Articolo da utilizzare in italiano per le parole straniere.
Thread poster: xxxred_heart
xxxred_heart
Italy
Local time: 09:04
English to Italian
+ ...
Mar 13, 2008

Buondì,

al momento sto traducendo un libro dall'inglese all'italiano (You Are God: The Bhagavad Gita as Never Before, di Shashi Verma) tempestato di termini in sanscrito. Ora, avendo concordato con il mio committente il mantenimento di tutti i termini in lingua originale, poiché l'autore li fa precedere dall'articolo, mi chiedevo:

- si deve utilizzare l'articolo in italiano, e se sì, il suo genere;

- il genere da utilizzare per i participi e gli aggettivi legati alla parola straniera, nel caso in cui si decida di non usare l'articolo.

Procedo a riportare un esempio (premetto che i termini sanscriti Jnana e Ajnana significano rispettivamente "conoscenza" e "ignoranza", ed entrambi hanno genere maschile in sanscrito):

"But in whom Ajnana [ignorance] is destroyed by Jnana, to them that Jnana reveals the Supreme Light like the sun".

Che ho tradotto con:
"Ma per coloro nei quali Ajnana [l’ignoranza] è distruttO da Jnana [la conoscenza], Jnana stessO illumina, come il sole, la Luce Suprema."

Inoltre:
"Jnana è dotatO della Luce Suprema, che viene vista da coloro nei quali Ajnana è statO distruttO da Jnana."

Mi chiedevo se i participi qui vadano concordati con l'effettivo genere della parola straniera oppure se debbano seguire il genere della parola tradotta. Si potrebbe mai scrivere "Jnana è dotatA della Luce Suprema", "Ajnana è statA distruttA", significando i termini rispettivamente "conoscenza" e "ignoranza"?

Spero di essere stata sufficientemente esaustiva. Ringrazio tutti per l'eventuale aiuto.


Direct link Reply with quote
 

Giuseppina Gatta, MA (Hons)
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Risposta Mar 13, 2008

red_heart wrote:

Buondì,

al momento sto traducendo un libro dall'inglese all'italiano (You Are God: The Bhagavad Gita as Never Before, di Shashi Verma) tempestato di termini in sanscrito. Ora, avendo concordato con il mio committente il mantenimento di tutti i termini in lingua originale, poiché l'autore li fa precedere dall'articolo, mi chiedevo:

- si deve utilizzare l'articolo in italiano, e se sì, il suo genere;

- il genere da utilizzare per i participi e gli aggettivi legati alla parola straniera, nel caso in cui si decida di non usare l'articolo.

Procedo a riportare un esempio (premetto che i termini sanscriti Jnana e Ajnana significano rispettivamente "conoscenza" e "ignoranza", ed entrambi hanno genere maschile in sanscrito):

"But in whom Ajnana [ignorance] is destroyed by Jnana, to them that Jnana reveals the Supreme Light like the sun".

Che ho tradotto con:
"Ma per coloro nei quali Ajnana [l’ignoranza] è distruttO da Jnana [la conoscenza], Jnana stessO illumina, come il sole, la Luce Suprema."

Inoltre:
"Jnana è dotatO della Luce Suprema, che viene vista da coloro nei quali Ajnana è statO distruttO da Jnana."

Mi chiedevo se i participi qui vadano concordati con l'effettivo genere della parola straniera oppure se debbano seguire il genere della parola tradotta. Si potrebbe mai scrivere "Jnana è dotatA della Luce Suprema", "Ajnana è statA distruttA", significando i termini rispettivamente "conoscenza" e "ignoranza"?

Spero di essere stata sufficientemente esaustiva. Ringrazio tutti per l'eventuale aiuto.


La regola generale in italiano, che io sappia, è che si deve usare il maschile (tanto per cambiare), ma ci sono illustri eccezioni, come ad es. la password.
Secondo altre interpretazioni (con cui non concordo per motivi di praticità), devi usare l'articolo della parola tradotta. Quindi Ajnana sarebbe femminile.
ciao
Giusi


Direct link Reply with quote
 
xxxred_heart
Italy
Local time: 09:04
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
. Mar 13, 2008

Giuseppina Gatta wrote:

La regola generale in italiano, che io sappia, è che si deve usare il maschile (tanto per cambiare), ma ci sono illustri eccezioni, come ad es. la password.
Secondo altre interpretazioni (con cui non concordo per motivi di praticità), devi usare l'articolo della parola tradotta. Quindi Ajnana sarebbe femminile.
ciao
Giusi


Effettivamente, di primo acchito, avevo preferito rimanere aderente alla regola per la quale si utilizza l'articolo maschile nel caso di parole straniere oppure (mi pare di ricordare, mi corregga se non erro) per la quale l'articolo italiano va concordato con il genere originale della parola straniera.

Al di là delle regole, sto cercando di mettermi nell'ottica di un potenziale fruitore del libro. Cerco di ragionare su un'altra frase (siamo sempre nell'ambito dello yoga):

"A yogi is enlighted within, which means his Ajnana has been destroyed by Jnana and Jnana has revealed the Supreme Light to him", che ho tradotto con "Lo yogi è illuminato dalla luce interiore, stando ciò a indicare che Ajnana è stato distrutto da Jnana, il quale gli ha rivelato la Luce Suprema."

A questo punto, benché vada contro le regole, per così dire, mi sto convincendo dell'opportunità di trattare i due termini incriminati come fossero femminili in italiano, visto che per un lettore Jnana = LA conoscenza. In effetti sarebbe più immediata l'associazione fra Jnana e la Conoscenza, per non parlare del fatto che la lettura sarebbe più, come dire, scorrevole: "[...] stando ciò a indicare che Ajnana è stata distrutta da Jnana, la quale gli ha rivelato la Luce Suprema".
Sigh. Choices, choices.

La ringrazio per essersi presa la briga di rispondere

Saluti

V


Direct link Reply with quote
 

Luca Tutino  Identity Verified
Italy
Local time: 09:04
Member (2002)
English to Italian
+ ...
Interessante quesito Mar 13, 2008

Effettivamente anche io mi trovo spesso ad affrontare questo dilemma, sia pure in contesti più banali. La cosiddetta regola del maschile la conosco, e ricordo che fino a poco tempo fa veniva perlopiù considerata assolutamente inderogabile, cosa che non poteva non condizionarmi (e irritarmi).

Oggi ho l'impressione che si tratti di una di quelle regole che non tegnono, forse una moda del momento. Vedo intorno a me continuamente prestiti declinati al femminile in base al loro significato, e soprattutto "sento" che sono corretti, e che forzando il maschile ostacolerei la comunicazione invece di veicolarla.

La mia opinione è che presto la regola dell'invariabilità maschile sarà ritenuta sorpassata. Grazie al cielo la lingua italiana è ancora una cosa viva che non si lascia imbrigliare da norme astratte.

In effetti nel caso specifico ho trovato un po' macchinosa soprattutto la lettura del primo esempio, quello con la traduzione tra parentesi quadre. Però leggendo l'ultimo intervento mi rendo conto che potrebbero esserci altri problemi. Per esempio questo esempio, letto isolatamente, con questi nomi privi di articolo, farebbe quasi pensare a due divinità di sesso maschile o femminile a seconda dei casi, cosa che però è (forse) contraddetta, nel testo inglese dalla presenza del possessivo "his".

Arrischiamdomi a cercare di fornire un contributo fattivo, risponderei così:
- se possibile usare l'articolo per evitare di attribuire personalità ai concetti:
- usando l'articolo il genere maschile, corrispondente al genere della lingua originale, mi sembra non creare problemi di scorrevolezza;
- se non si usa l'articolo, usare preferibilmente il genere del significato (femminile in questo caso) dopo essersi accertati che il genere della parola originale non si rifletta in altre connotazioni culturali di qualche rilevanza.

Per esempio: "Lo yogi è illuminato da luce interiore, il che significa che IL SUO Ajnana è stato distrutto dalLO Jnana, e quest'ultimo gli ha rivelato la Luce Suprema."

Saluti e buon lavoro!

[Edited at 2008-03-13 20:31]


Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:

Moderator(s) of this forum
Simone Catania[Call to this topic]

You can also contact site staff by submitting a support request »

Articolo da utilizzare in italiano per le parole straniere.

Advanced search






TM-Town
Manage your TMs and Terms ... and boost your translation business

Are you ready for something fresh in the industry? TM-Town is a unique new site for you -- the freelance translator -- to store, manage and share translation memories (TMs) and glossaries...and potentially meet new clients on the basis of your prior work.

More info »
SDL Trados Studio 2017 Freelance
The leading translation software used by over 250,000 translators.

SDL Trados Studio 2017 helps translators increase translation productivity whilst ensuring quality. Combining translation memory, terminology management and machine translation in one simple and easy-to-use environment.

More info »



All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs