KudoZ home » English to Italian » Law: Contract(s)

tenant at sufferance

Italian translation: detentore senza titolo (o sine titulo)

Advertisement

Login or register (free and only takes a few minutes) to participate in this question.

You will also have access to many other tools and opportunities designed for those who have language-related jobs
(or are passionate about them). Participation is free and the site has a strict confidentiality policy.
10:09 Jul 9, 2008
English to Italian translations [PRO]
Law/Patents - Law: Contract(s)
English term or phrase: tenant at sufferance
If LESSEE shall hold over without the consent of LESSOR, express or implied, then LESSEE shall be construed to be a **tenant at sufferance** at double the Rent herein provided, prorated by the day until possession is returned to LESSOR.

Ho trovato la definizione del termine solo in inglese. Come lo si può tradurre in italiano?
Andrea Nicosia
Local time: 23:09
Italian translation:detentore senza titolo (o sine titulo)
Explanation:
Anche occupante senza titolo.
Nella clausola viene pattuita l'indennità di occupazione, commisurata al canone di locazione.

--------------------------------------------------
Note added at 21 hrs (2008-07-10 07:20:38 GMT)
--------------------------------------------------

Circa la traduzione "proroga di fatto". Non ne sono del tutto convinto. O il contratto di locazione è ancora in essere perché è (espresamente o tacitamente) prorogato, oppure non c'è più e quel che resta è una detenzione del bene in assenza di alcun titolo giustificativo. Tertium non datur. La proroga di fatto implica una volontà di prorogare il contratto che in questo caso manca.

--------------------------------------------------
Note added at 22 hrs (2008-07-10 08:58:36 GMT)
--------------------------------------------------

In estrema sintesi. "Tenancy at will" è una detenzione assentita dal proprietario: si volta a volta si configura come un comodato precario, nell'immissione temporanea nella detenzione del bene in attesa del prefezionarsi della locazione o in una locazione a breve termine (ma quest'ultimo punto andrebbe approfondito).
http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=CELEX:...
http://en.wikipedia.org/wiki/Leasehold_estate#Periodic_tenan...
In questo caso dunque il titolo c'è.
Nel tenancy at sufferance è proprio la volontà espressa o tacita del locatore che manca. Non credo di aver convinto tutti, ma così la vedo :-). Ora mi fermo, sennò divento palloso.
Selected response from:

Andrea Pardini
Italy
Local time: 23:09
Grading comment
Grazie tante a tutti, in particolar modo a Corsaro: sei stato davvero di grande aiuto.
Grazie Oscar per la spiegazione a dir poco esaustiva.
4 KudoZ points were awarded for this answer

Advertisement


Summary of answers provided
3 +5detentore senza titolo (o sine titulo)
Andrea Pardini
3locazione in regime di proroga di fatto (Not for Points)
Oscar Romagnone


  

Answers


6 mins   confidence: Answerer confidence 3/5Answerer confidence 3/5 peer agreement (net): +5
detentore senza titolo (o sine titulo)


Language variant: possessore senza titolo (o sine titulo)

Explanation:
Anche occupante senza titolo.
Nella clausola viene pattuita l'indennità di occupazione, commisurata al canone di locazione.

--------------------------------------------------
Note added at 21 hrs (2008-07-10 07:20:38 GMT)
--------------------------------------------------

Circa la traduzione "proroga di fatto". Non ne sono del tutto convinto. O il contratto di locazione è ancora in essere perché è (espresamente o tacitamente) prorogato, oppure non c'è più e quel che resta è una detenzione del bene in assenza di alcun titolo giustificativo. Tertium non datur. La proroga di fatto implica una volontà di prorogare il contratto che in questo caso manca.

--------------------------------------------------
Note added at 22 hrs (2008-07-10 08:58:36 GMT)
--------------------------------------------------

In estrema sintesi. "Tenancy at will" è una detenzione assentita dal proprietario: si volta a volta si configura come un comodato precario, nell'immissione temporanea nella detenzione del bene in attesa del prefezionarsi della locazione o in una locazione a breve termine (ma quest'ultimo punto andrebbe approfondito).
http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=CELEX:...
http://en.wikipedia.org/wiki/Leasehold_estate#Periodic_tenan...
In questo caso dunque il titolo c'è.
Nel tenancy at sufferance è proprio la volontà espressa o tacita del locatore che manca. Non credo di aver convinto tutti, ma così la vedo :-). Ora mi fermo, sennò divento palloso.

Andrea Pardini
Italy
Local time: 23:09
Specializes in field
Native speaker of: Italian
PRO pts in category: 60
Grading comment
Grazie tante a tutti, in particolar modo a Corsaro: sei stato davvero di grande aiuto.
Grazie Oscar per la spiegazione a dir poco esaustiva.

Peer comments on this answer (and responses from the answerer)
agree  Marilina Vanuzzi: Il tuo arrivo in Proz è un grosso acquisto per tutti noi traduttori legali (e per me è motivo di crescita) !
2 mins
  -> grazie. Sono persino un po' imbarazzato. Ho stima e rispetto per come svolgi il tuo lavoro: da te, e da chi come te opera, ho solo da imparare.

agree  Serena Zarbo
2 hrs
  -> grazie

agree  xxxGabriella B.
6 hrs
  -> grazie

agree  Oscar Romagnone: Ciao! metto sportivamente un agree(in genere non mi piacciono i neutral né tantomeno i disagree)ma ho 'postato' comunque una mia proposta NFP,nel senso che non vuole essere ostile alla tua ma rappresentare semmai una rettifica. Ho aggiunto una nota finale
13 hrs
  -> grazie. Apprezzo davvero la correttezza. Ma non mi sarei offeso neppure per un disagree o un neutral: buone idee vengono fuori dal confronto. Nel merito, rispondo in nota.

agree  Valeria Lattanzi: Aggiungo questa definizione: tenancy at sufferance n. a "hold-over" tenancy after a lease has expired but before the landlord has demanded that the tenant quit (vacate) the premises. During a tenancy at sufferance the tenant is bound by the terms of the l
23 hrs
  -> grazie
Login to enter a peer comment (or grade)

13 hrs   confidence: Answerer confidence 3/5Answerer confidence 3/5
locazione in regime di proroga di fatto (Not for Points)


Language variant: ...il suo contratto dovrà intendersi come "locazione in regime di proroga di fatto"

Explanation:
Come tu stesso hai riportato sono facilmente reperibili molto definizioni del termine "tenant at sufferance" e devo dire che in francese sarebbe altrettanto facile consultando il dizionario on line Granddictionnaire.com
In italiano è forse un po' più complicato ma si può provare a partire da questo link:

"tenancy at sufferance n. a "hold-over" tenancy after a lease has expired, but ***before the landlord has demanded that the tenant quit (vacate) the premises.*** During a tenancy at sufferance the tenant is bound by the terms of the lease (including payment of rent) which existed before it expired. The only difference between a "tenancy at sufferance" and a "tenancy at will" is that the latter was created by agreement. (See: tenancy, unlawful detainer, tenancy at will)
http://legal-dictionary.thefreedictionary.com/Tenancy at suf...

Va tenuto presente che il termine "hold-over" significa "provvisorio/in regime di proroga" e il punto chiave è proprio l'ASSENZA - fino a prova contraria - di un esplicita intimazione del proprietario a restituire il bene locato. Si ha solo una scadenza dei termini contrattuali e una prosecuzione " di fatto" dello stesso con obbligo da parte del locatario di corrispondere comunque l'importo della RENT (rendita/canone).
Addirittura nell'esemio di Andrea si prevede un raddoppio di tale canone nella consapevolezza che sia un'eventualità da non doversi escludere a priori.
Altra cosa è invece il concetto di "tenant at will" di cui si parla a proposito delle concessioni e per il quale ha più senso parlare di 'assenza di titolo' una volta che il locatore si è espresso per la restituzione.
Per un approfondimento di quest'ultimo concetto nel nostro ordinamento si può leggere questo estratto:
Per C. Cass., Sez.II, 10/5/2000, n°5987 (in Codici d’Italia), "La figura del comodato precario si caratterizza per la previsione che la scadenza della validità del vincolo dipende potestativamente dalla volontà del comodante, il quale può farla maturare ad nutum mediante richiesta di restituzione del bene. Tale richiesta determina l'immediata cessazione del diritto del comodatario alla disponibilità e al godimento della cosa, con la conseguenza che **una volta sciolto per iniziativa unilaterale del comodante** il vincolo contrattuale, il comodatario che rifiuti la restituzione della cosa, viene ad assumere la posizione di *detentore sine titulo* e quindi abusivo del bene altrui, salvo che dimostri di poterne disporne in base ad altro rapporto diverso dal precario" (15).
http://www.francocrisafi.it/web_secondario/varie 2006/locazi...

La fattispecie presa in considerazione nel documento che Andrea sta traducendo è però diversa perché si dice che manca un consenso tacito o esplicito al rinnovo da parte del proprietario ma NON viene ancora detto che quest'ultimo dà corso ad una vera e propria intimazione.
Per approfondire quest'ultimo aspetto è utile leggere il seguente estratto:
(10) Per C. Cass., Sez.III, 14/3/2006, n°5464 (in Guida al Diritto n°20/2006), la rinnovazione tacita del contratto di locazione "postula la continuazione della detenzione della cosa da parte del conduttore e la mancanza di una manifestazione di volontà contraria da parte del locatore, cosicché, **qualora questi abbia manifestato con la disdetta la sua volontà di porre termine al rapporto,** la suddetta rinnovazione non può desumersi dalla permanenza del locatario nell’immobile locato dopo la scadenza o dal fatto che il locatore abbia continuato a percepire il canone senza proporre tempestivamente azione di rilascio, occorrendo invece un suo comportamento positivo idoneo a evidenziare una nuova volontà, contraria a quella precedentemente manifestata per la cessazione del rapporto".
http://www.francocrisafi.it/web_secondario/varie 2006/locazi...

Va tenuto presente che il "titolo" c'è e viene addirittura rinforzato dalla clausola in questione ciò che è 'scaduto' è semmai il termine per la riconsegna e lo sgombero. Mutatis mutandis, e per citare un tema di attualità, è un po' la confusione che si va facendo tra 'clandestini' e 'irregolari'. I clandestini sono immigrati illegali sprovvisti di qualsiasi documento valido per l'ingresso nel nostro paese (senza titolo) mentre gli irregolari sono coloro muniti di un titolo inizialmente valido per l'ingresso (visto di soggiorno) ma scaduto col passare del tempo e non più rinnovato o rinnovabile.

Ecco altri due link molto interessanti per capire ciò di cui si sta parlando:
http://books.google.it/books?id=4qamAnb949EC&pg=PT43&lpg=PT4...

http://books.google.it/books?id=PtkBmODWev4C&pg=PA185&lpg=PA...

La mia proposta ha il difetto di non essere concisa e di essere constratta a prendere come riferimento il contratto piuttosto che la figura del locatore però risponde all'esigenza di circoscrivere con precisione i termini della questione.
Vedi anche quest'ultima analogia:

In nessun caso la mancata restituzione dell’autoveicolo alla data di scadenza prevista dal contratto, salva l’ipotesi del periodo di tolleranza di cui sopra, sarà considerata alla stregua di **proroga di fatto.**
http://www.agenziademanio.org/Docs/capitolato_noleggio_auto....





--------------------------------------------------
Note added at 13 ore (2008-07-09 23:33:31 GMT)
--------------------------------------------------

ERRATA CORRIGE (penultimo capoverso):
_e di essere *costretta* a prendere come riferimento il contratto_

--------------------------------------------------
Note added at 21 ore (2008-07-10 07:57:59 GMT)
--------------------------------------------------

Riparto ancora dalla definizione citata all'inizio, se la si vuole prendere per buona:
"tenancy at sufferance n. a "hold-over" tenancy after a lease has expired, but **before the landlord has demanded that the tenant quit (vacate) the premises.**"
Questa "tenancy at sufferance" viene definita come un "hold-over tenancy" e ad una precedente domanda in cui l'asker chiedeva lumi su "hold-over" mi pare che fosse giunto il termine "proroga" come possibile risposta.
Da questo consegue che tale espressione fa riferimento ad una "detenzione in regime di proroga" con pochi dubbi al riguardo, ammesso sempre che si voglia prendere per buona la definizione del sito riportato. Faccio anche notare che il termine "di fatto" sta proprio ad indicare che tale proroga non scaturisce da alcuna pattuizione preventiva ma è esercitata, per così dire, su libera iniziativa del conduttore, quasi 'di forza' ed è 'tollerata' [at sufference] dal locatore fino a prova contraria. Ci troviamo dunque 'in mezzo al guado' in una condizione come sospesa a mezz'aria in cui il contratto è scaduto ma il proprietario NON ha ancora manifestato in modo palese la volontà a rientrare in possesso del proprio bene ed è proprio per questo che il canone CONTINUA ad essere dovuto (in misura doppia peraltro). Si potrà parlare di possesso 'sine titulo' NON APPENA il proprietario farà scattare l'intimazione di sfratto e più in particolare allo scadere del termine intimato perché solo allora la sua volontà sarà chiara, solo allora il TITULO sarà definitivamente perduto.
Senza infine contare che se questo 'titulo' non ci fosse davvero più come potrebbe essere 'bound' il locatario [During a tenancy at sufferance the tenant is bound by the terms of the lease]??
Se poi traducessimo "tenancy at sufference" con "detenzione senza titolo" come potremmo distinguerlo da "tenancy at will"? con che cosa dovremmo poi tradurre quest'ultimo? con la stessa locuzione? e come faremmo a distinguerli tra loro?


--------------------------------------------------
Note added at 2 giorni15 ore (2008-07-12 01:10:01 GMT) Post-grading
--------------------------------------------------

Se proprio di "titolo" si vuole parlare segnalo come definizione secondo me più adatta quella di OCCUPANTE SENZA TITOLO.

Si veda a tale proposito il link riportato qui di seguito:

16. Occupazione a titolo scaduto.
Se decorsi sessanta giorni dalla data dello sgombero perdura l´occupazione dell´immobile, il concessionario è tenuto a versare una indennità di occupazione rapportata all´importo del canone annuo, maggiorato del 20% fatta salva ogni ulteriore azione di risarcimento dei danni. Anche ai fini del presente articolo il Comune di Venezia potrà escutere la garanzia di cui al punto 12.
http://74.125.39.104/search?q=cache:P7uKbKVetUgJ:www.comune....

--------------------------------------------------
Note added at 2 giorni15 ore (2008-07-12 01:17:03 GMT) Post-grading
--------------------------------------------------

ERRATA CORRIGE:
il suggerimento voleva essere per
"OCCUPANTE A TITOLO SCADUTO"
e il motivo è da ricondursi al fatto che definibili come "possesso senza titolo" sono tutte quelle situazioni di possesso illecito (molto più numerose della scadenza di un termine contrattuale) contraddistinte ab origine dalla mancanza di un titolo valido.

Oscar Romagnone
Italy
Local time: 23:09
Specializes in field
Native speaker of: Native in ItalianItalian
PRO pts in category: 1254
13 corroborated select projects
in this pair and field What is ProZ.com Project History(SM)?
Login to enter a peer comment (or grade)




Return to KudoZ list


KudoZ™ translation help
The KudoZ network provides a framework for translators and others to assist each other with translations or explanations of terms and short phrases.



See also:



Term search
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search