Diventare traduttore: il momento si avvicina
Thread poster: Valentina C.

Valentina C.
United Kingdom
Local time: 02:02
English to Italian
Aug 6, 2012

Ciao a tutti,

sono Valentina, mi sono iscritta a questo forum a fine 2010. Non ho mai scritto molto, ma ho letto tantissimo per carpire tutte le informazioni possibili, sia dal punto di vista pratico che burocratico, al fine di poter diventare un buon traduttore.
Non svolgo ancora tale professione, perchè ho sempre pensato che prima di entrare in campo fosse necessario fare esperienza.

Mi piacciono i videogiochi, fin da piccola ci ho sempre giocato, partendo dal primo videogames (Pong) fino ai più moderni, passando per la maggior parte delle piattaforme presenti sul mercato, così ho deciso che volevo specializzarmi in videogiochi. Nel febbraio 2011 mi sono trasferita in UK (dove attualmente mi trovo) per lavorare come Localisation Tester; a inizio di quest'anno sono stata assunta da un'azienda molto conosciuta e ora sono l'unica responsabile del controllo della lingua italiana. Svolgo lavoro di proofreading e traduzione, anche se i testi per i giochi vengono tradotti da traduttori esterni, io traduco i testi che vengono aggiunti in seguito.
In questo modo mi è stato possibile imparare la terminologia specifica per le varie piattaforme, soprattutto Sony e Microsoft, e analizzando i testi dei traduttori ho capito maggiormente cosa vuol dire tradurre.
Analizzando questi testi però, ho anche capito che non tutti i traduttori che traducono i videogiochi sono specializzati in questo campo e spesso trovo errori davvero grossolani, a volte ho addirittura il dubbio che venga utilizzato Google translator e la cosa non mi rende certo felice, soprattutto perchè io vorrei fare il loro lavoro, ma penso sempre che forse non è ancora il momento, che non ho abbastanza esperienza.
Personalmente mi sento pronta, ma sto cercando di organizzare bene il tutto prima di lanciarmi in questa nuova avventura e credo che tra meno di un anno riuscirò a dare vita alla mia piccola attività.


Ho scritto tutto questo, perchè volevo chiedere a voi, che nel campo della traduzione ci siete da molto più tempo di me, se la mia esperienza possa essere sufficiente per iniziare, in sintesi il mio CV è:
- Laurea in Scienze linguistiche per la comunicazione e l'impresa (triennale con traduzioni economiche in Inglese e Francese)
- 1+ anni Traduzioni di interviste, comunicati stampa e articoli, presso un'associazione culturale
- 1,5 anni come Italian Localisation Tester


Lavoro sempre su file Excel, non ho mai usato CAT tools, traduco circa 400 parole all'ora da inglese a italiano (ovviamente conosco molto bene l'argomento trattato nelle traduzioni, avendo il gioco davanti a me).

Pensate ci sia altro che io debba fare per migliorare ancora prima di diventare freelance? (Anche se sono dell'idea che non si smette mai di imparare e si cerca sempre di migliorare...) C'è qualcosa di particolare che devo sapere?

Grazie.


 

smarinella  Identity Verified
Italy
Local time: 03:02
German to Italian
+ ...
i miei due cent Aug 6, 2012

Ciao,

capisco il tuo desiderio di metterti in proprio diventando freelance ma, avendo ahimé sicuramente molti più anni di te, ti consiglierei di aspettare a fare questo passo.

Sai quanti traduttori, anche non più giovani, cercano ora un posto di lavoro, uno qualsiasi, per poter finalmente contare su un'entrata stabile e poter pagare fitto/utenze/auto ecc.? E quanti, per questa benedetta 'entrata stabile' si adattano a fare lavori anche sottopagati, con salari ultramodesti pepr non dire di fame? Senza un reddito fisso tanti non possono permettersi né di prendersi una vacanza (o solo fare un viaggetto), né di comprarsi una casa e neanche di avere un figlio? Sono tanti, credimi, magari non ne parlano sui vari fori ma è così.

Hai la fortuna di vivere a Londra e di avere un posso fisso, un reddito sicuro; al posto tuo ci penserei bene prima di lasciarlo e farei intanto altri progetti: che so prendermi una laurea in Inghilterra, o fare un master di alto livello, o approfondire l'inglese in un altro settore che un giorno ti potrà tornare utile (a tua scelta, es. il finanziario o un altro magari meno impegnativo) o magari imparare un'altra lingua che abbia un futuro. Poi, più in là, potresti chiedere di lavorare a metà tempo e tenerti l'altra metà della giornata per le traduzioni o la famiglia o gli hobby o quel che ti piace.

Hai poi pensato anche al fatto che il lavoro del freelance è un lavoro molto 'asociale' (così diceva mio marito) e che, dando le dimissioni, il tuo orizzonte sociale, la cerchia di amici/colleghi/conoscenti ecc. si riduce quasi a zero?

Ci sono tante considerazioni da fare, del tipo più diverso, prima di prendere decisioni così importanti. Goditi la gioventù, l'esperienza all'estero, la possibilità di imparare cose nuove e studiare per migliorare il tuo livello culturale anche in altri settori (alla cultura non c'è mai un limite... io pure faccio revisioni e vedo che l'ignoranza è tanta, a prescindere dal nr dei titoli di studio) e creati intanto una 'nicchia' per il tuo futuro professionale!

[Edited at 2012-08-06 19:37 GMT]


 

Valentina C.
United Kingdom
Local time: 02:02
English to Italian
TOPIC STARTER
Grazie per la risposta Aug 6, 2012

Ciao smarinella,

caspita che intervento, era l'ultima cosa che mi sarei aspettata, ma hai fatto bene a scrivere, è giusto sapere che non è tutto rose e fiori. Purtroppo so che da qualche anno a questa parte il settore non è molto prolifero, però penso anche che per tanti che fanno fatica ce ne sono altrettanti che non hanno grossi problemi. Ovviamente si spera sempre di rientrare tra questi ultimi, anche se la realtà a volte è ben diversa. Però è anche vero che di clienti ed agenzie ce ne sono tantissimi, oserei dire milioni, in tutto il mondo, con cui lavorare, certo la concorrenza è alta, ma vuoi dire che un posticino per me proprio non c'è?

Io non vivo a Londra, ma in una cittadina in mezzo alla campagna inglese, certo però la metropoli è a portata di mano... lo stipendio mi permette di vivere, ma da qui a dire che possa permettermi di progettare chissà che cosa direi che siamo ben lontani. Fortunatamente non vivo da sola, anche il mio ragazzo lavora, perciò per il futuro, non lascerei mai il mio lavoro senza prima avere la certezza che lui ne abbia uno sufficiente a tirare avanti per due. Non sto dicendo che voglio fare la mantenuta, per carità, ma nel caso un mese io dovessi fatturare meno del previsto, diciamo che avrei comunque un "cuscino" ad attutire la caduta e non avremmo problemi a pagare affitto e bollette.

La mia "nicchia" ho iniziato a costruirla fin dal primo giorno che sono arrivata in UK e, sperando che tutto vada bene, non dovrei partire proprio da zero.

Alla questione "asociale" ci avevo già pensato e direi che mi va bene, perchè preferisco lavorare da sola, certo magari due chiacchiere ogni tanto con i colleghi fanno piacere, ma non lo ritengo un punto molto rilevante. Gli amici li ho sempre avuti al di fuori del lavoro e credimi che anche se ho un "posto fisso", qui la vita sociale non è un granchè, sia per il tipo di persone con cui lavoro che preferiscono stare a casa a giocare ai videogames il sabato sera (anche a me piacciono molto, ma almeno nei weekend vorrei uscire), sia perchè non è facile fare amicizia con i britannici... o almeno, questa è stata la mia esperienza fino ad oggi.

Grazie ancora del tuo intervento, mi aiuta a restare con i piedi per terra.icon_wink.gif


 

mariant  Identity Verified
Italy
Local time: 03:02
Member (2006)
German to Italian
+ ...
Due consigli rapidi Aug 7, 2012

Ciao Valentina,

come benvenuto sul campo, due consigli dal punto di vista tecnico e organizzativo.

1. CAT tools: sì, nel settore dei videogiochi Excel va forte, ma spesso sono richiesti anche dei CAT veri e propri. Dato che costano un po' (sono un vero investimento professionale), puoi iniziare a farci conoscenza usando le versioni demo scaricabili gratis dai siti dei produttori. Per un elenco, puoi guardare qua: http://www.proz.com/?sp=forum&action=Overview&viewcat=3

2. Prima di iniziare, o meglio, per progettare la tua futura carriera da traduttrice, devi conoscere la possibili forme imprenditoriali da adottare, che sono diverse fra Italia e Regno Unito e varie all'interno di ciascuno stato. Se pensi di tornare in Italia per avviare la tua attività o manterrai la residenza in Italia, devi informarti sulle modalità e sugli aspetti fiscali (vedi per esempio il sito dell'Agenzia delle Entrate, http://agenziaentrate.gov.it/ ). Se invece la tua sede sarà Londra, dovrai chiedere tutte le informazioni sul posto.
Questo perché così, al momento di dialogare con i clienti, sarai tranquilla e preparata per le domande su VAT/partita IVA, fattura/notula, tasse applicabili ecc.

Nel forum troverai diverse discussioni su entrambi gli argomenti, oltre che sulla localizzazione dei VG.

In bocca al lupo!icon_smile.gif

Maria Antonietta


 

Valentina C.
United Kingdom
Local time: 02:02
English to Italian
TOPIC STARTER
Ciao Maria Antonietta Aug 7, 2012

Grazie del link, è proprio ciò di cui avevo bisogno per quel che riguarda i cat tools. Avevoo scaricato la versione gratuita di wordfast con il manuale e avevo pensato di comprare Trados per studenti, ma con questo link adesso posso avere una visione più ampia.icon_smile.gif

In merito alla partita IVA mi sono già mossa. Per l'Italia, avendo i genitori artigiani, ho già un'idea di come funzionano il calcolo, il pagamento delle tasse, le scadenze, ecc... anche se per l'attività di traduttore ci si riferisce ad un altro regime. Per gli UK mi sono informata, ma sinceramente la nuova attività vorrei iniziarla in un altro paese, al momento i più quotati sono Spagna e Svizzera. Per quest'ultima sapete se le regole in materia sono uguali per tutti i cantoni o variano? So che non è necessario aprire la partita, ma è vero che per svolgere l'attività devi dimostrare di avere già dei clienti?

Grazie.


 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Diventare traduttore: il momento si avvicina

Advanced search






WordFinder Unlimited
For clarity and excellence

WordFinder is the leading dictionary service that gives you the words you want anywhere, anytime. Access 260+ dictionaries from the world's leading dictionary publishers in virtually any device. Find the right word anywhere, anytime - online or offline.

More info »
TM-Town
Manage your TMs and Terms ... and boost your translation business

Are you ready for something fresh in the industry? TM-Town is a unique new site for you -- the freelance translator -- to store, manage and share translation memories (TMs) and glossaries...and potentially meet new clients on the basis of your prior work.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search