Consiglio sull'opportunità di laurearsi o meno
Thread poster: sky83
Mar 16, 2011

Ciao a tutti


Mi chiamo Andrea, sono un ragazzo di 29 anni e abito a Milano. Volevo chiedere un consiglio per quanto riguarda l'opportunità o meno di conseguire una laurea in lingue e letterature straniere in vista di una formazione più completa per entrare nell'ambiente dell'editoria ed in particolare delle traduzioni letterarie. Ho conseguito la maturità classica e per vari motivi non ho potuto frequentare l'università prima e mi chiedevo se arrivato alla mia età iscriversi non sia una vera e propria perdita di tempo.
Se dovessi iscrivermi mi iscriverei alla Cattolica.

Conosco benissimo la lingua inglese avendo vissuto 6 anni a Londra dove lavoravo come impiegato
per una catena di supermercati. Ho conseguito il Certificate of Proficiency in English lo scorso dicembre
e ho frequentato un corso di traduzione presso il British Council grazie a cui ho superato l'esame di
traduzione che si tiene ogni Gennaio a Londra all' Institute of Linguists (Iol.org.uk). Pensavo da ultimo
di frequentare il corso di letteratura inglese del British Council della durata di nove mesi.

Avere anche una laurea sarebbe una marcia in più oppure laurearmi a 33-34 anni sarebbe un ostacolo
considerando che dovrei conciliare studi e un lavoro part-time senza la certezza di essere considerato da un datore di lavoro una volta conseguita la laurea? Per lavorare in una casa editrice è d'obbligo la laurea?

Grazie in anticipo, Andrea


 

Manuela Dal Castello  Identity Verified
Italy
Local time: 04:52
English to Italian
+ ...
senza dubbio Mar 16, 2011

Senza dubbio una marcia in più.
Io ho deciso a 37 di tornare a prendere i libri in mano... è una delle ben poche certezze che hoicon_smile.gif

Manuela


 

anna carbone
Local time: 04:52
English to Italian
+ ...
lavorare IN / lavorare PER Mar 17, 2011

sky83 wrote:

Per lavorare in una casa editrice è d'obbligo la laurea?



Caro Andrea,

premesso che, come dice Manuela, studiare è sempre utile, indipendentemente dal titolo di studio conseguito, mi soffermerei su questa tua frase: temo che oggi come oggi, lavorare IN una casa editrice, in particolar modo come traduttore, ma anche come redattore, sia praticamente impossibile. Se vuoi lavorare come traduttore, potrai lavorare PER una CE, ma scordati di essere assunto e di lavorare come dipendente, e anche i redattori, a quanto ne so, sono tutti precari e assunti con contratti a termine, e questo a prescindere dal titolo di studio. E soprattutto all'inizio, avrai sicuramente bisogno di un altro lavoro con cui mantenerti, perché riuscire a mantenersi solo con le traduzioni editoriali è piuttosto dura.

Scusa se ti sono parsa brutale, ma questa è la realtà. In bocca al lupo, comunque. E buona festa della Repubblica a tutti,

anna c.


 

gradara
Italy
Local time: 04:52
German to Italian
un'estrema padronanza della lingua italiana e una solida preparazione umanistica Mar 17, 2011

Caro Andrea,
partendo dall'assunto che studiare non è mai una perdita di tempo, ma un arricchimento personale (io sto conseguendo la seconda laurea a 49 anni), mi concentrerei piuttosto sul tipo di "carriera" che dici di volere intraprendere. Il traduttore letterario, o comunque nel campo editoriale, richiede una straordinaria conoscenza della nostra lingua (oltre che della lingua straniera da cui si traduce) e presuppone una preparazione umanistica in senso lato. La laurea in Lingue e letterature straniere non è un must, potresti anche laurearti in lettere o scienze della comunicazione, ad es. Il liceo classico è senza dubbio una buona base di partenza, ma non basta. Tieni presente inoltre che molti grandi traduttori in questo campo sono prima scrittori che traduttori. Ovviamente, dirai, non devo tradurre le poesie Keats o Byron, ma la sensibilità linguistica e letteraria sono qualità indispensabili per un traduttore in ambito editoriale. Tieni presente anche le difficoltà nel trovare un impiego nelle case editrici, come è stato già ribadito in questo forum. Io ti consiglierei piuttosto di laurearti in scienze della comunicazione coltivando due lingue straniere. Ma se è proprio la letteratura che ti affascina, allora persegui pure il tuo obiettivo. La laurea in lingue e letterature straniere, però, non è indispensabile. La ritengo più adatta all'insegnamento.
Auguri per tuttoicon_wink.gif


 

sky83
TOPIC STARTER
grazie Mar 22, 2011

Grazie a tutti per i vostri suggerimenti : - )

Andrea


 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Consiglio sull'opportunità di laurearsi o meno

Advanced search






Déjà Vu X3
Try it, Love it

Find out why Déjà Vu is today the most flexible, customizable and user-friendly tool on the market. See the brand new features in action: *Completely redesigned user interface *Live Preview *Inline spell checking *Inline

More info »
PerfectIt consistency checker
Faster Checking, Greater Accuracy

PerfectIt helps deliver error-free documents. It improves consistency, ensures quality and helps to enforce style guides. It’s a powerful tool for pro users, and comes with the assurance of a 30-day money back guarantee.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search