Pages in topic:   [1 2] >
Cosa fare quando non ho la partita IVA di un cliente?
Thread poster: Tom in London

Tom in London
United Kingdom
Local time: 07:49
Member (2008)
Italian to English
Feb 27, 2009

Ho completato un lavoro per una agenzie in Italia (io sono in Inghilterra) ed è arrivato il momento della fatturazione.

L'agenzia ha una cattiva reputazione e infatti non mantiene le promesse; non mi ha mandato la sua partita IVA.

Ho soltanto l'indirizzo (trovato su Blue Board).

E' lecito emettera fattura senza la partita IVA dell'agenzia?

Grazie anticipatamente.


Direct link Reply with quote
 

María José Iglesias  Identity Verified
Italy
Local time: 08:49
Italian to Spanish
+ ...
I dati fiscali sono necessari Feb 27, 2009

No, per emettere una fattura penso sia indispensabile inserire i dati fiscali completi di entrambe le parti, fornitore e cliente.
Se l'agenzia non ti ha fornito la Partita IVA, insisti presso di loro, anche telefonicamente. È un loro obbligo fornirtela e un tuo diritto di fornitore averla.
La prossima volta ti consiglio di non prendere accordi con nessun cliente se prima non disponi di tutti i dati fiscali e di un accordo scritto. Purtroppo gli accordi verbali se li porta il vento e di gente disonesta ce n'è sempre.

María José

[Modificato alle 2009-02-27 20:30 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Tom in London
United Kingdom
Local time: 07:49
Member (2008)
Italian to English
TOPIC STARTER
Grazie Feb 27, 2009

María José Iglesias wrote:

No, per emettere una fattura è indispensabile inserire i dati fiscali completi di entrambe le parti, fornitore e cliente.
Se l'agenzia non ti ha fornito la Partita IVA, insisti presso di loro, anche telefonicamente. È un loro obbligo fornirtela e un tuo diritto di fornitore averla.
La prossima volta ti consiglio di non prendere accordi con nessun cliente se prima non disponi di tutti i dati fiscali e di un accordo scritto. Purtroppo gli accordi verbali se li porta il vento e di gente disonesta ce n'è sempre.

María José


Grazie Maria José - in futuro non accetterò un lavoro se non avrò già la P.I. del cliente!


Direct link Reply with quote
 

lanave  Identity Verified
Italy
Local time: 08:49
French to Italian
+ ...
Una curiosità Feb 27, 2009

Ma voi abitualmente chidete anche i dati bancari del cliente?

Direct link Reply with quote
 

Tom in London
United Kingdom
Local time: 07:49
Member (2008)
Italian to English
TOPIC STARTER
Io no Feb 27, 2009

lanave wrote:

Ma voi abitualmente chidete anche i dati bancari del cliente?



Io no - e non do nemmeno i miei, fino al momento di emettere la fattura. Non mi va di spargere i miei dati bancari ai 4 venti..... !


Direct link Reply with quote
 

María José Iglesias  Identity Verified
Italy
Local time: 08:49
Italian to Spanish
+ ...
I dati bancari del cliente e quelli nostri Feb 27, 2009

lanave wrote:
Ma voi abitualmente chidete anche i dati bancari del cliente?

Io non chiedo sistematicamente i dati bancari del cliente (a meno di non concordare pagamento a mezzo ricevuta bancaria), perché non tutti i miei clienti devono avere per forza un conto bancario. Alcuni lavori me li faccio pagare in anticipo, altri alla consegna brevi manu, altri ancora dietro fattura, in base alla modalità di cliente e di lavoro.
Fornisco però sempre i miei dati bancari, anche in fase di preventivo, quando il pagamento prevede il bonifico e non ritengo che comunicarli per farci pagare significhi in alcun modo "spargerli ai 4 venti".

María José

[Modificato alle 2009-02-27 20:32 GMT]


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 04:49
Member (2001)
English to Italian
+ ...
La partita IVA del cliente non è un elemento obbligatorio (in Italia) Feb 27, 2009

Tom in London wrote:
Ho soltanto l'indirizzo (trovato su Blue Board).

E' lecito emettera fattura senza la partita IVA dell'agenzia?


La legge IVA italiana prevede quanto segue:

Tratto dalla legge IVA - DPR 633/1972, art.21
alla pagina 30 di questo file http://www.fmb.unimore.it/on-line/Home/documento2612.html
La fattura deve essere datata e numerata in ordine progressivo e deve contenere le
seguenti indicazioni:

1) ditta, denominazione o ragione sociale, residenza o domicilio dei soggetti fra cui è
effettuata l'operazione, nonché ubicazione della stabile organizzazione per i non
residenti e, relativamente all'emittente, numero di partita IVA. Se non si tratta di
imprese, società o enti devono essere indicati, in luogo della ditta, denominazione o
ragione sociale, il nome e il cognome;

(il grassetto l'ho aggiunto io)


Ricordavo infatti, nella mia vita precedente, quando mi occupavo di software gestionale e programmi di fatturazione (1984-1993), una discussione con dei clienti, tanti anni fa, in cui scoprii che l'elemento essenziale era il numero di partita IVA di chi emette la fattura, ma non di chi la riceve, anche se per consuetudine si tende a chiedere sempre e indicare anche quello del cliente.
In verità, NON è un elemento obbligatorio.

Questo vale, naturalmente, per i soggetti IVA italiani. Dovresti controllare le norme inglesi per l'emissione delle tue fatture (anche se non hai un "VAT number"). Per ora, ragionando col buon senso e adottando come criterio iniziale la legge italiana, è probabile che la tua fattura sia valida anche se non indichi la partita IVA del cliente italiano.

Emetti la fattura e, se protestano o la respingono, cita loro la legge italiana, ma nel frattempo informati meglio sulle norme inglesi, per sicurezza.

ciao
Gianfranco


[Edited at 2009-02-27 12:34 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Stefano Incerti
Italy
Local time: 08:49
German to Italian
+ ...
Sito internet Feb 27, 2009

Tom in London wrote:

Ho completato un lavoro per una agenzie in Italia (io sono in Inghilterra) ed è arrivato il momento della fatturazione.

L'agenzia ha una cattiva reputazione e infatti non mantiene le promesse; non mi ha mandato la sua partita IVA.

Ho soltanto l'indirizzo (trovato su Blue Board).

E' lecito emettera fattura senza la partita IVA dell'agenzia?

Grazie anticipatamente.


Ciao,
hai provato a vedere sul loro internet magari sotto l'HP se l'hanno inserita.
Da DPR la devono inserire obbligatoriamente.
Ciao


Direct link Reply with quote
 
xxxr_cantillo  Identity Verified
Local time: 08:49
English to Italian
+ ...
partita IVA Feb 27, 2009

Salve, ho spesso pensato di inserire la partita IVA ma mi è sempre stato detto come confermato anche dai colleghi che hanno scritto messaggi al riguardo che non essendo un'agenzia (freelancer not company) ma in proprio, e lavorando saltuariamente (questa non è la mia occupazione primaria e accetto solo alcuni tipi di traduzioni) non mi conviene dati i costi della VAT (o partita IVA). Anzi secondo me se sei freelancer e hai la partita IVA imbrogli perchè è come se volessi pagare meno tasse dicendo di non essere una compagnia o un'agenzia. O no? Che in Italia non è obbigatorio non è del tutto vero. E' obbligatorio se sei un'agenzia o una compagnia, ma non se sei freelancer. Se perciò si tratta di un'agenzia vera e propria che non ha l'IVA allora chiederei direttamente al cliente, nell'interesse dell'agenzia stessa.

Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 04:49
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Chiarimento Feb 27, 2009

Raffaella Cantillo wrote:
Salve, ho spesso pensato di inserire la partita IVA ma mi è sempre stato detto come confermato anche dai colleghi che hanno scritto messaggi al riguardo che non essendo un'agenzia (freelancer not company) ma in proprio, e lavorando saltuariamente (questa non è la mia occupazione primaria e accetto solo alcuni tipi di traduzioni) non mi conviene dati i costi della VAT (o partita IVA).

No. Non è così.
In Italia occorre aprire una partita IVA al raggiungimento di determinate condizioni, stabilite in modo ben preciso. Per esempio, se si supera un certo fatturato annuo, e ci sono altri dettagli su cui ti conviene informarti con precisione.
Non è una questione di convenienza o di evitare alcuni costi.

Raffaella Cantillo wrote:
Anzi secondo me se sei freelancer e hai la partita IVA imbrogli perchè è come se volessi pagare meno tasse dicendo di non essere una compagnia o un'agenzia. O no?

Ancora no. Non è così manco per niente...
Non mi dilungo perché non saprei neppure da che parte cominciare...

Raffaella Cantillo wrote:
Che in Italia non è obbigatorio non è del tutto vero. E' obbligatorio se sei un'agenzia o una compagnia, ma non se sei freelancer.


Qui stiamo parlando di una agenzia, con tanto di partita IVA, che non comunica i propri dati o non risponde quando vengono richiesti, probabilmente solo per la disorganizzazione di una persona.

Quello che non è obbligatorio, secondo la citazione stralciata dal testo della legge IVA, non è il fatto di avere la partita IVA, per il fornitore o per il cliente (stai facendo un po' di confusione tra i due), ma il fatto che un fornitore debba esporre obbligatoriamente o meno la partita IVA del cliente (in questo caso esistente ma non comunicata) nella fattura emessa a tale cliente.

Raffaella Cantillo wrote:
Se perciò si tratta di un'agenzia vera e propria che non ha l'IVA allora chiederei direttamente al cliente, nell'interesse dell'agenzia stessa.

Tirare in ballo il cliente dell'agenzia, nientemeno?
Qualcuno direbbe: "E che ci azzecca?"


Gianfranco



[Edited at 2009-02-27 19:33 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Franco Rigoni  Identity Verified
Italy
Member (2006)
English to Italian
+ ...
chiedere a un altro traduttore Feb 28, 2009

Tom in London wrote:

Ho completato un lavoro per una agenzie in Italia (io sono in Inghilterra) ed è arrivato il momento della fatturazione.

L'agenzia ha una cattiva reputazione e infatti non mantiene le promesse; non mi ha mandato la sua partita IVA.

Ho soltanto l'indirizzo (trovato su Blue Board).

E' lecito emettera fattura senza la partita IVA dell'agenzia?

Grazie anticipatamente.


Se c'è qualche altro traduttore che ha scritto un commento sulla blueboard, perché non provi a contattarlo e chiedi a lui/lei la p.iva?


Direct link Reply with quote
 

Tom in London
United Kingdom
Local time: 07:49
Member (2008)
Italian to English
TOPIC STARTER
L'ho avuto Mar 1, 2009

Sono riuscito ad ottenere la P.I. che mancava.

Direct link Reply with quote
 

lanave  Identity Verified
Italy
Local time: 08:49
French to Italian
+ ...
I dati bancari nella mia esperienza May 12, 2009

María José Iglesias wrote:
Io non chiedo sistematicamente i dati bancari del cliente (a meno di non concordare pagamento a mezzo ricevuta bancaria), perché non tutti i miei clienti devono avere per forza un conto bancario. Alcuni lavori me li faccio pagare in anticipo, altri alla consegna brevi manu, altri ancora dietro fattura, in base alla modalità di cliente e di lavoro.
Fornisco però sempre i miei dati bancari, anche in fase di preventivo, quando il pagamento prevede il bonifico e non ritengo che comunicarli per farci pagare significhi in alcun modo "spargerli ai 4 venti".

María José


La richiesta dei dati bancari nella mia esperienza è un utile mezzo per ottenere il pagamento quando il cliente non si rende disponibile in altro modo.
Non posso entrare nei dettagli, ma è capitato che un cliente che non ha risposto a solleciti di pagamento, lettera dell'avvocato, ingiunzione di messa in mora e poi alle visite dell'ufficiale giudiziario per la comunicazione del pignoramento ha poi dovuto pagare perché -UDITE UDITE- la seconda comunicazione di pignoramento è stata consegnata alla banca.
Se così non fosse stato forse non avrei mai recuperato i soldi.


Direct link Reply with quote
 

María José Iglesias  Identity Verified
Italy
Local time: 08:49
Italian to Spanish
+ ...
Brava! May 13, 2009

Non avrei mai pensato! Buono a sapersi! Grazie, Anna.
MJ


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Cosa fare quando non ho la partita IVA di un cliente?

Advanced search






SDL MultiTerm 2017
Guarantee a unified, consistent and high-quality translation with terminology software by the industry leaders.

SDL MultiTerm 2017 allows translators to create one central location to store and manage multilingual terminology, and with SDL MultiTerm Extract 2017 you can automatically create term lists from your existing documentation to save time.

More info »
BaccS – Business Accounting Software
Modern desktop project management for freelance translators

BaccS makes it easy for translators to manage their projects, schedule tasks, create invoices, and view highly customizable reports. User-friendly, ProZ.com integration, community-driven development – a few reasons BaccS is trusted by translators!

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search