KudoZ home » French to Italian » Law (general)

lettres chargées

Italian translation: lettere assicurate

Advertisement

Login or register (free and only takes a few minutes) to participate in this question.

You will also have access to many other tools and opportunities designed for those who have language-related jobs
(or are passionate about them). Participation is free and the site has a strict confidentiality policy.
18:49 Aug 2, 2006
French to Italian translations [PRO]
Law/Patents - Law (general)
French term or phrase: lettres chargées
In questo contesto la traduzione proposta dai dizionari generici "lettera assicurata" non credo proprio sia corretta. Grazie per qualsiasi suggerimento in merito

Opérer le retrait de toutes sommes, valeurs et titres déposés à toutes banques, caisses publiques, ou à tous particuliers, ainsi que de tous intérêts, dividendes et arrérages, **lettres chargées** ou mandats, y déposer tous titres ou valeurs, régler tous droits de garde, ouvrir tous coffres-forts, en retirer le contenu, avec ou sans inventaires.
Silvia Guazzoni
Local time: 04:05
Italian translation:lettere assicurate
Explanation:
eppure si tratta proprio di lettera assicurata:
non so chi sia il soggetto ma si tratta probabilmente di un elenco di poteri conferiti tra cui quello di ritirare valori e titoli di vari tipi, nonché vaglia o lettere assicurate (cioè nel senso originale di lettere che possono anche contenere valori)

ASSICURATA/O – Aggettivo. Come tale si aggrega a oggetti che sono sottoposti a contratti di assicurazione contro danni o contro la loro perdita. In gergo postale è spesso sostantivato intendendo sempre che la garanzia di assicurazione è riferita ad un invio postale chiuso, contenente valori dichiarati. Si riferisce pertanto a plichi, pacchi o lettere chiusi contenenti denari, documenti o valori che viaggiano a rischio e pericolo parziale o totale del trasportatore e che sono assicurati dalla Poste per un ammontare dichiarato dal mittente sull’involucro e che danno diritto al mittente di rivendicare ed ottenere dalle Poste secondo alcune regole, tempi e indagini, il rimborso dell’ammontare del valore dichiarato. In qualsiasi caso la parola “assicurata” è normalmente la denominazione propria di una lettera garantita da assicurazione effettuata, secondo alcuni tipi di contratti, dalle Poste con i mittenti per i quali le Poste impongono tariffe maggiorate, sopratutto in relazione al valore assicurato, e particolari sistemi di chiusura. (per i tipi di assicurazione ed i sistemi di chiusura vedi le voci successive). Gli invii assicurati durante i trasporti postali sono sempre “descritti” (vedi voce dedicata in questo stesso testo), ossia elencati in bollettari firmati dal personale postale che li prendono in consegna, in modo da poter sempre risalire al punto della catena postale in cui qualche assicurata è stata smarrita o sottratta. Dal punto di vista storico la parola “assicurata” fu adottata dalle Poste fin dall’inizio dei servizi postali organizzati (1830/50), ma non aveva lo stesso significato attuale. Il bollo “assicurata” applicato sui frontespizi delle lettere prefilateliche indicava che la lettera era seguita in modo particolare dal personale postale ma in caso di perdita non dava diritto al mittente di recuperare un rimborso. In realtà le lettere assicurate equivalevano alle “raccomandate” quando la raccomandazione non esisteva ancora. La prima forma di assicurazione sugli invii postali nel senso moderno (valore dichiarato e rimborso del perduto) risale al Regno di Sardegna e fu adottato immediatamente fin dalla prima tariffazione dell’ordinamento postale del regno d’Italia. Le lettere assicurate avendo in genere affrancature piuttosto elevate sono particolarmente ricercate dal collezionismo filatelico e storico postale.
Selected response from:

Agnès Levillayer
Italy
Local time: 04:05
Grading comment
Grazie mille Agnès!
4 KudoZ points were awarded for this answer

Advertisement


Summary of answers provided
4 +1lettere assicurate
Agnès Levillayer


  

Answers


39 mins   confidence: Answerer confidence 4/5Answerer confidence 4/5 peer agreement (net): +1
lettere assicurate


Explanation:
eppure si tratta proprio di lettera assicurata:
non so chi sia il soggetto ma si tratta probabilmente di un elenco di poteri conferiti tra cui quello di ritirare valori e titoli di vari tipi, nonché vaglia o lettere assicurate (cioè nel senso originale di lettere che possono anche contenere valori)

ASSICURATA/O – Aggettivo. Come tale si aggrega a oggetti che sono sottoposti a contratti di assicurazione contro danni o contro la loro perdita. In gergo postale è spesso sostantivato intendendo sempre che la garanzia di assicurazione è riferita ad un invio postale chiuso, contenente valori dichiarati. Si riferisce pertanto a plichi, pacchi o lettere chiusi contenenti denari, documenti o valori che viaggiano a rischio e pericolo parziale o totale del trasportatore e che sono assicurati dalla Poste per un ammontare dichiarato dal mittente sull’involucro e che danno diritto al mittente di rivendicare ed ottenere dalle Poste secondo alcune regole, tempi e indagini, il rimborso dell’ammontare del valore dichiarato. In qualsiasi caso la parola “assicurata” è normalmente la denominazione propria di una lettera garantita da assicurazione effettuata, secondo alcuni tipi di contratti, dalle Poste con i mittenti per i quali le Poste impongono tariffe maggiorate, sopratutto in relazione al valore assicurato, e particolari sistemi di chiusura. (per i tipi di assicurazione ed i sistemi di chiusura vedi le voci successive). Gli invii assicurati durante i trasporti postali sono sempre “descritti” (vedi voce dedicata in questo stesso testo), ossia elencati in bollettari firmati dal personale postale che li prendono in consegna, in modo da poter sempre risalire al punto della catena postale in cui qualche assicurata è stata smarrita o sottratta. Dal punto di vista storico la parola “assicurata” fu adottata dalle Poste fin dall’inizio dei servizi postali organizzati (1830/50), ma non aveva lo stesso significato attuale. Il bollo “assicurata” applicato sui frontespizi delle lettere prefilateliche indicava che la lettera era seguita in modo particolare dal personale postale ma in caso di perdita non dava diritto al mittente di recuperare un rimborso. In realtà le lettere assicurate equivalevano alle “raccomandate” quando la raccomandazione non esisteva ancora. La prima forma di assicurazione sugli invii postali nel senso moderno (valore dichiarato e rimborso del perduto) risale al Regno di Sardegna e fu adottato immediatamente fin dalla prima tariffazione dell’ordinamento postale del regno d’Italia. Le lettere assicurate avendo in genere affrancature piuttosto elevate sono particolarmente ricercate dal collezionismo filatelico e storico postale.

Agnès Levillayer
Italy
Local time: 04:05
Works in field
Native speaker of: French
PRO pts in category: 390
Grading comment
Grazie mille Agnès!

Peer comments on this answer (and responses from the answerer)
agree  elysee
2 hrs
Login to enter a peer comment (or grade)




Return to KudoZ list


KudoZ™ translation help
The KudoZ network provides a framework for translators and others to assist each other with translations or explanations of terms and short phrases.



See also:



Term search
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search