KudoZ home » English to Italian » Insurance

Direct and derivative

Italian translation: azioni contro gli amministratori condotte nell'interesse dei singoli azionisti o dell'intera società

Advertisement

Login or register (free and only takes a few minutes) to participate in this question.

You will also have access to many other tools and opportunities designed for those who have language-related jobs
(or are passionate about them). Participation is free and the site has a strict confidentiality policy.
00:06 Apr 5, 2008
English to Italian translations [PRO]
Law/Patents - Insurance
English term or phrase: Direct and derivative
Salve, non riesco a capire il significato di questa espressione nel contesto:
Covers claims brought by Liquidators and Receivers (Direct and Derivative)

Si parla di una polizza assicurativa che copre, appunto, le richieste di risarcimento danni intentate dai curatori fallimentari, ma quel direct and derivative cosa vuol dire?
Francesco D'Arcangeli
Italy
Local time: 17:30
Italian translation:azioni contro gli amministratori condotte nell'interesse dei singoli azionisti o dell'intera società
Explanation:
Ciao Francesco,

Se capisco bene il contesto, qui non si parla di polizze RC auto/danni o simili ma di cause di risarcimento intentate contro gli amministratori di una società e di relativa copertura assicurativa.

Sarebbe utile sapere di quale sistema di common law stiamo parlando. Comunque sia, sembra che gli azionisti di una società possano intentare due tipi di cause: direct e derivatiive.

Mi pare che questo brano (inglese) spieghi bene la differenza tra le due (ma se fai una ricerca con +"direct" +"derivative" +"claims" +"shareholders" potrai trovare molti altri risultati):

It is well settled corporate law that a director owes a fiduciary duty to the corporation. When a corporation is solvent, this fiduciary duty may be enforced by the corporation's shareholders, who, as the residual beneficiaries of the corporation, have standing to maintain **"derivative" (as opposed to "direct")** claims against the corporation's directors. In other words, shareholders of a solvent corporation may assert a **derivative suit** against the directors (i.e., **a claim on behalf of the corporation where the shareholder seeks recovery for the corporation from the directors**) but generally cannot maintain a **direct suit** against the directors (i.e., **a claim on behalf of the individual shareholder where the shareholder seeks recovery for him-or herself**).
http://findarticles.com/p/articles/mi_qa5352/is_200709/ai_n2...


Immagino che quando la società non sia più solvibile, tali richieste di risarcimento diventino di competenza dei curatori fallimentari (o, comunque, entrino in gioco questi ultimi).

Sui siti di diritto italiano, vedo che "derivative claims/suits" viene generalmente reso con "azioni di responsabilità contro gli amministratori", "azioni in via surrogatoria", "azioni di carattere rappresentativo":

Verranno infine facilitate le **azioni di responsabilità contro gli amministratori ("Derivative claims")**, ma si prevede un "filtro" giudiziario per consentire la prosecuzione dell'azione giudiziaria, una volta intentata la causa, per evitare cause "speculative".
http://www.filodiritto.com/index.php?azione=visualizza&iddoc...


Nell’ordinamento statunitense, la **derivative action** consente all’azionista di ricorrere in giudizio al fine di sanzionare, nell’interesse della società, la condotta irregolare degli amministratori (c.d. mismanagement), condannandoli a **ristorare il danno arrecato alla società**; l’azione ha dunque **carattere rappresentativo**, in quanto **condotta dall’azionista nell’interesse della società**[1].
La tutela offerta all’azionista ha, inoltre, **natura surrogatoria**[2]: dall’esito positivo della derivative action, infatti, il socio attore trae solo un vantaggio **indiretto**, consistente nel ripristino del valore della propria partecipazione al capitale sociale in seguito all’avvenuto risarcimento del danno da parte dell’amministratore.
[...]
Eccezionalmente il giudice può disporre che il **danno venga risarcito direttamente** ai soci danneggiati, in proporzione alle rispettive quote, se risulta iniquo attribuirlo alla società. Tale possibilità sottintende invero la distinzione tra **direct actions e derivative actions** in senso stretto. Mentre infatti il carattere della rappresentatività impone l’esercizio della derivative action a fini sanzionatori nei confronti di condotte pregiudizievoli rispetto all’interesse della società, vi sono ipotesi in cui la lesione ha avuto ad oggetto la **posizione individuale** dell’azionista, a cui pertanto è dato **agire nel proprio interesse tramite una direct suit**. Il distinguo è tuttavia suscettibile di sfumare nella pratica, vista l’indubbia sovrapponibilità dei due profili (**perseguimento dell’interesse d’impresa e dell’interesse dei soci**).
http://www.tidona.com/pubblicazioni/maggio02_6.htm


Se hai spazio per una spiegazione, potresti esplicitare il concetto sulla falsariga di quanto fanno i siti italiani e scrivere: "per azioni di responsabilità contro gli amministratori (condotte) nell'interesse della società o dei singoli (soci)". In alternativa, potresti optare per espressioni più sintetiche (si fa per dire...) tipo: "per azioni (intentate) per/in via diretta o surrogata", "per azioni con risarcimento danni diretto o indiretto" (o simili).

Mi scuso per il lungo messaggio, ma spero che i brani che ho riportato possano essere utili a chiarire il concetto ed offrano anche qualche spunto in materia di terminologia.


...dall’azione prevista dal Companies act nel Regno unito e, negli Stati Uniti, mediante il ricorso alla **“derivative suit”** , con la quale il **singolo socio agisce contro l’operato illegale degli organi societari in nome e per conto della società stessa(4)**.
http://appinter.csm.it/incontri/relaz/11343.pdf
Selected response from:

Monica M.
Italy
Local time: 17:30
Grading comment
Thanks for the reference links as well!!!
4 KudoZ points were awarded for this answer

Advertisement


Summary of answers provided
3azioni contro gli amministratori condotte nell'interesse dei singoli azionisti o dell'intera società
Monica M.


Discussion entries: 1





  

Answers


10 hrs   confidence: Answerer confidence 3/5Answerer confidence 3/5
direct and derivative
azioni contro gli amministratori condotte nell'interesse dei singoli azionisti o dell'intera società


Explanation:
Ciao Francesco,

Se capisco bene il contesto, qui non si parla di polizze RC auto/danni o simili ma di cause di risarcimento intentate contro gli amministratori di una società e di relativa copertura assicurativa.

Sarebbe utile sapere di quale sistema di common law stiamo parlando. Comunque sia, sembra che gli azionisti di una società possano intentare due tipi di cause: direct e derivatiive.

Mi pare che questo brano (inglese) spieghi bene la differenza tra le due (ma se fai una ricerca con +"direct" +"derivative" +"claims" +"shareholders" potrai trovare molti altri risultati):

It is well settled corporate law that a director owes a fiduciary duty to the corporation. When a corporation is solvent, this fiduciary duty may be enforced by the corporation's shareholders, who, as the residual beneficiaries of the corporation, have standing to maintain **"derivative" (as opposed to "direct")** claims against the corporation's directors. In other words, shareholders of a solvent corporation may assert a **derivative suit** against the directors (i.e., **a claim on behalf of the corporation where the shareholder seeks recovery for the corporation from the directors**) but generally cannot maintain a **direct suit** against the directors (i.e., **a claim on behalf of the individual shareholder where the shareholder seeks recovery for him-or herself**).
http://findarticles.com/p/articles/mi_qa5352/is_200709/ai_n2...


Immagino che quando la società non sia più solvibile, tali richieste di risarcimento diventino di competenza dei curatori fallimentari (o, comunque, entrino in gioco questi ultimi).

Sui siti di diritto italiano, vedo che "derivative claims/suits" viene generalmente reso con "azioni di responsabilità contro gli amministratori", "azioni in via surrogatoria", "azioni di carattere rappresentativo":

Verranno infine facilitate le **azioni di responsabilità contro gli amministratori ("Derivative claims")**, ma si prevede un "filtro" giudiziario per consentire la prosecuzione dell'azione giudiziaria, una volta intentata la causa, per evitare cause "speculative".
http://www.filodiritto.com/index.php?azione=visualizza&iddoc...


Nell’ordinamento statunitense, la **derivative action** consente all’azionista di ricorrere in giudizio al fine di sanzionare, nell’interesse della società, la condotta irregolare degli amministratori (c.d. mismanagement), condannandoli a **ristorare il danno arrecato alla società**; l’azione ha dunque **carattere rappresentativo**, in quanto **condotta dall’azionista nell’interesse della società**[1].
La tutela offerta all’azionista ha, inoltre, **natura surrogatoria**[2]: dall’esito positivo della derivative action, infatti, il socio attore trae solo un vantaggio **indiretto**, consistente nel ripristino del valore della propria partecipazione al capitale sociale in seguito all’avvenuto risarcimento del danno da parte dell’amministratore.
[...]
Eccezionalmente il giudice può disporre che il **danno venga risarcito direttamente** ai soci danneggiati, in proporzione alle rispettive quote, se risulta iniquo attribuirlo alla società. Tale possibilità sottintende invero la distinzione tra **direct actions e derivative actions** in senso stretto. Mentre infatti il carattere della rappresentatività impone l’esercizio della derivative action a fini sanzionatori nei confronti di condotte pregiudizievoli rispetto all’interesse della società, vi sono ipotesi in cui la lesione ha avuto ad oggetto la **posizione individuale** dell’azionista, a cui pertanto è dato **agire nel proprio interesse tramite una direct suit**. Il distinguo è tuttavia suscettibile di sfumare nella pratica, vista l’indubbia sovrapponibilità dei due profili (**perseguimento dell’interesse d’impresa e dell’interesse dei soci**).
http://www.tidona.com/pubblicazioni/maggio02_6.htm


Se hai spazio per una spiegazione, potresti esplicitare il concetto sulla falsariga di quanto fanno i siti italiani e scrivere: "per azioni di responsabilità contro gli amministratori (condotte) nell'interesse della società o dei singoli (soci)". In alternativa, potresti optare per espressioni più sintetiche (si fa per dire...) tipo: "per azioni (intentate) per/in via diretta o surrogata", "per azioni con risarcimento danni diretto o indiretto" (o simili).

Mi scuso per il lungo messaggio, ma spero che i brani che ho riportato possano essere utili a chiarire il concetto ed offrano anche qualche spunto in materia di terminologia.


...dall’azione prevista dal Companies act nel Regno unito e, negli Stati Uniti, mediante il ricorso alla **“derivative suit”** , con la quale il **singolo socio agisce contro l’operato illegale degli organi societari in nome e per conto della società stessa(4)**.
http://appinter.csm.it/incontri/relaz/11343.pdf


Monica M.
Italy
Local time: 17:30
Works in field
Native speaker of: Native in ItalianItalian
PRO pts in category: 93
Grading comment
Thanks for the reference links as well!!!
Login to enter a peer comment (or grade)




Return to KudoZ list


KudoZ™ translation help
The KudoZ network provides a framework for translators and others to assist each other with translations or explanations of terms and short phrases.



See also:



Term search
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search