KudoZ home » Italian to French » Law: Contract(s)

contratto di agenzia senza deposito

French translation: contrat d'agence sans dépôt

Advertisement

Login or register (free and only takes a few minutes) to participate in this question.

You will also have access to many other tools and opportunities designed for those who have language-related jobs
(or are passionate about them). Participation is free and the site has a strict confidentiality policy.
GLOSSARY ENTRY (DERIVED FROM QUESTION BELOW)
Italian term or phrase:contratto di agenzia senza deposito
French translation:contrat d'agence sans dépôt
Entered by: Emanuela Galdelli
Options:
- Contribute to this entry
- Include in personal glossary

15:01 Feb 10, 2007
Italian to French translations [PRO]
Law/Patents - Law: Contract(s)
Italian term or phrase: contratto di agenzia senza deposito
TITOLO DI UN CONTRATTO
SI PARLA ANCHE DI Agente di commercio senza deposito
Sara Bello
Italy
Local time: 21:59
Contrat d'agence sans dépôt/sans contrat d'entrepôt
Explanation:
In francese non ho trovato niente, ma sembra che anche in Italia il deposito agenziale sia una figura giuridica poco disciplinata (v. sotto)

Il senso è quello di un agenzia senza annesso magazzino
V. http://www.studioconsult.it/deposito.html
di cui ti incollo un passaggio:

AGENTI E RAPPRESENTANTI CON DEPOSITO

Separazione dal contratto di agenzia

Nelle norme che regolano il rapporto di agenzia, in particolare nella disciplina civilistica contenuta negli artt. da 1742 a 1753 c.c., non è presente una regolamentazione del deposito che, in un numero elevato di casi, viene costituito a lato dell’attività intermediaria. E’ d’altra parte probabile che si assista, nel prossimo avvenire, ad un incremento apprezzabile del ricorso ai depositi agenziali, nell’ottica del più rapido soddisfacimento delle richieste di rifornimento da parte della clientela. Talvolta gioca in senso favorevole all’istituzione di depositi, nelle piazze di maggiore assorbimento, il costo dei trasporti, meno elevato se vengono avviate grandi partite per il deposito, al posto di una moltitudine di invii ai singoli nominativi da servire, pur essendoci, in questa ipotesi, l’onere di gestione della localizzazione decentrata.
La formula agente con deposito o rappresentante con deposito, in verità, rivela l’esistenza di due rapporti fra le stesse parti, ma concettualmente e normativamente ben distinti. Se per il rapporto di agenzia, con o senza rappresentanza, bisogna far capo agli artt. 1742 e segg. c.c., per il rapporto di deposito occorre servirsi dell’apposita disciplina, che è collocata negli artt. da 1766 a 1797 c.c. La parte della disciplina specifica che interessa maggiormente si trova nella sezione dedicata al deposito in generale, di cui contiene la nozione. Vale la pena di consultare attentamente quest’ultima perché a prima vista appare non agevolmente applicabile ai casi concreti che si presentano. L’art. 1766 c.c. sancisce: “Il deposito è il contratto col quale una parte riceve dall’altra una cosa mobile con l’obbligo di custodirla e di restituirla in natura”. I dubbi possono nascere dal fatto che, accanto all’obbligo di custodia, si pone quello della restituzione, mentre esiste sì un secondo obbligo del genere, ma nel senso di effettuare la consegna nei confronti della clientela della zona, clientela servita dalla casa mandante attraverso l’intermediario che dispone di magazzino sul posto.
L’ipotesi di una consegna nei confronti di soggetto diverso dal depositante, peraltro, è prevista dal comma 1 dell’art. 1777 c.c., rubricato, appunto, “Persona a cui deve essere restituita la cosa”. Si potrebbe asserire, peraltro, che tutta la disciplina civilistica è imperniata sull’obbligo della custodia, mentre nei depositi a lato dei rapporti di intermediazione è prevalente l’obbligo di assicurare il rifornimento della clientela. Può esserci sì la restituzione alla casa mandante, ma questo fatto, generalmente, è di natura patologica, la norma essendo costituita dalla consegna al cliente, al deposito o al domicilio dello stesso.
Se non si è convinti del fondamento del richiamo alla disciplina del deposito, si fa luogo alla previsione di un contratto atipico, formato ai sensi del secondo comma dell’art. 1322 c.c., che ammette la conclusione di contratti non aventi una disciplina particolare. Di certo è soddisfatta la condizione del realizzo, attraverso il contratto atipico, di interessi meritevoli di tutela secondo l’ordinamento giuridico. In ogni caso, sono da rendere applicabili disposizioni contenute nella disciplina del deposito.
........

V. http://www.studioconsult.it/deposito.html

Selected response from:

Silvia Carmignani
Italy
Local time: 21:59
Grading comment
4 KudoZ points were awarded for this answer

Advertisement


Summary of answers provided
2 +1Contrat d'agence sans dépôt/sans contrat d'entrepôt
Silvia Carmignani


  

Answers


1 hr   confidence: Answerer confidence 2/5Answerer confidence 2/5 peer agreement (net): +1
CONTRATTO DI AGENZIA SENZA DEPOSITO
Contrat d'agence sans dépôt/sans contrat d'entrepôt


Explanation:
In francese non ho trovato niente, ma sembra che anche in Italia il deposito agenziale sia una figura giuridica poco disciplinata (v. sotto)

Il senso è quello di un agenzia senza annesso magazzino
V. http://www.studioconsult.it/deposito.html
di cui ti incollo un passaggio:

AGENTI E RAPPRESENTANTI CON DEPOSITO

Separazione dal contratto di agenzia

Nelle norme che regolano il rapporto di agenzia, in particolare nella disciplina civilistica contenuta negli artt. da 1742 a 1753 c.c., non è presente una regolamentazione del deposito che, in un numero elevato di casi, viene costituito a lato dell’attività intermediaria. E’ d’altra parte probabile che si assista, nel prossimo avvenire, ad un incremento apprezzabile del ricorso ai depositi agenziali, nell’ottica del più rapido soddisfacimento delle richieste di rifornimento da parte della clientela. Talvolta gioca in senso favorevole all’istituzione di depositi, nelle piazze di maggiore assorbimento, il costo dei trasporti, meno elevato se vengono avviate grandi partite per il deposito, al posto di una moltitudine di invii ai singoli nominativi da servire, pur essendoci, in questa ipotesi, l’onere di gestione della localizzazione decentrata.
La formula agente con deposito o rappresentante con deposito, in verità, rivela l’esistenza di due rapporti fra le stesse parti, ma concettualmente e normativamente ben distinti. Se per il rapporto di agenzia, con o senza rappresentanza, bisogna far capo agli artt. 1742 e segg. c.c., per il rapporto di deposito occorre servirsi dell’apposita disciplina, che è collocata negli artt. da 1766 a 1797 c.c. La parte della disciplina specifica che interessa maggiormente si trova nella sezione dedicata al deposito in generale, di cui contiene la nozione. Vale la pena di consultare attentamente quest’ultima perché a prima vista appare non agevolmente applicabile ai casi concreti che si presentano. L’art. 1766 c.c. sancisce: “Il deposito è il contratto col quale una parte riceve dall’altra una cosa mobile con l’obbligo di custodirla e di restituirla in natura”. I dubbi possono nascere dal fatto che, accanto all’obbligo di custodia, si pone quello della restituzione, mentre esiste sì un secondo obbligo del genere, ma nel senso di effettuare la consegna nei confronti della clientela della zona, clientela servita dalla casa mandante attraverso l’intermediario che dispone di magazzino sul posto.
L’ipotesi di una consegna nei confronti di soggetto diverso dal depositante, peraltro, è prevista dal comma 1 dell’art. 1777 c.c., rubricato, appunto, “Persona a cui deve essere restituita la cosa”. Si potrebbe asserire, peraltro, che tutta la disciplina civilistica è imperniata sull’obbligo della custodia, mentre nei depositi a lato dei rapporti di intermediazione è prevalente l’obbligo di assicurare il rifornimento della clientela. Può esserci sì la restituzione alla casa mandante, ma questo fatto, generalmente, è di natura patologica, la norma essendo costituita dalla consegna al cliente, al deposito o al domicilio dello stesso.
Se non si è convinti del fondamento del richiamo alla disciplina del deposito, si fa luogo alla previsione di un contratto atipico, formato ai sensi del secondo comma dell’art. 1322 c.c., che ammette la conclusione di contratti non aventi una disciplina particolare. Di certo è soddisfatta la condizione del realizzo, attraverso il contratto atipico, di interessi meritevoli di tutela secondo l’ordinamento giuridico. In ogni caso, sono da rendere applicabili disposizioni contenute nella disciplina del deposito.
........

V. http://www.studioconsult.it/deposito.html



Silvia Carmignani
Italy
Local time: 21:59
Specializes in field
Native speaker of: Native in ItalianItalian
PRO pts in category: 103

Peer comments on this answer (and responses from the answerer)
agree  Christine C.: Souvent traduit aussi par "contrat de représentation", même s'il existe aussi le terme "contratto di rappresentanza".
4 hrs
  -> Grazie
Login to enter a peer comment (or grade)




Return to KudoZ list


Changes made by editors
Dec 2, 2007 - Changes made by Emanuela Galdelli:
Term askedCONTRATTO DI AGENZIA SENZA DEPOSITO » contratto di agenzia senza deposito
Dec 2, 2007 - Changes made by Emanuela Galdelli:
Edited KOG entry<a href="/profile/93583">Sara Bello's</a> old entry - "CONTRATTO DI AGENZIA SENZA DEPOSITO" » "Contrat d'agence sans dépôt"


KudoZ™ translation help
The KudoZ network provides a framework for translators and others to assist each other with translations or explanations of terms and short phrases.



See also:



Term search
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search