Freelance con residenza negli USA
Thread poster: annagiuliam

annagiuliam  Identity Verified
United States
Local time: 15:48
German to Italian
+ ...
Mar 15, 2016

Ciao a tutti.
Scrivo per sapere se qualcuno ha esperienza con il lavoro freelance con residenza negli USA.

Dovrei trasferirmi lì per almeno 3 anni per il lavoro di mio marito.
Prenderò la residenza lì e inizierò a fatturare con "partita IVA" statunitense non appena ottenuto il permesso di lavoro.
Mi hanno spiegato che le tasse sarebbero di circa il 20% (15% tasse federali + 5% state tax dell'Alabama).
Non sono previsti versamenti pensionistici.
Qualcuno ha esperienza in questo settore? Come avete organizzato la vostra pensione?

A me vengono in mente 4 possibilità:

- versare una percentuale su un fondo privato americano (di cui però non conosco alcuna condizione, soprattutto riguardo alla totalizzazione di quanto versato una volta tornata in Italia)
- continuare a versare volontariamente alla gestione separata (ma la commercialista me l'ha sconsigliato perché molto oneroso, ma non ne abbiamo parlato in dettaglio)
- fare un fondo integrativo in Italia (tipo alle poste)
- mettere tutto da parte su un conto deposito.

Ringrazio chi volesse condividere con me la sua esperienza, sarebbe di grande aiuto.

Sto cercando maggiori informazioni tramite un consulente aziendale, ma preferirei sapere anche la situazione dal punto di vista di chi ha affrontato la mia stessa esperienza (trasferimento dell'attività negli USA).
Grazie!
Anna Giulia


Direct link Reply with quote
 

Elena Simonelli  Identity Verified
Spain
Local time: 22:48
English to Italian
+ ...
pensione integrativa all'estero Mar 15, 2016

Ciao Anna Giulia,
non so come siano organizzati i piani pensionistici negli Stati Uniti.

Intervengo solo per dirti che io ho una pensione integrativa all'estero. Avevo aperto questo fondo con la mia banca quando vivevo in Spagna e, anche se non sono più residente là, posso portarlo avanti e anche detrarre i versamenti in Italia.

Perciò, a occhio, direi che potresti mantenere una pensione privata in Italia (se la tua intenzione è comunque di rientrare fra 3 anni).

Restare nella gestione separata sarebbe un segno di fedeltà quasi commovente, ma forse economicamente non molto vantaggioso.

Magari sui forum in inglese puoi sentire come si organizzano da questo punto di vista i colleghi americani.

In bocca al lupo.
Elena


Direct link Reply with quote
 

Mirko Mainardi  Identity Verified
Italy
Local time: 22:48
Member
English to Italian
+ ...
Mancati versamenti Mar 15, 2016

Elena Simonelli wrote:

Restare nella gestione separata sarebbe un segno di fedeltà quasi commovente, ma forse economicamente non molto vantaggioso.


Solo una considerazione/dubbio su questo. Se in effetti Anna intende rientrare in Italia tra 3/4 anni, allora il mancato versamento per quel periodo alla gestione separata non diventerebbe comunque un "problema" ai fini del raggiungimento dell'età pensionabile?


Direct link Reply with quote
 

Riccardo Schiaffino  Identity Verified
United States
Local time: 14:48
Member (2003)
English to Italian
+ ...
Informati bene da un avvocato statunitense specializzato in immigrazione Mar 15, 2016

annagiuliam wrote:

Prenderò la residenza lì e inizierò a fatturare con "partita IVA" statunitense non appena ottenuto il permesso di lavoro.


Informati bene da un avvocato statunitense specializzato in immigrazione. Il fatto che tu parli di "partita IVA" statunitense mi suggerisce che tu non sia sufficientemente informata di come vanno le cose qui (non esiste l'IVA, quindi nessunissima partita IVA).

Se chi ha ottenuto un visto di lavoro è tuo marito (per es. visto H1B) per quanto ne so, come coniuge avrai il permesso di soggiorno, ma NON il permesso di lavoro per te. Questo vale anche nel caso tuo marito abbia già un permesso di soggiorno permanente (cosiddetta "carta verde") o perfino se lui è cittadino statunitense - a meno che non abbiate già fatto la domanda per la carta verde (o per un visto separato che ti permetta di lavorare) per te.

Se avete già iniziato la procedura per ottenere la carta verde, a un qualche punto avrai il diritto di lavorare negli Stati Uniti, ma, ripeto, informati bene da un avvocato specializzato in immigrazione (preferibilmente quello che sta seguendo la vostra pratica).


Direct link Reply with quote
 

StefanoFarris  Identity Verified
United States
Local time: 16:48
Member (2015)
English to Italian
La mia esperienza... Mar 15, 2016

Anna Giulia,
io vivo e lavoro negli States, e non posso dirti niente di utile sulla migliore soluzione per la pensione IN ITALIA.
Ma noto nel tuo messaggio alcuni dettagli che richiedono un commento:
quando avrai ottenuto la residenza con permesso di lavoro ti raccomando assolutamente di rivolgerti ad un commercialista per inquadrare al meglio la tua intera situazione. Un Tax Man ti darà i consigli più importanti. Fra i quali ci dovrebbero essere:
costituisciti come una Corporation personale (S Corporation). Questo limita non solo le possibili responsabilità finanziarie ma diminuisce sostanzialmente le tasse.
I contributi alla Previdenza Sociale (Social Security) sono obbligatori per i cittadini ma non so se lo sono per i residenti senza cittadinanza. Un commercialista ti saprà dire.
I migliori auguri.
Stefano


Direct link Reply with quote
 

annagiuliam  Identity Verified
United States
Local time: 15:48
German to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
ricapitolando.... Mar 15, 2016

Grazie a tutti per i suggerimenti e per le puntualizzazioni.

Elena, grazie per il suggerimento, lo terrò sicuramente in considerazione!

Riccardo, lo so che il sistema negli USA è ben diverso, per questo ho messo "partita IVA" tra virgolette, semplicemente per rendere l'idea in maniera più immediata.
Mi sto facendo seguire dall'azienda di consulenza fiscale della ditta di mio marito e dall'avvocato dell'azienda, di più mi sembra che non possa fare.
Mio marito ha un visto L1 e io L2, il permesso di lavoro posso averlo, ci vogliono solo un paio di mesi e nel frattempo posso continuare a fatturare con la partita IVA (senza virgolette) italiana.

Per quanto riguarda il mancato versamento di cui parla Mirko, non dovrebbero sorgere problemi perché Italia e USA hanno un apposito accordo bilaterale per la totalizzazione dei contributi.

Stefano: per quanto riguarda la corporation personale, sto ancora aspettando maggiori dettagli sulle modalità di registrazione dell'attività, mi hanno detto però che ho la possibilità di fare la dichiarazione dei redditi congiunta con mio marito (file jointly). Comunque grazie per il suggerimento, chiederò anche questa eventualità all'avvocato dell'azienda che mi segue.


L'informazione più urgente in questo momento (che ho anche chiesto al mio commercialista) è sapere come muovermi sul lato pensionistico, mi piacerebbe sapere se qualcuno nella mia stessa situazione ha optato per qualche sistema pensionistico particolare.


Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Freelance con residenza negli USA

Advanced search






WordFinder
The words you want Anywhere, Anytime

WordFinder is the market's fastest and easiest way of finding the right word, term, translation or synonym in one or more dictionaries. In our assortment you can choose among more than 120 dictionaries in 15 languages from leading publishers.

More info »
PDF Translation - the Easy Way
TransPDF converts your PDFs to XLIFF ready for professional translation.

TransPDF converts your PDFs to XLIFF ready for professional translation. It also puts your translations back into the PDF to make new PDFs. Quicker and more accurate than hand-editing PDF. Includes free use of Infix PDF Editor with your translated PDFs.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search