Riscattare la laurea... conviene?
Thread poster: Martina Rotondi

Martina Rotondi  Identity Verified
Austria
Local time: 09:40
Member (2014)
German to Italian
+ ...
Feb 13, 2015

Buongiorno cari colleghi,

ho da poco scoperto che è possibile riscattare la laurea, ho parlato con il mio commercialista che si sta informando per capire se è conveniente o no.. anche se mi ha detto che probabilmente non lo è.
Io ho partita IVA e quindi sono iscritta alla gestione separata, immagino come la maggior parte di voi.
Qualcuno ha qualche esperienza in merito?Cosa ne pensate?


Grazie mille
Martina


Direct link Reply with quote Turn social sharing on.
Like 9
 

LINDA BERTOLINO  Identity Verified
Italy
Local time: 09:40
Member (2007)
German to Italian
+ ...
Ci ho pensato anche io anni fa. Feb 13, 2015

La cifra da pagare si aggirava sui 7/8.000 euro credo e davvero non avevo voglia di tirare fuori tutti questi soldi. Non ricordo come la calcolano ma è tutto scritto sul sito dell'inps. Per noi che paghiamo già così tanto alla gestione separata non credo valga la pena. Se poi qualcuno l'ha fatto ci può raccontare comunque la sua esperienza.

Direct link Reply with quote Turn social sharing on.
Like 3
 

Giuseppe C.  Identity Verified
Italy
Local time: 09:40
Member
English to Italian
Decisamente no Feb 13, 2015

Martina Rotondi wrote:

Buongiorno cari colleghi,

ho da poco scoperto che è possibile riscattare la laurea, ho parlato con il mio commercialista che si sta informando per capire se è conveniente o no.. anche se mi ha detto che probabilmente non lo è.
Io ho partita IVA e quindi sono iscritta alla gestione separata, immagino come la maggior parte di voi.
Qualcuno ha qualche esperienza in merito?Cosa ne pensate?


Grazie mille
Martina


Dovresti versare i contributi INPS per gli anni di durata del corso di laurea, per farli incassare all'INPS, vederli fruttare praticamente nulla e incidere sulla tua futura pensione per una misera percentuale.
In pratica equivale a disfarsi di soldi con certezza, e non sapere se li rivedrai mai almeno in parte.
Questa operazione era conveniente quando era in vigore la pensione retributiva, che scattava dopo un certo numero minimo di anni di lavoro, e ti consentiva di percepire una pensione rapportata al reddito degli ultimi anni lavorativi, per cui era importante accumulare quanti più anni possibile di contribuzione per avvicinarsi il più possibile all'ultimo reddito percepito negli anni precedenti il pensionamento, che aumentava anche in funzione degli anni di contribuzione conteggiati. Adesso ciò che conta è avere accumulato almeno 5 anni di contributi equivalenti a quelli minimi versati da un commerciante e il totale dei soldi versati allorché smetterai. Di quella somma complessiva maggiorata del rendimento (bassissimo) negli anni, percepirai una percentuale intorno al 5% annuo al lordo delle imposte, variabile di poco in base agli anni di contribuzione e, se stai sotto la cosiddetta pensione sociale (quella che percepisce anche chi non ha mai versato contributi), la tua viene arrotondata a quel valore, altrimenti ti prendi quella che ti spetta, ossia in media qualche centinaio di euro oltre la pensione sociale, che con i contributi di riscatto del corso aumenterebbe al massimo di qualche decina di euro.

Se hai soldi da investire per il futuro, fallo diversamente. I soldi restano tuoi e se ti va bene il rendimento è un guadagno, mentre se li versi all'INPS, spariscono nel calderone INPS che nel 2012 ha incorporato l'INPDAP, ossia la cassa pensionistica dei lavoratori statali, da cui fuoriescono pensioni d'oro a tutta birra per dirigenti statali con pensione retributiva e pensioni da oltre 1000 euro per chi aveva lavorato 15 anni e poco più di 6 mesi ed è andato in pensione a meno di 40 anni, i cosiddetti baby pensionati, tra cui molte maestre che dopo la pensione si trasformavano in casalinghe pensionate.


Direct link Reply with quote Turn social sharing on.
Like 12
 

Christel Zipfel  Identity Verified
Member (2004)
Italian to German
+ ...
Magari... Feb 13, 2015

Giuseppe C. wrote:

(...) e, se stai sotto la cosiddetta pensione sociale (quella che percepisce anche chi non ha mai versato contributi), la tua viene arrotondata a quel valore, altrimenti ti prendi quella che ti spetta, ossia in media qualche centinaio di euro oltre la pensione sociale, che con i contributi di riscatto del corso aumenterebbe al massimo di qualche decina di euro.



Se ti riferisci alla gestione separata (non si capisce bene dal tuo discorso perché ad un certo punto parli di commercianti), ti posso decisamente smentire: in base ai contributi versati, Vi spetta una pensione di 150 o 220 Euro o un'altra simile misera cifra, comunque ben al di sotto della pensione sociale? State sicuri che quella sarà, vita natural durante, senza alcun arrotondamento, salvo naturalmente gli eventuali adeguamenti al costo della vita.

Per il resto, sono completamente d'accordo con te.

[Bearbeitet am 2015-02-13 12:16 GMT]


Direct link Reply with quote Turn social sharing on.
Like 6
 

mariant  Identity Verified
Italy
Local time: 09:40
Member (2006)
German to Italian
+ ...
No! Feb 13, 2015

Concordo con Giuseppe e aggiungo un dato "venale".

Se il periodo da riscattare è successivo al 1995, ovvero rientra nel sistema contributivo, il calcolo dell'importo da versare avviene sul reddito lordo a cui viene applicata l'aliquota contributiva della relativa categoria professionale (gestione separata, commercianti ecc.). Tale cifra viene moltiplicata per il numero di anni del corso di studi.
Se ne deduce che il "contributo" sarà notevole: ad esempio, sul sito dell'inps si legge che, se l'aspirante "riscattante" è inoccupato, dovrà versare circa € 5000 per un anno di corso, quindi circa € 20.000 per un corso di studi di 4 anni!

http://tinyurl.com/q2h8ceh

Quindi, per un lavoratore con reddito, anche minimo, l'importo sarà ancora più alto (ho sentito cifre che si aggiravano sui € 30.000!).

Va detto che tale contributo è fiscalmente deducibile (o detraibile nella misura del 19% se il "riscattante" è fiscalmente a carico di un familiare).

http://www.economiaweb.it/ecco-perche-e-inutile-riscattare-la-laurea/
http://www.a1life.it/2014/11/riscatto-della-laurea/

Non ho alcuna intenzione di elargire altri contributi all'inps.
Sarebbe bello invece se il periodo del corso di studi potesse essere "scontato" dal totale degli anni di contribuzione, dato che quegli anni sono stati un investimento che è servito a formare il lavoratore contribuente.


Direct link Reply with quote Turn social sharing on.
Like 18
 

Martina Rotondi  Identity Verified
Austria
Local time: 09:40
Member (2014)
German to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
come temevo.. Feb 13, 2015

Aspetterò la conferma del commercialista, ma i vostri pareri hanno confermato quello che immaginavo... purtroppo!

Direct link Reply with quote Turn social sharing on.
Like 15
 

Giuseppina Gatta, MA (Hons)
Member (2005)
English to Italian
+ ...
No, mi unisco al coro... Feb 14, 2015

Non era conveniente neanche prima del 1995 (quando mi sono laureata io), perciò figurati ora!

Ciao
Giusi


Direct link Reply with quote Turn social sharing on.
Like 13
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Riscattare la laurea... conviene?

Advanced search






Anycount & Translation Office 3000
Translation Office 3000

Translation Office 3000 is an advanced accounting tool for freelance translators and small agencies. TO3000 easily and seamlessly integrates with the business life of professional freelance translators.

More info »
Protemos translation business management system
Create your account in minutes, and start working! 3-month trial for agencies, and free for freelancers!

The system lets you keep client/vendor database, with contacts and rates, manage projects and assign jobs to vendors, issue invoices, track payments, store and manage project files, generate business reports on turnover profit per client/manager etc.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search