Pages in topic:   [1 2] >
Studi di settore 2007: diamo i numeri!
Thread poster: Mirella Soffio

Mirella Soffio  Identity Verified
Italy
Local time: 15:14
Member (2002)
English to Italian
+ ...
Jan 26, 2010

Da qualche giorno, sul sito del Dipartimento delle Finanze, è disponibile in formato Excel una tabella riepilogativa dei dati emersi dall'analisi degli Studi di settore per l'anno 2007.

Il link è questo:

http://tinyurl.com/yfumyza

Andate in fondo alla pagina (sezione Elenco dettagliato degli studi) e selezionate 2007 per scaricare il relativo documento.

I dati che ci riguardano si trovano nella scheda PF (persone fisiche), alla riga 71 (categoria TG53U Organizzazione di convegni, traduzioni ed interpretariato).

Dateci un'occhiata, ne vale la pena. Ed è certo molto più utile che parlare di tariffe in astratto.

Mirella


Direct link Reply with quote
 

Mariella Bonelli  Identity Verified
Local time: 15:14
Member (2004)
English to Italian
+ ...
Chiarimento Jan 26, 2010

Grazie per la segnalazione.
Non mi è molto chiara la differenza tra "Ricavi o Compensi medi dichiarati" e "Reddito medio d'impresa o di lavoro autonomo". Hai un'idea?


Direct link Reply with quote
 

Giles Watson  Identity Verified
Italy
Local time: 15:14
Italian to English
Occhio e croce... Jan 26, 2010

reddito = ricavi - costi.

Giles


Direct link Reply with quote
 

Cristina intern  Identity Verified
Austria
Local time: 15:14
Member (2008)
German to Italian
+ ...
Equazione economica Jan 26, 2010

Equazione economica:

Ricavi - costi variabili - costi fissi = reddito operativo


http://www.economia.unict.it/web/MatDid_vecchio/Anno2008-2009/fgarraffo/Materiale_Didattico/ea_tecn_ind_comm_b/10a.%20Esercitazione%20break%20even%20point.pdf


Direct link Reply with quote
 

Mariella Bonelli  Identity Verified
Local time: 15:14
Member (2004)
English to Italian
+ ...
Scusa l'ignoranza Jan 26, 2010



Grazie Cristina per il link e per il grassetto, e scusa per l'ignoranza.

Cerco sempre la sintesi, ma mi interessava capire:

1) se c'era da qualche parte un asterisco con la spiegazione dettagliata delle voci

2) se con "reddito" (da solo) potevano intendere "reddito imponibile". Dalle vostre risposte mi pare di capire che voi l'abbiate inteso così.

3) "reddito operativo" e "reddito imponibile" non mi risultano essere la stessa cosa, per cui la risposta non mi era sembrata così ovvia.
http://it.mimi.hu/economia/reddito.html


Direct link Reply with quote
 
Claudio Porcellana  Identity Verified
Italy
Studi di settore 2007: diamo i numeri! Jan 26, 2010

l'ho letto ma Excel al solito mi scassina la vista ...

comunque quali sono le tue considerazioni al riguardo Mirella?

Claudio


Direct link Reply with quote
 

Mirella Soffio  Identity Verified
Italy
Local time: 15:14
Member (2002)
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Le mie considerazioni Jan 26, 2010

Premetto che io mi sono soffermata sulla scheda delle Persone Fisiche, che esclude enti e società.

Il ricavo medio (considerando sia chi supera i 30k euro che chi non li raggiunge) è di 34.500 euro, risultante in un reddito medio di 19.800 euro.

Un dato che mi sembra degno di nota è che la forbice tra chi dichiara oltre 30.000 euro e chi ne dichiara meno di 30.000 risulta molto ampia. In pratica, chi supera i 30k euro (mi limito ai congrui) dichiara in media la bellezza di 72.300 euro, a fronte degli appena 15.800 di chi dichiara meno di 30k euro. Questo mi porta a pensare che i 2/3 dei contribuenti appartenenti a questo settore faccia questo lavoro a integrazione di altro, e fin qui nulla di strano; mi sorprende molto invece che un 1/3 dichiari mediamente 72.300 euro, che è una cifra di tutto rispetto, e mi chiedo se in qualche modo questi colleghi non agiscano anche da intermediari (pur restando persona fisica ai fini fiscali).

Ragionando solo in termini di tariffe, per raggiungere i 70k euro l'anno bisognerebbe tradurre 2000 parole al giorno per 300 giorni l'anno a €0,12/parola. Un terzo ci riesce, e sarebbe interessante - nonché utile - capire come.

Da notare che dagli studi di settore sono esclusi i contribuenti che aderiscono al regime fiscale sostitutivo o che determinano il reddito con criteri forfetari, e che nella categoria rientrano anche gli interpreti.

Mirella


Direct link Reply with quote
 

dropinka  Identity Verified
Italy
English to Italian
+ ...
e anche organizzatori di convegni Jan 26, 2010

Mirella Soffio wrote:
e che nella categoria rientrano anche gli interpreti.


Nella categoria rientrano anche gli organizzatori di convegni.

Claudia


Direct link Reply with quote
 

dropinka  Identity Verified
Italy
English to Italian
+ ...
divario tra ricavo e reddito Jan 26, 2010

Ciao Mirella,

aggiungo una considerazione che spero non sia insensata...

Comprendo bene che si tratta di valori medi, ma mi ha stupito molto lo stacco tra ricavo e reddito per chi supera i 30.000 (72.300 euro vs 39.400 euro). Per ricavi inferiori a 30.000 euro, la situazione è ben diversa (15.800 euro vs 11.800 euro).

A me verrebbe da pensare che, tra chi supera i 30.000, ci siano molti interpreti (che in genere hanno parecchie spese di viaggio da sostenere) e molti organizzatori di convegni (anch'essi con costi elevati da affrontare).
Faccio fatica a credere che chi vive di sola traduzione e fattura 70.000 euro riesca ad avere spese pari a quasi la metà del fatturato.

Claudia



[Edited at 2010-01-26 16:30 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Leanida
Italy
Local time: 15:14
Italian to Russian
+ ...
Subappalto? Jan 26, 2010

Claudia Benetello wrote:

Faccio fatica a credere che chi vive di sola traduzione e fattura 70.000 euro riesca ad avere spese pari a quasi la metà del fatturato.



[Edited at 2010-01-26 16:22 GMT]


Non potrebbe essere questa la spiegazione?


Direct link Reply with quote
 

dropinka  Identity Verified
Italy
English to Italian
+ ...
anche Jan 26, 2010

Leanida wrote:
Non potrebbe essere questa la spiegazione?


Certo, anche questa.

Claudia


Direct link Reply with quote
 

Mariella Bonelli  Identity Verified
Local time: 15:14
Member (2004)
English to Italian
+ ...
Qualche ipotesi Jan 26, 2010

Mirella Soffio wrote:

Un dato che mi sembra degno di nota è che la forbice tra chi dichiara oltre 30.000 euro e chi ne dichiara meno di 30.000 risulta molto ampia. In pratica, chi supera i 30k euro (mi limito ai congrui) dichiara in media la bellezza di 72.300 euro, a fronte degli appena 15.800 di chi dichiara meno di 30k euro. Questo mi porta a pensare che i 2/3 dei contribuenti appartenenti a questo settore faccia questo lavoro a integrazione di altro, e fin qui nulla di strano; mi sorprende molto invece che un 1/3 dichiari mediamente 72.300 euro, che è una cifra di tutto rispetto, e mi chiedo se in qualche modo questi colleghi non agiscano anche da intermediari (pur restando persona fisica ai fini fiscali).


Interessante analisi, Mirella. Io ho l'impressione che la forbice sia dovuta al fatto che chi guadagna più di 30.000 euro l'anno ha una delle seguenti caratteristiche:

1) Come dici tu, agisce anche da intermediario, pur occupandosi solo di traduzioni

2) Gestisce un'attività in senso più ampio: si occupa di organizzazione di convegni, quindi si presuppone che faccia lavorare parecchie persone, oppure ha uno studio professionale, magari dei dipendenti, pur senza essere una società.

Non dimentichiamo che come liberi professionisti possiamo avere un certo numero di dipendenti e acquistare, anche massicciamente, servizi svolti da altri, tutti fattori che contribuiscono ad aumentare il fatturato. Ho notato, anche dalle discussioni in questo forum, che questo aspetto non riceve molta attenzione, per non dire nessuna.

[Edited at 2010-01-26 16:51 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Mirella Soffio  Identity Verified
Italy
Local time: 15:14
Member (2002)
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Giusto, però... Jan 27, 2010

Non dimentichiamo che come liberi professionisti possiamo avere un certo numero di dipendenti e acquistare, anche massicciamente, servizi svolti da altri, tutti fattori che contribuiscono ad aumentare il fatturato. Ho notato, anche dalle discussioni in questo forum, che questo aspetto non riceve molta attenzione, per non dire nessuna.


I servizi acquistati aumentano il fatturato se vengono rivenduti, o ho capito male quello che volevi dire? In questo caso rientriamo nel caso che io avevo genericamente definito della mediazione.

Nota a margine: chi mi spiega perché - paradossalmente - le discussioni sui "numeri" (come questa) non interessano quanto quelle sulle tariffe?
Oltre che su ProZ, ho pubblicato questo stesso post su altre due liste di traduttori, e a parte un'interessantissima discussione in privato con un collega residente all'estero, nessun altro è intervenuto. Eppure a me sembra che l'interpretazione di questi dati possa non solo darci un'idea dello stato di salute del settore nel suo complesso, ma anche farci capire, detto in termini banali, "come siamo messi" rispetto ad altri settori e rispetto ai colleghi che operano nello stesso settore: nella media, meglio della media, un po' peggio della media...

Ad esempio, riallacciandomi a un mio post precedente in cui parlavo di obiettivi di fatturato (abbiate pazienza, oggi sono autoreferenziale oltre ogni decenza), sapere qual è stato il fatturato medio di un traduttore nel 2007 potrebbe essere utile sia a chi muove i primi passi e vuol farsi un'idea di quanto può ragionevolmente aspettarsi di guadagnare, sia a chi, pur avendo più esperienza, non ha in concreto nessun termine di paragone al quale rapportare il proprio fatturato - perché a differenza di altre categorie professionali non abbiamo tariffari, perché il più delle volte conosciamo solo il "nostro" mercato, perché spesso siamo isolati e per tutta una miriade di altre ragioni.

Sempre ovviamente tenendo conto del fatto che, come detto in precedenza da altri, gli studi di settore fotografano solo una parte della realtà, vuoi perché escludono una considerevole fascia di traduttori, vuoi perché includono anche altre categorie, come interpreti e organizzatori di convegni.

Mirella


Direct link Reply with quote
 

texjax DDS PhD  Identity Verified
Local time: 09:14
Member (2006)
English to Italian
+ ...
Mah.. Jan 27, 2010

Mirella Soffio wrote:

Nota a margine: chi mi spiega perché - paradossalmente - le discussioni sui "numeri" (come questa) non interessano quanto quelle sulle tariffe?



Me lo chiedo anch'io. Mi aspettavo, mi auguravo, che qualcuno residente in Italia intervenisse e commentasse. Ci sarebbero molti spunti volendo.

Forse questi filoni muoiono giovani perché costringono a ragionare più che a lamentarsi...non so...la butto lì.

Ciao Mirella e grazie per le informazioni.


Direct link Reply with quote
 
Claudio Porcellana  Identity Verified
Italy
diamo i numeri Jan 28, 2010

mah ... sarà l'ora tarda ma non riesco ad appassionarmi all'argomento


ovvero, se non ricordo male la maggior parte degli appartenenti al nostro gruppo sta nei minimi (probabilmente visto che sta sotto i 30 000) e pochi salgono ben oltre questo valore

il problema è che gli altri appartenenti al gruppo forse non sono traduttori, e perciò le cifre sono meno utili per eventuali valutazioni

sappiamo dunque che molti di noi incassano meno di 30 000 ma non sappiamo quanti vanno agevolmente oltre questa cifra

per quanto riguarda la forbice inferiore nel gruppo + basso, in effetti è strana, ma in questo documento mancano troppe variabili, secondo me

Claudio

Comprendo bene che si tratta di valori medi, ma mi ha stupito molto lo stacco tra ricavo e reddito per chi supera i 30.000 (72.300 euro vs 39.400 euro). Per ricavi inferiori a 30.000 euro, la situazione è ben diversa (15.800 euro vs 11.800 euro).


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Studi di settore 2007: diamo i numeri!

Advanced search






BaccS – Business Accounting Software
Modern desktop project management for freelance translators

BaccS makes it easy for translators to manage their projects, schedule tasks, create invoices, and view highly customizable reports. User-friendly, ProZ.com integration, community-driven development – a few reasons BaccS is trusted by translators!

More info »
WordFinder
The words you want Anywhere, Anytime

WordFinder is the market's fastest and easiest way of finding the right word, term, translation or synonym in one or more dictionaries. In our assortment you can choose among more than 120 dictionaries in 15 languages from leading publishers.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search