I CAT tool nella professione del traduttore tecnico
Thread poster: Eleonora_C_Gori

Eleonora_C_Gori
Italy
Local time: 04:34
French to Italian
+ ...
Dec 5, 2015

Salve a tutti/e,
Sono una giovane traduttrice in attività da quasi 2 anni alle prese con la tesi specialistica, potreste gentilmente dedicarmi meno di 1 minuto per contribuire a questo sondaggio (anonimo) per la mia tesi?

Mi rivolgo a traduttori operanti nel settore delle traduzioni tecniche da e verso l'italiano.

Qui di seguito copio il link diretto:

http://goo.gl/forms/9wNLXfWdrC

La mia tesi ha come oggetto il ruolo della tecnologia nella professione del traduttore e in particolare si concentra sui CAT tool. (Anche suggerimenti e spunti sono ben accetti!)

un grazie in anticipo a tutti coloro che vorranno dare il loro contributo,

Buona giornata a tutti/e
Eleonora


Direct link Reply with quote
 

Harry Blake Paz Bonzano  Identity Verified
Italy
Local time: 04:34
Member (2014)
Spanish to Italian
+ ...
Interessante sondaggio Dec 5, 2015

Spero di esserti stato utile con quello che ho scritto. In bocca al lupo con la tua tesi!

Direct link Reply with quote
 

Emilia Vinarova
Local time: 04:34
Italian to Bulgarian
+ ...
I CAT tool Dec 5, 2015

Salve,
per certi versi i CAT tool sono molto comodi, velocizzano enormemente la ricerca dei termini e delle parole, sopratutto quando si usano buone memorie di traduzioni. Ma stranamente, mi sembra che quando traduco in modo tradizionale mi distraggo di meno e il risultato è migliore. Un altro lato negativo dei CAT tool sta nel fatto, che le agenzie conteggiano le parole, scalando il prezzo delle ripetizioni proporzionalmente in percentuale. E quindi, quello che si guadagna con il minor tempo necessario, si perde nel conteggio finale della traduzione.
Emilia.


Direct link Reply with quote
 

Eleonora_C_Gori
Italy
Local time: 04:34
French to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Grazie! Dec 5, 2015

Harry Blake Paz Bonzano wrote:

Spero di esserti stato utile con quello che ho scritto. In bocca al lupo con la tua tesi!


Grazie mille per aver contribuito, ogni risposta è un grande aiuto


Direct link Reply with quote
 

Eleonora_C_Gori
Italy
Local time: 04:34
French to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
doppia prospettiva Dec 5, 2015

Emilia Vinarova wrote:

Salve,
per certi versi i CAT tool sono molto comodi, velocizzano enormemente la ricerca dei termini e delle parole, sopratutto quando si usano buone memorie di traduzioni. Ma stranamente, mi sembra che quando traduco in modo tradizionale mi distraggo di meno e il risultato è migliore. Un altro lato negativo dei CAT tool sta nel fatto, che le agenzie conteggiano le parole, scalando il prezzo delle ripetizioni proporzionalmente in percentuale. E quindi, quello che si guadagna con il minor tempo necessario, si perde nel conteggio finale della traduzione.
Emilia.


Salve Emilia,
grazie mille per il contributo. La mia tesi è in gran parte neutrale/positiva ma, ora che mi trovo a rifletterci, potrei prendere in considerazione anche il lato "oscuro", molto illuminante. Non esprimo pareri diretti perché vorrei lasciare carta bianca ai pareri, ma appunto con piacere queste considerazioni

Di nuovo grazie,
Eleonora


Direct link Reply with quote
 

Giuseppe C.  Identity Verified
Italy
Local time: 04:34
Member
English to Italian
E faresti meglio a considerarli Dec 6, 2015

Eleonora_C_Gori wrote:

La mia tesi è in gran parte neutrale/positiva ma, ora che mi trovo a rifletterci, potrei prendere in considerazione anche il lato "oscuro", molto illuminante. Non esprimo pareri diretti perché vorrei lasciare carta bianca ai pareri, ma appunto con piacere queste considerazioni

Di nuovo grazie,
Eleonora


Il lato negativo dei CAT tool odierni è ormai preponderante. Proliferano in modo eccessivo. Ogni cliente ti propone di lavorare con un CAT tool diverso. I peggiori sono quelli con cui si deve lavorare on line e che trasformano il traduttore in una sorta di ingranaggio di produzione automatizzata. L'unico motivo per cui i clienti ti chiedono di lavorare con CAT tool è il risparmio sul compenso. Della qualità interessa ben poco, in quanto ti propinano fuzzy match altrui che rendono la traduzione un susseguirsi di cambi di stile e terminologia e revisioni sottopagate.

Uno dei lati ridicoli del lavorare con i CAT tool consiste nel denominare "Progetto" qualsiasi lavoro di traduzione. Questa stupida parola serve alle agenzie per automatizzare i lavori.

Il vero e unico CAT tool mai esistito, ben funzionante e a misura di traduttore era Trados WorkBench.

Poi il software è stato acquistato da SDL (che non riusciva a far funzionare il suo allora mal riuscito SDLX che non era nemmeno in grado effettuare un controlo ortografico non solo in tempo reale, ma nemmeno a posteriori) e Microsoft. Insieme hanno affossato il software di Trados e hanno dato vita a un software ibrido figlio di SDLX e pochissimo di Trados. Oggi lo chiamano Trados per motivi di marketing, ma di Trados non ha più nulla.
Trados WorkBench era nato come uno strumento professionale, costoso e ben fatto da sviluppatori tedeschi, che quando mettono in commercio un software si accertano che sia privo di bug. Non richiedeva "certificazioni di utente" e stupidaggini varie tipiche del mondo Microsoft rilasciate a gente che invece lavora nel mondo IT.

Comunque, un CAT tool in generale torna utile solo se il cliente non ti dà una sua memoria di traduzione. In quel caso può servire per una migliore coerenza terminologica e stilistica, altrimenti, soprattutto se il tool è una schifezza, come lo sono molti, offerti nella versione client gratuitamente ai traduttori, distrae, spesso fa perfino perdere tempo se la sua interfaccia grafica non è intuitiva e non aiuta a visualizzare il testo in modo rilassante per gli occhi, costretti ormai a muoversi quasi sempre in senso orizzontale, anziché nel più comodo senso verticale, ai fini del confronto tra testo sorgente e testo target.

L'unica eccezione a questa regola è Passolo, uno strumento dedicato maggiormente alla localizzazione del software. Anche questo è stato acquistato da SDL, ma per fortuna non lo hanno ancora rovinato.

Ovviamente, per un traduttore letterario, un CAT tool immagino sia assolutamente inutile e, al massimo, dannoso.




[Edited at 2015-12-06 10:13 GMT]


Direct link Reply with quote
 

Eleonora_C_Gori
Italy
Local time: 04:34
French to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
spunti illuminanti Dec 6, 2015

Giuseppe C. wrote:

Il lato negativo dei CAT tool odierni è ormai preponderante. Proliferano in modo eccessivo. Ogni cliente ti propone di lavorare con un CAT tool diverso. I peggiori sono quelli con cui si deve lavorare on line e che trasformano il traduttore in una sorta di ingranaggio di produzione automatizzata. L'unico motivo per cui i clienti ti chiedono di lavorare con CAT tool è il risparmio sul compenso. Della qualità interessa ben poco, in quanto ti propinano fuzzy match altrui che rendono la traduzione un susseguirsi di cambi di stile e terminologia e revisioni sottopagate.

Uno dei lati ridicoli del lavorare con i CAT tool consiste nel denominare "Progetto" qualsiasi lavoro di traduzione. Questa stupida parola serve alle agenzie per automatizzare i lavori.

Il vero e unico CAT tool mai esistito, ben funzionante e a misura di traduttore era Trados WorkBench.

Poi il software è stato acquistato da SDL (che non riusciva a far funzionare il suo allora mal riuscito SDLX che non era nemmeno in grado effettuare un controlo ortografico non solo in tempo reale, ma nemmeno a posteriori) e Microsoft. Insieme hanno affossato il software di Trados e hanno dato vita a un software ibrido figlio di SDLX e pochissimo di Trados. Oggi lo chiamano Trados per motivi di marketing, ma di Trados non ha più nulla.
Trados WorkBench era nato come uno strumento professionale, costoso e ben fatto da sviluppatori tedeschi, che quando mettono in commercio un software si accertano che sia privo di bug. Non richiedeva "certificazioni di utente" e stupidaggini varie tipiche del mondo Microsoft rilasciate a gente che invece lavora nel mondo IT.

Comunque, un CAT tool in generale torna utile solo se il cliente non ti dà una sua memoria di traduzione. In quel caso può servire per una migliore coerenza terminologica e stilistica, altrimenti, soprattutto se il tool è una schifezza, come lo sono molti, offerti nella versione client gratuitamente ai traduttori, distrae, spesso fa perfino perdere tempo se la sua interfaccia grafica non è intuitiva e non aiuta a visualizzare il testo in modo rilassante per gli occhi, costretti ormai a muoversi quasi sempre in senso orizzontale, anziché nel più comodo senso verticale, ai fini del confronto tra testo sorgente e testo target.

L'unica eccezione a questa regola è Passolo, uno strumento dedicato maggiormente alla localizzazione del software. Anche questo è stato acquistato da SDL, ma per fortuna non lo hanno ancora rovinato.

Ovviamente, per un traduttore letterario, un CAT tool immagino sia assolutamente inutile e, al massimo, dannoso.




[Edited at 2015-12-06 10:13 GMT]


Salve Giuseppe,
grazie per per aver condiviso questa esperienza così dettagliata e per il tempo dedicato. Penso proprio che approfondirò la questione. Anche per rendere più completo il quadro generale effettivamente.

Eleonora


Direct link Reply with quote
 

Giuseppina Gatta, MA (Hons)
Member (2005)
English to Italian
+ ...
D'accordo tranne che su un paio di cose Dec 6, 2015

Giuseppe C. wrote:




Il vero e unico CAT tool mai esistito, ben funzionante e a misura di traduttore era Trados WorkBench.


Trados WorkBench era nato come uno strumento professionale, costoso e ben fatto da sviluppatori tedeschi, che quando mettono in commercio un software si accertano che sia privo di bug. Non richiedeva "certificazioni di utente" e stupidaggini varie tipiche del mondo Microsoft rilasciate a gente che invece lavora nel mondo IT.



L'unica eccezione a questa regola è Passolo, uno strumento dedicato maggiormente alla localizzazione del software. Anche questo è stato acquistato da SDL, ma per fortuna non lo hanno ancora rovinato.





[Edited at 2015-12-06 10:13 GMT]


Ho usato Trados dalla sua primissima versione ed era ben lungi dall'essere "ben funzionante e a misura di traduttore". Era costoso sì, ma non ben fatto, bug ce n'erano eccome. In generale poi, non ho mai trovato software fatti dai tedeschi che mi piacessero (ricordiamo anche l'orribile caso di Across).
Neanche Passolo mi entusiasma.

Nella mia ultraventennale carriera di traduttrice ho provato probabilmente almeno una ventina di CAT tool diversi, online, offline, inventati dalle agenzie e non. L'unico che ritengo tuttora a misura di traduttore (anche se ovviamente non privo di bug), creato da qualcuno che ne capiva di traduzioni, il compianto Emilio Benito (il quale rispondeva personalmente a chiunque gli scrivesse per chiedere aiuto) è Deja VuX. Il solo problema di questo CAT tool è il marketing non adeguato.

Per il resto sono d'accordo con le considerazioni del collega.

Giusi

PS ho partecipato anche io al sondaggio.


Direct link Reply with quote
 

Giuseppe C.  Identity Verified
Italy
Local time: 04:34
Member
English to Italian
De gustibus Dec 6, 2015

Giuseppina Gatta, MA (Hons) wrote:

"In generale poi, non ho mai trovato software fatti dai tedeschi che mi piacessero (ricordiamo anche l'orribile caso di Across)."



Vero, Across fa impazzire solo per imparare le funzioni più elementari.

Neanche Passolo mi entusiasma.


Per la localizzazione di software tecnici, tipo visualizzazioni di strumenti, io lo trovo veramente valido. Però ognuno ha i suoi gusti.

L'unico che ritengo tuttora a misura di traduttore (anche se ovviamente non privo di bug), creato da qualcuno che ne capiva di traduzioni, il compianto Emilio Benito (il quale rispondeva personalmente a chiunque gli scrivesse per chiedere aiuto) è Deja VuX. Il solo problema di questo CAT tool è il marketing non adeguato.
Per il resto sono d'accordo con le considerazioni del collega.




Credo sia l'unico CAT tool tra quelli più conosciuti che non mi sia mai capitato tra le mani. Gode di ottima fama, ma non lo conosco.

Può darsi sia più a misura di traduttore perfino di WorkBench, data l'ottima fama di cui gode da sempre.

Io mi tengo stretta l'ultima versione di Trados WorkBench e la uso quando devo tradurre senza obbligo di uso di uno specifico CAT tool. Giusto per avere uno strumento di verifica immediata bilingue, che mi offra la correzione ortografica in tempo reale, che mi permetta di rileggere comodamente la traduzione, ma che non mi faccia sentire parte di un maledetto "progetto".


Direct link Reply with quote
 

Enrico Antonio Mion  Identity Verified
France
Local time: 04:34
Member (2012)
English to Italian
+ ...
Fatto Dec 7, 2015

In bocca al lupo!

Direct link Reply with quote
 

Eleonora_C_Gori
Italy
Local time: 04:34
French to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
graditissima partecipazione attiva Dec 7, 2015

Giuseppina Gatta, MA (Hons) wrote:


Ho usato Trados dalla sua primissima versione ed era ben lungi dall'essere "ben funzionante e a misura di traduttore". Era costoso sì, ma non ben fatto, bug ce n'erano eccome. In generale poi, non ho mai trovato software fatti dai tedeschi che mi piacessero (ricordiamo anche l'orribile caso di Across).
Neanche Passolo mi entusiasma.

Nella mia ultraventennale carriera di traduttrice ho provato probabilmente almeno una ventina di CAT tool diversi, online, offline, inventati dalle agenzie e non. L'unico che ritengo tuttora a misura di traduttore (anche se ovviamente non privo di bug), creato da qualcuno che ne capiva di traduzioni, il compianto Emilio Benito (il quale rispondeva personalmente a chiunque gli scrivesse per chiedere aiuto) è Deja VuX. Il solo problema di questo CAT tool è il marketing non adeguato.

Per il resto sono d'accordo con le considerazioni del collega.

Giusi

PS ho partecipato anche io al sondaggio.


Salve Giusi,
grazie per l'attiva partecipazione sia alla discussione sia al sondaggio, è di enorme aiuto per me vedere le opinioni di chi ha sperimentato questi anni di transizione,

Eleonora



Enrico Antonio Mion wrote:

In bocca al lupo!


Crepi il lupo e grazie Enrico!


Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

I CAT tool nella professione del traduttore tecnico

Advanced search






PerfectIt consistency checker
Faster Checking, Greater Accuracy

PerfectIt helps deliver error-free documents. It improves consistency, ensures quality and helps to enforce style guides. It’s a powerful tool for pro users, and comes with the assurance of a 30-day money back guarantee.

More info »
SDL Trados Studio 2017 Freelance
The leading translation software used by over 250,000 translators.

SDL Trados Studio 2017 helps translators increase translation productivity whilst ensuring quality. Combining translation memory, terminology management and machine translation in one simple and easy-to-use environment.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search