Mobile menu

Pages in topic:   [1 2] >
Divorata dalle tasse ed altro.........
Thread poster: Befanetta81

Befanetta81
Italy
Member (2007)
Italian to German
+ ...
Nov 25, 2007

Ciao a tutti proziani,

Stasera proprio non riesco a dormire per l'anticipo di tasse da pagare il 30 novembre ed ho deciso di scrivere per chiedere "ammaestramento" da parte di colleghi esperti per quanto riguarda il saper risparmiare denaro per affrontare tasse, acconti ecc.!!!!

Se fatturo ad esempio 100,-EUR quanto bisogna mettere da parte? il 50-60% Tale percentuale copre anche gli anticipi da versare per la dichiarazione dei redditi che verrà?

Praticamente mi trovo con la testa sotto ed i piedi nell'aria! Non so se c'è qualche collega che abbia la P.IVA da qualche anno e non sa ancora come gestirsi al meglio tutta la situazione!!!

Attendo fiduciosa consigli

Befanetta81


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 00:18
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Le mie valutazioni Nov 25, 2007

Befanetta81 wrote:

Ciao a tutti proziani,

Stasera proprio non riesco a dormire per l'anticipo di tasse da pagare il 30 novembre ed ho deciso di scrivere per chiedere "ammaestramento" da parte di colleghi esperti per quanto riguarda il saper risparmiare denaro per affrontare tasse, acconti ecc.!!!!

Se fatturo ad esempio 100,-EUR quanto bisogna mettere da parte? il 50-60% Tale percentuale copre anche gli anticipi da versare per la dichiarazione dei redditi che verrà?

Praticamente mi trovo con la testa sotto ed i piedi nell'aria! Non so se c'è qualche collega che abbia la P.IVA da qualche anno e non sa ancora come gestirsi al meglio tutta la situazione!!!

Attendo fiduciosa consigli

Befanetta81


Si dovrebbe accantonare tra il 40% e il 50%, veramente accantonarlo, meglio se in un conto separato dal conto corrente, ovvero ogni fattura incassata dovrebbe andare per metà in questo conto, e la metà solamente è spendibile. Soldi disponibili per uso privato.

Parlo solo dell'imponibile e non dell'IVA, che viene aggiunta alla fattura ma viene versata comunque quasi tutta, visto che i traduttori hanno poche spese e quindi poca iva detraibile.

In soldoni, per essere chiaro, su 100 EUR+IVA, 50 EUR e IVA vanno accantonati.

In questo modo, dal conto tasse forse avanza qualche soldino, e forse no, ma se avanza lo si può lasciare in conto tasse future a meno che non si raggiungano cifre troppo elevate, mentre se occorre aggiungere ancora non sarà mai una sorpresa da infarto.

Il problema degli acconti dovrebbe essere rilevante solo il primo anno, oppure in caso di un business agli inizi, quando si fattura ma si devono pagare acconti prima di avere incassato le relative fatture.
Un traduttore avviato, con un fatturato stabile o oscillazioni minori non dovrebbe avere problemi con gli acconti, se ha fatto gli accantonamenti dovuti.
Un traduttore agli inizi, o chi ha impennate improvvise di fatturato, potrebbe avere problemi in quanto dovrebbe accantonare una buona percentuale, almeno il 25%-30% di quanto ha fatturato, ma non ancora incassato, e questo certamente può causare grossi problemi di liquidità.

Inutile dire che se si praticano tariffe estremamente basse, tali da vivere al livello minimo di sussistenza (hand to mouth, senza margini, consumando quel poco che si fattura al cliente), al momento delle tasse si va in crisi.
Per questo in passato sono stati fatti dei conti, qui nel forum italiano, e si era visto, numeri alla mano, che per meno di 9 cent a parola (minimo!!), ovvero circa 20 EUR a cartella, si fatica a cucire insieme bollette e supermercato con quanto si deve pagare in tasse, inps e balzelli vari.

ciao
Gianfranco



[Edited at 2007-11-25 23:40]


Direct link Reply with quote
 

Laura Gentili  Identity Verified
Italy
Local time: 05:18
Member (2003)
English to Italian
+ ...
Acconto INPS 30 novembre Nov 26, 2007

Ti posso dire che io i soldi per pagare l'acconto INPS del 30 novembre non li ho (la cifra è molto più alta di quella dell'anno scorso) proprio. Ho chiesto alla commercialista se era possibile pagare per es. a fine dicembre con i debiti interessi ma mi ha detto che per l'acconto INPS non è previsto il ravvedimento operoso. Per cui pagherò in ritardo e poi aspetterò la sanzione dell'INPS.
Attualmente l'INPs per gli omessi versamenti provvede ad emettere una fattispecie di avviso bonario con sanzioni ridotte da versare con Modello F24 e con i codici indicati dall'INPS. Attualmente la sanzione civile è del 9,25% annuale, rapportata ai giorni di ritardo.
Esempio: per 11 giorni di ritardo la sanzione su 1000 euro è di 2,8 euro.


Quindi non sei l'unica!
Laura

[Edited at 2007-11-26 09:08]


Direct link Reply with quote
 

Chiara De Santis  Identity Verified
Italy
Local time: 05:18
Member (2002)
Dutch to Italian
+ ...
io chiedo ragguagli al commercialista Nov 26, 2007

Ho cambiato commercialista proprio quest'anno, perchè il vecchio mi faceva pagare tutto ma proprio tutto e si rifiutava di scaricare molte spese che potevano sembrare ambigue. Questo nuovo, più caro ma davvero un professionista, mi aiuta molto, anche a gestire gli anticipi. Quando ho pagato le tasse 2006 lo scorso luglio, abbiamo fatto una previsione di massima relativa all'acconto di novembre, a settembre abbiamo aggiornato la situazione "limando" un po' di voci e cercando escamotage legali e per la prima volta pagherò con la solita sofferenza ma senza patemi d'animo perché la spesa è molto prossima alla previsione. Vi giuro, un (buon) commercialista è necessario per noi come un buon vocabolario!

Direct link Reply with quote
 

Maurizio Valente  Identity Verified
Italy
English to Italian
+ ...
Pagamento in ritardo Nov 26, 2007

1) Anch'io so che per l'INPS il "ravvedimento operoso" (che razza di linguaggio) non è previsto (della "fattispecie di avviso bonario" non sono al corrente). Per il resto, nell'ipotesi di un pagamento ritardato al 29/12, paghi il 3,75% di mora, + un interesse annuo del 2,5%

Laura Gentili wrote:

Ti posso dire che io i soldi per pagare l'acconto INPS del 30 novembre non li ho (la cifra è molto più alta di quella dell'anno scorso) proprio. Ho chiesto alla commercialista se era possibile pagare per es. a fine dicembre con i debiti interessi ma mi ha detto che per l'acconto INPS non è previsto il ravvedimento operoso. Per cui pagherò in ritardo e poi aspetterò la sanzione dell'INPS.
Attualmente l'INPs per gli omessi versamenti provvede ad emettere una fattispecie di avviso bonario con sanzioni ridotte da versare con Modello F24 e con i codici indicati dall'INPS. Attualmente la sanzione civile è del 9,25% annuale, rapportata ai giorni di ritardo.
Esempio: per 11 giorni di ritardo la sanzione su 1000 euro è di 2,8 euro.


Quindi non sei l'unica!
Laura

[Edited at 2007-11-26 09:08]


[Edited at 2007-11-26 11:47]


Direct link Reply with quote
 

Befanetta81
Italy
Member (2007)
Italian to German
+ ...
TOPIC STARTER
Per Laura Nov 26, 2007

anche il mio acconto si è triplicato rispetto all'anno precedente! Ora se pago l'acconto bestiale mi devo mettere a lavorare per le prossime tasse da pagare nel 2008! Io non so a questo punto se vale la pena la P.IVA ma del resto non mi è possibile minimamente lavorare solo con la notula e ritenuta d'acconto, andrei in galera! Non so, mi sembra un circolo vizioso: lavorare sempre per pagare!!!
Mio marito è imprenditore e anche a lui tocca ovviamente pagare, pagare e ancora pagare. Solo che la sua è un'azienda con dipendenti e il fatturato cambia di molto, quindi si riesce benissimo a vivere con la percentuale prevvista per uso personale.
Gianfranco ti ringrazio per il tuo pensiero dettagliato in merito, ma non capisco bene cosa intendi quando scrivi che i problemi si presentano il primo/i primi anni, anche il mio commercialista me lo ha detto, ma in fondo non ho afferrato!

Grazie ancora
Befanetta81

[Bearbeitet am 2007-11-26 16:51]


Direct link Reply with quote
 

Francesca Pesce  Identity Verified
Local time: 05:18
Member (2006)
English to Italian
+ ...
Di acconti e difficoltà Nov 26, 2007

Befanetta81 wrote:

anche il mio acconto si è triplicato rispetto all'anno precedente! Ora se pago l'acconto bestiale mi devo mettere a lavorare per le prossime tasse da pagare nel 2008! (...) ma non capisco bene cosa intendi quando scrivi che i problemi si presentano il primo/i primi anni, anche il mio commercialista me lo ha detto, ma in fondo non ho afferrato!


E' un argomento che abbiamo trattato anche in un recente forum sull'INPS nel quale mi sono attirata le ire di qualche collega. Il meccanismo è comunque legato al fatto che i cosiddetti "acconti" non sono in genere anticipi di soldi ancora da guadagnare, ma sono in realtà rate in corso d'anno relative ai redditi dell'anno stesso già guadagnati, per i quali pagherai il saldo nel 2008.

Per intenderci, a giugno 2007 paghi il saldo delle tasse sui redditi del 2006, e a giugno e novembre 2007 paghi rate di tasse sui redditi del 2007. Pagherai il saldo relativo a giugno 2008. Quindi, se un@ fa accontonamenti in linea con quanto suggerito da Gianfranco (fatte salve le fatture non incassate, ma a giugno 2008, mi auguro che le fatture emesse nel 2007 siano ormai tutte incassate) i soldi li dovresti già avere in conto.
Se stai lavorando e dovrai lavorare per pagare le tasse a giugno, vuol dire:

1) che non hai accantonato la cifra corretta;
2) che i tuoi redditi del 2006 erano molto più alti di quelli poi effettivamente guadagnati nel 2007. Poiché gli acconti (che io chiamo rate per facilità) vengono calcolati sulla base dei redditi dell'anno precedente, incidono sull'anno in corso. Ma in questo caso, a novembre se è evidente il salto in negativo del reddito, si può pagare una rata inferiore, parametrandola alle fatture emesse fino al 30 novembre e stimando le fatture che si prevede di emettere entro la fine dell'anno in corso.

Per quest'anno certo c'è stato inoltre un notevole salto dell'aliquota INPS rispetto all'anno scorso, che magari molti non avevano messo in conto....

baci e in bocca al lupo!
Francesca


Direct link Reply with quote
 

Francesca Battaglia
Italy
Local time: 05:18
English to Italian
+ ...
telepatia.. Nov 26, 2007

Con questo post mi avete letteralmente letto nel pensiero. La segretaria del mio commercialista mi ha appena chiamata dicendomi che solo come acconto devo versare una cifra ESORBITANTE, soprattutto se si pensa che quest'anno per mille problemi familiari non ho quasi lavorato. Aggiungiamoci 580 dollari che non sono mai arrivati, il portatile che mi si era rotto, la macchina che ho dovuto comprare (usata, mai da me perchè da fuori l'officina a setembre, è SEMPRE stata dal meccanico per mille problemi) e mille spese varie, sono davvero disperata. L'acconto si basa sui dati dell'anno scorso e nel 2006 fatturavo molto di più, anche perchè lavoravo full-time!

Il mio fidanzato mi ha appena fatto la ramanzina dicendo che con tutte queste spese e con i problemi di salute di mio padre, non sarò più in grado di lavorare come freelance, che ho bisogno di uno stipendio e che devo chiudere sta partita iva. Ma come si diceva prima, già è complicato trovare clienti con le cose tutte a posto, senza partita iva è impossibile.

Sono davvero "alle cozze", se me lo concedete. Per fortuna che io sono sempre stata una formica e adesso ho qualche risparmio da parte, altrimenti davvero non so come avrei fatto.


Direct link Reply with quote
 

Francesca Pesce  Identity Verified
Local time: 05:18
Member (2006)
English to Italian
+ ...
Ripeto: Ci si può "autoridurre" l'acconto dovuto a novembre Nov 26, 2007

francesca battaglia wrote:
L'acconto si basa sui dati dell'anno scorso e nel 2006 fatturavo molto di più, anche perchè lavoravo full-time!
(...)
Sono davvero "alle cozze", se me lo concedete. Per fortuna che io sono sempre stata una formica e adesso ho qualche risparmio da parte, altrimenti davvero non so come avrei fatto.


Lo ripeto per chiarezza. Se in prossimità del 30 novembre un professionista ha la CERTEZZA che il reddito dell'anno in corso è notevolmente inferiore a quello dell'anno precedente, può diminuire l'acconto dovuto, calcolando le fatture emesse e quelle che prevede di emettere prima della fine dell'anno. L'importante è essere molto precisi nei calcoli, per non trovarsi a pagare a giugno un saldo significativo (dal quale si evinca il tentativo di frodare il fisco, evitando di pagare a novembre l'acconto dovuto).

Francesca, se fai bene i conti, e magari ti tieni anche un po' larga, non avrai alcun problema. Parlane con chiarezza con il tuo commercialista e vedrai che il problema si risolve.


Direct link Reply with quote
 

Francesca Battaglia
Italy
Local time: 05:18
English to Italian
+ ...
:) Nov 26, 2007

Grazie, Francesa. Appena possibile parlerò col commercialista e vedremo che cosa si può fare. Speriamo qualcosa di grosso perchè avanti così il Natale non può che portare un bel ponte nuovo sotto cui andare a vivere..

Direct link Reply with quote
 

sabina moscatelli  Identity Verified
Italy
Local time: 05:18
Member (2004)
German to Italian
+ ...
INPS 30 novembre Nov 26, 2007

Non lo pago neanch'io, questo acconto.

Il commercialista mi ha mandato sabato pomeriggio il mod. F24, dicendomi che era da pagare per il 30. Mi ha rovinato il weekend - che già era lavorativo - con tutte le sue spiegazioni del cavolo. La morale è solo una: quest'anno ho pagato una fortuna e ho sempre meno voglia di lavorare a ritmi sostenuti, considerando che a casa si porta ben poco. Visto che questo mese tra imposte (ultima rata), IVA, ritenute d'acconto e tutto il resto, io ho dato... i soldi per pagare l'INPS non ce li ho, anche perché non pensavo più che fosse una tale somma.

Mi ha detto che potrò pagarlo a maggio, con una bella penale del 10%. D'altronde, io a rubare non posso andare. Più che lavorare 15 ore al giorno, a tariffe assolutamente decenti, credo di non potere chiedere a me stessa.

[Edited at 2007-11-26 14:34]


Direct link Reply with quote
 

Befanetta81
Italy
Member (2007)
Italian to German
+ ...
TOPIC STARTER
Sono in buona compagnia allora :-( Nov 26, 2007

Questo è il nocciolo della questione: rende il nostro mestiere?
Beh, grazie all'intervento di altri colleghi ho potuto apprendere di non essere l'unica in una situazione alquanto imbarazzante! Forse i colleghi che si trovano nella mia situazione non hanno saputo gestire come me le entrate.....veramente non ci sto capendo piu' nulla, questo acconto è INPS????
Se non ho capito male il commercialista al telefona parlava di acconto tasse + differenza (boh!)
Magari ci sono colleghi che pagano le tasse grazie ad un secondo lavoro da dipendente, ma se arriviamo al punto di dover tappare dei buchi con un secondo lavoro la risposta alla mia domanda (primo rigo) mi pare ben precisa: NO!

Per Francesca Pesce
1) che non hai accantonato la cifra corretta; ESATTO!!!!!
2) che i tuoi redditi del 2006 erano molto più alti di quelli poi effettivamente guadagnati nel 2007.

NO, ho guadagnato da gennaio 2007 fino ad oggi il triplo rispetto all'anno precedente - non so a questo punto se congratularmi da sola o se piangere!- il punto è che il commercialista ha calcolato una specie di previsione in base alle fatture 2007 ricevute fino ottobre e ha definito l'acconto


Direct link Reply with quote
 

Fabio Scaliti  Identity Verified
Italy
Local time: 05:18
Member (2004)
German to Italian
+ ...
Perché ti complica la vita? Nov 26, 2007

Befanetta81 wrote:


2) che i tuoi redditi del 2006 erano molto più alti di quelli poi effettivamente guadagnati nel 2007.

NO, ho guadagnato da gennaio 2007 fino ad oggi il triplo rispetto all'anno precedente - non so a questo punto se congratularmi da sola o se piangere!- il punto è che il commercialista ha calcolato una specie di previsione in base alle fatture 2007 ricevute fino ottobre e ha definito l'acconto


Congratulati, congratulati, ci mancherebbe.

Da come hai spiegato la situazione nell'ultimo paragrafo, il commercialista ha seguito il consiglio di Francesca Pesce, ma al contrario: anziché ridurre l'acconto considerando un fatturato 2007 inferiore al fatturato 2006, ti ha adeguato l'acconto, aumentandolo, in base a un fatturato 2007 superiore.

Fiscalmente non sarà sbagliato (il fisco sarà contentissimo di prendere tanti soldi in anticipo), ma contabilmente è stupido, anche perché se l'acconto, basato sul reddito dichiarato l'anno precedente, risultasse insufficiente al momento della dichiarazione a maggio-giugno 2008, verrà normalmente integrato/saldato in sede di dichiarazione. E' così che dovrebbe funzionare il sistema degli acconti e saldi.

Prova a chiedere spiegazioni al commercialista, dicendogli che non è il caso di adeguarsi a un reddito superiore prima del tempo.

Saluti,

Fabio


Direct link Reply with quote
 

Francesca Battaglia
Italy
Local time: 05:18
English to Italian
+ ...
è nato prima l'uovo o la gallina? Nov 26, 2007

proprio come la domanda qui sopra mi viene da chiedermi, ormai da tempo, se paghiamo così tanto per tamponare i debiti accumulati da chi le tasse le evade o se pagando sempre così tante tasse, alla fine, per campare bisogna evadere qualche tassa..

Non so, forse sono io che non m'intendo di economia, eppure penso sempre che se ci dessero un pò più di soldini per noi, invece che tassarceli per prenderseli e spenderli per (teoricamente) spese pubbliche ecc.., noi poveri mortali potremmo anche spenderli più tranquillamente e lo stato ci guadagnerebbe lo stesso, no?? Insomma, dare per avere..Ormai noi non si ha più niente, cosa possiamo dare?

uf...


Direct link Reply with quote
 

Alice Bellia  Identity Verified
Italy
Local time: 05:18
English to Italian
+ ...
accantonare come le formiche! Nov 26, 2007

Ciao a tutti,

sono completamente d'accordo con Gianfranco anche se per fortuna sono ancora in una situazione privilegiata, dato che questo è il mio secondo e penultimo anno di regime agevolato di partita iva.

Io ho aperto un conto a parte per le tasse, dove da ogni fattura levo tasse+inps attuale+irap, ovviamente aggiungendo l'iva che, come mi ha insegnato il tutore dell'agenzia entrate, non sono soldi nostri ma che passano tra il cliente e il traduttore per tornare allo stato(

Quindi, mi bonifico il netto a fine mese.

Da una parte c'è il vantaggio che i soldini delle tasse creano anche i loro discreti interessi (il mio conto tasse è straricco O_O), e dall'altro sono pur sempre una "riserva" cui attingere in casi (frequenti) di clienti ritardatari, io mi passo il netto e poi quando si decidono a pagare metto tutto da parte, dato che ho già prelevato quanto mi spetta.

Io mi trovo benissimo con questa soluzione e la consiglio a tutti, mi permette di pagare le tasse sapendo di avere i soldi e al momento della dichiarazione confronto quanto devo pagare con il totale del conto tasse a fine anno precedente, l'eccedenza a mio favore me la metto nel mio conto risparmi e il gioco è fatto

Aggiungo che la percentuale di tasse da calcolare varia chiaramente in base al proprio scaglione irpef, un ottimo link per il calcolo http://www.net2.it/_irpef_2007/irpef_2007.php

e quest'altro invece documenta meglio lo scaglione http://www.taxelex.it/pag.php?pagina=72

Buon lavoro e accantonamento a tutti!!!


Alice

[Modificato alle 2007-11-26 20:01]


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

Divorata dalle tasse ed altro.........

Advanced search






LSP.expert
You’re a freelance translator? LSP.expert helps you manage your daily translation jobs. It’s easy, fast and secure.

How about you start tracking translation jobs and sending invoices in minutes? You can also manage your clients and generate reports about your business activities. So you always keep a clear view on your planning, AND you get a free 30 day trial period!

More info »
TM-Town
Manage your TMs and Terms ... and boost your translation business

Are you ready for something fresh in the industry? TM-Town is a unique new site for you -- the freelance translator -- to store, manage and share translation memories (TMs) and glossaries...and potentially meet new clients on the basis of your prior work.

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs