Pages in topic:   [1 2] >
Se poi pubblicano la mia traduzione di un libro, posso chiedere un compenso?
Thread poster: cggg

cggg
Local time: 07:29
Apr 24, 2010

Buongiorno,

vorrei chiedervi un consiglio: ho scritto a una casa editrice per chiedere un testo per una proposta di traduzione che mi serve per la tesi, mi hanno mandato un libro. Mi hanno anche dato una data di scadenza e so che c'è un apersona che si occupa di controllare ciò che scrivo, quindi suppongo che abbiano intenzione di pubblicare il mio lavoro. Mi chiedo: la proposta di traduzione è gratuita ovviamente, ma se poi pubblicano la mia traduzione posso chiedere un compenso? Grazie! Laura


 

eva maria bettin
Local time: 07:29
German to Italian
+ ...
Non direi! Apr 25, 2010

io non mi riferisco ad una casa editrice.- ma alla tesi di laurea di uno dei miei figli- Ing. mecch. - Padova. un libro da tradurre dal ted per una tesi di laurea in ingegneria mecc.- Quality control e Iso- vattelapesca?
è finito che io traducevo, mentre lui preparava l'ultimo esame. dopo la sua Laurea- il testo è diventato un "testo" .. utile,se non indispensabile per gli esami, da acquistare non so da chi...
non ho altro da aggiungere.
Se non buon lavoro - Eva


 

Giuseppina Gatta, MA (Hons)
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Ovvio che no Apr 25, 2010

!

 

Milena Bosco (X)  Identity Verified
Italy
Local time: 07:29
English to Italian
+ ...
E brave le case editrici Apr 25, 2010

Ammiro il tuo coraggio nello scrivere qui, in un sito di traduttori professionisti facendoci scoprire che c'è chi lavora gratis! Spero che tu abbia studiato bene, almeno non ci troveremo davanti ad un (altro) disastro.

Buona fortuna.

[Edited at 2010-04-25 22:10 GMT]

[Edited at 2010-04-25 23:59 GMT]


 

cggg
Local time: 07:29
TOPIC STARTER
grazie della risposta Apr 25, 2010

Giuseppina Gatta, MA (Hons) wrote:

!


 

cggg
Local time: 07:29
TOPIC STARTER
grazie della risposta Apr 25, 2010

eva maria bettin wrote:

io non mi riferisco ad una casa editrice.- ma alla tesi di laurea di uno dei miei figli- Ing. mecch. - Padova. un libro da tradurre dal ted per una tesi di laurea in ingegneria mecc.- Quality control e Iso- vattelapesca?
è finito che io traducevo, mentre lui preparava l'ultimo esame. dopo la sua Laurea- il testo è diventato un "testo" .. utile,se non indispensabile per gli esami, da acquistare non so da chi...
non ho altro da aggiungere.
Se non buon lavoro - Eva


 

Angie Garbarino  Identity Verified
Member (2003)
French to Italian
+ ...
Ovvero? Apr 26, 2010

Milean Bosco wrote: Ammiro il tuo coraggio nello scrivere qui, in un sito di traduttori professionisti facendoci scoprire che c'è chi lavora gratis! Spero che tu abbia studiato bene, almeno non ci troveremo davanti ad un (altro) disastro.

Buona fortuna
.

Come si configurerebbe questa risposta nell'ambito di una traduzione per la redazione di una tesi di una ragazza che ci chiede se può farsi pagare?

Non mi è molto chiaro



[Edited at 2010-04-26 20:46 GMT]


 

texjax DDS PhD  Identity Verified
Local time: 01:29
Member (2006)
English to Italian
+ ...
Proprietà intellettuale Apr 26, 2010

Premetto che parlo da profana, ma secondo me il fatto che sia una tesi non ha alcuna importanza: si tratta comunque di proprietà intellettuale.

Come tale, qualora io avessi un briciolo di ragione, cara Laura, secondo me hai gli strumenti legali per tutelarti.

Non posso credere che a una casa editrice sia concesso dalla legge di sfruttare il lavoro altrui (tesi o non tesi, si tratta di lavoro) senza che quest’ultimo debba percepire il meritato compenso.
Tra l’altro ti deve essere riconosciuta la paternità della traduzione; se vuoi intraprendere la carriera della traduttrice questo aspetto è particolarmente importante per te.

Il fatto che ti abbiano dato una scadenza...a me fa un po' pensare.

Informati e tutelati per bene. Eventualmente esistono anche altri siti dove puoi chiedere un parere spassionato (credo che Biblit faccia proprio al caso tuo).

Io parlerei di questo aspetto anche con il tuo relatore/relatrice della tesi.

http://it.wikipedia.org/wiki/Proprietà_intellettuale

In bocca al lupo (figurativamente parlando, dal lupo ti devi difendere!)

icon_smile.gif


PS. Scusa, non mi ero accorta che avevi messo il tuo nome, ho corretto il testo al femminileicon_smile.gif Ciao

[Edited at 2010-04-26 17:56 GMT]


 

eva maria bettin
Local time: 07:29
German to Italian
+ ...
che discorso è Milena? Apr 27, 2010

quando mio figlio si è laureato- con una tesi del cavolo, che non c'entrava niente col fare l'Ing. meccanico in fondo, un testo che gli è stato imposto, dato che era trilingue- che noi sapevamo benissimo che serviva soltanto al suo Professore, che in seguito lo avrebbe venduto come "dispense obbligatorie!"- mi pare si chiamino cosi.
cosa vuoi recuperare? Soldi? Un nome come traduttore? Avrei mai potuto dire he l'ho tradotto io? mentre mio figlio era alle prese con l'ultimo esame?
tanot- in tasca a noi, non ci sarebbe mai arrivato niente.
Al massimo un pessimo voto durante l'esame di Laurea....

Mi dispiace. ho visto ora che ho già detto praticamente le stesse cose in un intervento precedente. Ma la cosa mi sta a cuore.- anch'io- nel mio piccolo, mi sono sentita defraudata. E ancora peggio mio figlio- che come tesi di Laurea ha una pubblicazione che per un Ing. Mecc fa ridere i polli...anche se fa vendere al Professore, (perché tradotto quel libro- è tradotto benissimo! grazie- grazie per i complimenti!)
Eva

[Modificato alle 2010-04-27 07:43 GMT]


 

anna carbone
Local time: 07:29
English to Italian
+ ...
diritti patrimoniali vs. diritti morali Apr 27, 2010

texjax DDS PhD wrote:

Premetto che parlo da profana, ma secondo me il fatto che sia una tesi non ha alcuna importanza: si tratta comunque di proprietà intellettuale.



http://it.wikipedia.org/wiki/Proprietà_intellettuale



in realtà, in quanto autore della traduzione, il traduttore è titolare di due tipi di diritti, i diritti patrimoniali e quelli morali. i diritti morali sono inalienabili, per cui se la traduzione verrà pubblicata, Laura dovrà essere riconosciuta come sua autrice; i diritti patrimoniali, invece, sono cedibili, e se lei li ha ceduti a titolo gratuito, temo che non ci sia niente da fare (mi corregga Elisa Comito se sbaglio). sul sito del sindacato nazionale scrittori (http://www.traduttorisns.it/) troverà comunque il testo della Legge 22 Aprile 1941 n.633 - Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio. Aggiornata al D.L. 31 Gennaio 2005, n.7 - Convertito in legge 31 marzo 2005, n. 43. con il regolamento di esecuzione R.D. 18 Maggio 1942, n.1369.

anna c.


 

Milena Bosco (X)  Identity Verified
Italy
Local time: 07:29
English to Italian
+ ...
Il mio parere Apr 27, 2010

Ciao Eva, ciao a tutti.

La vergogna a cui mi riferisco è che una casa editrice aspetti un momento di necessità di uno studente per approfittare di una traduzione "gratis" che verrà pubblicata.

Mi meraviglia anche che i professori e gli studenti si prestino a questo gioco. Lo trovo vergognoso e sinceramente mi sembra una maniera di sfruttare proprio i ragazzi, che arrivano a chiedere in un forum di professionisti se le fatiche fatte gli renderanno qualche spicciolo. Ma chi li guida i laureandi? Non dovrebbe essere proprio il professore a dare certe informazioni?

Trovo ipocrita lo scandalizzarsi per la mia risposta, che trovo rispettosa di chi, da professionista, si rivolge alle case editrici che lo rifiutano mentre aspettano con tanto di fretta il momento in cui un laureando si farà vivo. Trovo ipocrita che proprio in questi forum sbuchino commenti su Henry per le tariffe di alcune agenzie, su chi gestisce il sito, su chi lavora a 0.03 euro a parola e poi siamo tutti lì a fare il buonismo quando invece di attaccare il collega si dovrebbe attaccare il cliente, in questo caso la casa editrice.

Ho una laurea conseguita all'estero, e quindi i miei testi me li sono discussi in lingua originale. Ho dovuto studiare sia dal francese che dall'inglese e di traduzioni non me ne ha chieste mai nessuno. Forse sono stata fortunata.

Buona serata.



[Edited at 2010-04-27 22:01 GMT]


 

Giuseppina Gatta, MA (Hons)
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Credo proprio di sì Apr 28, 2010

Milena Bosco wrote:



Ho una laurea conseguita all'estero, e quindi i miei testi me li sono discussi in lingua originale. Ho dovuto studiare sia dal francese che dall'inglese e di traduzioni non me ne ha chieste mai nessuno. Forse sono stata fortunata.

Buona serata.

[Edited at 2010-04-27 22:01 GMT]


Certo che sei stata fortunata. Le pratiche simili a quella descritta da chi ha iniziato il forum, insieme a tante altre analoghe (es. usare i laureandi per farsi fare ricerche che vengono pubblicate sotto altro nome), sono comunissime, e rappresentano la regola, NON l'eccezione, nelle nostre università, almeno da quando ci andavo io, ma molto probabilmente anche ora. Sicuramente non bisogna colpevolizzare chi di questo andazzo è solo la vittima, come capita spesso agli studenti, laureandi, e anche ricercatori. Sicuramente sarebbe meglio fare come hai fatto tu, studiare all'estero, ma magari non tutti possono permetterselo, per vari motivi.


 

Marie-Hélène Hayles  Identity Verified
Local time: 07:29
Italian to English
+ ...
Differenza fra università e casa editrice? Apr 28, 2010

Giuseppina Gatta, MA (Hons) wrote:

Le pratiche simili a quella descritta da chi ha iniziato il forum, insieme a tante altre analoghe (es. usare i laureandi per farsi fare ricerche che vengono pubblicate sotto altro nome), sono comunissime, e rappresentano la regola, NON l'eccezione, nelle nostre università, almeno da quando ci andavo io, ma molto probabilmente anche ora.



Che sfruttare i laureandi è prassi comune ho sentito anche altrove (anche se non vedo perché il fatto che sia comune lo giustifichi), però qui non si tratta di un professore all'università, ma di una casa editrice, che non solo sembra di voler avere la traduzione gratis (il che potrebbe essere anche giustificabile, visto che è stata l'OP a rivolgersi alla casa editrice, non il contrario), ma poi pretende pure di imporre una scadenza! E' questo che mi lascia perplessa.


 

Elisa Comito  Identity Verified
Local time: 07:29
English to Italian
+ ...
esatto Apr 28, 2010

anna carbone wrote:

texjax DDS PhD wrote:

Premetto che parlo da profana, ma secondo me il fatto che sia una tesi non ha alcuna importanza: si tratta comunque di proprietà intellettuale.



http://it.wikipedia.org/wiki/Proprietà_intellettuale



in realtà, in quanto autore della traduzione, il traduttore è titolare di due tipi di diritti, i diritti patrimoniali e quelli morali. i diritti morali sono inalienabili, per cui se la traduzione verrà pubblicata, Laura dovrà essere riconosciuta come sua autrice ; i diritti patrimoniali, invece, sono cedibili, e se lei li ha ceduti a titolo gratuito, temo che non ci sia niente da fare (mi corregga Elisa Comito se sbaglio). sul sito del sindacato nazionale scrittori (http://www.traduttorisns.it/) troverà comunque il testo della Legge 22 Aprile 1941 n.633 - Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio. Aggiornata al D.L. 31 Gennaio 2005, n.7 - Convertito in legge 31 marzo 2005, n. 43. con il regolamento di esecuzione R.D. 18 Maggio 1942, n.1369.

anna c.


Confermo in toto. Mentre i diritti economici si possono cedere completamente, anche a titolo gratuito, i diritti morali, tra cui quello di paternità dell'opera, sono inalienabili. Il fatto che Laura debba essere riconosciuta come autrice implica, tra l'altro, l'obbligo della casa editrice di indicare il suo nome come traduttrice nella copertina o sul frontespizio del libro e il dovere di citarla anche nelle pubblicità del libro.
Laura, se non hai stipulato un contratto con questa casa editrice, ti consiglio vivamente di conservare tutte le mail con cui vi siete messi d'accordo per la traduzione o in cui ti hanno dato istruzioni, comunicato scadenze, ecc. nonché ovviamente la mail con cui invierai il lavoro. E' importante cioè che tu possa documentare di essere la traduttrice di quel libro e di aver agito in accordo con loro. Che la traduzione avvenga per una tesi o altro non ha alcuna importanza ai fini della legge.


 

Elisa Comito  Identity Verified
Local time: 07:29
English to Italian
+ ...
scadenza Apr 28, 2010

Marie-Hélène Hayles wrote:

Giuseppina Gatta, MA (Hons) wrote:

Le pratiche simili a quella descritta da chi ha iniziato il forum, insieme a tante altre analoghe (es. usare i laureandi per farsi fare ricerche che vengono pubblicate sotto altro nome), sono comunissime, e rappresentano la regola, NON l'eccezione, nelle nostre università, almeno da quando ci andavo io, ma molto probabilmente anche ora.



Che sfruttare i laureandi è prassi comune ho sentito anche altrove (anche se non vedo perché il fatto che sia comune lo giustifichi), però qui non si tratta di un professore all'università, ma di una casa editrice, che non solo sembra di voler avere la traduzione gratis (il che potrebbe essere anche giustificabile, visto che è stata l'OP a rivolgersi alla casa editrice, non il contrario), ma poi pretende pure di imporre una scadenza! E' questo che mi lascia perplessa.


Hanno chiesto una scadenza perché evidentemente hanno intenzione di pubblicare la tesi, quindi devono calcolare i tempi per concatenare le fasi successive alla traduzione.
Sulla condanna al sistema universitario sopra descritto concordo con te, come concordo con Milena nella condanna di quelle case editrici e di quei "professori" e "corsi di formazione" che, lungi dal creare professionisti consapevoli dei loro diritti, si prestano a sfornare una forza lavoro impreparata e strumentalizzabile funzionale a certo tipo di industria editoriale. Ma ci sarebbe da scrivere fiumi a proposito e non è questa la sede.
Però io parlo in generale. Non sempre è stigmatizzabile un editore che, di fronte a uno studente che gli chiede di tradurre un testo che poi pubblicherà, gli offra poco come compenso (niente francamente mi sembra ingiustificabile). Questo perché se un editore ha comprato i diritti per un certo libro (e deve averli comprati altrimenti non potrebbe tradurlo) ha speso del denaro e perché renda deve pubblicare un testo ben tradotto (diverso sarebbe il caso di un'opera in pubblico dominio di cui sono scaduti i diritti e che chiunque può pubblicare liberamente sia in originale sia in traduzione; se l'editore riceve una traduzione penosa al limite può lasciar perdere il tutto).
Se io affido una traduzione a uno studente non posso sapere in anticipo cosa riceverò (posso fargli fare una prova ma sarà sempre poco indicativa) e devo mettere in conto anche di dover impiegare giorni e giorni del lavoro del mio personale (o di un revisore esterno) per la revisione o, nei casi peggiori, la riscrittura. E' vero che la traduzione-tesi dovrebbe essere seguita anche dal relatore - cosa che nei fatti non sempre accade - e quindi il rischio si riduce ma esiste comunque. E' quindi comprensibile, visto che comunque il costo della traduzione incide, che assumendo un notevole rischio io corrisponda un compenso minore rispetto a quello che offrirei a un traduttore professionista.
Ciò non toglie che, per quanto modesto possa essere il compenso previsto, la casa editrice dovrebbe stipulare un contratto ad hoc con il traduttore. E ciò non toglie, come già detto, che anche in caso di traduzione gratuita e senza contratto, i diritti morali restano inalienabili.


 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Se poi pubblicano la mia traduzione di un libro, posso chiedere un compenso?

Advanced search






BaccS – Business Accounting Software
Modern desktop project management for freelance translators

BaccS makes it easy for translators to manage their projects, schedule tasks, create invoices, and view highly customizable reports. User-friendly, ProZ.com integration, community-driven development – a few reasons BaccS is trusted by translators!

More info »
CafeTran Espresso
You've never met a CAT tool this clever!

Translate faster & easier, using a sophisticated CAT tool built by a translator / developer. Accept jobs from clients who use SDL Trados, MemoQ, Wordfast & major CAT tools. Download and start using CafeTran Espresso -- for free

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search