asseverazione e/o legalizzazione per Camera di Commercio Italo Araba
Thread poster: xxxFede_arabic
xxxFede_arabic
Italy
Local time: 12:26
Arabic to Italian
+ ...
Jun 14, 2013

Ciao a tutti,
Sono nuova su proz e sul panorama dei freelancer italiani, avendo lavorato principalmente per la Cooperazione Italiana in Siria. Volevo chiedervi alcune delucidazioni.
Un cliente mi ha chiesto la traduzione di alcuni documenti per apertura nuova sede in Iraq (in particolare Statuto, Certificato di iscrizione alla CCIAA e ultimo bilancio depositato). Ora, nella mail il cliente riporta che i documenti vanno "legalizzati, e la traduzione in lingua araba deve essere giurata presso il Tribunale. La documentazione va poi presentata alla Camera di Commercio Italo Araba che procede alla vidimazione".
Ho fatto un rapido giro su vecchi forum e vorrei chiedere conferma su alcuni punti:
1- Posso giurare una traduzione pur non essendo iscritta all'albo dei Consulenti Tecnici d'Ufficio. L'asseverazione è meglio farla sull'originale e basta recarsi al tribunale con le marche da bollo ogni 4 facciate, eventuali diritti di cancelleria, il verbale, ecc..
2- Per legalizzati, il cliente intende la legalizzazione in Procura? Chiamerò io la Camera di commercio italo-araba per accertarmene (anche se spetterebbe al cliente farlo...vabbè sorvoliamo). In questo caso, ci sono costi aggiuntivi e tempistiche più lunghe?
3- E al riguardo, conoscete le tempistiche per il tribunale di Roma? Orientativamente sapete se fanno tutto in giornata o bisogna tornarci?
4- Come tariffa, ho letto su un vecchissimo forum del 2004 che si partiva da 40 Euro, immagino bolli e diritti di cancelleria esclusi. Immagino che ad oggi la tariffa sia aumentata, se non raddoppiata.

Mi scuso per il papiro e vi ringrazio per le risposte!!
Federica


Direct link Reply with quote
 
smarinella  Identity Verified
Italy
Local time: 12:26
Member (2004)
German to Italian
+ ...
i miei due cent Jun 16, 2013

sì, anche chi non è iscritto all'albo dei periti del Tribunale può legailizare i documenti. Al mio tribunale (Civitavecchia) è necessario presentarsi di persona con l'originale e pagare una marca da bollo di €14,62 per ogni 2 pagine.

Se poi il cliente ha bisogno dell'apostilla, la faccenda prende un'altra piega - dopo la legalizzazione occorre portare il tutto all'ufficio competente che se non sbaglio si trova sulla Via Ostiense, a Roma (ci sono stata una volta sola...).

La legalizzazione va fatta in Italia SOLO se il documento va prodotto nel nostro Paese, se invece serve per il Paese estero, va legalizzato dal Consolato d'Italia in quel Paese. E' una cosa che devo spiegare a molti clienti.

Il tutto comporta ovviamente una spesa - da un minimo di 50 euro, direi...ovviamente escluse le marche da bollo. Devi giurare davanti al cancelliere principale del Tribunale e la cosa comporta un grado maggiore di responsabilità rispetto a una semplice traduzione...

Per l'arabo, so che non è facile trovare traduttori giurati sia perché le tariffe dei nostri tribunali sono molto molto basse sia perchè, soprattutto in alcuni processi, i periti sono sottoposti a minacce e pressioni non indifferenti.

Ma penso che, se vuoi, non sarebbe difficile iscriversi cometraduttore giurato per l'arabo - sarebbe un oottimo servizio reso alla comunità - è questo lo spirito con cui si lavora per i Tribunali, anche se molti colleghi non sono d'accordo...


Direct link Reply with quote
 
xxxFede_arabic
Italy
Local time: 12:26
Arabic to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Grazie!! Jun 17, 2013

smarinella wrote:

Se poi il cliente ha bisogno dell'apostilla, la faccenda prende un'altra piega - dopo la legalizzazione occorre portare il tutto all'ufficio competente che se non sbaglio si trova sulla Via Ostiense, a Roma (ci sono stata una volta sola...).

La legalizzazione va fatta in Italia SOLO se il documento va prodotto nel nostro Paese, se invece serve per il Paese estero, va legalizzato dal Consolato d'Italia in quel Paese. E' una cosa che devo spiegare a molti clienti.



Grazie Marinella, avevi ragione. Il cliente deve legalizzare l'italiano (che è il testo di partenza), poi giurare e legalizzare tramite apostilla la traduzione...
Segue vidimazione alla camera di commercio italo-araba e infine altri soldi per non so cosa al consolato iracheno...Però...poi si dice che la burocrazia italiana è complessa!!!

Credo che in futuro quando avrò un po' più di maturità lavorativa mi iscriverò all'albo dei CTU, ma almeno per l'arabo capisco benissimo perché i colleghi siano restii a farlo. La faccenda dei dialetti è complicata e rischiosa. Molti miei colleghi hanno studiato solo l'arabo standard all'università: io ho imparato benino i dialetti mediorientali già che vivevo in Siria, ma comunque se mi capitasse un algerino, un marocchino o un tunisino non capirei una parola. Meglio evitare, sennò mando in galera qualcuno!!!


Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

asseverazione e/o legalizzazione per Camera di Commercio Italo Araba

Advanced search






CafeTran Espresso
You've never met a CAT tool this clever!

Translate faster & easier, using a sophisticated CAT tool built by a translator / developer. Accept jobs from clients who use SDL Trados, MemoQ, Wordfast & major CAT tools. Download and start using CafeTran Espresso -- for free

More info »
Anycount & Translation Office 3000
Translation Office 3000

Translation Office 3000 is an advanced accounting tool for freelance translators and small agencies. TO3000 easily and seamlessly integrates with the business life of professional freelance translators.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search