Per traduttori RO-IT: sistema catastale romeno
Thread poster: Elisa Comito

Elisa Comito  Identity Verified
Local time: 12:35
English to Italian
+ ...
Oct 30, 2008

Recentemente ho aperto un Kudoz per la discussione di un termine che mi metteva in difficoltà, ossia la resa di "cartea funciara nr." nella frase "Proprietatea evaluata este înscrisa in Cartea Funciara nr. 1475/1 a oraşului Bistriţa" in una perizia immobiliare.

Interrogandomi a fondo sulla natura di questa "carte funciara" (che in romeno indica tanto il libro/registro generale quanto la singola partita, corrispondente a una proprietà, iscritta a tale registro) ho scoperto alcune cose sul sistema catastale romeno, che sintetizzo di seguito e che potranno essere utili a chi si troverà ad affrontare traduzioni analoghe.

Segue una spiegazione del sistema catastale romeno e delle principali differenze con quello diffuso in Italia; in fondo troverete le soluzioni per la traduzione.

---------------------

Il sistema catastale romeno corrisponde al “sistema catastale tavolare” o “sistema del libro fondiario”, il sistema catastale che vigeva nell’impero austro-ungarico.

Ecco una voce di Wikipedia ben articolata, da cui riporto alcuni estratti.

http://it.wikipedia.org/wiki/Sistema catastale_tavolare

Il sistema catastale tavolare (o catasto tavolare o sistema del libro fondiario) è un tipo di ordinamento catastale che fu in uso nell'impero austroungarico ed oggi è ancora vigente in Italia nelle province di Trieste, Gorizia, Trento, Bolzano, in alcuni comuni della provincia di Udine, nel comune di Pedemonte (Provincia di Vicenza), nei comuni di Magasa e Valvestino in (Provincia di Brescia) e di quella di Belluno (ad esempio Cortina d'Ampezzo).

Il sistema tavolare ha trovato la sua espressione più completa nell'impero austro-ungarico, ma trae le sue origini in istituzioni germaniche che hanno improntato non solo paesi germanofoni come Germania e Svizzera, ma anche aree in cui era forte l'attrattiva dell'esempio tedesco (Polonia, Finlandia, Russia, Svezia) Similmente è stato introdotto in Spagna e Portogallo e di recente anche in Tunisia e Australia. Il sistema discendeva nei suoi principi dall'istituto delle "Landtafeln" (da "tafeln", tavola), creato nel XIII secolo ed in applicazione in Slesia, Boemia e Moravia.
Da tempi remoti nelle zone abitate da popolazioni germaniche si tendeva ad attribuire alle istituzioni pubbliche il compito di "attribuire verità alle manifestazioni delle parti", l'iscrizione nei pubblici libri divenne perciò requisito essenziale per l'acquisto o il trasferimento del diritto reale e questo sistema per la sua efficacia si estese gradualmente all'intera monarchia asburgica.
[Il sistema tavolare] Sottintendeva il principio che nessun diritto riguardante beni immobili potesse avere riconoscimento giuridico nell'ordinamento se non previa iscrizione nelle tavole, il che obbligava da un lato alla corretta tenuta del regime di pubblicità immobiliare e dall'altro consentiva una più incisiva azione fiscale.

Per quanto riguarda le origini di questo catasto in Romania a quest’altro link, http://strategia.ncsd.ro/docs/comentarii/ogr.pdf , troviamo che:

„ Pe teritoriul actual al României o forma de cadastru („Cartea funciara”) pentru
evidenta tehnica si fiscala a terenurilor a functionat înca din secolul al XIX-lea în provinciile aflate
atunci în componenta Imperiului Austro-Ungar (Transilvania, Banat si Bucovina). Dupa Marea
Unire din 1918, legislatia corespunzatoare privind organizarea cadastrului funciar si introducerea
cartii funciare pe întreg teritoriul national a fost promulgata abia în anul 1933 si apoi modificata in
1938. Instalarea regimului comunist (1948-1989) a intrerupt procesul de aplicare a acestei legi,
preocuparile în materie limitându-se doar la evidenta funciara a terenurilor pe categorii de
folosinta si detinatori, dar fara efect juridic prin publicitate imobiliara în cartea funciara.
Pentru a raspunde noilor cerinte ale unei economii functionale de piata si a realiza treptat
alinierea la reglementarile juridice si practicile statornicite în celelalte tari ale Uniunii Europene s-a
instituit prin Legea cadastrului si publicitatii imobiliare nr.7 din anul 1996, Oficiul National de
Cadastru, Geodezie si Cartografie, in prezent, transformat in Agentia Nationala de Cadastru si
Publicitate Imobiliara, avand in subordine oficii în judete si Centrul National de Geodezie, Cartografie, Fotogrammetrie si Teledetectie.”

Il catasto tavolare si differenzia dal catasto ordinario italiano, oltre che per le origini storiche, per la modalità di conservazione e per il diverso rilievo giuridico delle sue risultanze, che hanno efficacia costitutiva, oltre che probatoria per i trasferimenti immobiliari.

Anche in alcune parti della Francia esiste il sistema del “livre foncier”
http://fr.wikipedia.org/wiki/Livre_foncier#Histoire_du_livre_foncier

« Chaque feuillet du livre foncier est constitué d'un titre et de trois sections : le titre indique l'identité du propriétaire du bien immobilier, la première section indique l'indication cadastrale du bien immobilier, la seconde fait mention des différentes charges qui grèvent le bien en question et enfin la troisième précise les hypothèques et privilèges éventuels qui grèvent l'immeuble. Une quatrième section devrait apparaître avec l'informatisation du livre foncier : elle contiendra tout autre élément qui ne saurait être inséré dans l'une des trois sections évoquées précédemment. »

Chiaramente si tratta dello stesso sistema romeno:

“Cartea funciara este alcatuita din titlu, indicand numarul ei si numele localitatii in care este situat imobilul, precum si din trei parti:

A. Partea I, referitoare la descrierea imobilelor, care va cuprinde:

a) numarul de ordine si cel cadastral al fiecarui imobil;
b) suprafata terenului, categoria de folosinta si, dupa caz, constructiile;
c) amplasamentul si vecinatatile;
d) valoarea impozabila.

B. Partea a II-a, referitoare la inscrierile privind dreptul de proprietate, care cuprinde:
a) numele proprietarului;
b) actul sau faptul juridic care constituie titlul dreptului de proprietate, precum si mentionarea inscrisului pe care se intemeieaza acest drept;
c) stramutarile proprietatii;
d) servitutile constituite in folosul imobilului;
e) faptele juridice, drepturile personale sau alte raporturi juridice, precum si actiunile privitoare la proprietate;
f) orice modificari, indreptari sau insemnari ce s-ar face in titlu, in partea I sau a II-a a cartii funciare, cu privire la inscrierile facute.

C. Partea a III-a, referitoare la inscrierile privind dezmembramintele dreptului de proprietate si sarcini, care va cuprinde:
a) dreptul de superficie, uzufruct, uz, folosinta, abitatie, servitutile in sarcina fondului aservit, ipoteca si privilegiile imobiliare, precum si locatiunea si cesiunea de venituri pe timp mai mare de 3 ani;
b) faptele juridice, drepturile personale sau alte raporturi juridice, precum si actiunile privitoare la drepturile reale inscrise in aceasta parte;
c) sechestrul, urmarirea imobilului sau a veniturilor sale;
d) orice modificari, indreptate sau insemnari ce s-ar face cu privire la inscrierile facute in aceasta parte. ”

Qui un altro link romeno molto utile:
http://www.pinzaru.ro/2008/structura-si-obiectul-cartilor-funciare/


DENOMINAZIONI IN ITALIANO

Il seguente documento: “Lineamenti generali del sistema tavolare, principali differenze con il sistema della trascrizione, e procedimento in affari tavolari” spiega le differenze tra i due sistemi catastali e fornisce anche il nome in uso in Italia per distinguere il “libro fondiario”, nel suo complesso, dalle singole partite (le “carti funciare” delle varie proprietà intavolate nel libro fondiario di una località).

http://www.tribunaletrieste.it/documenti/relazioni/per%20sito%202.htm

“Ancora, il regime della trascrizione [quello ordinario italiano], così si usa dire, è a base personale: cioè nei registri immobiliari viene eseguita una classificazione delle note e delle domande in partite intestate alle singole persone; _ il libro fondiario, invece, è ideato su una struttura a base reale ed ogni bene immobile ha una sua partita, chiamata appunto PARTITA TAVOLARE,_ nella quale sono riportati sia gli elementi individuativi (numero di particella catastale nuova, o altro identificativo in caso di mancata concordanza con le risultanze dell’Ufficio del territorio o ex Catasto), sia le sue dimensioni, i proprietari, e gli aggravi.

È questo il sistema del foglio reale grazie al quale le vicende giuridiche dell’immobile vengono fotografate in un solo documento. Il libro fondiario è composto dal libro maestro [composto dalle partite tavolari delle varie proprietà] e dalla collezione di tutti documenti costituenti i titoli per le iscrizioni tavolari che vengono ordinate dal giudice ed eseguite dal conservatore tavolare; esistono inoltre vari indici per agevolare le ricerche, tra i quali quello dei proprietari: tutto verrà rivoluzionato, si spera a breve, grazie ai progetti di automazione ed informatizzazione della tenuta del libro fondiario.

Quindi il registro su cui si basa l’intero sistema è il “libro fondiario” mentre le partite relative alle singole proprietà che sono iscritte (o intavolate) si chiamano “partite tavolari”. Una proprietà sarà dunque iscritta al libro fondiario nella partita tavolare n. X”


Direct link Reply with quote
 

Mirelluk  Identity Verified
United Kingdom
Local time: 11:35
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Grazie Oct 30, 2008

Ti ringrazio molto per aver condiviso la tua ricerca.
Mirella


Direct link Reply with quote
 

veronica drugas  Identity Verified
Italy
Local time: 12:35
Italian to Romanian
+ ...
Multumesc Nov 1, 2008

Multumesc, Elisa, grazie, non avevo visto la discussione su KudoZ, decisamente utili le tue informazioni per traduzioni nel campo catastale

Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Per traduttori RO-IT: sistema catastale romeno

Advanced search






BaccS – Business Accounting Software
Modern desktop project management for freelance translators

BaccS makes it easy for translators to manage their projects, schedule tasks, create invoices, and view highly customizable reports. User-friendly, ProZ.com integration, community-driven development – a few reasons BaccS is trusted by translators!

More info »
Wordfast Pro
Translation Memory Software for Any Platform

Exclusive discount for ProZ.com users! Save over 13% when purchasing Wordfast Pro through ProZ.com. Wordfast is the world's #1 provider of platform-independent Translation Memory software. Consistently ranked the most user-friendly and highest value

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search