Pages in topic:   [1 2] >
Sito web personale - conviene investire e quanto?
Thread poster: Magdalena Legerska Brighetti

Magdalena Legerska Brighetti  Identity Verified
Italy
Local time: 00:19
Member
Czech to Italian
+ ...
Feb 6, 2014

Nei tempi di oggi avere un sito web è quasi d'obbligo, ma per avere un
riscontro economico che cosa possiamo aspettarci e quanto dobbiamo investire?
I preventivi partono da alcune centinaia di euro fino ai 4-5.000 euro.
Secondo le vostre esperienze la somma investita da parte di un free lance è in relazione al risultato poi ottenuto ? Grazie per le vostre esperienze personali.


Direct link Reply with quote
 

María José Iglesias  Identity Verified
Italy
Local time: 00:19
Italian to Spanish
+ ...
Un sito professionale e ben posizionato Feb 6, 2014

Se il tuo obiettivo è avere clienti diretti, sicuramente vale la pena investire non solo in un sito web fatto bene, ma soprattutto ben posizionato su Google. È più importante il posizionamento che il sito in sé.
Come sempre, più si paga e più puoi ottenere. Affidati a un professionista serio, che ti faccia vedere i suoi lavori. Non puntare solo al prezzo perché alla fine potresti aver speso poco ma inutilmente.
Io i miei siti li ho fatti da sola (e ne ho 5), ma dopo aver studiato molto le css e le tecniche di posizionamento e marketing. Molto importante è il contenuto del sito, e cioè i testi. Google deve considerarli di qualità per posizionarli bene.
Io sono riuscita a posizionarli come volevo, nella prima pagina di Google, per le parole chiave che mi interessano di più e posso dirti che il ritorno in lavoro che viene dai siti è del 100%. Praticamente tutti i miei clienti mi trovano sui miei siti.
L'investimento per me è il costo dei domini (di domini ne ho invece ben 16, 4 per ogni marchio aziendale rivolto a un target specifico) e il host. Anche lì devi vedere cosa hai a pagamento e cosa a gratis.

Se invece tu lavori solo (o quasi) con le agenzie, queste ultime cercano traduttori su Internet molto più raramente perché hanno già abbastanza pieno il computer con i CV e candidature spontanee dei traduttori.

Per te che lavori con il ceco potrebbe essere interessante, perché nelle tue combinazioni linguistiche si ricevono meno CV via email.



[Modificato alle 2014-02-06 16:10 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Magdalena Legerska Brighetti  Identity Verified
Italy
Local time: 00:19
Member
Czech to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Io il sito che l'ho già Feb 6, 2014

María José Iglesias wrote:

Se il tuo obiettivo è avere clienti diretti, sicuramente vale la pena investire non solo in un sito web fatto bene, ma soprattutto ben posizionato su Google. È più importante il posizionamento che il sito in sé.
Come sempre, più si paga e più puoi ottenere. Affidati a un professionista serio, che ti faccia vedere i suoi lavori. Non puntare solo al prezzo perché alla fine potresti aver speso poco ma inutilmente.
Io i miei siti li ho fatti da sola (e ne ho 5), ma dopo aver studiato molto le css e le tecniche di posizionamento e marketing. Molto importante è il contenuto del sito, e cioè i testi. Google deve considerarli di qualità per posizionarli bene.
Io sono riuscita a posizionarli come volevo, nella prima pagina di Google, per le parole chiave che mi interessano di più e posso dirti che il ritorno in lavoro che viene dai siti è del 100%. Praticamente tutti i miei clienti mi trovano sui miei siti.
L'investimento per me è il costo dei domini (di domini ne ho invece ben 16, 4 per ogni marchio aziendale rivolto a un target specifico) e il host. Anche lì devi vedere cosa hai a pagamento e cosa a gratis.

Se invece tu lavori solo (o quasi) con le agenzie, queste ultime cercano traduttori su Internet molto più raramente perché hanno già abbastanza pieno il computer con i CV e candidature spontanee dei traduttori.

Per te che lavori con il ceco potrebbe essere interessante, perché nelle tue combinazioni linguistiche si ricevono meno CV via email.



[Modificato alle 2014-02-06 16:10 GMT]


io il sito ce l'ho già da diversi anni ma probabilmente non corrisponde ai criteri che come li sono fondamentali e come li elenchi tu, (ottimizzazione per i motori e indicizzazione per mie lingue di competenza) nonostante è stato fatto da un professionista. Non ho me la sento di farlo da sola e per questo che voglio sapere con quale budget si possono ottenere risultati soddisfacenti per attirare clienti diretti, con le agenzie lavoro già abbastanza.
Visti i risultati che hai ottenuto con il "fai da te" se ne hai voglia a farlo per me contattatami in privato.


Direct link Reply with quote
 

Domenico Trimboli  Identity Verified
United Kingdom
Local time: 23:19
Member (2013)
English to Italian
Pareri diversi Feb 6, 2014

Io lo sto facendo proprio in questo periodo. Mi discosto un po' sul discorso SEO, che pure in parte condivido.

La SEO, se fatta su parole chiave anche long-tail o comunque mirate, secondo me può portare ottimi risultati, ma non credo sia l'unica soluzione né l'unica motivazione per avere un sito web che funzioni e che sia bello anche esteticamente.

Per chi fa campagne e-mail per cercare nuovi clienti, per esempio, il sito web ci vuole. Dove si rimanda altrimenti il lettore? Al profilo Proz? HMM. Al profilo LinkedIn? Già meglio, sì, ma LinkedIn non offre abbastanza spazio materiale per spiegare bene i propri servizi.
Un sito è anche (secondo me soprattutto) una vetrina per sé stessi, e un buon sito - buono nel senso di piacevole da leggere e bello da guardare - crea da subito un valore percepito più alto, e agli occhi di un potenziale cliente ci fa acquisire valore prima ancora di scambiare la prima e-mail.

Come attirare clienti sul proprio sito è un discorso diverso, che può avere risposte molteplici: word of mouth, SEO, SEM, biglietti da visita, cold contact, chi più ne ha più ne metta. Ma secondo me sono discorsi da tenere separati.


Direct link Reply with quote
 

Angela Monetta  Identity Verified
Italy
Local time: 00:19
Member (2006)
English to Italian
+ ...
Quanto tempo Feb 9, 2014

Quanto tempo occorre per riuscire a fare un buon sito da soli? Ovviamente intendo tutto compreso, progettazione, SEO e marketing. Esistono delle valide risorse online?

Direct link Reply with quote
 

María José Iglesias  Identity Verified
Italy
Local time: 00:19
Italian to Spanish
+ ...
Quanto tempo? Feb 10, 2014

Dipende da:
- se conosci almeno un linguaggio per la programmazione dei siti web: css, html, php, asp, wordpress, joomgla, ecc.
- se sai come impostare i metadati all'interno del codice interno di ogni pagina
- se te ne intendi di SEO
- se hai una buona dimestichezza con la grafica e su come posizionarla all'interno di una pagina perché sia efficace dal punto di vista del marketing
- se lo sai progettare e scrivere testi con contenuto testuale importante per Google
- se hai chiaro chi è il target a cui si rivolge il sito e sai progettarlo per quel target specifico.

Fare un sito web e soprattutto farlo bene non è buttare due idee a caso dentro a un software con dei modelli preimpostati, è molto di più e richiede un investimento non indifferente in termini di tempo, anche qualche mese.
Se non lo si sa fare e non si conoscono le risorse, meglio rivolgersi a un professionista che saprà come fare il suo lavoro affinché il sito sia veramente efficace. Anche il professionista bisogna sceglierlo con cura. Altrimenti il sito non servirà a niente.


Direct link Reply with quote
 

María José Iglesias  Identity Verified
Italy
Local time: 00:19
Italian to Spanish
+ ...
Io la penso esattamente al contrario Feb 10, 2014

Domenico Trimboli wrote:
La SEO, se fatta su parole chiave anche long-tail o comunque mirate, secondo me può portare ottimi risultati, ma non credo sia l'unica soluzione né l'unica motivazione per avere un sito web che funzioni e che sia bello anche esteticamente.

Io la penso esattamente al contrario. Lo scopo di un sito non è che funzioni, nel senso di poter navigare da una pagina a un'altra, o che sia bello esteticamente.
Lo scopo di un sito è che il cliente oggetto del tuo target ti trovi subito appena cerca quello che tu esattamente proponi. Di solito si fa un sito proprio per vendere dei servizi.
Se invece uno vuole il sito solo per far vedere che ce l'ha, allora serve solo a quello. E cioè a nulla.



[Modificato alle 2014-02-10 08:46 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Angela Monetta  Identity Verified
Italy
Local time: 00:19
Member (2006)
English to Italian
+ ...
Grazie Maria José Feb 10, 2014

Il mio obiettivo non è solo quello di farmi un sito, ma trovare anche nuove strade da percorrere, approfondire e studiare, in modo da ampliare le mie conoscenze...

Direct link Reply with quote
 

Flora Iacoponi, MCIL  Identity Verified
Ireland
Local time: 23:19
Member
English to Italian
+ ...
tempi e costi Feb 10, 2014

Maria José ha spiegato molto bene cosa occorre sapere e fare per avere un sito web efficace.
Il sito può avere lo scopo di attirare clienti diretti o di essere semplicemente una vetrina a cui rimandare potenziali clienti contattati in altri modi. Se riesce a soddisfare entrambi gli scopi tanto meglio.
Ho solo un paio di cose da aggiungere.
Per Magdalena: se hai già un sito puoi richiedere anche solo una consulenza per meglio posizionarlo su Google sempre che sia facilmente accessibile per modificarne il codice e i contenuti. Se ce l'hai già da tanti anni probabilmente è di vecchia generazione e non ha un'interfaccia che puoi modificare come vuoi in qualunque momento, come i siti che si fanno oggi con Wordpress. Forse sarebbe meglio allora rifarlo da capo. Per i prezzi non saprei cosa consigliarti perché non li conosco, suggerirei comunque di non spenderci troppo, affidati magari a un web designer freelance piuttosto che a una società, che ti installi un template facilmente accessibile e modificabile da te. Fatti dare dei suggerimenti o una consulenza vera e propria su come meglio posizionarlo nei motori di ricerca e poi tu ti potrai occupare dei contenuti direttamente una volta che sai cosa devi fare.

Per Angela: non credo che si possa imparare come fare un sito e come ottimizzarlo per SEO da zero solo consultando risorse gratuite online (a meno che tu non sia già un professionista dell'IT che deve solo aggiungere alle competenze esistenti). Se però vuoi ampliare le tue conoscenze e cimentarti nella costruzione del tuo sito ti suggerirei di fare almeno un corso base di Wordpress (secondo me la piattaforma più user-friendly al momento) e un corso base di SEO. Una volta imparati i concetti di base potrai approfondire quello che vuoi usando le innumerevoli risorse disponibili online (se hai tempo e voglia).

Io ho fatto il mio sito con Wordpress in due giorni a costo 0 ma poiché sono ben consapevole di cosa veramente occorre perché sia efficace (ho fatto il mio primo corso di HTML nel 1996 e ho un diploma recente di digital marketing), so bene che ancora non è adeguato e che difficilmente verrà trovato da clienti diretti tramite ricerche su google. Per il momento il mio sito non è né carne né pesce e ci dovrei lavorare ancora molto.
Per ottenere buoni risultati dovrei avere un blog interessante per il pubblico di mia scelta (che sia composto da altri traduttori o da potenziali clienti per le mie specializzazioni, una cosa che comunque va decisa quando si comincia a scrivere un blog), e dovrei promuovere il sito tramite i social media, cosa più facile se hai un blog perché così puoi condividere i tuoi articoli su Twitter, Facebook e contribuire alla community attirando attenzione positiva su di te. I contenuti però devono essere buoni altrimenti tutto può ritorcersi contro di te in termini di reputazione.
Per sapere tutto quello che c'è da sapere sul blogging per traduttori, puoi leggere i post dell'ottima Marta: http://wantwords.co.uk/school/lesson-78-translation-blogging/

Per fare tutto questo però occorre un sacco di tempo che io non ho e infatti ammiro tantissimo chi lavora molto ma riesce a trovare anche il tempo per coltivare la propria presenza online. Davvero, tanto di cappello (ne posseggo 27

[Edited at 2014-02-10 19:55 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Domenico Trimboli  Identity Verified
United Kingdom
Local time: 23:19
Member (2013)
English to Italian
Ribadisco Feb 10, 2014

María José Iglesias wrote:

Domenico Trimboli wrote:
La SEO, se fatta su parole chiave anche long-tail o comunque mirate, secondo me può portare ottimi risultati, ma non credo sia l'unica soluzione né l'unica motivazione per avere un sito web che funzioni e che sia bello anche esteticamente.

Io la penso esattamente al contrario. Lo scopo di un sito non è che funzioni, nel senso di poter navigare da una pagina a un'altra, o che sia bello esteticamente.
Lo scopo di un sito è che il cliente oggetto del tuo target ti trovi subito appena cerca quello che tu esattamente proponi. Di solito si fa un sito proprio per vendere dei servizi.
Se invece uno vuole il sito solo per far vedere che ce l'ha, allora serve solo a quello. E cioè a nulla.



[Modificato alle 2014-02-10 08:46 GMT]


Lo scopo del sito di un traduttore è vendere un servizio 1) a più persone 2) a un prezzo più alto. Secondo me, per farlo, deve essere bello esteticamente, facile da consultare e preciso in termini di contenuti.
L'importante è che i clienti giusti possano raggiungerlo, e la SEO non è che un modo per dargli visibilità. Capisco il tuo discorso: se nessuno vede il sito, allora il sito è inutile. E sono d'accordo. Ma non è solo grazie a Google che si possono rimandare potenziali clienti al proprio sito.


Direct link Reply with quote
 

Angela Monetta  Identity Verified
Italy
Local time: 00:19
Member (2006)
English to Italian
+ ...
Grazie Flora Feb 11, 2014

Per i preziosi consigli, purtroppo nemmeno io ho molto tempo a disposizione... però magari valuterò se cimentarmi oppure no in questo nuovo campo, magari partendo proprio con un corso specifico.

Direct link Reply with quote
 

Magdalena Legerska Brighetti  Identity Verified
Italy
Local time: 00:19
Member
Czech to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
grazie Feb 11, 2014

mille per la risposta davvero professionale ed esaustiva...a parte che non so cosa devo immaginare come "non spendere molto" in termini economici. C è magari qualcuno che ha commissionato questi lavori ad un professionista e quanto ha speso?

Flora Iacoponi, MCIL wrote:

Maria José ha spiegato molto bene cosa occorre sapere e fare per avere un sito web efficace.
Il sito può avere lo scopo di attirare clienti diretti o di essere semplicemente una vetrina a cui rimandare potenziali clienti contattati in altri modi. Se riesce a soddisfare entrambi gli scopi tanto meglio.
Ho solo un paio di cose da aggiungere.
Per Magdalena: se hai già un sito puoi richiedere anche solo una consulenza per meglio posizionarlo su Google sempre che sia facilmente accessibile per modificarne il codice e i contenuti. Se ce l'hai già da tanti anni probabilmente è di vecchia generazione e non ha un'interfaccia che puoi modificare come vuoi in qualunque momento, come i siti che si fanno oggi con Wordpress. Forse sarebbe meglio allora rifarlo da capo. Per i prezzi non saprei cosa consigliarti perché non li conosco, suggerirei comunque di non spenderci troppo, affidati magari a un web designer freelance piuttosto che a una società, che ti installi un template facilmente accessibile e modificabile da te. Fatti dare dei suggerimenti o una consulenza vera e propria su come meglio posizionarlo nei motori di ricerca e poi tu ti potrai occupare dei contenuti direttamente una volta che sai cosa devi fare.

Per Angela: non credo che si possa imparare come fare un sito e come ottimizzarlo per SEO da zero solo consultando risorse gratuite online (a meno che tu non sia già un professionista dell'IT che deve solo aggiungere alle competenze esistenti). Se però vuoi ampliare le tue conoscenze e cimentarti nella costruzione del tuo sito ti suggerirei di fare almeno un corso base di Wordpress (secondo me la piattaforma più user-friendly al momento) e un corso base di SEO. Una volta imparati i concetti di base potrai approfondire quello che vuoi usando le innumerevoli risorse disponibili online (se hai tempo e voglia).

Io ho fatto il mio sito con Wordpress in due giorni a costo 0 ma poiché sono ben consapevole di cosa veramente occorre perché sia efficace (ho fatto il mio primo corso di HTML nel 1996 e ho un diploma recente di digital marketing), so bene che ancora non è adeguato e che difficilmente verrà trovato da clienti diretti tramite ricerche su google. Per il momento il mio sito non è né carne né pesce e ci dovrei lavorare ancora molto.
Per ottenere buoni risultati dovrei avere un blog interessante per il pubblico di mia scelta (che sia composto da altri traduttori o da potenziali clienti per le mie specializzazioni, una cosa che comunque va decisa quando si comincia a scrivere un blog), e dovrei promuovere il sito tramite i social media, cosa più facile se hai un blog perché così puoi condividere i tuoi articoli su Twitter, Facebook e contribuire alla community attirando attenzione positiva su di te. I contenuti però devono essere buoni altrimenti tutto può ritorcersi contro di te in termini di reputazione.
Per sapere tutto quello che c'è da sapere sul blogging per traduttori, puoi leggere i post dell'ottima Marta: http://wantwords.co.uk/school/lesson-78-translation-blogging/

Per fare tutto questo però occorre un sacco di tempo che io non ho e infatti ammiro tantissimo chi lavora molto ma riesce a trovare anche il tempo per coltivare la propria presenza online. Davvero, tanto di cappello (ne posseggo 27

[Edited at 2014-02-10 19:55 GMT]


[Modificato alle 2014-02-11 17:59 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Gianluca Attoli  Identity Verified
Italy
Local time: 00:19
Member
English to Italian
+ ...
... Feb 13, 2014

Secondo me, con un po' di pazienza e di pratica puoi farlo da te senza spendere (o quasi, direi "sprecare") denaro. Ci sono ormai tantissimi siti che mettono a disposizione template firmati da giovani designer, alcuni gratis, altri a pochi spiccioli (20, 30 dollari i più cari e complessi). E parlo di cose avanzate, graficamente contemporanee, professionali, "fresche". Un esempio:

http://themeforest.net/category/site-templates/corporate

Con in mano un template già strutturato, il 90% del lavoro è fatto, rimane da riempirlo coi tuoi contenuti... se non mastichi CSS/HTML, di nuovo Internet è una mano santa: blog, tutorial, forum sono lì per aiutarti a costo zero a cavartela. E con un modello già preparato, ti rimane poco da fare, quindi non hai poi molto da affrontare. Con Notepad++ (gratuito) non ci metti letteralmente nulla a compilarti le pagine.

Il risultato sarà un sito graficamente "cool", ben congegnato e funzionale poiché la parte "tosta" strutturale l'ha fatta un professionista, a costo quasi zero. I vantaggi saranno tanti: avrai risparmiato un bel po' di denaro, avrai imparato magari qualcosa di nuovo, ti sarai divertita, e avrai un sito "tuo". I rischi di appaltare un lavoro a un altro sono molti, in primis il non intendersi.

A quel punto, col sito pronto, con una dozzina di dollari l'anno ti compri un dominio (qui, sì, vale la pena di investire queste due lire: dal mio punto di vista non c'è niente di più triste dei finti "siti" su portali di blogging gratuito, o sui vari weebly.com e altri siti con spazi gratis, di quelli che ti obbligano a lasciare su ogni pagina diciture come "sito gratuito creato su weebly.com"...).

Ti impratichisci un po' anche qui - se non sei già familiare - con FTP e caricamento/gestione di un sito online, lo carichi sul server del tuo host, e sei a posto.

La gestione invece è un'altra questione, può valere la pena avere qualcuno che lo mantiene attivo e visibile, ma francamente più di tanto non credo ci sia da "ottimizzare" granché a livello di SEO. Credo che oggi paghi molto l'interazione e l'integrazione con altre reti, soprattutto social, e un'attività che mantenga dinamico il sito (blogging e simili). Di per sé un sito per noi traduttori è tendenzialmente una vetrina di contenuti con pochi spazi dinamici o di interazione con l'utenza, blogging a parte. Insomma una volta creato e lanciato, "sta lì". Ma saprà consigliarti chi eventualmente "prenderai" come gestore (che però, se onesto, dovrebbe chiederti poco: non c'è molto da mantenere, come invece ad esempio nei portali di e-commerce o simili che richiedono un monitoraggio quasi costante).

[Modificato alle 2014-02-13 17:37 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Chiara Santoriello  Identity Verified
Italy
Local time: 00:19
Member (2002)
English to Italian
+ ...
Non per deludervi Feb 14, 2014

Gianluca Attoli wrote:

Secondo me, con un po' di pazienza e di pratica puoi farlo da te senza spendere (o quasi, direi "sprecare") denaro. Ci sono ormai tantissimi siti che mettono a disposizione template firmati da giovani designer, alcuni gratis, altri a pochi spiccioli (20, 30 dollari i più cari e complessi). E parlo di cose avanzate, graficamente contemporanee, professionali, "fresche". Un esempio:

http://themeforest.net/category/site-templates/corporate

Con in mano un template già strutturato, il 90% del lavoro è fatto, rimane da riempirlo coi tuoi contenuti... se non mastichi CSS/HTML, di nuovo Internet è una mano santa: blog, tutorial, forum sono lì per aiutarti a costo zero a cavartela. E con un modello già preparato, ti rimane poco da fare, quindi non hai poi molto da affrontare. Con Notepad++ (gratuito) non ci metti letteralmente nulla a compilarti le pagine.

Il risultato sarà un sito graficamente "cool", ben congegnato e funzionale poiché la parte "tosta" strutturale l'ha fatta un professionista, a costo quasi zero. I vantaggi saranno tanti: avrai risparmiato un bel po' di denaro, avrai imparato magari qualcosa di nuovo, ti sarai divertita, e avrai un sito "tuo". I rischi di appaltare un lavoro a un altro sono molti, in primis il non intendersi.

A quel punto, col sito pronto, con una dozzina di dollari l'anno ti compri un dominio (qui, sì, vale la pena di investire queste due lire: dal mio punto di vista non c'è niente di più triste dei finti "siti" su portali di blogging gratuito, o sui vari weebly.com e altri siti con spazi gratis, di quelli che ti obbligano a lasciare su ogni pagina diciture come "sito gratuito creato su weebly.com"...).

Ti impratichisci un po' anche qui - se non sei già familiare - con FTP e caricamento/gestione di un sito online, lo carichi sul server del tuo host, e sei a posto.

La gestione invece è un'altra questione, può valere la pena avere qualcuno che lo mantiene attivo e visibile, ma francamente più di tanto non credo ci sia da "ottimizzare" granché a livello di SEO. Credo che oggi paghi molto l'interazione e l'integrazione con altre reti, soprattutto social, e un'attività che mantenga dinamico il sito (blogging e simili). Di per sé un sito per noi traduttori è tendenzialmente una vetrina di contenuti con pochi spazi dinamici o di interazione con l'utenza, blogging a parte. Insomma una volta creato e lanciato, "sta lì". Ma saprà consigliarti chi eventualmente "prenderai" come gestore (che però, se onesto, dovrebbe chiederti poco: non c'è molto da mantenere, come invece ad esempio nei portali di e-commerce o simili che richiedono un monitoraggio quasi costante).

[Modificato alle 2014-02-13 17:37 GMT]



Buongiorno,

non vorrei deludere nessuno, ma la creazione di un sito fatto bene e ben posizionato non è un gioco da ragazzi. L'attività di SEO è importantissima se si vuole ottenere una buona visibilità e anche l'interazione con i social network può creare non pochi problemi. Per quanto riguarda i costi, per un traduttore con Partita IVA o per una società si tratta di un costo scaricabile al 100%. In sintesi, data la mia esperienza, penso che se si decide di creare un sito valga la pena farsi aiutare da un esperto. Aggiungo inoltre che spendere per avere una bella vetrina che nessuno vede sono soldi e tempo sprecati.


Direct link Reply with quote
 

Luca Tutino  Identity Verified
Italy
Local time: 00:19
Member (2002)
English to Italian
+ ...
Sì, ma quanto? Feb 14, 2014

Sulla convenienza di un sito web si trovano già molte e varie risposte in questo thread del 2009: http://www.proz.com/forum/poll_discussion/148580-poll:_does_having_your_own_website_help_you_get_work-page2.html
Francamente non so quanto la situazione possa essere cambiata in 5 anni.

Io non mi sono mai deciso a creare un vero e proprio sito, ma in un forum come questo mi sarebbe piaciuto vedere qualche risposta più concreta, con le cifre suggerite/investite/preventivate/considerate giuste, ecc. e/o una valutazione soggettiva della convenienza delle cifre investite da parte di chi l'ha fatto.

Il mercato della creazione di siti e pagine web mi sembra forse ancora più variegato e complesso di quello delle traduzioni. Sarebbe molto utile avere qualche dato più preciso.


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Sito web personale - conviene investire e quanto?

Advanced search






CafeTran Espresso
You've never met a CAT tool this clever!

Translate faster & easier, using a sophisticated CAT tool built by a translator / developer. Accept jobs from clients who use SDL Trados, MemoQ, Wordfast & major CAT tools. Download and start using CafeTran Espresso -- for free

More info »
Déjà Vu X3
Try it, Love it

Find out why Déjà Vu is today the most flexible, customizable and user-friendly tool on the market. See the brand new features in action: *Completely redesigned user interface *Live Preview *Inline spell checking *Inline

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search