Lo "stile bello" nelle traduzioni finanziarie
Thread poster: Katherine Zei

Katherine Zei  Identity Verified
Canada
Local time: 20:23
Italian to English
+ ...
Apr 25, 2006

Visto che siamo nella stagione di "financial reporting", vorrei sentire che cosa dite per quanto riguarda lo stile nella traduzione dei documenti finanziari.

E' naturalmente più importante fare una traduzione corretta per quanto riguarda i bilanci. Ma è completamente folle pensare che sia anche possibile fare una traduzione bella?

Come si dice in inglese, "you can't make a silk purse out of a sow's ear" (non si può creare una cosa bella da un materiale brutto).

O no?

Colgo anche l'occasione per fare un'osservazione sulla traduzione di "tasso Euribor": visto che la "r" in Euribor sta già per "rate", non è necessario tradurre la parola tasso perché già implicito in "Euribor". Quindi "Euribor rate" è ridondante, secondo me un esempio di "stile brutto", da evitare.

Lo dico perché se si "googla" "Euribor rate" lo si vede in 33,000 risultati!!

Tecnicamente (e stilisticamente), è sbagliato.

Scusate l'italiano "da bischera". Se qualcuno volesse coreggermi, sarebbe molto gentile da parte sua.
ciao,
k

[Edited at 2006-04-27 11:44]

Grazie Giancarlo e Dsaint per le correzioni!


[Edited at 2006-04-27 11:53]


Direct link Reply with quote
 

Giulia TAPPI  Identity Verified
France
Local time: 03:23
French to Italian
+ ...
Euribor Apr 26, 2006

La tua osservazione mi sembra molto interessante e ne terrò conto. Per quanto riguarda lo stile, io so che i bilanci italiani (come molti altri testi) sono a metà scritti con termini inglesi, e che lo stile è molto brutto, però mi sembra che noi traduttori dobbiamo rendere un testo che assomiglia a quelli scritti nella lingua originale, e quindi forse uno stile troppo "raffinato" non passa.

Direct link Reply with quote
 

Giuliana Buscaglione  Identity Verified
Austria
Local time: 03:23
Member (2001)
German to Italian
+ ...
Tempi, stili, esigenze, requisiti Apr 26, 2006

Ciao Katherine,

Il problema che sollevi è senz'altro interessante, ma di norma i testi finanziari e correlati sono destinati a un certo pubblico, abituato a certe espressioni che si attende di leggerle tali e quali. Non solo, ciascuna banca / istituto finanziario, ecc. ha il suo set di regole precise a cui i traduttori finanziari si debbono attenere, non solo per quanto riguarda la terminologia, ma anche per lo stile e perfino la punteggiatura o forma delle cifre e abbreviazioni.

Il finanziario ha un suo stile e se seguito è semplice da intendere e seguire...

Non solo, i tempi per la traduzione sono sempre così stretti (così è: una volta pronti è già ora di pubblicarli o inviarli e la traduzione ha pochissimo tempo) che l'arte creativa ha poco spazio per stender le ali... meglio rifarsi al déjà vue e star nei tempi. Questo non significa far male, ma non si tratta certo di trattati letterari.. e il concetto del bello trovo sia molto personale.

Quanto all'inglese, beh, molte espressioni non hanno pari in italiano, soprattutto se sconfiniamo nei fondi o ramo assicurativo / fondi oppure sono usate dagli "insider".... ecco.. insider in un contesto diverso dal mio qui... c'è un'espressione italiana, ma con insider, in una sola parola, identifichi tutto un problema

Giuliana


Direct link Reply with quote
 
theDsaint
French to Italian
+ ...
italiano Apr 26, 2006

sulla questione dello stile finanziario non ho voce in capitolo, però posso coreggerti l'italiano!



Visto che sia la stagione di "financial reporting",
SIAMO NELLA

(non si può creare una cosa bella da una materiale brutta).
UN materiale (è maschile)

Prendo anche l'occasione di fare un'osservazione
COLGO anche l'occasione PER fare

visto che la "r" in Euribor stia già per "rate",
STA già...

non è necessario tradurre la parola tasso purché già implicito
PERCHé (=causa; purché=a condizione che)

Lo dico perché se si "googla" "Euribor rate" lo si veda 33,000 colpi!!
lo si VEDE in 33000 RISULTATI

Se qualcuno vorrebbe coreggermi, è molto gentile da parte vostra.
se qualcuno VOLESSE (congiuntivo, non condizionale) coRReggermi, SAREBBE molto gentile da parte SUA (terza persona perché si riferisce a «qualcuno», che è appunto terza persona).

Comunque tranquilla, il tuo italiano "bischero" è di certo meglio del mio inglese "osceno"!!!


Direct link Reply with quote
 

Francesca Pesce  Identity Verified
Local time: 03:23
Member (2006)
English to Italian
+ ...
Pienamente d'accordo con te Apr 26, 2006

Cara Katherine,

concordo con te sullo stile delle traduzioni finanziarie. Negli anni, mi sono accorta che il mondo finanziario - non solo italiano - va a mode, a ondate.
Per 5-6 mesi ti tempestano di "profit warnings", poi non lo usano più.
Per altri 5-6 mesi ti tempestano di "Eurolandia", poi passano alla "zona Euro".
Per mesi si fissano su "consensus" poi lo abbandonano (ancora no, ma spero presto).
Di esempi se ne potrebbero fare moltissimi.

Con i miei clienti abituali, la mia strada è quella di trovare il giusto mezzo: in altri termini, pur rispettando le loro scelte fondamentali, insisto nel consegnare i testi con alcune mie scelte stilistiche che ritengo più decenti. Ad esempio, io continuo a non usare "consensus", quando usato in maniera generale. Mi rifiuto di scrivere l'aggettivo "performante", ma cedo alla loro richiesta di "sovraperformance".

Insomma, cerco nel mio piccolo di condizionare il loro linguaggio. Spesso i miei referenti sono italiani che lavorano per società finanziarie all'estero, che ormai - ma inconsapevolmente - hanno il linguaggio e la lingua locale molto più presente negli orecchi e in testa, rispetto all'italiano. Mi accorgo anche io che in molti casi sono disposti a soccombere a miei suggerimenti.
Conto anche sul fatto che i tempi sono stretti per noi, ma anche per loro, quindi a volte gli sfuggono mie versioni stilistiche che in altri momenti forse sostituirebbero.

Ho anche capito che il linguaggio finanziario italiano la fanno i giornalisti, le imprese coinvolte, ma alla fine in minima parte anche noi traduttori: infatti, se tra i miei clienti ho 5 fondi comuni, il loro materiale avrà uno stile, espressioni e scelte che alla lunga diventano prassi consolidata.

Termino sottolineando che molti esperti di finanza che lavorano nel settore non sanno scrivere, neanche nella loro lingua. Ne ho presente uno in particolare, un gestore di un fondo australiano, che da anni ogni trimestre scrive un commento sulla gestione di circa 25 righe, impostato sempre nello stesso modo utilizzando almeno 6 volte ";" al posto di ":". E in questi anni, nessuno glielo ha mai fatto presente.


Direct link Reply with quote
 
Lorenzo Lilli  Identity Verified
Local time: 03:23
German to Italian
+ ...
Bischera? Apr 26, 2006

Katherine Zei wrote:

Scusate l'italiano "da bischera"



Ma no, figurati, si vede che sei andata a sciacquare i panni in Arno come Manzoni


Direct link Reply with quote
 

Katherine Zei  Identity Verified
Canada
Local time: 20:23
Italian to English
+ ...
TOPIC STARTER
Eccesse di raffinatezza Apr 27, 2006

Giulia TAPPI wrote:

La tua osservazione mi sembra molto interessante e ne terrò conto. Per quanto riguarda lo stile, io so che i bilanci italiani (come molti altri testi) sono a metà scritti con termini inglesi, e che lo stile è molto brutto, però mi sembra che noi traduttori dobbiamo rendere un testo che assomiglia a quelli scritti nella lingua originale, e quindi forse uno stile troppo "raffinato" non passa.


Ciao Giulia! Grazie per il commento.

Accordo pienamente che tanti testi sono brutti, e spesso usano termini inglesi. Quindi bisogna forse aderire allo stile originale, rendendo un prodotto che è corretto e anche linguisticamente adatto.

Una volta ho dovuto revisionare una traduzione semi-tecnico dall'inglese all'italiano di un depliant per un fondo d'investimento, i cui lettori sarebbero stati investitori professionisti italiani.

Il traduttore ha fatto una traduzione bellissimo, e non ha usato una singola parola inglese. Ma aveva uno stile "letterario", ed era quasi troppo bello--ansi, a volte faceva ridere, especialmente per a una persona abituato a leggere gli studi finanziari scritti da italiani. So che i lettori si sarebbero schiantati delle risate, quindi ho fatto tanti cambiamenti. Il traduttore si è arrabbiato, dicendo che tutti cambiamenti che avevo fatto erano tutti "soltanto una questione di stile". Aveva ragione! Era quello il mio punto.


Direct link Reply with quote
 

Katherine Zei  Identity Verified
Canada
Local time: 20:23
Italian to English
+ ...
TOPIC STARTER
Grazie Lore! Apr 27, 2006

Lorenzo Lilli wrote:

Katherine Zei wrote:

Scusate l'italiano "da bischera"



Ma no, figurati, si vede che sei andata a sciacquare i panni in Arno come Manzoni


Quello lo dici soltanto per essere carino!


Direct link Reply with quote
 


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Lo "stile bello" nelle traduzioni finanziarie

Advanced search






Anycount & Translation Office 3000
Translation Office 3000

Translation Office 3000 is an advanced accounting tool for freelance translators and small agencies. TO3000 easily and seamlessly integrates with the business life of professional freelance translators.

More info »
Déjà Vu X3
Try it, Love it

Find out why Déjà Vu is today the most flexible, customizable and user-friendly tool on the market. See the brand new features in action: *Completely redesigned user interface *Live Preview *Inline spell checking *Inline

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search