Cessione di opere dell'ingegno a cliente estero
Thread poster: Tommaso Martelli

Tommaso Martelli  Identity Verified
Italy
Local time: 12:33
Member (2013)
German to Italian
+ ...
Mar 2, 2017

Salve colleghi,

chiedo consiglio a chi ne sa più di me riguardo ai compensi ricavati dalla cessione di opere dell'ingegno. In breve la mia situazione: lavoro principalmente con traduzione tecniche, o comunque non soggette a diritto d'autore, quindi fatturo normalmente con partita IVA. Ora mi è però capitato di dover tradurre un testo di saggistica (che verrà pubblicato), ed essendo un progetto di dimensioni piuttosto considerevoli, vorrei poter usufruire dei vantaggi dati dalla cessione delle opere dell'ingegno.
Mi vengono in mente però alcune questioni:

1 - Il mio committente è l'autore stesso del testo, quindi una persona fisica e non una casa editrice. Questo può rappresentare una limitazione?

2- Il committente è residente all'estero (Germania). Consultando il sito AITI, se ho capito bene non devo emettere una fattura per questo lavoro, ma una notula che contenga le seguenti diciture:
Operazione soggetta al regime diritti d'autore L. 633/41 e successive integrazioni.
Operazione esente IVA art. 3, c. 4, lett. A) DPR 633/72 e successive modifiche.
DPR 687/74

La notula in teoria dovrebbe includere anche la ritenuta d'acconto del 20% (sul 75% del totale del compenso). Dato che però si tratta di un cliente estero, come mi devo comportare?

3- Devo stipulare un vero e proprio contratto con il mio committente (in questo caso l'autore del testo)? Non è sufficiente uno scambio di mail dove ci accordiamo sulle modalità di consegna e pagamento?

4- Esiste un riferimento giuridico preciso dove viene specificato che le traduzioni (e anche quali tipologie di traduzioni) sono considerate opere dell'ingegno? Il mio commercialista è scettico su questo punto e vorrei dargli un riferimento preciso

Ringrazio in anticipo chi vorrà condividere le proprie conoscenze al riguardo,

Tommaso


 

Giovanni Milone  Identity Verified
Italy
Local time: 12:33
English to Italian
Risposte e riferimenti Mar 2, 2017

Ho affrontato di recente lo stesso problema.

Ti segnalo intanto questo utile vademecum pubblicato da Strade, che analizza la questione in modo molto esauriente: http://www.traduttoristrade.it/vademecum/

Per rispondere alle tue domande:

1 - no, non è affatto una limitazione

2 - richiedi il pagamento dell'importo lordo, provvedendo poi tu ad effettuare gli adempimenti necessari in sede di dichiarazione dei redditi

3 - credo che un contratto che dichiari con chiarezza che il compenso pattuito è il corrispettivo per la cessione dei diritti d'autore su una traduzione di carattere creativo sia consigliabile (sebbene forse non strettamente necessario, ma non ne sono sicuro)

4 - copio dal vademecum: "Il fulcro della normativa italiana sul diritto d'autore è costituito dalla legge n. 633 del 22 aprile 1941 (Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio, d'ora innanzi abbreviata in LDA) e dal suo regolamento attuativo, il R.D. 18 maggio 1942, n. 1369 (Approvazione del regolamento per l'esecuzione della L. 22 aprile 1941, n. 633, per la protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio). Anche il codice civile, nel libro V, titolo IX, capo I, “Del diritto di autore sulle opere dell'ingegno letterarie e artistiche”, detta una disciplina specifica che richiama i principi della LDA."

Sono in particolare rilevanti gli articoli 4 e 7 della LDA.

art. 4: "Senza pregiudizio dei diritti esistenti sull'opera originaria, sono altresì protette le elaborazioni di carattere creativo dell'opera stessa, quali le traduzioni in altra lingua, le trasformazioni da una in altra forma letteraria od artistica, le modificazioni ed aggiunte che costituiscono un rifacimento sostanziale dell'opera originaria, gli adattamenti, le riduzioni, i compendi, le variazioni non costituenti opera originale."

art. 7: "È considerato autore delle elaborazioni l'elaboratore, nei limiti del suo lavoro".


 

Tommaso Martelli  Identity Verified
Italy
Local time: 12:33
Member (2013)
German to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Modello di contratto? Mar 3, 2017

Giovanni Milone wrote:


3 - credo che un contratto che dichiari con chiarezza che il compenso pattuito è il corrispettivo per la cessione dei diritti d'autore su una traduzione di carattere creativo sia consigliabile (sebbene forse non strettamente necessario, ma non ne sono sicuro)



Grazie Giovanni per le preziose informazioni! A questo punto chiedo anche se qualcuno sa dove posso reperire un modello di contratto (semplice e conciso) da utilizzare.

Grazie ancora e buon lavoro

Tommaso


 

Silvia Pellacani  Identity Verified
Italy
Local time: 12:33
Member (2011)
German to Italian
+ ...
Cessione opere dell'ingegno: risorse dal sito di STRADE Mar 3, 2017

Buongiorno Tommaso,

sul sito di STRADE (che ti ha già indicato Giovanni) puoi trovare numerose risorse:

Il diritto d’autore del traduttore http://www.traduttoristrade.it/diritto-d-autore/
Normativa http://www.traduttoristrade.it/normativa/
Il regime fiscale del traduttore editoriale http://www.traduttoristrade.it/regime-fiscale/
Esempio di contratto di edizione http://www.traduttoristrade.it/contratto/

Buon lavoro,
Silvia Pellacani


 

Tommaso Martelli  Identity Verified
Italy
Local time: 12:33
Member (2013)
German to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Contratto più sintetico? Mar 3, 2017

Grazie Silvia, in effetti il modello di contratto di Strade l'avevo già visto, ma nel mio caso il committente non è una casa editrice, ma l'autore stesso del testo (cioè è lui che mi paga e poi provvederà alla pubblicazione, non so nemmeno con quale casa editrice).

Per questo mi servirebbe un contratto diciamo un po' più conciso, in non ho interesse a specificare tutte le varie ed eventuali limitazioni del diritto d'autore, in quanto vorrei cedere tutti i diritti senza nessun termine di tempo. Poi non vorrei "spaventare" l'autore stesso mandandogli un testo lungo pieno di articoli (che tra l'altro mi toccherebbe tradurre o spiegare in tedesco, lavoro non da poco). A me questa modalità interessava essenzialmente per risparmiare dal punto di vista fiscale (in modo lecito ovviamenteicon_wink.gif, il testo in questione poi è molto di nicchia e non credo che venderà milioni di copie...io poi ho pattuito un compenso per la traduzione e non intendo far valere altri diritti.

Inoltre mi chiedevo: ma avendo io la partita IVA posso comunque emettere anche notule e non fatture, nel caso si tratti di prestazioni di differente natura?

Vi ringrazio ancora per la partecipazione,

Tommaso


 

Giovanni Milone  Identity Verified
Italy
Local time: 12:33
English to Italian
Contratto Mar 6, 2017

Io ho redatto un contratto ad hoc dietro consulenza del mio commercialista, ma ricordo che nel vademecum di Strade sono riportati vari fac-simili (anche molto semplici) relativi a svariate tipologie di committenti.

Sì, naturalmente, puoi emettere tranquillamente note per cessioni di diritti anche se hai la partita Iva.


 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Cessione di opere dell'ingegno a cliente estero

Advanced search






SDL Trados Studio 2017 only €435 / $519
Get the cheapest prices for SDL Trados Studio 2017 on ProZ.com

Join this translator’s group buy brought to you by ProZ.com and buy SDL Trados Studio 2017 Freelance for only €435 / $519 / £345 / ¥63000 You will also receive FREE access to Studio 2019 when released.

More info »
SDL Trados Studio 2017 Freelance
The leading translation software used by over 250,000 translators.

SDL Trados Studio 2017 helps translators increase translation productivity whilst ensuring quality. Combining translation memory, terminology management and machine translation in one simple and easy-to-use environment.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search