ProZ.com global directory of translation services
 The translation workplace
Ideas
KudoZ home » English to Italian » Other

Nazi fantasy of hate behind the monstrous fiction of anti-Semitism

Italian translation: la fantasticheria d'odio nazista che sta dietro alla mostruosa costruzione narrativa...

Login or register (free and only takes a few minutes) to participate in this question.

You will also have access to many other tools and opportunities designed for those who have language-related jobs
(or are passionate about them). Participation is free and the site has a strict confidentiality policy.
15:02 Feb 20, 2007
English to Italian translations [PRO]
Art/Literary - Other
English term or phrase: Nazi fantasy of hate behind the monstrous fiction of anti-Semitism
Si parla qui del passo della Genesi in cui Abramo afferma che la moglie Sara è sua sorella per non essere ucciso dal re cananeo Abimelech, che voleva prendere Sara per sé. Si giustifica la menzogna come atto di sopravvivenza in un contesto ostile.

"There is no answer to such fantasies of power except survival: the lie is not a lie, in this case, but a disguise that disarms Abimelech's fantasy. The same holds true in modern terms: it would take a smilar act of survival to disarm the **Nazi fantasy of hate behind the monstrous fiction of anti-Semitism**. For Abraham and Sarah to survive in our own era of Auschwitz, they might have to disguise themselves as Christians."

Sapreste darmi un mano con quella frase? In particolare trovo difficoltoso rendere la "monstrous fiction". Un grazie di proporzioni bibliche... S.
Stefano77
Local time: 21:30
Italian translation:la fantasticheria d'odio nazista che sta dietro alla mostruosa costruzione narrativa...
Explanation:
... dell'antisemitismo


A me pare che Chiara 23 abbia ragione a far notare (sia pure un po' implicitamente) che il vero punto di snodo di questa frase è in realtà la resa della parola "fantasy" - il fatto che l'autore unifica la fantasy di Abimelech e la fantasy of hate dei Nazisti nel concetto generale di "fantasies of power".

E' evidente che una resa letterale ("fantasia") non è possibile: posso concepire una "fantasia di potere", non delle "fantasie del potere" - di un potere che poi comunque minaccia concretissima violenza; e cosa mai, sarebbe di preciso, a ogni modo, una "fantasia d'odio"? E cosa dovremmo pensare di una semplice bugia che dovrebbe “disarmare” la "fantasia" degli assassini – se non che l’autore sta confondendo (intenzionalmente?) il regno della retorica con la realtà?

E tuttavia, è proprio il discorso dell'autore che dobbiamo cercar di capire e poi tradurre: senza sovrapporvi i nostri giudizi, le nostre idee e i nostri sentimenti - la nostra esecrazione per nazjsmo e antisemitismo.

Con tutta probabilità, la parola "fantasy" qui è debitrice del francese "fantasme" (non "fantôme") - parola di largo uso (e imprecisa definizione) in un certo gergo accademico (e in un certo mainstream intellettuale) francese cui senz'altro (da quel che si è visto negli estratti che ce ne ha via via presentato Stefano) il nostro autore largamente si ispira. Un incrocio tra epigoni di Focault e lontani echi di Lacan – a doverlo tradurre, peggio che andar di notte! Però quando un amico francese mi dice “tu fantasmes” io capisco che mi sta dicendo qualcosa come “tu confondi i prodotti della tua immaginazione con la realtà” – o meglio ancora – “tu dai (indebita) concretezza ai prodotti della tua immaginazione”. Potrei anche ripensare a "Il fantasma della libertà" (il film di Bunuel), e al perché la versione italiana del titolo (originariamente in francese) sembri ovvia e letterale ma sia in realtà del tutto insoddisfacente…

E' per questo che ho pensato a "capriccio" (per Abimelech) e da qui sono passato a "arbitrio"; ma mi pare che tutte e due queste soluzioni (e ancor più la "bramosia" di Chiara 23) diano al termine una concretezza indebita, che vira in una direzione estranea al testo originale. Alla fine, anche ricordandomi dell'uso letterario di "fantastico", come aggettivo, nel senso di "lunatico" o "balzano", sono tornato indietro, in mancanza di meglio, a "fantasticheria" - che non posso dire mi soddisfi pienamente, ma, con qualche equilibrismo, si dovrebbe poter inserire abbastanza adeguatamente, in un modo o nell'altro, in tutte le varie occorrenze.


L'altro problema è dato da "fiction": "menzogna", come propone Linda, oltre a interferire con la “menzogna” di Abramo (quella che invece subito prima è stata lodata) mi convince fino a un certo punto, perché mi sembra sovrapporre i nostri (sacrosanti!) sentimenti di esecrazione e rifuto a quel che sta dicendo l'autore, che dopotutto parla non di menzogna (poteva dire "lie", se voleva dir questo) ma solo di "narrazione fittizia" (torna la faccenda dell'immaginario che si prende per concreto), anche se debitamente qualificata di "mostruosa". Quindi direi "costruzione narrativa" perché in italiano "finzione" ha un senso diverso - e anche per ben segnalare che siamo sul piano del "discorso" e non dei giudizi storici. Sta dicendo, insomma, che il discorso antisemita articola un immaginario pervertito (per rubare la parola a Chiara 23) in una (mostruosa) serie di narrazioni (dal'ebreo mangiabambini ai Protocolli degli anziani di Sion a Süss l'Ebreo al demoplutocrate intento a sempiterno - vano ancorché pericolosissimo - complotto). -Il che dopotutto ha senso, perché a muovere i sentimenti umani - e l'azione - non sono, direttamente, né le fantasticherie né le idee, ma le storie che di esse sono la forma concreta.
Selected response from:

Alfredo Tutino
Local time: 21:30
Grading comment
Va a tutti voi un sincero grazie di proporzioni bibliche. Pur riconoscendo l'efficacia della soluzione di Linda, nella totalità del testo è questa a trovare il giusto spazio: la menzogna "lie" va necessariamente separata nettamente dalla più ampia (e grave) costruzione narrativa "fiction". Peccato, e grazie ancora per gli ottimi suggerimenti. S.
4 KudoZ points were awarded for this answer



Summary of answers provided
4 +5orrida menzogna
Linda 969
3 +2la fantasticheria d'odio nazista che sta dietro alla mostruosa costruzione narrativa...Alfredo Tutino
4 +1troppo lunga per scriverla qui
Fiamma Lolli
4fantasie malate/depravate/distorte/pervertite dell'antisemitismo
missdutch
4la bramosia nazista imbevuta di odio che si cela dietro la mostruosa perversione dell'antisemitismoChiara23
3L'immaginario nazista...
Raffaella Panigada


  

Answers


7 mins   confidence: Answerer confidence 4/5Answerer confidence 4/5 peer agreement (net): +1
nazi fantasy of hate behind the monstrous fiction of anti-semitism
troppo lunga per scriverla qui


Explanation:
l'immaginario nazista intessuto di odio che forma il retroterra della (o "che costituisce lo scenario contro il quale si staglia la") mostruosa - o la micidiale - costruzione (o anche - un po' più azzardata come traduzione ma, non credo, come resa - "la meticolosa edificazione") dell'antisemitismo.

Fiamma Lolli
Italy
Local time: 21:30
Works in field
Native speaker of: Native in ItalianItalian
PRO pts in category: 115

Peer comments on this answer (and responses from the answerer)
agree  missdutch: Io direi che l'antisemitismo è il retroterra del nazismo, il terreno da cui questo si è sviluppato; "edificazione" qui funziona assai bene, ma perché non "meticolosamente mostruosa edificazione"?
9 mins
  -> Perché c'è solo "monstruos fiction" ma figurati se non sono d'accordo! La nonna di mia sorella era Bronisława Solomonowicz, di Łodz... Concordo anche su "prima l'antisemitismo, poi il nazismo": ma ancora una volta è il testo a mettere la frase così.
Login to enter a peer comment (or grade)

16 mins   confidence: Answerer confidence 3/5Answerer confidence 3/5
nazi fantasy of hate behind the monstrous fiction of anti-semitism
L'immaginario nazista...


Explanation:
Ci provo

"...l'immaginario nazista fondato sull'odio che ha dato vita al perseguimento di un abominevole ideale antisemita"

Adesso penso ad un'alternativa...

--------------------------------------------------
Note added at 21 mins (2007-02-20 15:23:13 GMT)
--------------------------------------------------

Eccone una:

"L'immaginario nazista fondato sull'odio da cui scaturisce l'ideale distorto dell'antisemitismo"

Raffaella Panigada
Switzerland
Local time: 21:30
Works in field
Native speaker of: Native in ItalianItalian
PRO pts in category: 123
Login to enter a peer comment (or grade)

3 hrs   confidence: Answerer confidence 4/5Answerer confidence 4/5
nazi fantasy of hate behind the monstrous fiction of anti-semitism
la bramosia nazista imbevuta di odio che si cela dietro la mostruosa perversione dell'antisemitismo


Explanation:
sebbene la traduzione di Linda sia effetivamente magistrale, mi sembra che si distacchi leggermente da ciò cui il testo fa riferimento, e da ciò con cui si mette a paragone. cioè il desiderio perverso di Abimelech. Sarò impopolare, ma io ci leggo un'altra sfumatura, altrimenti sembra quasi che l'orrida menzogna sia quella di Abramo.

Chiara23
Local time: 21:30
Native speaker of: Native in ItalianItalian
Login to enter a peer comment (or grade)

9 hrs   confidence: Answerer confidence 3/5Answerer confidence 3/5 peer agreement (net): +2
nazi fantasy of hate behind the monstrous fiction of anti-semitism
la fantasticheria d'odio nazista che sta dietro alla mostruosa costruzione narrativa...


Explanation:
... dell'antisemitismo


A me pare che Chiara 23 abbia ragione a far notare (sia pure un po' implicitamente) che il vero punto di snodo di questa frase è in realtà la resa della parola "fantasy" - il fatto che l'autore unifica la fantasy di Abimelech e la fantasy of hate dei Nazisti nel concetto generale di "fantasies of power".

E' evidente che una resa letterale ("fantasia") non è possibile: posso concepire una "fantasia di potere", non delle "fantasie del potere" - di un potere che poi comunque minaccia concretissima violenza; e cosa mai, sarebbe di preciso, a ogni modo, una "fantasia d'odio"? E cosa dovremmo pensare di una semplice bugia che dovrebbe “disarmare” la "fantasia" degli assassini – se non che l’autore sta confondendo (intenzionalmente?) il regno della retorica con la realtà?

E tuttavia, è proprio il discorso dell'autore che dobbiamo cercar di capire e poi tradurre: senza sovrapporvi i nostri giudizi, le nostre idee e i nostri sentimenti - la nostra esecrazione per nazjsmo e antisemitismo.

Con tutta probabilità, la parola "fantasy" qui è debitrice del francese "fantasme" (non "fantôme") - parola di largo uso (e imprecisa definizione) in un certo gergo accademico (e in un certo mainstream intellettuale) francese cui senz'altro (da quel che si è visto negli estratti che ce ne ha via via presentato Stefano) il nostro autore largamente si ispira. Un incrocio tra epigoni di Focault e lontani echi di Lacan – a doverlo tradurre, peggio che andar di notte! Però quando un amico francese mi dice “tu fantasmes” io capisco che mi sta dicendo qualcosa come “tu confondi i prodotti della tua immaginazione con la realtà” – o meglio ancora – “tu dai (indebita) concretezza ai prodotti della tua immaginazione”. Potrei anche ripensare a "Il fantasma della libertà" (il film di Bunuel), e al perché la versione italiana del titolo (originariamente in francese) sembri ovvia e letterale ma sia in realtà del tutto insoddisfacente…

E' per questo che ho pensato a "capriccio" (per Abimelech) e da qui sono passato a "arbitrio"; ma mi pare che tutte e due queste soluzioni (e ancor più la "bramosia" di Chiara 23) diano al termine una concretezza indebita, che vira in una direzione estranea al testo originale. Alla fine, anche ricordandomi dell'uso letterario di "fantastico", come aggettivo, nel senso di "lunatico" o "balzano", sono tornato indietro, in mancanza di meglio, a "fantasticheria" - che non posso dire mi soddisfi pienamente, ma, con qualche equilibrismo, si dovrebbe poter inserire abbastanza adeguatamente, in un modo o nell'altro, in tutte le varie occorrenze.


L'altro problema è dato da "fiction": "menzogna", come propone Linda, oltre a interferire con la “menzogna” di Abramo (quella che invece subito prima è stata lodata) mi convince fino a un certo punto, perché mi sembra sovrapporre i nostri (sacrosanti!) sentimenti di esecrazione e rifuto a quel che sta dicendo l'autore, che dopotutto parla non di menzogna (poteva dire "lie", se voleva dir questo) ma solo di "narrazione fittizia" (torna la faccenda dell'immaginario che si prende per concreto), anche se debitamente qualificata di "mostruosa". Quindi direi "costruzione narrativa" perché in italiano "finzione" ha un senso diverso - e anche per ben segnalare che siamo sul piano del "discorso" e non dei giudizi storici. Sta dicendo, insomma, che il discorso antisemita articola un immaginario pervertito (per rubare la parola a Chiara 23) in una (mostruosa) serie di narrazioni (dal'ebreo mangiabambini ai Protocolli degli anziani di Sion a Süss l'Ebreo al demoplutocrate intento a sempiterno - vano ancorché pericolosissimo - complotto). -Il che dopotutto ha senso, perché a muovere i sentimenti umani - e l'azione - non sono, direttamente, né le fantasticherie né le idee, ma le storie che di esse sono la forma concreta.

Alfredo Tutino
Local time: 21:30
Native speaker of: Native in ItalianItalian
PRO pts in category: 201
Grading comment
Va a tutti voi un sincero grazie di proporzioni bibliche. Pur riconoscendo l'efficacia della soluzione di Linda, nella totalità del testo è questa a trovare il giusto spazio: la menzogna "lie" va necessariamente separata nettamente dalla più ampia (e grave) costruzione narrativa "fiction". Peccato, e grazie ancora per gli ottimi suggerimenti. S.

Peer comments on this answer (and responses from the answerer)
neutral  texjax DDS PhD: Grande rispetto per tutto ciò che scrivi, ma continuo a pensare che la resa di Linda sia molto efficace. Menzogna come come deliberata e consapevole manipolazione della realtà, come nella finzione/fantasia/illusione -> fiction. Lungo discorso, poco spazio
1 hr
  -> mah, guarda, ho cambiato idea almeno cinque volte prima di decidermi a inviare una risposta...

agree  Lorenzo Lilli: mi sembra perfetto ;-)
8 hrs
  -> magari! comunque grazie

agree  Chiara23: ovviamente concordo, e ti ringrazio per la lunga spiegazione che io non ho dato, anche se, narcisisticamente, preferisco la mia resa ;-)
15 hrs
  -> grazie
Login to enter a peer comment (or grade)

27 mins   confidence: Answerer confidence 4/5Answerer confidence 4/5
monstrous fiction of anti-semitism
fantasie malate/depravate/distorte/pervertite dell'antisemitismo


Explanation:
Altre alternative; quel che mi preme è sottolineare che non è l'antisemitismo a scaturire dal nazismo, bensì il contrario: secoli, se non almeno due millenni, di antisemitismo hanno portato alla degenerazione nazista, vedi "I volonterosi carnefici di Hitler", di Daniel J. Goldhagen o anche "Il mercante di Venezia" di Shakespeare.

È una bestia orribile e antichissima, l'antisemitismo.


--------------------------------------------------
Note added at 18 hrs (2007-02-21 09:42:38 GMT)
--------------------------------------------------

Alla luce di quanto scritto dagli altri colleghi, si potrebbe rendere fiction con mistificazione (presentazione o interpretazione subdolamente falsata e travisante); quanto a fantasy, sono d'accordo con Alfredo; mi vengono in mente anche i "Capricci" di Goya, ma fantasticheria ha la connotazione negativa che l'autore vuole evidentemente sottolineare.

missdutch
Netherlands
Local time: 21:30
Works in field
Native speaker of: Native in ItalianItalian
PRO pts in category: 31

Peer comments on this answer (and responses from the answerer)
neutral  Alfredo Tutino: Io sono d'accordo, ma mi pare che il testo non affronti questo aspetto
8 hrs
  -> infatti, ma mi era parso che si pensasse che il nazismo fosse alla radice dell'antisemitismo e non viceversa; grazie del commento e ciao!
Login to enter a peer comment (or grade)

21 mins   confidence: Answerer confidence 4/5Answerer confidence 4/5 peer agreement (net): +5
monstrous fiction
orrida menzogna


Explanation:
Ciao Stefano
mi piace la resa di Fiamma ma trovo che "meticolosa edificazione" si allontani un po' troppo dal testo

--------------------------------------------------
Note added at 22 hrs (2007-02-21 13:08:21 GMT)
--------------------------------------------------

In risposta ad Alfredo confesso di essere andata semplicemente di "gut feeling"

Ma dietro al gut feeling c'è anche qualcosa di concreto

http://www.answers.com/fiction
(...)
An untrue declaration: canard, cock-and-bull story, falsehood, falsity, fib, inveracity, lie, misrepresentation, misstatement, prevarication, story, tale, untruth

-----






Linda 969
Local time: 21:30
Native speaker of: Native in ItalianItalian, Native in EnglishEnglish
PRO pts in category: 85

Peer comments on this answer (and responses from the answerer)
agree  texjax DDS PhD: Bellissima resa. Magistrale.
2 mins
  -> ...

agree  Fiamma Lolli: Magistrale, né più né meno. / Mi correggo: magistrale ma col meno dell'osservazione su "lies", come sempre per nulla peregrina, di Alfredo.
4 mins
  -> ...

agree  missdutch: proprio quel che è.
7 mins
  -> ragazze qui mi fate arrossire ;-)

agree  Laura Massara: Orrida menzogna per "monstrous fiction" è davvero un'ottima soluzione.
1 hr
  -> grazie laura

agree  Valeria Faber: Brava!
2 hrs
  -> grazie Valeria

neutral  Alfredo Tutino: ho paura che "menzogna" qui sia un po' troppo sbrigativo (e oltretutto confligge un po' con le "lies" di Abramo)... Mi pare comunque che il vero problema di questa frase sia la resa di "fantasy"
8 hrs
  -> adesso ci penso un po'
Login to enter a peer comment (or grade)




Return to KudoZ list


KudoZ™ translation help
The KudoZ network provides a framework for translators and others to assist each other with translations or explanations of terms and short phrases.



See also: