Pages in topic:   [1 2] >
Conviene accettare una traduzione su un argomento sconosciuto?
Thread poster: Marco Cianci

Marco Cianci  Identity Verified
Local time: 13:24
English to Italian
May 28, 2012

Credo che il titolo parli da sè. Comunque argomento.
Mi è stata offerta una collaborazione (tra l'altro pagata pochissimo, 8€ a cartella...) da una agenzia che effettua traduzioni di IT, software, Hardware e cose così. Non è che l'argomento mi è sconosciuto, come ho scritto nel titolo, ma un certo tipo di terminologia si. E mi chiedevo se mi conviene accettare questa collaborazione, magari ritrovandomi poi davanti a testi che non so e non riesco a tradurre. Se ci mettiamo anche che sto svolgendo uno stage (non retribuito) con traduzione che mi interessano e di cui conosco la terminologia molto bene...beh allora i miei dubbi crescono ancora...

Pagato (poco) ma sconosciuto, o gratis ma che appassiona?


Direct link Reply with quote
 

SaraGC  Identity Verified
Local time: 13:24
English to Italian
+ ...
per me è si ma... May 28, 2012

secondo me faresti bene ad accettarla ma prendendoti il tempo, qualora dovessi avere bisogno di fare parecchie ricerche terminologiche, mi spiego: mi è capitato di avere richieste su materie che non ho mai affrontato e ho semplicemente fatto attenzione che la scadenza della consegna non fosse troppo urgente, in questa maniera ho potuto costruirmi una solida base di vocaboli in diverse materie che altrimenti non avrei mai affrontato. Fai comunque presente che la tua traduzione necessiterà di revisione e fatti mandare le eventuali correzioni: in pratica accetti un lavoro a poco in cambio della formazione che ne conseguirai. Se sei chiaro fin dall'inizio il cliente non potrà che vedere la tua professionalità: 1. Non sei disposto a scendere di prezzo a qualunque costo: lo fai perché tramite questo lavoro avrai un rientro in termini di formazione; 2. Non ti spacci per conoscitore di materie che non hai mai affrontato; 3. Sei comunque disponibile e dunque un ottima pedina di un eventuale team
Questo il mio punto di vista.
buon lavoro


Direct link Reply with quote
 

Silvia Nigretto  Identity Verified
Local time: 13:24
English to Italian
+ ...
non accetterei May 28, 2012

Ciao Marco!
Io non accetterei per tre motivi:
1) rischio la mia faccia e la mia reputazione (e mi taglio le gambe anche se sono all'inizio di questa attività);
2) incoraggio le agenzie a pagare niente pur richiedendo qualità (e magari ti decurtano la parcella perché sono dovuti intervenire pesantemente sul tuo lavoro);
3) tolgo il lavoro a chi è esperto di quel settore e lavora seriamente.

I controlli e le ricerche che puoi fare in Internet dovrebbero servirti da conferma.
Tradurre non significa prendere un dizionario in mano, cercare la parola e trascriverla. Significa avere delle nozioni di base in una lingua, ritrovarle in un'altra e renderle disponibili a chi quella lingua non la conosce.

E poi ci lamentiamo di come vada il mondo delle traduzioni....

Avrei molte altre cose da scrivere in merito ma non voglio polemizzare troppo.

In bocca al lupo!
silvia


Direct link Reply with quote
 
monica.m
Italy
Local time: 13:24
Member (2011)
German to Italian
+ ...
Qualche suggerimento May 28, 2012

- Mai lavorare gratis, per poco sì, ma gratis non c'è argomento che mi appassioni

- Farsi mandare il testo in visione, provare a tradurre dei punti random.

- In questo lavoro nessuno ci regala niente. Essere disponibili a soffrire all'inizio, in previsione di altri lavori che poi magari saranno ripetitivi e ci ricompenseranno del sacrificio iniziale. Se così non fosse avremo comunque fatto esperienza retribuita.

- Chiedere la disponibilità del cliente a correggere dei glossari terminologici che vengono man mano preparati. In questo modo si impara, si responsabilizza e si fidelizza il cliente.

Per il resto, si tratta di valutazioni generiche, nello specifico sei tu faber della tua professionalità, che non si compra da nessuna parte ma si costruisce anche.. diciamo così (mi vengono dei termini poco ortodossi e ben intuibili)...:))

Buon lavoro
M.


Direct link Reply with quote
 

Rossinka
Italy
Local time: 13:24
Italian to Russian
+ ...
Marco, accetta. May 28, 2012

dopo un'analisi con un risultato diverso dal "aia! non ci capisco nulla!",
accetta perchè
1) è un settore (IT, SW, HW) che tira
2) se il testo è lungo, guadagnerai lo stesso qualcosa
3) se il testo è corto, prendilo come un investimento
4) chiedi se ci sarà un proofreading, se non ci sarà, trova tu un collega che ti possa dare la mano.


Direct link Reply with quote
 

Marco Cianci  Identity Verified
Local time: 13:24
English to Italian
TOPIC STARTER
Grazie May 28, 2012

Ringrazio tutti per la risposta e per i consigli. Ne farò sicuramente tesoro e valuterò attentamente la situazione per tutto il tempo che posso!

Direct link Reply with quote
 

Angie Garbarino  Identity Verified
Local time: 13:24
Member (2003)
French to Italian
+ ...
Concordo e aggiungo May 28, 2012

Silvia Nigretto wrote:

Tradurre non significa prendere un dizionario in mano, cercare la parola e trascriverla. Significa avere delle nozioni di base in una lingua, ritrovarle in un'altra e renderle disponibili a chi quella lingua non la conosce.

E poi ci lamentiamo di come vada il mondo delle traduzioni....



Adesso capisco come mai il mese scorso ho impiegato 6 ore per revisionare un contratto da 2000 parole (un numero di parole che in 6 ore traduco solitamente ex novo).

Capisco voler iniziare ma... che cosa mandiamo in giro?

Buona fortuna anche da parte mia!


Direct link Reply with quote
 

Riccardo Schiaffino  Identity Verified
United States
Local time: 05:24
Member (2003)
English to Italian
+ ...
Non accettare May 28, 2012

Non conviene mai accettare una traduzione su argomento sconosciuto.

Non è che l'argomento mi è sconosciuto, come ho scritto nel titolo, ma un certo tipo di terminologia sì.


Se dell'argomento non conosci bene la terminologia, dovresti considerarlo come argomento sconosciuto.

Poi alcune considerazioni sui consigli che sono stati dati nel thread, e che mi hanno lasciato francamente basito:

Rossinka
è un settore (IT, SW, HW) che tira

Il fatto che un settore "tiri", o meno, è del tutto irrilevante. Quello che importa è se si è in grado di fare il lavoro con competenza.

chiedi se ci sarà un proofreading, se non ci sarà, trova tu un collega che ti possa dare la mano.

Che interpreto come "di cosa ti preoccupi, tanto faranno una revisione della traduzione che farai - se invece non la fanno, allora chiedi a qualcuno che ti aiuti a fare un lavoro decente".

SaraGC
Fai comunque presente che la tua traduzione necessiterà di revisione e fatti mandare le eventuali correzioni.

Vedi sopra. Un lavoro lo si accetta o non lo si accetta: non si manda un lavoro raffazzonato solo perché è pagato poco. Fare presente "che la ... traduzione necessiterà di revisione" significa dire "ho fatto un lavoro da cani. Spero che abbiate qualcuno in grado di aggiustarlo".

in pratica accetti un lavoro a poco in cambio della formazione che ne conseguirai.

Sbagliato, per varie ragioni:
1) L'attività dei committenti della traduzione è fornire traduzioni ai suoi clienti, non formazione ai suoi fornitori.
2) Se il cliente paga poco, pagherà poco anche il revisore. Che livello di "formazione" si possa ottenere in queste condizioni è facile immaginarselo.
3) Un discorso tipo "essere pagati poco, ma ricevere formazione in cambio" ha senso solo nell'ambito di uno stage. Non mi sembra si parlasse di questo.

Se sei chiaro fin dall'inizio il cliente non potrà che vedere la tua professionalità:... 2. Non ti spacci per conoscitore di materie che non hai mai affrontato

Vero che non ti spacci per conoscitore di materie a te sconosciute... un punto in più per l'onestà, quindi. Ma offrirsi di fare un lavoro per il quale non si è preparati non è segno di professionalità: è segno, invece, di incoscenza.

3. Sei comunque disponibile e dunque un ottima pedina di un eventuale team

Dimostrare la propria disponibilità, è utile. Dimostrare la propria disponibilità per effettuari lavori per i quali non si è competenti, invece no. Chi non ha la competenza o l'esperienza necessari a svolgere il lavoro non sarà mai "un'ottima pedina di un eventuale team", ma piuttosto una zavorra utile solo a rallentare e peggiorare il lavoro del team.


Direct link Reply with quote
 

Simona R
Germany
Local time: 13:24
German to Italian
+ ...
D'accordo in tutto e per tutto May 29, 2012

Concordo al 100% con quanto scritto da Riccardo e non ho nulla da aggiungere.

Premesso che non ho molta dimestichezza con il fisco italiano e le sue regole ma che ogni tanto seguo le discussioni sul tema e, comunque, leggo i giornali, vorrei chiedere a Marco se è proprio sicuro che lavorare a 8 euro lordi a pagina significhi lavorare a pagamento? Marco, hai calcolato quanto ti rimane in tasca una volta pagati tasse e contributi?

Simona


Direct link Reply with quote
 

Marco Cianci  Identity Verified
Local time: 13:24
English to Italian
TOPIC STARTER
Non ancora May 29, 2012

Simona R wrote:

Concordo al 100% con quanto scritto da Riccardo e non ho nulla da aggiungere.

Premesso che non ho molta dimestichezza con il fisco italiano e le sue regole ma che ogni tanto seguo le discussioni sul tema e, comunque, leggo i giornali, vorrei chiedere a Marco se è proprio sicuro che lavorare a 8 euro lordi a pagina significhi lavorare a pagamento? Marco, hai calcolato quanto ti rimane in tasca una volta pagati tasse e contributi?

Simona

8€ a cartella, non a pagina. E comunque no, non ho controllato, onestamente ancora non effettuato nessun lavoro retribuito fino ad ora e ancora non so bene come funziona.


Direct link Reply with quote
 

Simona R
Germany
Local time: 13:24
German to Italian
+ ...
Scusa, hai ragione May 29, 2012

[/quote]
8€ a cartella, non a pagina. E comunque no, non ho controllato, onestamente ancora non effettuato nessun lavoro retribuito fino ad ora e ancora non so bene come funziona. [/quote]


Scusa, hai perfettamente ragione, hai scritto a cartella, non a pagina. Comunque sia rimango del parere che, tolte tasse e contributi, la cifra propostati non sia molto lontana dallo zero. Secondo me questi calcoli dovresti farli. E anche con una certa urgenza.

In bocca al lupo,
S.


Direct link Reply with quote
 

Rossinka
Italy
Local time: 13:24
Italian to Russian
+ ...
Riccardo Schiaffino basito? Ma sono io che rimango basita. May 29, 2012

Riccardo Schiaffino wrote:
Poi alcune considerazioni sui consigli che sono stati dati nel thread, e che mi hanno lasciato francamente basito:

Rossinka
è un settore (IT, SW, HW) che tira

Il fatto che un settore "tiri", o meno, è del tutto irrilevante. Quello che importa è se si è in grado di fare il lavoro con competenza.

chiedi se ci sarà un proofreading, se non ci sarà, trova tu un collega che ti possa dare la mano.

Che interpreto come "di cosa ti preoccupi, tanto faranno una revisione della traduzione che farai - se invece non la fanno, allora chiedi a qualcuno che ti aiuti a fare un lavoro decente".


1) Io considero l'affrontare i nuovi temi come crescita professionale di un traduttore. Certo, non su due piedi. In questo caso Marco non è uno zero in informatica, lo dice lui.
Quindi, se uno vuole provare ad imparare un settore nuovo, per di piu, un settore che tira, perche no? Ci metterà il triplo di tempo, non guadagnerà niente, ma imparerà.

Ma, scusi, Riccardo, Lei non ha mai accettato un tema nuovo? Allora come fa? E' partito fin da subito con la conoscenza di vari settori? Come ha fatto?
Mi lasciano basita le Sue affermazioni, a questo punto.

2) Sto parlando a Marco, assumendo che lui è un professionista , e quindi saprà organizzarsi per fornire un risultato di lavoro a livello.
Cosa c'è di "basito" nell'organizzarsi così? Aiutato da qualcuno che rileggerà non significa "agratis" per il proofreader.
Se un collega vuole accrescere la sua professionalità e vuole imparare, lavorando all'inizio solo per un investimento,
cosa c'è da rimaner basiti?


Direct link Reply with quote
 

Riccardo Schiaffino  Identity Verified
United States
Local time: 05:24
Member (2003)
English to Italian
+ ...
Risposta a Rossinka May 29, 2012

Rossinka wrote:

1) Io considero l'affrontare i nuovi temi come crescita professionale di un traduttore. Certo, non su due piedi. In questo caso Marco non è uno zero in informatica, lo dice lui.
Quindi, se uno vuole provare ad imparare un settore nuovo, per di piu, un settore che tira, perche no? Ci metterà il triplo di tempo, non guadagnerà niente, ma imparerà.

A che livello sia la conoscenza informatica di Marco, lo può determinare solo lui, ovviamente. nella domanda titolo del thread dice "argomento sconosciuto". Poi dice di non essere proprio a zero, ma di non conoscere un certo tipo di terminologia.

Per quanto riguarda la terminologia, è una questione complessa: tutti incontriamo termini che non conoscevamo prima. È per questo che facciamo ricerche terminologiche. Ma a volte (anche spesso, direi, dando un'occhiata alle caterve di domande che appaiono in KudoZ, ad esempio), la mancanza terminologica è tale da poter dire che sì, un certo settore è sconosciuto. In tali casi è meglio NON affrontare la traduzione senza prima aver appreso nozioni sufficienti nel campo.

Ma, scusi, Riccardo, Lei non ha mai accettato un tema nuovo? Allora come fa? E' partito fin da subito con la conoscenza di vari settori? Come ha fatto? Mi lasciano basita le Sue affermazioni, a questo punto.

All'inizio, lo ammetto, con un certo livello d'incoscienza. Del resto, quando ho iniziato, in Italia traducevamo quasi tutti dall'italiano verso la lingua straniera. Ora non mi sognerei più di farlo. Ma devo anche dire che le nozioni che ci avevano insegnato alla Scuola di Trieste davano anche ai neolaureati basi solide per iniziare la carriera: incluso come fare ricerca e avvicinarsi a settori specialistici.

A chi è ora all'inizio della carriera consiglierei di fare tesoro delle nozioni apprese a scuola e all'università, ma non solo: esaminare quali sono i propri interessi, e approfondirli proprio dal punto di vista linguistico. Leggere molto sull'argomento sia nella propria lingua madre, sia nella (o nelle) lingue sorgenti. Quando si arriva al punto di capire bene cosa dice il testo sorgente, solo allora si può pensare di poterlo tradurre.



2) Sto parlando a Marco, assumendo che lui è un professionista , e quindi saprà organizzarsi per fornire un risultato di lavoro a livello.

Io invece sto parlando a Marco, che evidentemente è ancora principiante (niente di male in questo, intendiamoci), e che quindi potrebbe benissimo non sapere come organizzarsi per fornire un risultato di lavoro di buon livello.


Direct link Reply with quote
 

Stefano Papaleo  Identity Verified
Italy
Local time: 13:24
Member (2005)
English to Italian
+ ...
Decisamente no. Almeno non come lavoro vero e proprio May 31, 2012

Concordo pienamente con quanto già espresso dai colleghi e aggiungo 2 cose che so che potranno apparire un po' eccessive o come un rimprovero ma ti assicuro che vogliono essere solo un forte e sincero consiglio. Lo stesso può fare chiunque nei miei confronti, non sto predicando dal pulpito o scagliando pietre senza peccato. A volte è più utile un cazzotto in faccia che non una pacca sulla spalla, sia essa segno di consolazione o di sincera ammirazione.

Dovresti già conoscere la risposta alla tua domanda avendo sottoscritto le linee guida professionali di ProZ. Il punto 3 infatti recita:

"accept only assignments that they have the knowledge, resources and time to do well"

Va da sé che quando si sottoscrive qualcosa è implicito il relativo rispetto.

Visto che parli d'informatica e ho esperienza in questo campo anche al di là della traduzione, ti sconsiglio di imbarcarti alla cieca. L'argomento è molto vasto. Capita anche che i testi siano scritti male, vuoi perché scritti da persone non madrelingua inglese (v. Cina) e spesso devi fare l'indovino per capire cosa VOLEVANO dire e per farlo devi avere non solo buone conoscenze linguistiche ma anche tanta esperienza della materia e di questi testi. Anche quando sono scritti da madrelingua, specie i testi non prettamente tecnici ma piuttosto commerciali/promozionali, ti fanno mettere le mani nei capelli. Poi aggiungici la mania di usare termini inglesi (e quindi l'illusione che il testo sia più facile da tradurre) anche quando l'equivalente italiano andrebbe benissimo e ottieni un bel quadretto.

Mi è capitato più volte di dover revisionare testi informatici o di argomenti affini dove il traduttore magari era bravo, lo stile meraviglioso ecc. ma ogni tanto si notava che non aveva la più pallida idea di cosa di cosa fossero certe cose o di aver capito male. Se al contrario hai esperienza diretta sai come comportarti, capisci anche quando l'autore stesso ha sbagliato nella lingua sorgente. Vale per tutti i campi.

Sul fatto che l'informatica tiri e quindi buttiamoci tutti in quell'ambito, l'ho visto mille volte anche al di fuori della traduzione; il che è ancora più triste... ho avuto davanti gente che a malapena sapeva accendere il computer e si iscriveva a corsi di programmazione... e odiava la tecnologia! Chi voleva cambiare lavoro (già in età) e imbarcarsi in un ambito che non rispondeva ai suoi gusti e alle sue capacità. L'informatica deve piacere. Già è dura lavorare su argomenti che ci appassionano... prova a tradurre un manuale di qualcosa che ti fa venire l'orticaria e di cui capisci poco e poi vediamo il tuo livello d'umore;)

Segui le tue passioni e le tue attitudini. Se l'informatica ne fa parte, bene. Altrimenti, bene lo stesso e se sei alla ricerca di nuovi interessi, benone ma ... con calma....

L'idea potrebbe funzionare in un percorso formativo non in una situazione lavorativa vera e propria. Sicuramente no con un committente che ti propone quelle cifre e che quindi non ha alcun interesse a una revisione fatta come si deve, a formarti ecc. ecc.

Piuttosto documentati, trovati del materiale disponibile sia in lingua d'origine sia di destinazione, molti siti hanno la sezione manuali, schede tecniche, brochure e quant'altro scaricabarile per le varie lingue. Fai delle prove per conto tuo. Trova qualcuno disposto a insegnarti il mestiere altrimenti a buttarti alla cieca rischi di fare la fine della campagna di Russia.

Altro consiglio: rileggiti per bene quando scrivi... ci sono degli errori nel tuo primo post, titolo compreso.

In bocca al lupo!

[Edited at 2012-06-01 07:38 GMT]


Direct link Reply with quote
 

linguandre Russo
Italy
Local time: 13:24
English to Italian
+ ...
Io non accetterei, ma molti lo fanno... Jun 1, 2012

Conosco traduttori che hanno accettato (e accettano) traduzione iperspecialistiche su argomenti di cui non sanno nulla. A quanto pare non si fanno problemi: fanno delle ricerche e cercano di capirci qualcosa. Ma io non lo farei, e mi trovo d'accordo con alcuni degl'interventi qui sopra. Il problema è da un lato il tempo (dato che molte volte non è che abbondi), e dall'altro il rispetto verso chi è specializzato in quel settore. Per non parlare del fatto che una traduzione d'un argomento sconosciuto porterà probabilmente a errori (magari inconsapevoli), che potrebbero "mettere a rischio" sia la reputazione del traduttore sia la comprensione del testo stesso (nonostante tutte le revisioni del mondo).
Insomma, secondo me è un lavoro disonesto e pericoloso, e quindi non accetterei (anche se capisco la tentazione!).


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Conviene accettare una traduzione su un argomento sconosciuto?

Advanced search






Wordfast Pro
Translation Memory Software for Any Platform

Exclusive discount for ProZ.com users! Save over 13% when purchasing Wordfast Pro through ProZ.com. Wordfast is the world's #1 provider of platform-independent Translation Memory software. Consistently ranked the most user-friendly and highest value

More info »
WordFinder
The words you want Anywhere, Anytime

WordFinder is the market's fastest and easiest way of finding the right word, term, translation or synonym in one or more dictionaries. In our assortment you can choose among more than 120 dictionaries in 15 languages from leading publishers.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search