2003)
French to Italian
+ ...
Visto che siamo in argomento Oct 22, 2007

Immagino che sia già stato detto e ridetto.

Io so che c'è un limite annuo di 5000 o 7000 euro lordi per la prestazione occasionale.

Ma tale limite è globale o per ciascun cliente con il quale si lavora?

Io so che il limite è fissato per ciascun cliente..

Scusatemi se l'argomento è già stato affrontato.

Buon lavoro,

Emanuela


Direct link Reply with quote
 

Giuliana d'Orazi Flavoni
Italy
Local time: 10:59
Italian to English
Da quello che mi ricordo io Oct 22, 2007

di quello che mi aveva spiegato la commercialista a suo tempo era che il limite massimo era di 5,000 euro lordi l'anno per la prestazione occasionale e che questo limite era globale.

Direct link Reply with quote
 

Rita Bilancio  Identity Verified
Local time: 10:59
English to Italian
+ ...
no Oct 22, 2007

Il limite non è globale ma per singolo committente.

Direct link Reply with quote
 

Emanuela Galdelli  Identity Verified
Italy
Local time: 10:59
Member (2003)
French to Italian
+ ...
è come pensavo io... Oct 22, 2007

me lo disse l'anno scorso un commercialista. Sarebbe strano imporre ad un traduttore di guadagnare solo cinquemila euro lordi l'anno... 400 euro netti al mese?

Grazie a tutti e buona giornata!

Emanuela


Direct link Reply with quote
 

alessandra bocco  Identity Verified
Local time: 10:59
Member (2006)
English to Italian
+ ...
Io sapevo il contrario... Oct 22, 2007

Quando lavoravo con ritenuta d'acconto, il mio commercialista mi aveva detto il contrario, cioè che i 5000 euro erano globali. E' vero che non è molto, ma si parla di prestazioni occasionali, non di vero e proprio lavoro...

Riporto la frase: Si ricorda che il limite di € 5 mila va verificato in relazione alla sommatoria dei redditi percepiti nel periodo di imposta (1° gennaio – 31 dicembre) a titolo di lavoro autonomo occasionale, anche se da una pluralità di committenti.


[Edited at 2007-10-22 11:44]


Direct link Reply with quote
 
Valentina_D  Identity Verified
Local time: 10:59
Member
English to Italian
+ ...
sì ma attenzione Oct 22, 2007

alessandra bocco wrote:

In pratica, inserisci semplicemente l'importo che ti vuoi far pagare e ci aggiungi il 20% di ritenuta d'acconto (ad es. 100 euro della trad e 20 di R.A. = 120 euro), in un normale documento Word che riporti i tuoi dati, con codice fiscale, e i dati del cliente, con partita IVA e quant'altro.


In questo caso, però, meglio specificare al tuo cliente che la tariffa che hai indicato per il lavoro è al netto della RA, altrimenti possono nascere incomprensioni. Quando si indica la tariffa, di solito si dà l'importo lordo (già comprensivo della RA) e quindi nella tua ricevuta detrarrai la ritenuta d'acconto (le cifre alla fine sono le stesse, ma il ragionamento è inverso).


[Edited at 2007-10-22 12:36]


Direct link Reply with quote
 
Valentina_D  Identity Verified
Local time: 10:59
Member
English to Italian
+ ...
non si tratta di imporre Oct 22, 2007

Emanuela Galdelli wrote:

Sarebbe strano imporre ad un traduttore di guadagnare solo cinquemila euro lordi l'anno... 400 euro netti al mese?



Non si tratta di imporre nulla a nessuno, ma come è stato giustamente detto, si tratta di lavoro occasionale (con regime fiscale semplificato rispetto a chi ha partita iva).
Se poi un traduttore vuole svolgere quest'attività solo marginalmente (magari ha un altro lavoro o lo fa per hobby), nessuno glielo vieta. Ma se l'attività diventa regolare, si deve passare ad un regime diverso.

Comunque, anch'io sapevo che il limite era globale e non per singolo committente (anche perché allora uno potrebbe avere 10 committenti diversi, raggiungendo facilmente un reddito che giustificherebbe l'apertura della p.iva).


Direct link Reply with quote
 

Emanuela Galdelli  Identity Verified
Italy
Local time: 10:59
Member (2003)
French to Italian
+ ...
Giusto! Oct 22, 2007

[quote]tiny wrote:

alessandra bocco wrote:

In questo caso, però, meglio specificare al tuo cliente che la tariffa che hai indicato per il lavoro è al netto della RA, altrimenti possono nascere incomprensioni. Quando si indica la tariffa, di solito si dà l'importo lordo (già comprensivo della RA) e quindi nella tua ricevuta detrarrai la ritenuta d'acconto (è la stessa cosa indicata da Alessandra, ma il ragionamento è inverso).


Sono d'accordo.

Scusami ho usato il verbo sbagliato. Forse si potrebbe dire "limitare".

Essendo occasionale la prestazione non può superare un certo limite con un solo committente, con gli altri è sempre occasionale se non lo supera.

Questo penso voglia dire la legge, ma non me intendo proprio benissimo.

Grazie!


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 05:59
Member (2001)
English to Italian
+ ...
La ritenuta d'acconto va sottratta, non aggiunta all'imponibile Oct 22, 2007

alessandra bocco wrote:
.... In pratica, inserisci semplicemente l'importo che ti vuoi far pagare e ci aggiungi il 20% di ritenuta d'acconto (ad es. 100 euro della trad e 20 di R.A. = 120 euro)
...


Alessandra,
tutto bene quello che dici, tranne una svista nei calcoli, ma grave. La ritenuta d'acconto va detratta e non aggiunta, quindi il tuo suggerimento va corretto come segue:

.... In pratica, inserisci semplicemente l'importo del lavoro e detrai il 20% di ritenuta d'acconto (ad es. 100 euro di traduzione - 20 di R.A. = 80 euro da pagare)

Il cliente paga sempre 100, 80% direttamente al fornitore e il 20% della ritenuta, che sono anch'essi di spettanza del fornitore, vengono invece versati per suo conto all'Erario, a titolo di acconto sulle imposte.


ciao
Gianfranco



[Edited at 2007-10-22 12:06]


Direct link Reply with quote
 

María José Iglesias  Identity Verified
Italy
Local time: 10:59
Italian to Spanish
+ ...
Le situazioni possono essere diverse Oct 22, 2007

Salvatore Costanzo wrote:

Vorrei capire come comportarmi nel momento in cui mi capiterà di dover effettuare un lavoro di traduzione per un'agenzia o un privato (...) sia nel caso si tratti di un membro UE o americano, se il documento di pagamento debba essere redatto in modo bilingue (italiano-inglese) e se fosse possibile avere dei modelli-tipo di questi documenti (in modo da poter essere utilizzati per i futuri pagamenti).


Ciao Salvatore,
le situazioni possono essere, come ben dici, ben diverse:

a) se il tuo cliente è un'azienda italiana:
dovrai preparare una notula dove risulti l'importo lordo, e il 20% di R.A. che dovrai sottrarre al lordo.
Esempio: 100 euro - 20 euro = 80 euro (il cliente darà a te 80 euro e i 20 di ritenuta li verserà al fisco per conto tuo, come anticipo delle tue tasse).

b) se il tuo cliente è un privato italiano:
dovrai preparare una ricevuta dove risulti semplicemente l'importo lordo (su quello tu pagherai le tasse) e non dovrà risultare da nessuna parte la ritenuta d'acconto, in quanto il tuo cliente privato non funge da sostituto d'imposta.

c) se il tuo cliente è un'agenzia o un privato ESTERI:
come nel punto b): niente ritenuta d'acconto perché all'estero nessuno può trattenerti niente per pagare le tue tasse al fisco italiano.


Che la notula sia redatta nelle due lingue, non è importante; se lo vuoi fare, è un favore che fai al tuo cliente, ma non è obbligatorio. Può farla solo in italiano.

In questa notula dovranno esserci altresì i tuoi dati fiscali completi nonché quelli del tuo cliente.

Qualora ti dovessi trovare nella situazione di cui al punto a), alla fine dell'anno l'azienda italiana (o agenzia) ti invierà un certificato dove risulteranno i versamenti effettuati al fisco per conto tuo, in modo che tu possa fare la tua dichiarazione dei redditi.

Ciao,
María José


Direct link Reply with quote
 

alessandra bocco  Identity Verified
Local time: 10:59
Member (2006)
English to Italian
+ ...
Scusate!! Oct 22, 2007

Ha ultra ragione Gianfranco... Sono proprio stordita! Ho la partita IVA dall'inizio di quest'anno e mi ricordavo male!

Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

Diventare traduttore - Dubbi su questioni fiscali

Advanced search






BaccS – Business Accounting Software
Modern desktop project management for freelance translators

BaccS makes it easy for translators to manage their projects, schedule tasks, create invoices, and view highly customizable reports. User-friendly, ProZ.com integration, community-driven development – a few reasons BaccS is trusted by translators!

More info »
CafeTran Espresso
You've never met a CAT tool this clever!

Translate faster & easier, using a sophisticated CAT tool built by a translator / developer. Accept jobs from clients who use SDL Trados, MemoQ, Wordfast & major CAT tools. Download and start using CafeTran Espresso -- for free

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs