Pages in topic:   [1 2] >
Agenzia che non paga perché la P.IVA non è nel registro delle P.IVA comunitarie
Thread poster: Federica D'Alessio

Federica D'Alessio
Italy
Local time: 23:35
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Oct 12, 2011

Cari colleghi,
chiedo il vostro aiuto per risolvere una situazione che mi sta un po' dando ai nervi, in attesa che anche il commercialista mi faccia sapere come stanno le cose. Un'agenzia europea con cui collaboro mi ha scritto - dopo il mio sollecito per un ritardo di pagamento - che non mi possono pagare perché la mia P. IVA non risulta nel registro VIES delle partite IVA comunitarie. Ho verificato ed effettivamente non c'è...
questo filone che ho appena letto nella sua interezza (l'avessi fatto all'epoca!!!) spiega tante cose in merito:

http://www.proz.com/forum/italian/188105-intrastat_ed_extraterritorialità.html

Dovrò provvedere quanto prima (l'unico dubbio che ancora mi rimane è se sia obbligatorio o meno nel regime dei minimi, mi sembra di aver capito di sì...), ma intanto una domanda: davvero possono rifiutarsi di pagarmi per questo motivo? E come mai fino a cinque - sei mesi fa mi pagavano tranquillamente, e tutte le altre agenzie continuano a pagarmi senza problemi?

Grazie in anticipo per l'aiuto!
Federica


Direct link Reply with quote
 

2G Trad  Identity Verified
Italy
Local time: 23:35
Member (2000)
English to Italian
+ ...
VIES e pagamenti Oct 12, 2011

Federica D'Alessio:
Dovrò provvedere quanto prima (l'unico dubbio che ancora mi rimane è se sia obbligatorio o meno nel regime dei minimi, mi sembra di aver capito di sì...), ma intanto una domanda: davvero possono rifiutarsi di pagarmi per questo motivo? E come mai fino a cinque - sei mesi fa mi pagavano tranquillamente, e tutte le altre agenzie continuano a pagarmi senza problemi?


L'iscrizione al VIES è obbligatoria e utile per qualsiasi P. IVA che deve effettuare operazioni con clienti comunitari.

Certi clienti comunitari non ci fanno caso all'inizio della collaborazione, ma poi quando vanno a compilare l'Intrastat (o un elenco equivalente) potrebbe risultare l'assenza della P. IVA dal registro VIES e potrebbero decidere che è un elemento sufficiente per bloccare il pagamento.

Magari 5 mesi fa non se ne erano ancora accorti perché non avevano ancora compilato l'Intrastat.
Le altre agenzie probabilmente non ritengono questo fattore determinante per bloccare il pagamento.

Ciao!
Gianni


Direct link Reply with quote
 

Federica D'Alessio
Italy
Local time: 23:35
Member (2005)
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Grazie Oct 12, 2011

Grazie Gianni,
le tue spiegazioni sono chiarissime e in effetti non fanno una piega.
Provvederò quanto prima allora!
Grazie ancora,
Federica


Direct link Reply with quote
 

Leanida
Italy
Local time: 23:35
Italian to Russian
+ ...
non per i minimi Oct 12, 2011

2G Trad wrote:

L'iscrizione al VIES è obbligatoria e utile per qualsiasi P. IVA che deve effettuare operazioni con clienti comunitari.


I servizi resi dei minimi non vanno indicati nel INTRASTAT e quindi i minimi che svolgono solo questi operazioni non sono obbligati ad iscriversi al VIES.

MINIMI E MODELLI INTRASTAT: IL NUOVO QUADRO OPERATIVO
le cessioni intracomunitarie di beni e le prestazioni di servizi rese non vanno invece riepilogate nei modelli INTRA. Per queste operazioni non sussiste il presupposto di applicazione della disciplina degli scambi intracomunitari in quanto i contribuenti minimi non addebitano l’IVA a titolo di rivalsa (per carenza del presupposto soggettivo).
http://www.intrastat.biz/contribuenti-minimi-modelli-intrastat/

Archivio vies e contribuenti minimi, enti non soggetti ad iva e produttori agricoli.
Gli obblighi di iscrizione all'archivio vies per i cosidetti "contribuenti minimi", per gli enti non soggetti ad iva e per i produttori agricoli sono stati affrontati dalla circolare 39/E dell'agenzia delle entrate.
In relazione ai contribuenti minimi, dal versante attivo, essi non effettuano operazioni comunitarie (cessione di beni o prestazione di servizi) bensì applicano le regole dell'iva interna.
Per questo motivo i contribuenti minimi sono interessati all'inserimento nell'archivio vies soltanto nei casi di acquisti comunitari di beni e servizi.


Read more: http://www.caf-sassari.com/news/archivio-vies-chi-si-deve-iscrivere-e-i-passaggi-per-liscrizione/

Chiedo scusa se le fonti non sono abbastanza autorevoli, ma sono i primi che mi sono capitate.


Direct link Reply with quote
 

Paolo Troiani  Identity Verified
Italy
Local time: 23:35
Member (2010)
English to Italian
+ ...
IN VIES occore non solo iscriversi, ma anche rimanerci! "So Italian" Oct 12, 2011

Scusate se mi intrometto con un po' di veemenza, magari sarà lo stress..
Ma perchè noi italiani dobbiamo sempre cercare di evitare gli adempimenti?

In VIES, una volta iscritti, occorre rimanerci.

E rimanerci vuol dire effettuare regolarmente tutte le comunicazioni Intrastat periodiche, siano essi mensili o trimestrali.

Se non si effettuano si rischia non solo la cancellazione dal VIES, ma anche pesanti sanzioni pecuniarie.

Punto.
That's it.

Ora tutte le lamentele servono solo a ricordarci che siamo un popolo di soli titolari di diritti e non anche e prima di tutto di contribuenti tenuti a rispettare determinate disposizioni. E per carità non scendiamo in sterili disquisizioni politiche che non sono assolutamente volute.

Scusa Federica ma non ce l'ho con te.
È un mio sfogo verso un comune atteggiamento intollerante e molto diffuso.."So Italian"..che di fronte a una norma non cerca di capirla e eseguirla, ma solo di criticarla e criticarla..e criticarla e poi quando gli arriva la classica mazzata e si lamenta, si lamenta, si lamenta...


Direct link Reply with quote
 

Federica D'Alessio
Italy
Local time: 23:35
Member (2005)
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Giusto ma... Oct 12, 2011

Cara nomade69,
lungi da me volermi giustificare, però una cosa secondo me è vera: l'Agenzia delle Entrate potrebbe mandare una lettera ai suoi iscritti per avvisare di obblighi di adempimenti che intervengono a un certo punto. Io ero iscritta e non ho alcun motivo per non volerci rimanere né per non adempiere ai miei obblighi, anzi ne ho tutto l'interesse, solo che ignoravo che la norma a un certo punto è cambiata e quella che era un'iscrizione automatica per alcuni non lo è più. Mea culpa non aver letto Proz in quei giorni, però certo non è così che uno si aspetta di ricevere informazioni.... pure i commercialisti, teoricamente pagati per questo, dovrebbero essere un po' più solerti nell'informare, però ripeto secondo me il primo obbligo di informazione spetta all'Agenzia dell'Entrate. Se poi ci aggiungi che per questa cosa qui vale il principio del silenzio-assenso, mi viene un magone... devi fare tutto tu, devi informarti tu su tutto, e loro non si prendono neanche la briga di una notifica del fatto che hai fatto le cose per bene.
Detto questo, ti ripeto, penso di aver sbagliato io a non essere stata attenta... da un po' di tempo ho adottato una serie di procedure per essere più informata sugli aspetti normativi e fiscali del nostro lavoro (abbonamento a riviste specializzate ecc.) ma questa me l'ero proprio persa.
Grazie comunque!
Federica


Direct link Reply with quote
 

Federica D'Alessio
Italy
Local time: 23:35
Member (2005)
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Sull'Intrastat Oct 12, 2011

il mio commercialista mi ha detto che proprio perché sono nel regime dei minimi non sono obbligata. Invece sì? Qualcuno mi può dare conferma chiara per favore? Grazie ancora!
F.


Direct link Reply with quote
 

2G Trad  Identity Verified
Italy
Local time: 23:35
Member (2000)
English to Italian
+ ...
Adempimenti Oct 12, 2011

nomade69:
In VIES, una volta iscritti, occorre rimanerci.

E rimanerci vuol dire effettuare regolarmente tutte le comunicazioni Intrastat periodiche, siano essi mensili o trimestrali.

Se non si effettuano si rischia non solo la cancellazione dal VIES, ma anche pesanti sanzioni pecuniarie.


Federica ha detto che è un contribuente minimo quindi non deve compilare l'Intrastat per i servizi intracomunitari resi (poiché i servizi resi in UE sono equiparati a operazioni interne), né presentare la dichiarazione IVA (dal 2008 allegata all'Unico), che sono i documenti che garantiscono la presenza nel VIES.

L'unico adempimento che deve fare è l'Intrastat in caso di acquisti intracomunitari, ed evidentemente non ne avrà fatti in questi anni.

Da qui l'uscita dal VIES a febbraio 2011 (prima c'erano tutte le P. IVA).

Ora basta che faccia la richiesta di autorizzazione alla operazioni intracomunitarie (ricordati di allegare la fotocopia di un documento di identità) e apparirà nuovamente nel VIES entro 30 giorni dalla richiesta.

L'utilità principale di essere nel VIES per un contribuente minimo è proprio quella di poter collaborare con clienti comunitari che compilano a loro volta l'Intrastat.
Se si tratta di una collaborazione recente, avrebbero comunque fatto meglio a verificare la presenza della P. IVA di Federica nel VIES, prima dell'avvio della collaborazione, in modo da evitare queste spiacevoli conseguenze.

Ciao!
Gianni

[Edited at 2011-10-12 15:23 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Manuela Dal Castello  Identity Verified
Italy
Local time: 23:35
English to Italian
+ ...
A quanto risulta a me... Oct 12, 2011

... per le operazioni intracomunitarie BISOGNA essere iscritti al VIES qualsiasi sia la propria posizione fiscale.
Sulla compilazione dell'Intrastat per i contribuenti minimi ci sono divergenze. Io lo faccio, così taglio la testa al toro.


Direct link Reply with quote
 

2G Trad  Identity Verified
Italy
Local time: 23:35
Member (2000)
English to Italian
+ ...
Iscrizione nel VIES per operazioni intracomunitarie Oct 12, 2011

Leanida:

2G Trad:

L'iscrizione al VIES è obbligatoria e utile per qualsiasi P. IVA che deve effettuare operazioni con clienti comunitari.


I servizi resi dei minimi non vanno indicati nel INTRASTAT e quindi i minimi che svolgono solo questi operazioni non sono obbligati ad iscriversi al VIES.


Non ho scritto che i servizi resi dai minimi vanno indicati nell'Intrastat, ma esattamente il contrario (vedi post in alto), perché sono equiparati a operazioni interne.

L'iscrizione al VIES, invece, è necessaria per collaborare con clienti comunitari che devono inserire le P. IVA di un fornitore italiano nel loro Intrastat (o elenco equivalente).

Ci sono molti thread sui forum di Proz a questo proposito, e anche negli annunci pubblicati da agenzie spagnole, ad esempio, ho letto come condizione l'essere presenti nel VIES, inoltre ne è prova la situazione in cui si trova Federica.

Ciao!
Gianni


Direct link Reply with quote
 

2G Trad  Identity Verified
Italy
Local time: 23:35
Member (2000)
English to Italian
+ ...
Circolare agenzia entrate Oct 12, 2011

Manuela Dal Castello:
Sulla compilazione dell'Intrastat per i contribuenti minimi ci sono divergenze. Io lo faccio, così taglio la testa al toro.


C'è la circolare 36/2010 dell'AdE che chiarisce ogni dubbio in proposito ( http://bit.ly/oL870J a pag. 6)

Ciao!
Gianni


Direct link Reply with quote
 

Federica D'Alessio
Italy
Local time: 23:35
Member (2005)
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Fatto ma... Jan 7, 2012

Cari colleghi, buon anno a tutti!
Dopo la discussione sorta in questo post, a fine novembre ho fatto richiesta all'Agenzia delle Entrate di essere iscritta nel registro delle P.IVA Comunitarie. Vale la regola del silenzio assenso entro 30 giorni, ma... ovviamente la mia P.IVA nel VIES non c'è ancora.
Che faccio? Chiamo? Aspetto? Sollecito? Denuncio e chiedo il risarcimento danni? A qualcuno di voi è già successo per caso? Quanto avete dovuto aspettare?
Grazie per le delucidazioni e per l'aiuto,
Buona giornata
Federica


Direct link Reply with quote
 

Vania Dionisi  Identity Verified
Italy
Local time: 23:35
French to Italian
+ ...
Lo scorso anno Jan 9, 2012

quando l'ho fatta io, dopo quasi 2 mesi non avevo nessuna notizia e, su consiglio del mio commercialista che non si fidava molto del "silenzio assenso", ho fatto un salto.
La mia domanda giaceva tra quelle da respingere (avevo dimenticato non ricordo che, ma una sciocchezza), e invece di comunicarmi che mancava qualcosa oppure anche solo dirmi che l'avevano respinta, tacevano.
Dopo due mesi che non fatturavo avevo una certa premura che non ti sto a spiegare, così sono andata e ho risolto in 15 secondi (il tempo di una fotocopia, più ovviamente la fila).
Io ti consiglio di prenderti una mattinata e andare a verificare e di non far affidamento sul silenzio assenso.

Animo e pazienza,
Vania


Direct link Reply with quote
 

Cristina Lo Bianco  Identity Verified
Italy
Local time: 23:35
Member (2008)
English to Italian
+ ...
Iscrizione al VIES all'atto della richiesta della partita IVA in regime dei minimi Feb 23, 2012

Buongiorno a tutti,

mi riallaccio a questa discussione per chiedere un ulteriore chiarimento a chi ha esperienze personali in merito.

RIASSUNTO DELLE PUNTATE PRECEDENTI:
Se ho ben compreso il succo di tutti i post precedenti, l'iscrizione al VIES non è obbligatoria per chi aderisce al regime dei minimi ma è consigliabile se si desidera lavorare con agenzie di altri paesi europei, perché queste potrebbero essere obbligate a lavorare soltanto con soggetti le cui partite IVA sono iscritte al VIES.

IL MIO QUESITO:
Mi accingo a richiedere la partita IVA aderendo al regime dei minimi e, sulla base di quanto sopra, pensavo di andare sul sicuro e chiedere contestualmente l'iscrizione al VIES. D'altra parte, scorrendo il modulo di richiesta della partita IVA, l'unico punto in cui trovo un riferimento alla questione è nel QUADRO B, alla voce: ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI DI CUI ALL’ART. 60-BIS.

Ora, io non intendo effettuare acquisti intracomunitari, ma soltanto cessioni di servizi. Ciò significa che una persona nelle mie condizioni deve necessariamente richiedere l'iscrizione al VIES in modo separato?

Ringrazio molto chiunque abbia avuto la pazienza di leggere e ancora più chi potrà darmi informazioni di prima mano.

Un saluto,
Cristina

P.S. Link alla pagina in cui si trovano il modulo per la richiesta della partita IVA e le relative istruzioni:

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Home/CosaDeviFare/Richiedere/Partita%20IVA/AA9_10%20Apertura%20variazione%20chiusura%20PF/Modello%20PI%20PF/


Direct link Reply with quote
 

2G Trad  Identity Verified
Italy
Local time: 23:35
Member (2000)
English to Italian
+ ...
Quadro I Feb 23, 2012

Nel quadro I del modulo di apertura di P. Iva ci sono i campi appositi per chi prevede di effettuare operazioni intracomunitarie.
Ciao!
Gianni


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Agenzia che non paga perché la P.IVA non è nel registro delle P.IVA comunitarie

Advanced search






BaccS – Business Accounting Software
Modern desktop project management for freelance translators

BaccS makes it easy for translators to manage their projects, schedule tasks, create invoices, and view highly customizable reports. User-friendly, ProZ.com integration, community-driven development – a few reasons BaccS is trusted by translators!

More info »
Protemos translation business management system
Create your account in minutes, and start working! 3-month trial for agencies, and free for freelancers!

The system lets you keep client/vendor database, with contacts and rates, manage projects and assign jobs to vendors, issue invoices, track payments, store and manage project files, generate business reports on turnover profit per client/manager etc.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search