Pages in topic:   [1 2] >
Validità Regime forfettario con agenzie estere
Thread poster: Stardust790

Stardust790
Italy
Local time: 13:02
French to Italian
+ ...
Oct 27, 2017

Buongiorno a tutti.
Come da titolo, mi sono rivolta ad un commercialista per chiedere informazioni sugli obblighi fiscali dei traduttori che decidono di aprire la partita Iva. Il commercialista mi ha parlato appunto del regime forfettario, solo che mi ha spiegato che non è sicuro sul fatto che tale regime possa essere applicato anche a chi lavora (dall'Italia) con agenzie estere. E' vero?
Vi ringrazio in anticipo.


 

Alessandra Chiappini  Identity Verified
Local time: 13:02
German to Italian
+ ...
Regime forfettario Oct 30, 2017

Ciao,
ho il regime forfettario dallo scorso anno e lavoro quasi esclusivamente con agenzie all'estero.

Saluti,
Alessandra Chiappini


 

Mirko Mainardi  Identity Verified
Italy
Local time: 13:02
Member
English to Italian
Cambia commercialista Oct 30, 2017

Stardust790 wrote:

Buongiorno a tutti.
Come da titolo, mi sono rivolta ad un commercialista per chiedere informazioni sugli obblighi fiscali dei traduttori che decidono di aprire la partita Iva. Il commercialista mi ha parlato appunto del regime forfettario, solo che mi ha spiegato che non è sicuro sul fatto che tale regime possa essere applicato anche a chi lavora (dall'Italia) con agenzie estere. E' vero?
Vi ringrazio in anticipo.


Se possibile, io cercherei un commercialista che abbia almeno un minimo le idee chiare, soprattutto in fatto di adempimenti e normativa nei rapporti con l'estero. Rivolgermi a un commercialista che parte così, non mi farebbe sentire particolarmente fiducioso/sicuro...


Prestazioni di servizi rese o ricevute

Si applicano gli articoli 7-ter e seguenti del D.P.R. 633 del 1972 per le prestazioni di servizi ricevute da soggetti non residenti o rese ai medesimi

Vale a dire che il forfettario italiano si comporterà analogamente ai soggetti in regime IVA ordinario, sia nel caso di servizi “B2B” resi che ricevuti.
Quindi nel primo caso, in qualità di prestatore emetterà una fattura non soggetta ex art. 7-ter (ipotizziamo un servizio generico) con la dicitura obbligatoria “inversione contabile” o “reverse charge“.
Nel secondo caso, in qualità di committente, una volta ricevuta la fattura con dicitura “reverse charge”, dovrà integrarla con IVA che andrà versata entro il 16 del mese successivo all’effettuazione dell’operazione (ricordo che nel caso dei servizi con data di effettuazione dell’operazione si considera la data di registrazione/contabilizzazione).

Nel caso in cui la controparte sia un soggetto passivo IVA comunitario, trattandosi di servizio intracomunitario, andrà presentato il modello INTRA servizi resi o servizi ricevuti. Nel caso di controparte soggetto non residente extracomunitario, non andrà chiaramente presentato alcun modello INTRA.

Per i servizi ricevuti dal 1° gennaio 2017, con l’articolo 4 comma 4 lettera b) del Decreto Legge 193 del 2016 convertito con modifiche in Legge 225 del 2016, era stato eliminato l’obbligo dell’invio dell’elenco riepilogativo INTRA servizi ricevuti, che è stato tuttavia reintrodotto fino al 31 dicembre 2017 a seguito del Decreto Legge 244 del 2016, cosiddetto “Milleproroghe”, mentre dal 1° gennaio 2018 andrà definitivamente “in pensione”.
I servizi generici “B2c” (verso consumatori privati), invece, sono normali operazioni interne senza rivalsa.

http://www.dangelos.it/operazioni-estere-nel-nuovo-regime-forfettario



Per operare in ambito comunitario è necessaria l'inclusione nel VIES - http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Home/CosaDeviFare/Richiedere/Inclusione%20archivio%20Vies/


 

Stardust790
Italy
Local time: 13:02
French to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
costi regime forfettario Oct 30, 2017

Grazie mille a tutti!
Quindi si pagano delle imposte pari a circa il 30% del proprio fatturato annuo? O occorre pagare di più, data la collaborazione con agenzie estere? Grazie ancora.

[Modificato alle 2017-10-30 12:43 GMT]

[Modificato alle 2017-10-30 13:12 GMT]


 

Marcella Marino  Identity Verified
Italy
Local time: 13:02
Member (2016)
English to Italian
+ ...


Posted via
ProZ.com Mobile


Con il regime forfettario si può lavorare con l'estero Oct 30, 2017

Ciao,
con il regime forfettario si può tranquillamente lavorare con l'estero. Il/la tuo/a commercialista ti deve solo far fare l'iscrizione al Vies (come ha scritto anche Mirko), poi ogni trimestre dovrà inviare una dichiarazione chiamata Intra per registrare le fatture che fai ai committenti esteri (clienti o agenzie).

Spero di esserti stata d'aiuto.
Marcella


 

Christel Zipfel  Identity Verified
Member (2004)
Italian to German
+ ...
Sono veramente fantasiosi certi commercialisti! Oct 30, 2017

Perché non si dovrebbe poter lavorare con l'estero? Segui il consiglio di Mirko soprattutto e degli altri colleghi.

 

Stardust790
Italy
Local time: 13:02
French to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
esatto, fantasiosi e costosi anche! Oct 31, 2017

Mi chiedevo se a questo punto mi serve davvero un commercialista o posso fare tutto da sola, visto che i costi si aggirano intorno agli 800 euro all'anno.

 

Giovanna Alessandra Meloni  Identity Verified
Italy
Local time: 13:02
Member (2012)
Spanish to Italian
+ ...
Certo che si può lavorare con l'estero. Nov 3, 2017

E concordo col cercare un altro professionista, magari il tuo non ha clienti che lavorano con l'estero.

 

Elena Mazzetto
Italy
Local time: 13:02
Member (2017)
English to Italian
+ ...
Commercialista specializzato è meglio Nov 3, 2017

Ciao,
io mi sono rivolta a un commercialista che abbia già esperienza di fiscalità con traduttori e interpreti. Ti consiglio di fare lo stessoicon_smile.gif

Non ti consiglio di fare tutto in autonomia comunque, soprattutto se sei completamente a digiuno di temi fiscali e compagnia, che ultimamente cambiano in continuazione e bisogna sempre essere aggiornate.


 

Mirko Mainardi  Identity Verified
Italy
Local time: 13:02
Member
English to Italian
Tasse e contributi Nov 3, 2017

Stardust790 wrote:

Grazie mille a tutti!
Quindi si pagano delle imposte pari a circa il 30% del proprio fatturato annuo? O occorre pagare di più, data la collaborazione con agenzie estere? Grazie ancora.


Per quanto ne so io, al momento si paga il 25,72% di INPS e il 15% di imposta sostitutiva sul 78% di quanto incassato in un anno. Quindi, se incassi 100 in un anno paghi il 25,72% su 78, cioè 20, poi paghi il 15% su 78 meno l'INPS dell'anno prima, quindi, approssimando, 15% su 58, cioè 8,7, per cui sì, circa 30%, ma di quanto incassato, non fatturato, nell'anno in corso (principio di cassa).

Poi, se lavori con clienti esteri comunitari, il commercialista ti farà probabilmente pagare un extra per le dichiarazioni INTRA.

Qualcuno mi corregga se ho scritto qualche inesattezza.


 

Stardust790
Italy
Local time: 13:02
French to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
tasse Nov 3, 2017

Vi ringrazio tutti perchè siete stati molto chiari e gentili nel darmi consigli.
Un altro commercialista che ho consultato mi ha detto per esempio che anche se lavoro con l'estero non devo pagare in più, però sinceramente a questo punto ho i miei dubbi.


 

Jale Farrokhnia
Italy
Local time: 13:02
German to Italian
+ ...
Certo che si può Nov 5, 2017

Se hai qualche nozione di base puoi tranquillamente iscriverti da solo al Vies sul sito dell'Agenzia delle Entrate e poi inviare per via telematica gli elenchi intrastat trimestrali. È possibile farlo anche a regime forfetario

 

Marcella Marino  Identity Verified
Italy
Local time: 13:02
Member (2016)
English to Italian
+ ...
Per quel che so io Nov 5, 2017

Per quel che so io il regime forfettario prevede il pagamento del 5% sul fatturato dell'anno precedente + il 27,72% di INPS (che dal prossimo anno, quindi per il fatturato del 2017, diventerà 25,72%).
Riguardo l'INTRA, anch'io come Mirko so che i commercialisti chiedono qualcosa in più sul proprio compenso perché ogni trimestre devono preparare e inviare questa dichiarazione (naturalmente se lavori con l'estero, come mi pare di capire).
In ogni caso, a prescindere da percentuali e calcoli vari, anche secondo me ti conviene affidarti a un buon commercialista e non fare tutto da te, sia per tutti i calcoli da fare sia perché le leggi fiscali cambiano spesso nel giro di breve tempo ed è importante restare aggiornati.


 

Stardust790
Italy
Local time: 13:02
French to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
tasse e commercialista Nov 8, 2017

Vi ringrazio di nuovo tutti per le risposte. Si alla fine si tratta di trovare un buon commercialista, esperto anche di questo settore. Una curiosità: in media un commercialista quanto chiede al mese o all'anno? Per ora, da quanto ho capito i costi si aggirano intorno ai 700/800 euro annuali.

 

Dragomir Kovacevic  Identity Verified
Italy
Local time: 13:02
Italian to Serbian
+ ...
Commercialista per Regime forfettario Nov 9, 2017

Una cosa è certa e un'altra è incerta:

- è certo che un commercialista per la gestione del Regime forfettario quasi non è necessario, ovvero, diciamo che lo sia, o meglio, definirei le mansioni al livello di competenza e raggio di un CAF - centro per contabilità a cui si rivolgono cittadini. Perché lo dico? Risposta: oltre alla solita dichiarazione dei redditi, un CAF per te potrà compilare moduli per pagamenti previdenziali INPS. Dovrà inoltre visionare-controllare in volata, tutte le tue fatture e spese di lavoro (e quelle private, come per tutti cittadini). Questo costo annuo si aggira sui 230 euro.

- quello che è incerto, sarebbe il fattore del traduttore: compila o no le fatture da solo o si rivolte al commercialista il che non dovrebbe fare poiché un traduttore dovrebbe saper fare tante cose e continuar ad impararle, tiene registri delle fatture e delle spese? Riesce o no, versare IVA per qualche sfortunato acquisto in Italia o estero, cioè non ingaggiare il commercialista - CAF? Saprà o no, compilare proprie dichiarazioni Intrastat per IVA comunitaria? (Dovrebbe saperlo, altrimenti spetta pagare minimamente 35-40 euro per ciascuna dichiarazione trimestrale).

L'importo che citi potrebbe riferirsi per la contabilità semplificata di un utente sotto pieno regime IVA. E l'importo che cito io, si riferisce al traduttore che si rivolge ad un centro CAF per gestione elementare ed indispensabile. Altrimenti, se un traduttore sotto Regime Forfettario continua rivolgersi a un vero commercialista per propria gestione del regime forfettario, potrebbe ottenere una tariffa annua di incirca 500 euro. Sempre ivati, sia da CAF o da commercialista. Bisogna tenere conto che i centri CAF ricevono sussidi dallo Stato per poter svolgere a prezzo favorevole, questi servizi per i cittadini.

Stardust790 wrote:

Vi ringrazio di nuovo tutti per le risposte. Si alla fine si tratta di trovare un buon commercialista, esperto anche di questo settore. Una curiosità: in media un commercialista quanto chiede al mese o all'anno? Per ora, da quanto ho capito i costi si aggirano intorno ai 700/800 euro annuali.


[Edited at 2017-11-09 11:44 GMT]

[Edited at 2017-11-09 15:51 GMT]


 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Validità Regime forfettario con agenzie estere

Advanced search






memoQ translator pro
Kilgray's memoQ is the world's fastest developing integrated localization & translation environment rendering you more productive and efficient.

With our advanced file filters, unlimited language and advanced file support, memoQ translator pro has been designed for translators and reviewers who work on their own, with other translators or in team-based translation projects.

More info »
Wordfast Pro
Translation Memory Software for Any Platform

Exclusive discount for ProZ.com users! Save over 13% when purchasing Wordfast Pro through ProZ.com. Wordfast is the world's #1 provider of platform-independent Translation Memory software. Consistently ranked the most user-friendly and highest value

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search