Pages in topic:   [1 2] >
Il mito della traduzione letteraria
Thread poster: Elisa Generali

Elisa Generali
United Kingdom
Local time: 00:20
English to Italian
+ ...
Jul 15, 2010

Salve a tutti,

mi chiamo Elisa e sono traduttrice. Sono nuova del Forum e non frequento molto Proz quindi mi scuso se sto per affrontare un argomento del quale si è già abbondantemente parlato.

Tutto iniziò qualche mese fa: ero incinta, avevo molto tempo libero e mi ritrovai immersa in quell'enorme e raro lusso che è lettura. Comprai un libro di un noto autore americano, uno scrittore pulp contemporaneo molto in voga al momento. Mi tuffai nella lettura avidamente e nel giro di qualche pagina mi scontrai con le prime 'stranezze': nel libro si parlava di cibi organici, cani e gatti che piovevano dal cielo, il ritorno dai morti ecc.....!!!
Come ho già detto, non sono una traduttrice di grande esperienza e non giudico niente o nessuno, ma ho sempre sentito dire (da professori universitari compresi) che per essere traduttore letterario è necessario essere degli 'dei della traduzione' e avere alle spalle decenni di esperienza....insomma, la traduzione letteraria ci è sempre stata descritta un po' come la terra promessa, inarrivabile o quasi! Ecco perchè quando mi scontro con grossolani errori di traduzione mi sconvolgo e mi chiedo come sia possibile che tutto ciò accada? Non è la prima volta che scorgo inesattezze, ma questa volta stiamo parlando di uno dei più venduti scrittori mondiali e di uno dei più grandi editori nazionali...

Scusate il mio rantolare a vuoto, è che sono sconvolta.

Cari colleghi, che mi dite al riguardo?

Cordiali saluti.

Elisa


 

Colin Ryan (X)  Identity Verified
Local time: 01:20
Italian to English
+ ...
Si vede che non hai grande esperienza! Jul 15, 2010

Carissima Elisa,

L'hai detto tu che il romanzo è pulp, no? Tra il pulp e la letteratura c'è grande differenza. Pensa al fatto che la casa editrice deve far tradurre un libro di 150.000 parole di Stephen King e vendere forse solo 50.000 copie del libro in italiano. Credo che possa arrivare da sola al fatto che i traduttori "letterari" vengono pagati una miseria alla parola, e quindi quando si trovano di fronte ai gatti e cani che piovono... ehm, non so se mi spiego.

Fatta eccezione però per la letteratura vero e proprio, cioè i romanzi che vincono premi, ecc. Quelli vengono tradotti meglio, e immagino (o almeno spero) che le condizioni sono migliori. Spesso un classico del genere (es. Austen) verrà ritradotto ex novo da uno che vuole fare il dottorato nel settore e vuole a tutti i costi avere la traduzione definitiva firmato con il suo nome. Queste traduzioni, letteralmente, non hanno prezzo.

C

ps. Non sono madrelingua italiano, e quindi ho inserito automaticamente degli errori per segnalare questo fatto.


 

Tom in London
United Kingdom
Local time: 00:20
Member (2008)
Italian to English
It's raining cats and dogs! Jul 15, 2010

Elisa Generali wrote:

cibi organici, cani e gatti che piovevano dal cielo, il ritorno dai morti ecc.....


Questo mi ricorda il "Sympathy Bar" che qualche sciagurato ha pensato di aprire a Milano icon_smile.gif

Suppongo che leggevi una traduzione e non nella lingua originale. Quando si può, è sempre meglio leggere i romanzi nella loro lingua originale (anche se ahimé il mio russo non mi permette di leggere Cechov in russo e devo fare affidamento sulla grande traduttrice Constance Garnett).

Storicamente i giovani romanzieri italiani hanno sbarcato il lunario traducendo in italiano i grandi autori americani (Pavese-Hemingway ecc) e un grande inglese (Lawrence) ha egregiamente tradotto Verga in lingua inglese.

E dove sono i nostri autori di oggi che lo fanno?

Ora ritorno con una certa fatica ad Andrea Camilleri (ma vi giuro che Camilleri in inglese perde quasi tutto. Per non parlare poi di Gadda....)

[Edited at 2010-07-15 15:34 GMT]


 

Colin Ryan (X)  Identity Verified
Local time: 01:20
Italian to English
+ ...
Sympathy Bar? I'd drink there! Jul 16, 2010

Tom in London wrote:
Questo mi ricorda il "Sympathy Bar" che qualche sciagurato ha pensato di aprire a Milano icon_smile.gif


Ma l'idea è bellissima! Un bar dove tutti ti consolano, la musica è sempre blues, il barista compassionevole... sarebbe come essere in un film di Humphrey Bogart...

"Barista... il solito."
"Ti ha lasciato di nuovo, vero?"
"Sì. Oh, tu, al pianoforte... suonalo di nuovo, Sam. L'hai suonato per lei, puoi suonarlo per me."


 

Francesco Toscano  Identity Verified
Italy
Local time: 01:20
Member (2010)
English to Italian
+ ...
Non è sempre per merito Jul 16, 2010

Una delle mie prof universitarie ha tradotto e traduce autori del calibro di Dan Brown, Patricia Cornwell, Ken Follet, John Grisham... insomma non è la prima venuta... devo dire però che non ho mai avuto una grande considerazione delle sue doti traduttive... troppo spesso mi sembrava che riscrivesse i testi a suo piacimento.

 

Tom in London
United Kingdom
Local time: 00:20
Member (2008)
Italian to English
Ah ma Jul 16, 2010

Francesco Toscano wrote:

Una delle mie prof universitarie ha tradotto e traduce autori del calibro di Dan Brown, Patricia Cornwell, Ken Follet, John Grisham... insomma non è la prima venuta... devo dire però che non ho mai avuto una grande considerazione delle sue doti traduttive... troppo spesso mi sembrava che riscrivesse i testi a suo piacimento.


La polpa in inglese si polpa anche in italiano ! Gli autori citati sono dei prodotti industriali di facile consumo, e probabilmente i loro traduttori sono pagati bene. Non sarà il caso quando si parla di letteratura seria.

[Edited at 2010-07-16 09:32 GMT]


 

Colin Ryan (X)  Identity Verified
Local time: 01:20
Italian to English
+ ...
Cosa intendi per pulp? Jul 16, 2010

Per me Grisham, Cornwell, Stephen King, Dan Brown = pulp. (Nota: io li leggo tutti.)

Per me Don DeLillo, Khaleid Hosseini = letteratura. (Che non leggo, tra l'altro.)

Quindi Tom, non ti capisco - intendi che chi traduce pulp viene pagato bene? Se è il caso, allora come mai si permettono di addirittura RISCRIVERE alcuni brani al loro piacimento? Non mi puzza di traduttore ben pagato, quello.


 

Tom in London
United Kingdom
Local time: 00:20
Member (2008)
Italian to English
Jul 16, 2010

ryancolm wrote:

Per me Grisham, Cornwell, Stephen King, Dan Brown = pulp. (Nota: io li leggo tutti.)

Per me Don DeLillo, Khaleid Hosseini = letteratura. (Che non leggo, tra l'altro.)

Quindi Tom, non ti capisco - intendi che chi traduce pulp viene pagato bene? Se è il caso, allora come mai si permettono di addirittura RISCRIVERE alcuni brani al loro piacimento? Non mi puzza di traduttore ben pagato, quello.


Concordo con le tue definizioni Ryan.

Nel mio caso non riesco a leggere quei autori "polpa" - mi annoiano a morte. Preferisco "letteratura".

Per quanto riguarda il "riscrivere" è precisamente quello che fa un traduttore bravo. Per altre delucidazioni ti rimando ad "After Babel" di George Steiner. Oppure al saggio di Walter Benjamin "Il compito del traduttore" nel quale mette bene in evidenza cosa succede quanto si traduce. Il traduttore come ladro.icon_smile.gif

Chi traduce bene, riscrive.

Insomma - "Simpatia" non vuol dire "Sympathy". Bisogna riscrivere !

Infatti nella lingua inglese il verbo "to traduce" significa "to misrepresent".

[Edited at 2010-07-16 10:38 GMT]


 

Colin Ryan (X)  Identity Verified
Local time: 01:20
Italian to English
+ ...
agree to disagree... Jul 16, 2010

Io seguo la filosofia che permette il traduttore di riscrivere solo ed esclusivamente quando non esiste nella cultura target un concetto che può abbinarsi al brano del testo sorgente... altrimenti si tratta di adaptation, che non è riscrivere vero e proprio.

Nelle mie "opere tradotte" cerco di fare così.


 

A_Nespoli  Identity Verified
Italy
Local time: 01:20
Member (2007)
German to Italian
+ ...
.... Jul 16, 2010

Tom in London wrote:


Storicamente i giovani romanzieri italiani hanno sbarcato il lunario traducendo in italiano i grandi autori americani (Pavese-Hemingway ecc) e un grande inglese (Lawrence) ha egregiamente tradotto Verga in lingua inglese.

E dove sono i nostri autori di oggi che lo fanno?


Culicchia, Cacucci, Wu Ming I.... Il fatto è che li conosciamo come scrittori e non come traduttori.icon_smile.gif

Ora ritorno con una certa fatica ad Andrea Camilleri (ma vi giuro che Camilleri in inglese perde quasi tutto. Per non parlare poi di Gadda....)

[Edited at 2010-07-15 15:34 GMT]


Però non incolperei i traduttori per questi due esempi....siamo ai limiti dell'intraducibile.
icon_smile.gif

Ale


 

Angie Garbarino  Identity Verified
Member (2003)
French to Italian
+ ...
Sì davvero... Jul 16, 2010

A_Nespoli wrote:Però non incolperei i traduttori per questi due esempi....siamo ai limiti dell'intraducibile.
icon_smile.gif

Ale


Facciamo una prova? Come tradurreste "trasiti" in inglese per rendere l'idea? Magari che so con un termine cockney?

Tom? Ryancolm?

P.S. Camilleri mi piace ma mi ci è quasi voluto un corso di siculo la prima volta che l'ho letto;)

Ciao a tutti

Angio

[Edited at 2010-07-16 19:51 GMT]


 

Colin Ryan (X)  Identity Verified
Local time: 01:20
Italian to English
+ ...
Trasiti...? Jul 17, 2010

Premesso e ammesso che non avevo idea di che cosa significhi, non avendo mai letto Camilleri e essendo nel nord d'italia, direi che sia intraducibile. (Google mi dice che significa "entrate", è vero?)

Qui l'esempio di Trainspotting di Irvine Welsh è significativo. Ovvero, direi che non si traduce trasiti, punto e basta!


 

A_Nespoli  Identity Verified
Italy
Local time: 01:20
Member (2007)
German to Italian
+ ...
Camilleri Jul 17, 2010

Ma se non traduci tutto l'intraducibile di Camilleri (e ti assicuro che è davvero una grossa percentuale del testo), tanto vale non tradurre Camilleri, perché diventerebbero romanzi totalmente inaccessibili all'estero.

Quindi il compromesso è indispensabile, ed è indispensabile la grossa perdita dovuta alla traduzione.

In questo caso tradurre implica per forza tradire, ma non ci sono alternative....


 

Tom in London
United Kingdom
Local time: 00:20
Member (2008)
Italian to English
Trasiti? Jul 17, 2010

Angio wrote:

Facciamo una prova? Come tradurreste "trasiti" in inglese per rendere l'idea? Magari che so con un termine cockney?

Tom? Ryancolm?

P.S. Camilleri mi piace ma mi ci è quasi voluto un corso di siculo la prima volta che l'ho letto;)

Ciao a tutti

Angio

[Edited at 2010-07-16 19:51 GMT]


Volevi dire nel senso di "lassati ogni spiranza vuiautri ca trasiti"? In tal caso sarebbe "pass through here". Però il discorso si potrebbe far lungo. Lungo come i bei discorsi di George Steiner nel libro precedentemente citato.

[Edited at 2010-07-17 09:16 GMT]


 

A_Nespoli  Identity Verified
Italy
Local time: 01:20
Member (2007)
German to Italian
+ ...
no Jul 17, 2010

voleva dire che nei romanzi di camilleri, l'uso del dialetto è comune nella maggior parte del testo, il che è evidentemente una scelta letteraria per riportare un'ambientazione il più possibile attinente alla realtà (immagino visto che non sono mai stata in Sicilia purtroppo).
Quindi trasire, taliare ecc. ecc tutti termini e soprattutto espressioni di uso comune sono usati in tutto il romanzo.

Ora tradurli in qualsiasi modo implica perdere molto nella traduzione, qualsiasi altra forma dialettale o gergale sarebbe inadeguata, visto che il dialetto è strettamente legalo al luogo dove si usa, non tradurli significherebbe limitare il povero Camilleri alla sola pubblicazione in Italia, visto che già per un madrelingua italiano che viva nel nord Italia il primo approccio ai suoi romanzi non è per nulla semplice.

Immagino che sia uscito anche in Inghilterra, il film Chez les ch'tis, che giocava molto sulle differenze culturali e quindi anche dialettali tra il sud e il nord della Francia.
Difficilissimo da adattare in un'altra lingua senza distorcere, impossibile da sottotitolare perché si sarebbero perso metà del film...che si fa?

http://www.vigata.org/dialetto_camilleri/dialetto_camilleri.shtml

[Modificato alle 2010-07-17 15:33 GMT]

[Modificato alle 2010-07-17 15:41 GMT]


 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Il mito della traduzione letteraria

Advanced search






CafeTran Espresso
You've never met a CAT tool this clever!

Translate faster & easier, using a sophisticated CAT tool built by a translator / developer. Accept jobs from clients who use SDL Trados, MemoQ, Wordfast & major CAT tools. Download and start using CafeTran Espresso -- for free

More info »
Déjà Vu X3
Try it, Love it

Find out why Déjà Vu is today the most flexible, customizable and user-friendly tool on the market. See the brand new features in action: *Completely redesigned user interface *Live Preview *Inline spell checking *Inline

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search