Il pericolo della "web-tax"
Thread poster: mariant

mariant  Identity Verified
Italy
Local time: 07:07
Member (2006)
German to Italian
+ ...
Dec 16, 2013

Avete sentito? Un emendamento della legge finanziaria (ora chiamata "legge di stabilità", ma io sono una purista, diciamo pane al pane!) approvato nei giorni scorsi potrebbe creare diversi problemi a noi traduttori e alle aziende che ci forniscono beni e servizi.
Si tratta della cosiddetta "web-tax" (altro nome evocativo che dovrebbe... distogliere la nostra attenzione dalla parola italiana "tassa"), secondo la quale le imprese italiane saranno obbligate ad acquistare servizi del commercio elettronico solo da aziende che hanno una p.Iva italiana.

http://www.camera.it/_dati/leg17/lavori/stampati/pdf/17PDL0012550.pdf

Pare che questo emendamento sia mirato a evitare che le multinazionali del web incassino dai clienti italiani senza "lasciare nulla" qui, avendo le sedi oltre confine (in realtà, la gran parte di tali multinazionali ha già una p.iva italiana, vedi Amazon).

Il problema si presenterebbe però in modo eclatante per noi traduttori che spesso acquistiamo software, corsi, iscrizioni e servizi vari da aziende estere. Pensiamo ai produttori di CAT o dizionari, allo stesso Proz.com...
Quante di queste aziende avranno la convenienza e l'interesse ad aprire una p.iva italiana? Se i loro clienti italiani sono pochi, non credo che succederà...
E allora cosa dovremmo fare? Rinunciare ai servizi che ci servono?

L'altro aspetto che confuta il nome "tecnologico" dato a questa legge è il fatto che il pagamento per questi acquisti deve avvenire "esclusivamente tramite lo strumento del bonifico bancario o postale, ovvero con altri strumenti di pagamento idonei a consentire la piena tracciabilità delle operazioni e la conoscibilità della partita IVA del beneficiario".

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/12/14/bye-bye-internet-la-settimana-nera-delle-nuove-tecnologie/813385/

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/12/09/webtax-boccia-ci-riprova-ma-il-ministero-non-e-daccordo/806280/

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-12-05/boccia-ripresenta-web-tax-palmieri-fi-tema-vero-soluzione-sbagliata-204735.shtml?uuid=ABdruBi

Sono alquanto sconcertata...
Cosa ne pensate?


Direct link Reply with quote
 

Pompeo Lattanzi
Italy
Local time: 07:07
English to Italian
+ ...
Perché sconcertata? Dec 16, 2013

Sono anni che accusano gli "autonomi" di frodare il fisco, ci trattano da evasori senza neanche fornire prova di tali accuse e condanne (studi di settore, paghi quello che dicono loro, quanto fatturi - se è meno - è irrilevante), ci considerano ricchi e si prendono il 70 % di quello che guadagniamo. Perché ora dovresti essere sconcertata?
Ovviamente è più facile tassare ulteriormente chi già paga, piuttosto che assicurarsi che ogni euro speso dal settore pubblico sia speso bene. Ridurre le spese sarebbe più produttivo, ma la nostra classe politica e dirigente degli ultimi 50 anni non brilla per acume economico. Rassegnati.


Direct link Reply with quote
 

texjax DDS PhD  Identity Verified
Local time: 01:07
Member (2006)
English to Italian
+ ...
Cosa ne pensa Forbes Dec 16, 2013

Non posso trattenermi, ma vale la pena leggere questo articolo.


http://www.forbes.com/sites/timworstall/2013/12/14/italy-passes-the-illegal-google-tax/


Direct link Reply with quote
 

Luca Tutino  Identity Verified
Italy
Local time: 01:07
Member (2002)
English to Italian
+ ...
Siamo alle solite... Dec 17, 2013

Stando alla lettera del testo (che a quanto pare difficilmente vedrà mai la luce sulla G.U.) si potrebbe persino dire che non sarebbe neanche più legale per un soggetto italiano chiedere ad un traduttore con VAT straniera di fornire un servizio tramite e-mail.

Ma la legge è fatta per essere "interpretata" e (se converrà) si dirà che nonostante le virgole e l'"anche" che segue, le parole "come commercio elettronico" ecc. non servono a presentare un mero esempio di servizio, ma l'oggetto stesso dell'articolo emendato, e che dunque questo si limita a regolare il commercio elettronico, oppure magari soltanto il commercio di "campagne pubblicitarie"...

[Edited at 2013-12-17 12:56 GMT]


Direct link Reply with quote
 

missdutch  Identity Verified
Netherlands
Local time: 07:07
Member (2010)
English to Italian
+ ...
Interessante... Dec 17, 2013

In sostanza, dal momento che in materia di IVA le leggi UE prevalgono su quelle nazionali, stanno semplicemente perdendo tempo.


texjax DDS PhD wrote:

Non posso trattenermi, ma vale la pena leggere questo articolo.


http://www.forbes.com/sites/timworstall/2013/12/14/italy-passes-the-illegal-google-tax/



Altra lettura: http://www.hdblog.it/2013/12/15/cose-la-web-tax-5-motivi-per-opporsi/

[Edited at 2013-12-17 09:49 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Pierluigi Bernardini  Identity Verified
Italy
Local time: 07:07
English to Italian
+ ...
D'accordissimo! Dec 17, 2013

Pompeo Lattanzi wrote:

Sono anni che accusano gli "autonomi" di frodare il fisco, ci trattano da evasori senza neanche fornire prova di tali accuse e condanne (studi di settore, paghi quello che dicono loro, quanto fatturi - se è meno - è irrilevante), ci considerano ricchi e si prendono il 70 % di quello che guadagniamo. Perché ora dovresti essere sconcertata?
Ovviamente è più facile tassare ulteriormente chi già paga, piuttosto che assicurarsi che ogni euro speso dal settore pubblico sia speso bene. Ridurre le spese sarebbe più produttivo, ma la nostra classe politica e dirigente degli ultimi 50 anni non brilla per acume economico. Rassegnati.


Dov'è l'icona dell'applauso???


Direct link Reply with quote
 

Maria Cristina Chiarini  Identity Verified
Italy
Local time: 07:07
French to Italian
+ ...
modifica della web tax Dec 18, 2013

A quanto pare è stata trovata una soluzione. L'esame del provvedimento si è concluso a notte fonda. Tra le novità principali la riformulazione della web tax, contestata da Matteo Renzi: uno dei fiori all'occhiello del Pd, sponsorizzato in prima persona dal presidente della Commissione, Francesco Boccia, è stato riformulato per non penalizzare troppo i giganti e tutte le imprese che operano su internet. Dopo il nuovo attacco del neosegretario Pd, dalla nuova versione della cosiddetta google tax è scomparso l'obbligo di aprire partita Iva per tutti i soggetti che effettuano il servizio di commercio elettronico diretto o indiretto. Rimane invece in piedi la necessità di dotarsi della partita Iva per la pubblicità online e per il diritto d'autore.
http://www.repubblica.it/economia/2013/12/18/news/legge_stabilita_18_dicembre-73899771/?ref=HREA-1

Cristina


Direct link Reply with quote
 

Maria Cristina Chiarini  Identity Verified
Italy
Local time: 07:07
French to Italian
+ ...
anche Bruxelles boccia la Web Tax Dec 19, 2013

MILANO - La Web Tax così com'è formulata sembra "contraria alle libertà fondamentali e i principi di non-discriminazione dei trattati". Lo ha detto al Corriere delle Comunicazioni Emer Traynor, portavoce del commissario europeo per la Fiscalità e l'unione doganale Algirdas Semeta.

Sul tema della tassazione delle società che operano online si è aperta una frattura all'interno dello stesso Partito Democratico, che ha proposto la norma per primo. Rispetto alle formulazioni iniziali, la Web Tax è stata resa "più leggera" dopo il niet di Matteo Renzi alla prima versione dell'emendamento Pd, caldeggiato dal presidente della Commissione Bilancio, Francesco Boccia. Sotto il pressing del nuovo segretario, è stato lo stesso Boccia che a tarda notte, come ultimo atto prima di conferire il mandato al relatore, ha proposto la riformulazione che cancella l'obbligo di aprire una partita Iva italiana per tutte le imprese, compresi i colossi mondiali del calibro di Google o Amazon, che effettuano commercio elettronico "diretto o indiretto". L'obbligo è rimasto resta solo per chi usufruisce di spazi pubblicitari, così come restano le tutele del diritto d'autore e le nuove norme sulla tracciabilità.

"Trattandosi per il momento di una semplice proposta - spiega il rappresentante Ue alla testata specializzata - dovremo analizzare il testo finale prima di dare un'opinione definitiva. Tuttavia, abbiamo seri dubbi sull'emendamento per
come si presenta attualmente". In sostanza, da Bruxelles si riecheggia la bocciatura formalizzata proprio ieri dall'ufficio studi della Camera secondo cui il comma bis della proposta targata Francesco Boccia (PD) risulta "non è compatibile con la normativa comunitaria in materia di libertà di circolazione di beni e servizi".

http://www.repubblica.it/economia/2013/12/19/news/bruxelles_contro_la_web_tax_e_contro_le_libert_fondamentali-74043841/?ref=HREC1-4


Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Il pericolo della "web-tax"

Advanced search






memoQ translator pro
Kilgray's memoQ is the world's fastest developing integrated localization & translation environment rendering you more productive and efficient.

With our advanced file filters, unlimited language and advanced file support, memoQ translator pro has been designed for translators and reviewers who work on their own, with other translators or in team-based translation projects.

More info »
PerfectIt consistency checker
Faster Checking, Greater Accuracy

PerfectIt helps deliver error-free documents. It improves consistency, ensures quality and helps to enforce style guides. It’s a powerful tool for pro users, and comes with the assurance of a 30-day money back guarantee.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search