Pages in topic:   [1 2 3] >
master in screen translation
Thread poster: Adacerno
Adacerno
Local time: 22:37
Dec 24, 2009

qualcuno sa, per esperienza diretta o indiretta, se un master di questo tipo può dare buoni sbocchi professionali? insomma: sono soldi spesi bene?
grazie

[Modificato alle 2009-12-24 09:20 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Andrea Re  Identity Verified
United Kingdom
Local time: 21:37
English to Italian
+ ...
???? Dec 24, 2009

Ma cos'è????

Direct link Reply with quote
 

Chiara Foppa Pedretti  Identity Verified
Italy
Local time: 22:37
English to Italian
+ ...
Effettivamente Dec 24, 2009

Andrea Re wrote:

Ma cos'è????


Ho avuto la stessa reazione...


Direct link Reply with quote
 

Tom in London
United Kingdom
Local time: 21:37
Member (2008)
Italian to English
Boh! Dec 24, 2009

Mai sentito parlarne. Conclusione: sbocchi = 0.

Direct link Reply with quote
 
xxxMichele Mann  Identity Verified
Italy
Local time: 22:37
Chinese to Italian
+ ...
la vera domanda è: Dec 24, 2009

1. quale università effettua questo master?
2. chi sono gli insegnanti? quali qualifiche hanno?
3. è previsto un tirocinio? se sì, sono loro che ti inseriscono o devi cercare tu?
4. quante ore totali di lezione frontale?
5. master o executive master?


Direct link Reply with quote
 

Gianni Pastore  Identity Verified
Italy
Local time: 22:37
Member (2007)
English to Italian
Qui dice cos'è Dec 24, 2009

http://www.masterin.it/post-laurea/universita_bologna64-master-in-screen-translation.htm

Direct link Reply with quote
 
xxxIlary

Local time: 22:37
Secondo me... Dec 24, 2009

è un master serio. Il fatto che sia un'università a organizzarlo secondo me fa la differenza. Se non avessi passato il test d'ammissione per il corso di Laurea Magistrale in Traduzione specializzata sicuramente avrei fatto il Master in Screen Translation, perché m'interessa la localizzazione.

Direct link Reply with quote
 
Claudio Porcellana  Identity Verified
Italy
master in screen translation Dec 25, 2009

secondo me potrebbe esserci un errore, nel senso che doppiaggio e adattamento sono due cose del tutto diverse: l'adattamento prevede anche la traduzione (non sempre) mentre il doppiaggio richiede capacità di dizione (uso della voce) e non c'entra nulla con la traduzione

x quanto riguarda l'adattamento so che è pagato solitamente poco, e fra l'altro in Italia va per la maggiore il doppiaggio (almeno nei film)

la sottotitolazione mi dicono che è pagata generalmente poco e si guadagna discretamente solo se si è molto molto veloci a capire il parlato

il resto potrebbe essere interessante

certo è che una mia amica che si occupa di adattamento (e traduzione) ha studiato un anno solo per imparare ad adattare x cui mi pare strano che in un anno possano preparare a livello master in tutti quei campi così diversi ...mah ...

Claudio

spiegazione dal link
Traduttore specializzato ed esperto nei vari aspetti della traduzione e localizzazione delle opere audiovisive, con particolare attenzione ai percorsi del doppiaggio e del sottotitolaggio in ambito televisivo, cinematografico e aziendale, al web, a fumetti e videogiochi e alle nuove tecnologie

Teoria e mercato del doppiaggio. Linguaggio del cinema. Analisi del dialogo e delle tecniche di scrittura creativa. Linguaggio della televisione. Adattamento e tecnologia applicata. Traduzione per il teatro. Sottotitoli. Accessibilità. Analisi critica della traduzione e del doppiaggio. Traduzione, localizzazione e www. Traduzione della pubblicità. Traduzione dei fumett

[Modificato alle 2009-12-25 00:26 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Chiara Foppa Pedretti  Identity Verified
Italy
Local time: 22:37
English to Italian
+ ...
Sulla risposta di Claudio Dec 26, 2009

Claudio Porcellana wrote:

x quanto riguarda l'adattamento so che è pagato solitamente poco, e fra l'altro in Italia va per la maggiore il doppiaggio (almeno nei film)


In che senso, Claudio? L'adattamento, di solito, è finalizzato proprio al doppiaggio, nel senso che si adattano i dialoghi al labiale (spesso partendo da un testo tradotto da un traduttore: io sono specializzata in questo genere di traduzioni). Forse intendevi il voice-over? Qui si traduce adeguando semplicemente la lunghezza del testo d'arrivo con quella del testo di partenza, perché poi non ci sarà un'ulteriore adattamento, dato che le due voci (originale e doppiata) si sentiranno entrambe, come capita, ad esempio, in alcune interviste a persone straniere. Il voice-over, peraltro, è pagato piuttosto bene, visto che si tratta di consegnare un prodotto finito, che non verrà rielaborato da nessun altro.

Detto questo, sono d'accordissimo sul fatto che mi sembra che i contenuti siano davvero tanti, per un master di questa durata. Dà l'idea di voler dare un'infarinatura su tutto, piuttosto che approfondire veramente qualcosa. Per esempio, non è un caso che, come dicevo, il lavoro di adattamento venga, generalmente, suddiviso tra un traduttore che esegue una prima traduzione e un adattatore che lavora su questa prima bozza: quello dell'adattamento è un lavoro a parte, che richiede competenze molto specifiche, possedute, spesso, da chi non ha altrettante competenze linguistiche.

[Edited at 2009-12-26 10:41 GMT]


Direct link Reply with quote
 
Claudio Porcellana  Identity Verified
Italy
@ Chiara Dec 26, 2009

ooops!
hai ragione, volevo dire sottotitolaggio ...

x cui la frase giusta è:
l'adattamento è pagato poco (a volte all'adattatore viene chiesto di fare gratis la traduzione) e il sottotitolaggio è pagato poco e fra l'altro in Italia va per la maggiore il doppiaggio (almeno nei film)

Claudio

[Modificato alle 2009-12-26 12:48 GMT]


Direct link Reply with quote
 

eleonora allegrini  Identity Verified
United Kingdom
Local time: 21:37
Member (2009)
English to Italian
+ ...
Per Claudio e Chiara Dec 27, 2009

Claudio Porcellana wrote:

ooops!
hai ragione, volevo dire sottotitolaggio ...

x cui la frase giusta è:
l'adattamento è pagato poco (a volte all'adattatore viene chiesto di fare gratis la traduzione) e il sottotitolaggio è pagato poco e fra l'altro in Italia va per la maggiore il doppiaggio (almeno nei film)

Claudio

[Modificato alle 2009-12-26 12:48 GMT]



Ciao Claudio, scusami ma quoto la tua risposta per fare un pò di chiarezza in merito al termine "adattamento". Lavoro in questo campo come traduttrice e adattrice e volevo chiarire che è la traduzione ad essere, eventualmente, sottopagata, non l'adattamento, anzi, è proprio quest'ultimo che fa alzare le tariffe. A tal proposito volevo precisare che per adattamento non si intende la traduzione dello script, ma la verifica che la traduzione dei dialoghi rientri nei tempi, nella lunghezza delle battute e, eventualmente, verificare il sincronismo labiale. Infatti, quando si lavora sui documentari, ad esempio, si effettua l'adattamento in voice over o in simil sync, dove il labiale viene un pò trascurato. Chiaramente per film e telefilm il discorso cambia. Perdonami per questa precisazione, ma credo sia importante far capire come funziona il lavoro nel campo della traduzione audiovisiva: la prima fase è visione del filmato e la presa dei timecode (i tempi di inizio delle battute), poi si passa alla traduzione dello script e, infine, all'adattamento, cioè la verifica che le battute tradotte corrispondano per lunghezza, labiale ecc a quelle in lingua oroginale. A questo punto il lavoro è finito e va direttamente in sala doppiaggio, dove i doppiatori procedono a fare il loro lavoro.

Purtroppo, spesso la traduzione e l'adattamento vengono effettuate da persone diverse e, vi assicuro, che non è una cosa positiva, perché facendo la traduzione si entra nel copione e anche in fase di adattamento si evitano errori e misunderstanding davvero stupidi. Fortunatamente, negli ultimi tempi qualcosa si sta muovendo e si tende a far fare tutto il lavoro ad un'unica persona, che funge sia da traduttore che da adattatore, consentendo anche guadagni molto più elevati al traduttore. Chiara, ti assicuro che è molto più semplice insegnare l'arte dell'adattamento a un traduttore che la traduzione ad un adattatore che, spesso, conosce poco o per niente, la lingua di partenza del video.

Riguardo al master non lo conosco, ma orientativamente tutti i master che si occupano di traduzione, adattamento e sottotiloggio durano comunque un anno e si occupano, più o meno, degli stessi argomenti, poi non so quanto possano andare in profondità. Personalmente, sono entrata in questo settore senza fare un master, mi ci sono ritrovata grazie alla collaborazione ad un progetto sperimentale, uno stage escluivamente pratico, dopo molta fatica, perché c'è comunque molta competizione. Comunque sia, Chiara posso solo dirti che questo lavoro necessita di molta, molta pratica su copioni veri e propri, partendo dai documentari in voice over fino ad arrivare ai film in sync, quindi informati se questo master ti permette di fare molto lavoro pratico e, magari, se prevede davvero uno stage pratico alla fine, perché è solo lavorando sul serio che capirai le vere difficoltà di questo lavoro, imparerai a sbagliare e a non fare più quegli errori e, soprattuto, imparerai i trucchi del mestiere, utilissimi per sopravvivere. Io ho avuto e ho la fortunadi collaborare con una persona molto in gamba che mi ha insegnato tantissimo e, tutt'ora, mi insegna molti trucchi e cose utili, perciò se ti piace questo settore della traduzione, ti consiglio di impegnarti molto, di lavoro ce n'è abbastanza, credimi ed è ben retribuito. E poi, almeno per me, è il campo traduttivo più bello e interessante che esista!!!

Spero di esserti stata utile, per qualunque altra info, non esitare a chiedere.


Direct link Reply with quote
 

Chiara Foppa Pedretti  Identity Verified
Italy
Local time: 22:37
English to Italian
+ ...
Una precisazione Dec 27, 2009

Ciao rosadeiventi,

non sono io quella che chiedeva informazioni sul master, però! Come ho scritto, già lavoro in questo settore: sono specializzata in traduzione di copioni e traduzioni per i voice-over. So che l'ideale sarebbe che una sola persona svolgesse tutte le sequenze della lavorazione, ma non ho mai studiato le tecniche dell'adattamento e, per ora, mi piace quello che faccio. Nonostante questo, devo concordare con te sul fatto che le tariffe per la "semplice" traduzione dei copioni non siano altissime; c'è anche da dire che in questo campo il traduttore diventa ancora più invisibile che in altri, dato che non gli viene riconosciuto alcun merito (ad esempio: perché l'adattatore è nei titoli di coda, ma il traduttore no?!).


Direct link Reply with quote
 

jane mg  Identity Verified
Italy
Local time: 22:37
Italian to English
+ ...
un'altra precisazione Dec 27, 2009

ciao Chiara,
guarda, non e' vero che tutti pagano male il lavoro del povero traduttore. io e mio compagno traduciamo copioni di film e prendiamo un terzo circa della tariffa del dialoghista/adattatore/direttore del doppiaggio. perche'? perche' e' una persona correttissima, che si vergognerebbe come un ladro a pagare due lira per qualcosa di cosi' fondamentale alla riuscita di tutta l'operazione. pero' si', per quello che so e' quasi una mosca bianca, per cui volevo dire a Adacerno (che e' sparito/a!), oltre la tigna ci vuole anche fortuna, come in tutte le cose.
un terzo mi sembra giusto, perche' l'adattamento e' tosto, mi hanno sempre detto che ci vuole un'ora di lavoro per un minuto di dialogo.
comunque, sono d'accordissima con te che dovremo figurare anche noi nei titoli di coda: one day. ma per arrivarci non bisogna pensare che le nostre traduzioni siano 'bozze'! l'adattatore non e' un revisore, i suoi parametri sono altri e i tempi sempre piu' stretti dell'industria non lo consentirebbe nemmeno.

a proposito di corsi, le domande di Michele mi sembrano fondamentali: in particolare, chi sono gli insegnanti. ma anche di quali attrezzature dispongono. e per imparare qualcosa di concreto il tirocinio e' importantissimo ma puo' anche essere molto problematico, come in qualsiasi campo: impararai qualcosa? stai per mettere il piede sul gradino di una scala o sarai una specie di soprammobile ambulante senza collocazione precisa? con i tempi che corrono mi sembra difficile che chi si presta ad accogliere tirocinianti lo faccia pensando di offrire future collaborazioni.

scusami, Adacerno, se stai leggendo questo. non voglio fare the horrible wet blanket. se tu sei nella posizione di dover decidere dove fare un Master in base alla formula 3+2, anche un'infarinatura potrebbe essere utile se il corso e' serio. ma se il corso non viene offerto sotto casa, a proposito dei costi, forse potresti scrivere ai soci AIDAC o andare ai grandi studi di doppiaggio con un spotting script gia' tradotto a mo' di portfolio e cercare di spuntare un tirocinio tuo al di fuori dell'accademia.
Buona fortuna!


Direct link Reply with quote
 

eleonora allegrini  Identity Verified
United Kingdom
Local time: 21:37
Member (2009)
English to Italian
+ ...
Sorry Dec 27, 2009

Chiara Foppa Pedretti wrote:

Ciao rosadeiventi,

non sono io quella che chiedeva informazioni sul master, però! Come ho scritto, già lavoro in questo settore: sono specializzata in traduzione di copioni e traduzioni per i voice-over. So che l'ideale sarebbe che una sola persona svolgesse tutte le sequenze della lavorazione, ma non ho mai studiato le tecniche dell'adattamento e, per ora, mi piace quello che faccio. Nonostante questo, devo concordare con te sul fatto che le tariffe per la "semplice" traduzione dei copioni non siano altissime; c'è anche da dire che in questo campo il traduttore diventa ancora più invisibile che in altri, dato che non gli viene riconosciuto alcun merito (ad esempio: perché l'adattatore è nei titoli di coda, ma il traduttore no?!).


Ciao Chiara, perdonami per l'equivoco, ma sono vittima del virus influenzale e devo aver fatto confusione. Cmq, non volevo dire che la traduzione da sola non sia un bel lavoro, anzi, forse in questo lavoro è la parte più bella! Riguardo ad Adacerno, concordo con Jane, che potrebbe anche cercare uno stage per conto proprio, a è difficile riuscire ad entrare in questo settore senza una buona dose di fortuna, oltre che tigna e impegno. Forse il consiglio che posso dare è di frequentare un master in una città che offra poi diversi sbocchi professionali in questo ambito, come Roma o Milano. O, al limite, se sceglie per i8l master di Forlì, che immagino sia buono vista la sede, cercare subito di individuare tra gli insegnanti quelli che hanno contatti reali nel mondo del lavoro. Te lo dico, perché è quello che è capitato a me, ho seguito un master, ma non in screen translation, e ho avuto la fortuna di avere un'ottima insegnante, traduttrice e interprete, che insegna proprio per cercare "nuovi talenti"...e per fortuna, in me l'ha visto e mi ha offerto lo stage e la possibilità di imparare l'arte dell'adattamento. Ma, ho faticato anni prima di avere questa possibilità, quindi conta anche la fortuna e incontrare le persone giuste al momento giusto.


Direct link Reply with quote
 
Adacerno
Local time: 22:37
TOPIC STARTER
eccomi Dec 28, 2009

Non sono affatto sparita, anzi: leggo con molto interesse tutte le vostre osservazioni e soprattutto i vostri consigli. E per questo vi ringrazio. Quello che all'inizio cercavo, in realtà, era un parere da parte di chi aveva già frequentato quel master. Quello che ho trovato, comunque, è stato molto utile: per entrare in questo mondo, ci vuole un mix di competenze, passione, tigna, conoscenze e fortuna. A parte le ultime due, ce le ho tutte! Sono ancora un po' indecisa sul master... ma se deciderò di frequentarlo, nei prossimi mesi comunicherò come funziona, se vi interessa!

Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2 3] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

master in screen translation

Advanced search






Protemos translation business management system
Create your account in minutes, and start working! 3-month trial for agencies, and free for freelancers!

The system lets you keep client/vendor database, with contacts and rates, manage projects and assign jobs to vendors, issue invoices, track payments, store and manage project files, generate business reports on turnover profit per client/manager etc.

More info »
BaccS – Business Accounting Software
Modern desktop project management for freelance translators

BaccS makes it easy for translators to manage their projects, schedule tasks, create invoices, and view highly customizable reports. User-friendly, ProZ.com integration, community-driven development – a few reasons BaccS is trusted by translators!

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search