Pages in topic:   [1 2 3 4] >
L'amore, la passione, i soldi e la traduzione
Thread poster: Giuseppina Gatta, MA (Hons)

Giuseppina Gatta, MA (Hons)
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Jan 16, 2010

Scusate l'ironia ma non ne posso più: continuo a leggere ovunque slogan del tipo: "Translation is my passion", "Amo le lingue con tutta me stessa", "Traduction Mon Amour", "El mi corazòn es todo por la traduccion" (mi scuso per lo spagnolo e francese maccheronico, non parlo né uno e né l'altro, ci ho provato) ecc., il tutto in concomitanza sempre più frequente con offerte di lavoro a tariffe che non so più se definire ridicole o vergognose. Questa settimana ho rifiutato offerte vertiginose del tipo 14 dollari per 150 parole di traduzione, 20 dollari per 1500 parole di proofreading, e via delirando.

Ma voi lavorate per amore o per soldi? Io non mi vergogno di dire che lavoro per soldi, e sinceramente sono stufa di vedere queste frasi, a mio parere assolutamente poco professionali e completamente fuori luogo, a destra e a manca sui profili di Proz. Non si potrebbe avere un po' meno amore per questo e quello e un po' più di senso degli affari? Se poi davvero lavorate per amore, a questo punto fate come Bocca di Rosa, fatelo gratis!
(citazione un po' rimaneggiata, spero che De Andrè mi perdonerà):

La chiamavano bocca di rosa
metteva l'amore metteva l'amore
la chiamavano bocca di rosa
metteva l'amore sopra ogni cosa.
Appena uscita dalla scuola
di traduzione e interpretariato
tutti si accorsero in un'ora sola
che faceva missionariato.
C'è chi traduce e lo fa per noia
chi se lo sceglie per professione
bocca di rosa né l'uno né l'altro
lei lo faceva per passione.
Ma la passione spesso conduce
ad accettare tariffe basse
senza indagare se poi si riesce
a sopravvivere e pagar le tasse.

Potrei continuare a massacrare la canzone, ma sono sicura di essermi spiegata a sufficienza


[Modificato alle 2010-01-16 01:41 GMT]

[Modificato alle 2010-01-16 01:46 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Simona R
Germany
Local time: 13:46
German to Italian
+ ...
Con Giuseppina Jan 16, 2010



Ma voi lavorate per amore o per soldi?


Io lavoro per i soldi, anche se lo faccio con molta, moltissima passione (non dico "amore" perché è una parola grossa) e grande interesse. E se alla fine delle molte ore di lavoro quotidiano non vi fosse la prospettiva del vile danaro credo che non accenderei neppure il computer.

Grazie a Giuseppina per aver espresso alla perfezione lo sconcerto che da sempre provo dinnanzi alle tante dichiarazioni d'amore per il "meraviglioso mondo della traduzione" (anche quest'ultima espressione è - almeno mi pare - piuttosto gettonata).

Un saluto,
Simona

[Bearbeitet am 2010-01-16 05:35 GMT]

[Bearbeitet am 2010-01-16 05:41 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Elena Pavan  Identity Verified
Local time: 13:46
Member (2005)
French to Italian
+ ...
Fantastico! Jan 16, 2010

Ciao Giuseppina!
Fantastico il tuo post!
Non credo che il supermercato sotto casa sia disposto ad accettare l'amore come mezzo di pagamento. Oggi provo a passare le casse con il carrello pieno e tanto amore, ma mi sa che ritrovo in tete-à-tete con la guardia di sicurezza, e lì il discorso cambia!!!!
Buona giornata
Elena


Direct link Reply with quote
 

Katarzyna Balinska  Identity Verified
Poland
Local time: 13:46
Member (2010)
Italian to Polish
+ ...
Un sorriso al mattino Jan 16, 2010

Ciao Giuseppina!
Mi hai fatto nascere un sorriso sulle labbra in questo mattino freddo.
E' vero bisogna mettere la passione in quello che si fa..ma i prezzi che vengono proposti in giro ultimamente fanno venire i brividi e il sorriso sparisce immediatamente!
Buon lavoro
Con tanto "amore"
Katia


Direct link Reply with quote
 

Mirelluk  Identity Verified
United Kingdom
Local time: 12:46
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Sotto sotto sei un'artista! Jan 16, 2010

Cara Giusy, non conoscevo questa tua vena artistica: complimentoni.

Io sono sbalordita al vedere che cosi tanti lavori sottopagati offerti su Proz vengano accettati. Evidentemente mi sfugge qualcosa. Negli ultimi 25 anni ho assistito ad un incremento esorbitante del numero di traduttori liberi professionisti e di agenzie che, evidentemente, si stanno facendo una concorrenza all'ultimo cent per strapparsi il lavoro a vicenda.
Inoltre ho constatato che non esiste una correlazione tra prezzo e qualità, tra anzianità di servizio e competenza. Mi è capitato di conoscere dei traduttori relativamente giovani, molto capaci, modesti e desiderosi di imparare, mentre alcuni “baroni” della professione hanno mostrato dei comportamenti inaccettabili: dallo scordarsi di aver accettato un incarico, alla traduzione errata di termini nemmeno tanto specialistici (valga come es.: costume da bagno sgambato = legless swimming costume), all’ignorare che nel proprio CV non si citano i nomi dei clienti dell’agenzia (nemmeno quando glielo si fa notare con garbo), e via discorrendo.

Quindi da una parte si assiste ad un crollo dei compensi, comprensibile per i mercati emergenti o in difficoltà economica, o per semplice inesperienza di chi si propone. Mentre dall’altro un enorme numero di traduttori aumenta annualmente le tariffe del 5%-10% senza tuttavia offrire un servizio migliore e del tutto soddisfacente. Vedasi i numerosi commenti sui forum circa le revisioni di traduzioni scadenti.

Mi piace lavorare con professionisti seri, competenti e certamente appassionati perché sono tesi al miglioramento. Cara Giusy, non possiamo lasciar del tutto da parte la passione per questo mestiere, il culto per la parola giusta, il perfezionismo, le ore passate a fare ricerche, la schiena piegata e la vista in declino (e i chili di troppo, ma questa è un’altra storia). Si spiega solo con un grande coinvolgimento intellettuale, con l’attrazione verso le altre culture, con la sete di conoscenza, con la sfida di imparare sempre qualcosa di nuovo.

Quindi vorrei che imprenditori LSP (come si dice oggi) e liberi professionisti imparassero a fare bene i conti e a chiedere prezzi e compensi adeguati alle prestazioni, al mercato di riferimento, ai costi di produzione e sviluppo, al costo della vita e alla creazione di valore per se e per gli altri, senza tuttavia inaridirsi guardando solo al denaro, altrimenti con il tempo ci si sente sempre più alienati, disillusi, sfruttati e si implode. Cerchiamo di lavorare sempre al meglio delle nostre capacità e facciamolo con passione, dedizione ed entusiasmo. Io ce la metto tutta e non vorrei perdere la passione. Altrimenti meglio cambiare mestiere.

Buon fine settimana a tutti (io lo passo lavorando...)

Mirella


Direct link Reply with quote
 

Vania Dionisi  Identity Verified
Italy
Local time: 13:46
French to Italian
+ ...
Soldi, soldi, soldi, vile, vilissimo denaro Jan 16, 2010

Mai e poi mai mi passerebbe per la testa di lavorare per altra ragione. Poi uno può fare un lavoro che gli fa schifo o gli piace, ma questo è un altro paio di maniche.
Presumo che chi lavora per "amore" a tariffe indegne evidentemente ha marito/moglie/mamma/babbo/ziodamerica che gli paga le bollette, il mutuo e quant'altro.
C'è anche da dire che ultimamente "l'amore" viene tirato in ballo da più parti, non solo nel nostro lavoro.
Sarà diventato di moda?


Direct link Reply with quote
 

Angie Garbarino  Identity Verified
Local time: 13:46
Member (2003)
French to Italian
+ ...
Hey Giusi... Jan 16, 2010

Ma che bella reinterpretazione... Grazie per questa chicca:)

Comunque la passione c'è ma ovviamente non mi sogno di lavorare gratis o quasi, c'è differenza tra fare un lavoro che piace e lavorare gratis...

Senti ma... perché non continui a parafrasare bocca di rosa, l'hai fatto così bene il primo pezzo

Ciao e buon week end

Angio


Direct link Reply with quote
 
Silvia Ga
Switzerland
Local time: 13:46
German to Italian
+ ...
Brava Giuseppina! Jan 16, 2010

Mi ritengo fortunata perché sono riuscita a fare di una passione la mia professione.
La soddisfazione più grande è proprio riuscire a guadagnare e mantenermi facendo la traduttrice.
Se traducessi gratis e poi dovessi chiedere ai miei genitori i soldi per l'affitto credo che la soddisfazione, la passione e tutti gli altri sentimenti nobili che mi animano quando svolgo la mia professione retribuita sparirebbero nello spazio di un mattino


Direct link Reply with quote
 
Silvia Barra  Identity Verified
Italy
Local time: 13:46
English to Italian
+ ...
Nessun lavoro è per amore Jan 16, 2010

Ciao Giusy, e intanto complimenti per la parafrasi bellissima. Pensa che mi sono messa pure a cantarla
Secondo me nessuno lavora per amore, a meno che sia un missionario. Un lavoro ti può piacere o non piacere ma alla fine si lavora per i soldi e basta. Pensa che ho detto questa mia idea al terribile capo del personale dell'azienda in cui ho lavorato (ebbene sì poi mi ha assunta) durante il colloquio di assunzione. Mi ha chiesto perché volevo lavorare e io gli ho risposto per necessità, che se avessi avuto tanti soldi avrei fatto altro, magari faticando il doppio, ma è diverso. Alla fije deve aver pensato che avevo ragione visto che mi ha scelta, anche se mi ha chiesto perché avrebbe dovuto dare un lavoro a me, che se avessi potuto non avrei lavorato.
Ho fatto vari lavori, per lo più sottopagati, ma non gratuiti. Qualcuno mi ha appassionato di più, altri meno. Il tradurre mi appassiona, è vero, mi piace. Ma lo faccio per soldi, per mantenere la mia famiglia.
Altrimenti mi metterei magari a tradurre il romanzo del mio autore preferito, invece di brevetti e manuali tecnici. E forse non passerei mezze nottate né mi alzerei alle 5 di mattina se traducessi solo per amore. O almeno non mi peserebbe tanto.
Alla fine, bello o non bello, il lavoro è lavoro. L'amore è un'altra cosa.

Buon weekend a tutti
Silvia


Direct link Reply with quote
 

gianfranco  Identity Verified
Brazil
Local time: 09:46
Member (2001)
English to Italian
+ ...
Lavoro atipico Jan 16, 2010

Anch'io sottoscrivo il concetto espresso in modo tanto divertente da Giusi, e devo ammettere che sono sempre rimasto sorpreso dal vedere tutti questi svenevoli commenti sull'amore e la passione incontrollabile per... le lingue.

Riflettendo sull'argomento, penso che dipenda dal fatto che tradurre è un lavoro fortemente 'atipico'. Un po' arte e un po' business, a metà strada tra un'attività intellettuale, o culturale, e l'aspetto commerciale. Abbastanza immateriale nel suo svolgimento, essendo basato su un'attività che esternamente somiglia tanto al dattiloscrivere, viene confuso anche con un'hobby, più o meno sofisticato.

Se a questo aggiungiamo che le università, a quanto pare, non danno grandi elementi di orientamento alla professione di traduttore inteso come professionista o lavoratore autonomo, e come operatore inserito in un mercato, ne risulta quello che lamentiamo.

Un gran numero di colleghi traduttori, o aspiranti traduttori, ha idee 'romantiche' su un lavoro che potrebbe essere salomonicamente definito come basato per il 50% su cultura+conoscenze linguistiche+arte dello scrivere, ma anche basato per almeno il 50% su business+lavoro+impresa.
Molti vedono questa attività basata per il 99% su amore+passione solo per l'1% come un business. E buonanotte alle tariffe.
Non ci sarebbe da preoccuparsi se riguardasse solo le tariffe di queste persone, o se fossero una minoranza, ma purtroppo, proprio perché sono in grande numero (probabilmente in maggioranza) tendono a deprimere le tariffe dei colleghi che hanno ancora, o hanno sempre avuto, i piedi per terra.

ciao
Gianfranco


Direct link Reply with quote
 

Angie Garbarino  Identity Verified
Local time: 13:46
Member (2003)
French to Italian
+ ...
Dimenticavo... Jan 16, 2010

Lavoro per i soldi, e fossi miliardaria non lavorerei, salterei sul primo aereo in prima classe e farei il giro del mondo continuato, fermandomi in ogni posto qualche mese, usando così la mia passione/predisposizione per le lingue.

Ciao!


Direct link Reply with quote
 

Manuela Dal Castello  Identity Verified
Italy
Local time: 13:46
English to Italian
+ ...
Lavori e lavori Jan 16, 2010

Da noi si dice che "ogni pane ha la sua crosta" (in dialetto rende l'idea maggiormente ma magari non si capisce).
E' facile che, visto superficialmente, il lavoro del traduttore sembri il non plus ultra, come tanti altri - visti da fuori solo però. Pensiamo a quanto è idealizzato tra le ragazzine il lavoro dell'hostess!
Tanti anni fa ho fatto un concorso per lavorare in banca, ho passato gli scritti e sono andata agli orali. Ci hanno chiesto di presentarci e anche il motivo per cui avremmo voluto svolgere "quel" lavoro, precisando di evitare risposte tipo "perché avrei sempre desiderato lavorare in banca" o "perché è il mio sogno".
Per il mondo della traduzione è più o meno la stessa cosa, non ci si rende conto che si tratta di una "professione". E tanti equivoci derivano da questo.

Manuela


Direct link Reply with quote
 

Eric Dos Santos
Italy
Local time: 13:46
Italian to Portuguese
+ ...
sono d'accordo fino a un certo punto... Jan 16, 2010

ciao,
sì son d'accordo fino a un certo punto. Infatti, Giuseppina, molti affermano che "amano, adorano, el corazon, mon amour ecc". è ridiculo, a dir poco...
però ci vuole un po' di passione, mi spiego meglio:
molti di noi sono laureati in lingue/linguistica, e quindi avrebbero potuto (e possono ancora) scegliere un'altra strada...forse avrebbero potuto fare dei lavori diversi, e guadagnare anche diversamente! Per quanto riguarda il lavoro di traduttore, io lo faccio per i soldi (non full-time), ma io insegno anche e quello faccio perché mi piace, certo c'è anche il discorso dei soldi, sono molto importanti, ma non il principale. Ho avuto diverse opportunità di cambiar lavoro, con stipendi molto più interessanti (sapete che gli insegnanti non sono molto valorizzati in Italia), ma ho rifiutato perché voglio insegnare. Credo che molti qui, con un CV impressionante potrebbero fare altri lavori, ma preferiscono tradurre, questo non vuol dire che i soldi non contano, ma è tutto un insieme di fattori. Certo, parlar d'amore, "tutt'anima" ecc è fuori dalla realtà ma credo che ci voglia anche un po' di passione...


Direct link Reply with quote
 

sabina moscatelli  Identity Verified
Italy
Local time: 13:46
Member (2004)
German to Italian
+ ...
Solo per i soldi Jan 16, 2010

tutti sanno che se avessi un marito ricco o qualcuno che mi mantenesse, non lavorerei.

Direct link Reply with quote
 

Susanna Martoni  Identity Verified
Italy
Local time: 13:46
Member (2009)
Spanish to Italian
+ ...
Ma che bello... Jan 16, 2010

Grazie Giuseppina per questo ottimo spunto da condividere.

Eh gia':

dinero, moneda
Geld
soldoni
baioc (romagnolo)
money!

D'accordo, non c'e' dubbio: tradurre e' molto bello. C'e' pure la passione, ci mancherebbe.

Non e' bello cio' che e' bello
(e la seconda parte della frase e' di mio marito) ma che bello che bello che bello.

Pero', insomma, s'ha da fa'.

Susanna


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2 3 4] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

L'amore, la passione, i soldi e la traduzione

Advanced search






SDL MultiTerm 2017
Guarantee a unified, consistent and high-quality translation with terminology software by the industry leaders.

SDL MultiTerm 2017 allows translators to create one central location to store and manage multilingual terminology, and with SDL MultiTerm Extract 2017 you can automatically create term lists from your existing documentation to save time.

More info »
Anycount & Translation Office 3000
Translation Office 3000

Translation Office 3000 is an advanced accounting tool for freelance translators and small agencies. TO3000 easily and seamlessly integrates with the business life of professional freelance translators.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search