Pages in topic:   [1 2] >
La sua traduzione è un disastro.....Ci fa uno sconto?
Thread poster: xxxMilena Bosco
xxxMilena Bosco  Identity Verified
Italy
Local time: 03:36
English to Italian
+ ...
May 16, 2011

Cari colleghi,

Oggi mi è arrivato un messaggio relativo alla revisione di una traduzione. Un "disastro", a detta del revisore, e l'agenzia mi chiede di scontare la mia tariffa, che al momento è ai margini alti del mercato.

Io, che sono piuttosto pignola, devo ammettere che il testo (su Excel, non potevo lavorare con Trados) aveva alcune "imperfezioni"; forse a causa di alcune macro lo stesso testo (tradotto) è stato copiato in vari tab del documento. C'è un errore di formattazione, qualche riga manca parzialmente, non ci sono errori di grammatica e tre errori di ortografia.

"La qualità è troppo bassa", "deve farci uno sconto".

Ho quantificato; le celle "scorrette" sono 28 su 1848 e di breve lunghezza (max 13 parole). Alcune poi riportano errori che sono un diverso uso dei sinonimi oppure il tentativo di italianizzare termini Inglesi di uso corrente. Il lavoro (10000 parole) mi è stato assegnato da terminare in cinque giorni (+ fine settimana).

La percentuale di errore? 1,2%


Voi lo fareste uno sconto in questo caso?

Grazie a tutti.


Direct link Reply with quote
 

Giuseppina Gatta, MA (Hons)
Member (2005)
English to Italian
+ ...
May 17, 2011

Milena Bosco wrote:



La percentuale di errore? 1,2%


Voi lo fareste uno sconto in questo caso?

Grazie a tutti.







Farei uno sconto dell'1,2%


Direct link Reply with quote
 

Giles Watson  Identity Verified
Italy
Local time: 03:36
Italian to English
Trados e Excel May 17, 2011

Milena Bosco wrote:

Io, che sono piuttosto pignola, devo ammettere che il testo (su Excel, non potevo lavorare con Trados)



TagEditor?

Beh, neanch'io lo amo, per dire la verità, ma tradurre Excel con Studio è un altro discorso.

Anzi, il bello del nuovo Trados è che si può tradurre in un ambiente unico tutti i tipi di file che i clienti ci mollano.

Studio è molto diverso da Workbench, quindi ci vuole un po' di tempo per impararlo, ma se tu avessi potuto utilizzare le tue memorie traduttive, probabilmente ci sarebbero stati ancora meno errori nella traduzione.

PQCV


Direct link Reply with quote
 

Mariella Bonelli  Identity Verified
Local time: 03:36
English to Italian
+ ...
Un piccolo sconto May 17, 2011

Ciao Milena,

prima di tutto verificherei con il cliente che quelli che tu consideri errori (quindi le 28 celle) corrispondano effettivamente a quello che ha valutato il tuo cliente, o il revisore. Se è confermato che gli errori sono solo quelli, farei anch'io un piccolo sconto, senza fare grandi discussioni, più che altro per accontentare il cliente e farmi vedere disponibile, senza però svenarmi, se possibile.


Direct link Reply with quote
 

Vincenzo Di Maso  Identity Verified
Portugal
Local time: 02:36
Member (2009)
English to Italian
+ ...
No May 17, 2011

Se pensi di essere nella regione, assolutamente no! E' una questione di principio. Il discorso risale alla notte dei tempi: revisore che vuole screditare il traduttore, esagera in maniera esponenziale nell'indicare gli errori.
Inoltre il revisore è stato incaricato anche lui dall'agenzia, è pagato per questo!
Vi sono certi principi che dovrebbero essere rispettati, ma purtroppo la crisi fa brutti scherzi! Circa un anno fa è capitato a un mio carissimo amico e collega "proziano" di vedersi contestare una traduzione. Lui è un esperto nel campo giuridico e mi ha fatto leggere alcune correzioni folli nel testo. Il cliente, essendo straniero, non ha potuto giudicare e ha creduto al revisione (pur pagando il nostro amico), ma credo che chi avrà usufruito della traduzione sarà stato quantomeno furibondo!
Con questo, nel caso di Milena, non voglio immediatamente scagliarmi contro il revisore, ma.... se le celle "scorrette" erano così poche, trovo davvero ridicolo voler chiedere uno sconto al traduttore. I fatti esposti da Milena parlano da soli.


Direct link Reply with quote
 

EMANUELA ROTUNNO  Identity Verified
Italy
Local time: 03:36
English to Italian
+ ...
ci vuole diplomazia ma anche il pugno fermo May 17, 2011

ciao Milena,
ecco la mia esperienza personale. Io per errori simili sono stata "cacciata" da un team di traduttori. Errori assolutamente fisiologici in una traduzione di quasi 100.000 parole: che vi siano delle 'sviste' forse è normale, NON SIAMO macchine (per fortuna), e il revisore serve per quello, quindi io vedo tutto abbastanza nella norma. Probabilmente il cliente non ha mai tradotto un bel niente altrimenti non avrebbe fatto una simile proposta, oppure vuole solo tirare sul tuo compenso. Usa molta diplomazia se non vuoi perdere il cliente, ma non cedere facilmente alla richiesta, giustifica eventuale scelte terminologiche in maniera chiara e precisa; non farti mettere sotto i piedi.
in bocca al lupo


Direct link Reply with quote
 

Alessandra Russo  Identity Verified
United Kingdom
Local time: 02:36
English to Italian
+ ...
May 17, 2011

Io credo che quando consegniamo un progetto il testo debba essere quanto più corretto è possibile, a prescindere dal fatto che venga rivisto da un revisore o meno. Insomma, il livello deve essere pubblicabile.
Dal momento che il testo poteva essere tradotto usando Trados (con Tageditor - quindi evitando errori di ortografia e ricorrendo a una TM) e che la data di consegna mi sembra ragionevole, penso che la richiesta di un piccolo sconto sia legittima. Il revisore è sì lì per correggere eventuali errori, ma penso che l'ortrografia e l'uniformità della terminologia stiano alla base di un buon lavoro di traduzione.
Personalmente mi confronterei con il cliente chiedendo di segnalarmi quali sono gli errori e, se numerosi ed effettivamente gravi, acconsentirei a un piccolo sconto (tipo arrotondando al ribasso, da 215 a 200, ad esempio), facendo presente che la prossima volta l'attenzione sarà doppia e questo episodio non ricapiterà.



A.


Direct link Reply with quote
 

Elisa Rampone  Identity Verified
Italy
Local time: 03:36
English to Italian
+ ...
Forse uno sconticino May 17, 2011

lo riconsocerei, ma farei presente al cliente e soprattutto al revisore che i disastri sono un'altra cosa.
Buona giornata!


Direct link Reply with quote
 

Ivan Patti  Identity Verified
Italy
Local time: 03:36
English to Italian
+ ...
Ma anche NO!!! May 17, 2011

Ciao Milena,

sulla base di quanto ci hai raccontato non credo proprio che il cliente possa pretendere sconti, né che possa parlare di "qualità troppo bassa" vista l'assenza totale di errori di grammatica e la percentuale esigua del contestato rispetto al lavoro da te svolto nei tempi concordati.

Quindi nessuno sconto, per nessun motivo e soprattutto NON per quelli avanzati.

Ivan


Direct link Reply with quote
 

Vincenzo Di Maso  Identity Verified
Portugal
Local time: 02:36
Member (2009)
English to Italian
+ ...
Ovvio May 17, 2011

Ivan Patti wrote:

Ciao Milena,

sulla base di quanto ci hai raccontato non credo proprio che il cliente possa pretendere sconti, né che possa parlare di "qualità troppo bassa" vista l'assenza totale di errori di grammatica e la percentuale esigua del contestato rispetto al lavoro da te svolto nei tempi concordati.

Quindi nessuno sconto, per nessun motivo e soprattutto NON per quelli avanzati.

Ivan
Parole che non fanno una grinza.


Direct link Reply with quote
 

Riccardo Schiaffino  Identity Verified
United States
Local time: 19:36
Member (2003)
English to Italian
+ ...
Sono un po' perplesso May 18, 2011

Milena, fossi in te chiedere maggiori speigazioni al cliente riguardo a perché il lavoro è stato definito un "disastro".

Da un lato il cliente definisce la traduzione "un disastro", dall'altro ci dici che gli errori riguardavano solo 28 celle su quasi 2000, che non c'erano errori di grammatica, ma qualche errore di ortografia e "errori che sono un diverso uso dei sinonimi oppure il tentativo di italianizzare termini Inglesi di uso corrente".

Se tutto si limitasse a questo, avresti ragione da vendere. Ho però l'impressione, presumendo buona fede da parte di cliente e revisore, che non si tratti solo di questi errori veniali, infatti, tu dici "devo ammettere che il testo (su Excel, non potevo lavorare con Trados) aveva alcune "imperfezioni"; forse a causa di alcune macro lo stesso testo (tradotto) è stato copiato in vari tab del documento".

Senza vedere lo spreadsheet, ovviamente, non si può dire per certo, ma questo mi fa sospettare gravi problemi non tanto alla traduzione, quanto alla struttura dello spreadsheet, problemi causati dallo scrivere la traduzione in celle a cui si richiamavano altre celle tramite formule (o forse tramite macro). Se fosse così, i problemi traduttivi veri e propri passerebbero in secondo piano: il "disastro" potrebbe non essere la traduzione, ma quello che è successo alla struttura dello spreadsheet (e riparare cose del genere a volte richiede ben più tempo di quello necessario a correggere una traduzione).


Direct link Reply with quote
 
xxxMilena Bosco  Identity Verified
Italy
Local time: 03:36
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Grazie a tutti May 21, 2011

Alla fine ho deciso di fare uno sconto all'agenzia. Dopotutto, come alcuni di voi hanno suggerito, il lavoro dovrebbe essere pubblicabile una volta inviato al cliente.

Sono abbastanza pignola con me stessa, ma quando lavoro come "revisore" sono molto comprensiva e cerco di rispettare le scelte del traduttore. Non amo violare il lavoro altrui cambiando sinonimi o invertendo l'ordine dei termini ("1000 monete raccolte" in una lista di azioni per me è la stessa cosa di "raccolte 1000 monete"). Non parliamo poi delle sfumature stilistiche che sono soggettive e a mio parere vanno rispettate. In questo testo mi sono state corrette anche le "d" eufoniche completamente giustificabili (es. "ed ecco che"), considerate un errore di grammatica.

Aggiungo questa esperienza nel mio bagaglio, che sono certa mi servirà in futuro. A volte sono troppo disponibile e "comprensiva". In particolare questa agenzia mi ha spesso contattato per "lavoretti" giustificando il mancato pagamento (di poche decine di euro) come un "errore nei dati da Lei forniti per il trasferimento bancario" o "un errore della banca". Quando poi ho cortesemente fatto notare che non avrei più lavorato se non mi fosse stata pagata la somma dovuta per il "lavoretto" precedente, le coordinate hanno funzionato. Miracoli della tecnologia.

Spero che aver condiviso con voi questa esperienza possa servire ai più giovani!

Vi auguro una felice Domenica.
A presto!

Milena










[Modificato alle 2011-05-21 21:26 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Luca Tutino  Identity Verified
Italy
Local time: 21:36
Member (2002)
English to Italian
+ ...
Le correzioni sistematicamente ingiustificate non vanno tollerate May 21, 2011

Cara Milena,

come Riccardo anche io non sono riuscito a mettere bene a fuoco la situazione. La correzione di "ed ecco che" sembra veramente inaccettabile (a meno che non si tratti di una distrazione occasionale del correttore); d'altra parte estrapolato dal contesto l'ordine delle parole nella frase sulle 1000 monete potrebbe non essere indifferente: la prima versione non sembra una "azione", la seconda sì.

Se sei certa del fatto che buona parte delle correzioni sono ingiustificate come quella della d eufonica, sconto o no, penso che sia necessario segnalare al cliente la pessima qualità della correzione. Tollerare in silenzio correzioni multiple come queste significa rendere un pessimo servizio al cliente, alla professione, alla lingua italiana, a se stessi e al correttore stesso.

A volte, per esempio nei testi di marketing, lo sforzo di miglioramento stilistico è giustificato dalla finalità del testo, e comunque è accettabile - ma in questi casi deve risultare chiaro che si tratta di un tentativo, più o meno riuscito, di contribuire ad uno sforzo comune e non di emendare errori inesistenti. Se invece il revisore si permette di denunciare sistematicamente come errori alternative grammaticali prive di rilevanza, sinonimi o altre scelte perfettamente giustificate, io non esito a dedicare diverse ore di lavoro a smontare la correzione punto per punto, appoggiando ovunque necessario le mie affermazioni su precise e autorevoli fonti bibliografiche, e sfidando il correttore a confutarle in maniera altrettanto documentata.

E' un lavoro lungo e noioso, lo so, ma per me si tratta di un imperativo: oltretutto questo è anche il solo modo di mettersi in condizioni di potere realmente apprendere qualcosa, qualora la correzione che sembrava ingiustificata dovesse rivelarsi corretta! Alla fine se opportuno faccio presente al cliente che il lavoro supplementare resosi necessario a causa dell'incompetenza del correttore ha un costo, e dovrebbe essere accolto come un omaggio, oppure remunerato - magari a spese del correttore.

Tra l'altro di solito in questi casi il correttore finisce inevitabilmente per aggiungere qualche errore di suo. Non capisco perché il traduttore bravo e competente, dopo avere faticato per 5 giorni, dovrebbe essere esposto a questo genere di rischi e invece il correttore con quattro colpi di penna distratti non debba rischiare nulla, ma anzi possa procacciarsi clienti sottraendoli in modo disonesto ai colleghi.

Personalmente, se la situazione è questa, io avrei rifiutato lo sconto: se dopo tutte le spiegazioni il cliente non dovesse capire, un cliente così sarebbe meglio perderlo che trovarlo. Dunque, tanto più ora che hai concesso lo sconto e hai dimostrato il tuo disinteresse e la tua buona disposizione, ti esorto a valutare la necessità di completare il servizio comunicando la situazione al cliente.

Infine trovo strano che l'agenzia chieda uno "sconto". Se si deve applicare una penalità, questa deve essere giustificata e quantificata come un costo necessario, non come un regaluccio.

Saluti,
Luca

[Edited at 2011-05-21 23:33 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Vincenzo Di Maso  Identity Verified
Portugal
Local time: 02:36
Member (2009)
English to Italian
+ ...
Bravo! May 22, 2011

Luca Tutino wrote:

Cara Milena,

come Riccardo anche io non sono riuscito a mettere bene a fuoco la situazione. La correzione di "ed ecco che" sembra veramente inaccettabile (a meno che non si tratti di una distrazione occasionale del correttore); d'altra parte estrapolato dal contesto l'ordine delle parole nella frase sulle 1000 monete potrebbe non essere indifferente: la prima versione non sembra una "azione", la seconda sì.

Se sei certa del fatto che buona parte delle correzioni sono ingiustificate come quella della d eufonica, sconto o no, penso che sia necessario segnalare al cliente la pessima qualità della correzione. Tollerare in silenzio correzioni multiple come queste significa rendere un pessimo servizio al cliente, alla professione, alla lingua italiana, a se stessi e al correttore stesso.

A volte, per esempio nei testi di marketing, lo sforzo di miglioramento stilistico è giustificato dalla finalità del testo, e comunque è accettabile - ma in questi casi deve risultare chiaro che si tratta di un tentativo, più o meno riuscito, di contribuire ad uno sforzo comune e non di emendare errori inesistenti. Se invece il revisore si permette di denunciare sistematicamente come errori alternative grammaticali prive di rilevanza, sinonimi o altre scelte perfettamente giustificate, io non esito a dedicare diverse ore di lavoro a smontare la correzione punto per punto, appoggiando ovunque necessario le mie affermazioni su precise e autorevoli fonti bibliografiche, e sfidando il correttore a confutarle in maniera altrettanto documentata.

E' un lavoro lungo e noioso, lo so, ma per me si tratta di un imperativo: oltretutto questo è anche il solo modo di mettersi in condizioni di potere realmente apprendere qualcosa, qualora la correzione che sembrava ingiustificata dovesse rivelarsi corretta! Alla fine se opportuno faccio presente al cliente che il lavoro supplementare resosi necessario a causa dell'incompetenza del correttore ha un costo, e dovrebbe essere accolto come un omaggio, oppure remunerato - magari a spese del correttore.

Tra l'altro di solito in questi casi il correttore finisce inevitabilmente per aggiungere qualche errore di suo. Non capisco perché il traduttore bravo e competente, dopo avere faticato per 5 giorni, dovrebbe essere esposto a questo genere di rischi e invece il correttore con quattro colpi di penna distratti non debba rischiare nulla, ma anzi possa procacciarsi clienti sottraendoli in modo disonesto ai colleghi.

Personalmente, se la situazione è questa, io avrei rifiutato lo sconto: se dopo tutte le spiegazioni il cliente non dovesse capire, un cliente così sarebbe meglio perderlo che trovarlo. Dunque, tanto più ora che hai concesso lo sconto e hai dimostrato il tuo disinteresse e la tua buona disposizione, ti esorto a valutare la necessità di completare il servizio comunicando la situazione al cliente.

Infine trovo strano che l'agenzia chieda uno "sconto". Se si deve applicare una penalità, questa deve essere giustificata e quantificata come un costo necessario, non come un regaluccio.

Saluti,
Luca

[Edited at 2011-05-21 23:33 GMT]
Ciao Luca,
hai pienamente ragione! La penso anche io come te.


Direct link Reply with quote
 

Vincenzo Di Maso  Identity Verified
Portugal
Local time: 02:36
Member (2009)
English to Italian
+ ...
Che si mettano d'accordo May 22, 2011

Milena Bosco wrote:
In questo testo mi sono state corrette anche le "d" eufoniche completamente giustificabili (es. "ed ecco che"), considerate un errore di grammatica.



[Modificato alle 2011-05-21 21:26 GMT]

Ehm, vi assicuro che una volta un revisore ha messo le "d" eufoniche alle mie congiunzioni... Il cliente era straniero, quindi lì è sempre un problema.
Anche ultimamente ho assistito a un atteggiamento vergognoso. Un collega mi ha fatto vedere alcune correzioni oggettivamente assurde apportate da un revisore al suo testo. Roba davvero incredibile. Lui lo ha fatto notare all'agenzia, mettendola in guardia dalle certe ire del cliente finale. Risposta stile "prosciutto sugli occhi": noi ci fidiamo ciecamente del nostro revisore, quindi non siamo interessati a dialogare con Lei in merito agli errori sul testo.
Ma prima o poi disonestà e stupidità vengono a galla. Ci sarà presto un cliente finale furibondo, o un'agenzia seria che scopre questi sporchi trucchetti volti esclusivamente ad ingannare chi lavora con professionalità dopo anni di esperienza e formazione.


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

La sua traduzione è un disastro.....Ci fa uno sconto?

Advanced search






LSP.expert
You’re a freelance translator? LSP.expert helps you manage your daily translation jobs. It’s easy, fast and secure.

How about you start tracking translation jobs and sending invoices in minutes? You can also manage your clients and generate reports about your business activities. So you always keep a clear view on your planning, AND you get a free 30 day trial period!

More info »
TM-Town
Manage your TMs and Terms ... and boost your translation business

Are you ready for something fresh in the industry? TM-Town is a unique new site for you -- the freelance translator -- to store, manage and share translation memories (TMs) and glossaries...and potentially meet new clients on the basis of your prior work.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search