Pages in topic:   [1 2 3] >
Nuovo tentativo di aumento aliquota INPS
Thread poster: Manuela Dal Castello

Manuela Dal Castello  Identity Verified
Italy
Local time: 15:18
English to Italian
+ ...
Nov 4, 2011

Non è un vecchio forum riesumato, è che ci stanno riprovando
Notizie ad esempio sul sito ACTA o sulla stampa (cito il Corriere:
http://www.corriere.it/economia/11_novembre_03/piano-aiuti-occupazione_dead8e02-05e1-11e1-a74a-dac8530a33df.shtml)

C'è una petizione in linea per opporsi, se desiderate firmare (è importante) questi sono i link. Di seguito vi riporto anche il testo della petizione.
Che cosa aggiungere? Io ho già firmato.

Manuela

Link corto:
http://bit.ly/v7yAW8

Link lungo:
http://www.petizionionline.it/petizione/no-allaumento-dellaliquota-della-gestione-separata-dellinps-al-2772/5460

Testo:
Al Presidente del Consiglio dei Ministri
Al Ministero dell'Economia e delle Finanze
Al Ministro dello Sviluppo Economico
Al Ministro del Lavoro

Abbiamo appreso dalla stampa la proposta di aumentare l’aliquota della Gestione Separata dell’INPS al 27,72%, aliquota che ha già registrato l’aumento di quasi 17 punti percentuali dal 1996 ad oggi .

Alla detta Gestione non sono però iscritti solo i co.co.pro. menzionati dai media, ma anche noi professionisti autonomi senza albo.

A differenza dei collaboratori, l’incremento dell’aliquota graverebbe esclusivamente sul nostro reddito, già messo a dura prova dalla difficile situazione economica che stiamo affrontando senza alcun sostegno da parte pubblica (né ammortizzatori in deroga, né incentivi).

Inoltre in questo modo il peso dei contributi previdenziali sarebbe doppio rispetto ai professionisti ordinisti con cassa privata e di fatto supererebbe anche quello dei lavoratori dipendenti (utilizzando la stessa base di computo, come dimostrato da una analisi del CERM di Roma (fonte: http://bit.ly/s0zD9K).

Chiediamo pertanto con forza che questa proposta di aumento venga ritirata.

In fede


Direct link Reply with quote
 

Donata Gumiero  Identity Verified
Local time: 15:18
Member (2008)
German to Italian
+ ...
Grazie per l'informazione... Nov 4, 2011

Grazie Manuela, ho firmato anch'io. Speriamo che la proposta di aumento non vada in porto. Siamo già abbastanza svantaggiati così, figuriamoci con un altro aumento...

Buona serata
Donata


Direct link Reply with quote
 

Pierluigi Bernardini  Identity Verified
Italy
Local time: 15:18
English to Italian
+ ...
Diffondiamo Nov 4, 2011

Appreso da facebook nel gruppo Liberi Professionisti Traduttori.
Firmato, diffuso e incrociamo le dita, speriamo serva a qualcosa.
Qui ci stanno stritolando, sempre più.


Direct link Reply with quote
 

Paola Gatto  Identity Verified
Italy
Local time: 15:18
Member (2004)
German to Italian
+ ...
Ulteriori informazioni Nov 5, 2011

Ciao a tutti,
grazie a tutti quelli che hanno già firmato. Qui il testo da firmare:
http://bit.ly/v7yAW8

Senza smettere di diffondere il link fra colleghi, amici e familiari(*),
tramite email, tramite forum on-line, tramite blog e tramite
telefono(**), bisogna passare alla fase II, e cioè far sapere ai media
che esiste. Basta che ognuno di noi spedisca un messaggio a un giornale
e/o a una trasmissione radiofonica o televisiva facendo presente il
contenuto della petizione (e il link) e magari aggiungendo qualche nota
personale. Non importa se ricevono messaggi da più persone; anzi è
meglio. Naturalmente chi conosce personalmente un giornalista è invitato
ad attivarsi.
Nella mail alla stampa aggiungerei anche che abbiamo già superato le 100
firme dopo circa un'ora e mezza!

(*) a mio parere può firmare chiunque è contrario all'aumento,
eventualmente qualificandosi come sostenitore della causa nel commento.
(**) per chi non se lo ricorda: il telefono è quell'oggetto che si usava
per comunicare prima dell'avvento di Internet

Ciao
(messaggio riportato di Mike Farrell) - Promulgatore insieme a me dell'azione

Paola


Direct link Reply with quote
 

Dragomir Kovacevic  Identity Verified
Italy
Local time: 15:18
Member
Italian to Serbian
+ ...
una cosa è opporsi, ma... Nov 5, 2011

Io forse mi ripeterei con le argomentazioni.

E' vero che è una stranezza che una serie di vari tipi di lavoratori autonomi, ma veri professionisti - esperti, lavori sotto regime previdenziale di gestione separata, meglio dire da non-assortiti.

E' vero che per queste categorie di lavoratori autonomi, che in fine dell'anno non ricevono i "CUD", il carico previdenziale è tutto su loro spalle, o quasi, e che con aumento di copertura prev. sotto gestione separata, anche aumenta.

Ragionando filosoficamente, si intuisce che i versamenti INPS non sono sufficienti - quelli che arrivano da gestione separata, nel senso che, cinicamente, non sono ancora sul livello di versamenti per i lavoratori dipendenti. Mentre, ricordiamo quelli che non lo sanno, di vecchia idea di far incontrare i percentuali da tutti tipi di inquadramento, sotto un'unica aliquota. Io questo lo so da tempo.

Lo so da tempo che è assurdo credere che i percentuali di 17-27% siano sufficienti per un lavoratore vero professionista esperto, come lo è un traduttore. Eppure si troviamo nel paradosso che questi lavoratori autonomi protestino per l'aumento in vista.

L'argomento che nelle altre casse simili - tipo artigiani e commercianti - il percentuale è molto inferiore, non regge, o non reggerà molto a lungo. Innanzitutto, la copertura minima di circa 2900 euro non è, allo stesso tempo, fissa - corrisponde al redditto minimo di cca 15 mila euro - che tra l'altro è quella richiesta dal conteggio nel ns. Studio del Settore. L'importo non è fisso, ma il percentuale nella Cassa artigiani e commercianti è fisso in questo momento. Questo significa che i versamenti, man mano come l'impresa individuale guadagni di più, salgono, il che è più che giusto. Per ora, sembra che il risultato pensionistico sia salvato, il che, tradotto in termini di economia, significa che si tratta di versamenti continui e garantiti. Tutto questo vuol dire che i versamenti previdenziali permanenti, assicurano una pensione. Strano, dirà qualcuno, io proprio volevo soltanto versare quando lavoro e guadagno!

Mentre invece, certi lavoratori autonomi vorrebbero credere che, versando all'INPS solo quando lavorano e guadagnano, possano ottenere il gettito garantito. Prendano esempio di piani di cumulo offerti dalle case assicuratrici: loro sono un'identica cosa come lo sono i versamenti regolari all'INPS, nelle Casse che li richiedono. Mentre la Cassa di g. separata non le richiede obbligatoriamente.

Io mi stupisco davvero come mai i colleghi non pensino a diventare le "imprese", registrandosi nella CCIAA, e si scelgono la Cassa di artigiani e commercianti?! Avranno obbligo di versare almeno il minimo di 2900 euro per INPS, ma anche di più.

Non è tutto rivolto contro i traduttori, ma tante cose sono rivolte contro tanti tipi di lavoratori autonomi.

Coraggio, non dobbiamo diventare una società di capitali o di persone, soltanto una impresa individuale che smetterà con quel fatidico modo di fatturazione servizio + Rivalsa Inps + IVA, con proforma fattura e fattura definitiva.

Mi stupisco tanto, scusate. Capisco, condivido e sento i problemi anche sulla mia pelle. Assolutamente penso che ai colleghi manca il coraggio, ma il conformismo no. Niente di personale.

Dk

[quote]Manuela Dal Castello wrote:

Non è un vecchio forum riesumato, è che ci stanno riprovando
Notizie ad esempio sul sito ACTA o sulla stampa (cito il Corriere:
http://www.corriere.it/economia/11_novembre_03/piano-aiuti-occupazione_dead8e02-05e1-11e1-a74a-dac8530a33df.shtml)

C'è una petizione in linea per opporsi, se desiderate firmare (è importante) questi sono i link. Di seguito vi riporto anche il testo della petizione.

[Edited at 2011-11-05 21:18 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Manuela Dal Castello  Identity Verified
Italy
Local time: 15:18
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
semplicemente.... Nov 6, 2011

... perché non posso permettermi di versare 2900 € per l'INPS in un anno. Gli studi di settore non mi interessano, vengano pure a dirmi che in teoria dovrei fatturare X o Y, ma la pratica (cioè gli € nel mio portafoglio o nel mio conto in banca) la so ben io.

Da una parte non è giusto lasciare che cose sbagliate, come l'attuale gestione della cassa della Gestione Separata, continuino indisturbate. Quindi protestare è giusto, sacrosanto, doveroso - secondo me eh? non mi prendo troppo sul serio, ma un pochettino sì.

Dall'altra, purtroppo non è proprio così semplice e indolore diventare una società individuale.
SE si hanno soldi da investire, chi vieta di acquistare un bel piano di investimenti con rendite garantite ecc.?
SE si mettono da parte abbastanza soldi, si può anche portare pazienza se si prenderà una pensione più bassa.
SE non si hanno soldi e si deve comunque versare in cambio di qualcosa che si prospetta come un calcio nel sedere (cioè la pensione che ci verrà dalla gestione separata) almeno si protesta.

Non dico che sia giusto versare "briciole" e pretendere chissà che. Il fatto è che versiamo "fette consistenti" e riceveremo meno che "briciole". E appunto, non tutti ne possono uscire in modo così spensierato.

Manuela


Direct link Reply with quote
 

Christel Zipfel  Identity Verified
Member (2004)
Italian to German
+ ...
Giusto Nov 6, 2011

Manuela Dal Castello wrote:


Non dico che sia giusto versare "briciole" e pretendere chissà che. Il fatto è che versiamo "fette consistenti" e riceveremo meno che "briciole". E appunto, non tutti ne possono uscire in modo così spensierato.

Manuela


Versassimo 100 Euro per ricevere niente o quasi in cambio, si potrebbe dire "pazienza, è l'ennesimo balzello... Come ce ne sono tanti..." Sempre ingiusto sarebbe, ma potremmo almeno mettere da parte un 20% per una bella pensione privata come si deve, un investimento, che ne so... Invece ci troviamo costretti a buttare quasi il 30% del nostro imponibile letteralmente dalla finestra, ben sapendo che quando verrà il momento, difficilmente raggiungeremo la pensione sociale. E il bello è che il governo, visto che non sa dove prendere i soldi, un giorno sì e un giorno no pensa di poterci spremere ancora di più. Quando - forse non tutti lo sanno - la gestione separata sta benissimo e noi con i nostri soldi sovvenzioniamo le pensioni normali dell'INPS, fino a quando dura.

L'idea di fondo sarebbe stata buona - dare una pensione anche ai liberi professionisti che non hanno una cassa (a parte che l'aliquota, che partiva dal 10% nel 1996 per poi aumentare gradualmente, originariamente si sarebbe dovuta fermare al 19%...). Ma poi purtroppo è diventato un pozzo da cui attingere per ogni necessità.

Potrei dire ancora molte cose, ma qui non si possono fare discorsi politici.


Direct link Reply with quote
 

Christel Zipfel  Identity Verified
Member (2004)
Italian to German
+ ...
Tra l'altro Nov 6, 2011

questo è un argomento, come dimostrano anche discussioni simili nel passato, e come ho già avuto modo di far notare - e penso non solo io -, che stranamente non interessa nessuno, e sono sempre gli stessi a partecipare.

Riscuote invece infinitamente più successo l'ennesimo caso di un'agenzia che paga poco / non paga affatto oppure anche il più banale quesito su partita iva / ritenuta d'acconto o fatturazione in genere o quello che si vuole. Basta vedere il numero di accessi per rendersene conto.

Chissà come mai. Saranno i paraocchi che si preferiscono indossare di fronte alla triste realtà?


Direct link Reply with quote
 

Riccardo Schiaffino  Identity Verified
United States
Local time: 07:18
Member (2003)
English to Italian
+ ...
Ne mio caso, il perché è semplice Nov 6, 2011

Christel Zipfel wrote:

questo è un argomento (...) che stranamente non interessa nessuno, e sono sempre gli stessi a partecipare. (...)

Chissà come mai. Saranno i paraocchi che si preferiscono indossare di fronte alla triste realtà?



Nel mio caso, il perché è semplice: apro, e rabbrividisco al pericolo scampato. Quando ancora lavoravo in Italia (fino al '94), almeno all'INPS non bisognava niente (e niente sarebbe poi stato dovuto a noi, sia ben chiaro). Qui all'equivalente dell'INPS (il social security) consegno complessivamente il 14% circa.

Però ogni anno ricevo anche un conteggio con una stima piuttosto precisa di cosa mi verrebbe di pensione se decido di andarci in anticipo (a 62 anni), alla scadenza prevista (66 anni e 8 mesi), o più tardi (70).

Quello che mi chiedo, piuttosto, è come si possono permettere, tanti traduttori italiani, di lavorare a certe tariffe, visti i balzelli ai quali sono sottoposti.


Direct link Reply with quote
 

Angie Garbarino  Identity Verified
Local time: 15:18
Member (2003)
French to Italian
+ ...
E questo spiega il motivo per cui Nov 7, 2011

Riccardo Schiaffino wrote:


Quello che mi chiedo, piuttosto, è come si possono permettere, tanti traduttori italiani, di lavorare a certe tariffe, visti i balzelli ai quali sono sottoposti.


Devono combattere l'evasione fiscale,,

Comunque rabbrividisco e me ne sono andata.


Direct link Reply with quote
 

Angie Garbarino  Identity Verified
Local time: 15:18
Member (2003)
French to Italian
+ ...
credo sia rassegnazione Nov 7, 2011

Christel Zipfel wrote:

Riscuote invece infinitamente più successo l'ennesimo caso di un'agenzia che paga poco / non paga affatto oppure anche il più banale quesito su partita iva / ritenuta d'acconto o fatturazione in genere o quello che si vuole. Basta vedere il numero di accessi per rendersene conto.

Chissà come mai. Saranno i paraocchi che si preferiscono indossare di fronte alla triste realtà?


in effetti...


Direct link Reply with quote
 

Manuela Dal Castello  Identity Verified
Italy
Local time: 15:18
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Pessimismo e fastidio :-) Nov 7, 2011

Sarà che ho un po' di giornate "grigie" alle spalle, ma secondo me si tratta proprio di beata ignoranza.
Nel senso che poi ci si rende conto che si è fatturato 100 ma in tasca è arrivata un'altra cifra, sensibilmente più bassa, e invece di capire come mai ecc.ecc. si dà la colpa a Gatto Silvestro, alle lune di Giove che sono allineate con le Pleiadi, alle agenzie che imbrogliano... e che cosa sarà mai una dichiarazione dei redditi? ma devo farla io? è simile ad una dichiarazione d'amore?
E vorrai mica che sia io a dire qualcosa ai politici (di qualsiasi colore e anche a quelli scoloriti), loro sono là e tocca a loro saper cosa fare - chiedere al di là dello Ionio per consulenze (purtroppo).

E poi? e poi ci si barcamena, perché il mercato è difficile e verranno tempi migliori ecc.ecc.

Credo sinceramente che molti pensino (come per il fumo, che fa male solo agli altri) che la cosa non li riguardi.
O perché hanno altri redditi, passati o presenti, per cui la questione delle pensioni della Gestione Separata è marginale, o perché... chi vuol esser lieto sia, del doman non v'è certezza... e arrivati verso i 75 anni ci penseremo.

Manuela


Direct link Reply with quote
 
Giacomo Camaiora  Identity Verified
Italy
Local time: 15:18
English to Italian
+ ...
La gestione separata non è vista di buon occhio Nov 7, 2011

Christel Zipfel wrote:

Potrei dire ancora molte cose, ma qui non si possono fare discorsi politici.



Il sottofondo politico è che da più parti vogliono ridurre la convenienza economica delle forme di lavoro atipico per scoraggiarne il ricorso da parte delle aziende (il fenomeno degli Indignados sta diventando una questione sociale). In questa ottica le cosa andranno sempre più a peggiorare per voi; dico per voi perché non tutti cadono in questo ambito, ad esempio noi ingegneri abbiamo il fondo INARCASSA.



Giacomo


Direct link Reply with quote
 

Manuela Dal Castello  Identity Verified
Italy
Local time: 15:18
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
detto in altri termini.... Nov 7, 2011

Giacomo Camaiora wrote:

Il sottofondo politico è che da più parti vogliono ridurre la convenienza economica delle forme di lavoro atipico per scoraggiarne il ricorso da parte delle aziende (il fenomeno degli Indignados sta diventando una questione sociale). In questa ottica le cosa andranno sempre più a peggiorare per voi; dico per voi perché non tutti cadono in questo ambito, ad esempio noi ingegneri abbiamo il fondo INARCASSA.


Giacomo


Detto in altri termini: prima fanno sparire dai vocabolari il lavoro a tempo indeterminato, i lavoratori diventano tutti precari e allora li bastoniamo perché sono diventati atipici e professionisti (e quindi per definizione evasori?).

Tradotto ancora in un altro modo: che gli abbiamo fatto di male? Abbiamo inventanto noi questa gestione? Ci sono molti lavori, e il nostro è uno di quelli, che per vari motivi "deve" essere svolto da professionisti autonomi. Ciò non significa che tali professionisti autonomi debbano essere trattati a pesci in faccia
a) dai committenti
b) dall'INPS
c) dal governo
d) last but not least, da se stessi.

Quindi, non vedo perché accanirsi a far sputare soldi - ripeto, in cambio di nulla.
Vogliono riformare le casse, il lavoro autonomo, la Costituzione, il calendario giuliano e/o gregoriano? OK, ma che si faccia seriamente e non aggiungendo un colpetto qua e un colpetto là per far tornare i conti di qualcosa che... dalle parti mie si dice "tegnere dala canola e spandare dal cocon": cioè una botte in cui il foro da cui spilla il vino è chiuso, ma il tappo è ben aperto.
STOP mi autocensuro.

Manuela

P.S.: Giacomo, quindi mi dai ragione quando dico che a molti il discorso della Gestione Separata interessa in modo marginale perché ricadono in altre forme di previdenza...


Direct link Reply with quote
 

Christel Zipfel  Identity Verified
Member (2004)
Italian to German
+ ...
Lo sbaglio di fondo Nov 7, 2011

Manuela Dal Castello wrote:


Detto in altri termini: prima fanno sparire dai vocabolari il lavoro a tempo indeterminato, i lavoratori diventano tutti precari e allora li bastoniamo perché sono diventati atipici e professionisti (e quindi per definizione evasori?).

Tradotto ancora in un altro modo: che gli abbiamo fatto di male? Abbiamo inventanto noi questa gestione? Ci sono molti lavori, e il nostro è uno di quelli, che per vari motivi "deve" essere svolto da professionisti autonomi. Ciò non significa che tali professionisti autonomi debbano essere trattati a pesci in faccia
a) dai committenti
b) dall'INPS
c) dal governo
d) last but not least, da se stessi.



è stato mettere noi *veri* liberi professionisti, che cioè decidiamo liberamente come, quando e per chi lavorare, in un unico calderone con co.co.co, *finte* partite IVA e altri lavoratori aticpici. Ma questi non è che abbiano scelto la loro condizione, è che sono state tolte loro le alternative, visto che i contratti a tempo indeterminato non esistono quasi più.
E adesso vengono pure bastonati, e noi con loro.

E' una situazione davvero assurda


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2 3] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Nuovo tentativo di aumento aliquota INPS

Advanced search






Anycount & Translation Office 3000
Translation Office 3000

Translation Office 3000 is an advanced accounting tool for freelance translators and small agencies. TO3000 easily and seamlessly integrates with the business life of professional freelance translators.

More info »
WordFinder
The words you want Anywhere, Anytime

WordFinder is the market's fastest and easiest way of finding the right word, term, translation or synonym in one or more dictionaries. In our assortment you can choose among more than 120 dictionaries in 15 languages from leading publishers.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search