Pages in topic:   [1 2] >
Traduzioni nel mondo dell'editoria (ovvero, i traduttori vivono d'aria e amore)
Thread poster: Andrea Re

Andrea Re  Identity Verified
United Kingdom
Local time: 17:08
English to Italian
+ ...
May 18, 2006

Tanto per cambiare, mi era capitato un lavoro corposo piuttosto tecnico, che mi interessava veramente, sul quale sono senza dubbio esperto e per il quale richiedevano conoscenza specialistica (che possiedo). Mi lancio con un'offerta che mi sembra equa e sono anche pronto a trattare, ma l'agenzia italiana mi risponde che sono troppo caro (il che sarebbe accettabile) e che per una traduzione nel mondo dell'editoria si parla di tariffe di 7-8EUR a cartella di 1500 caratteri ESCLUSI gli spazi!!!
Ma scusate, nel mondo dell'editoria si praticano questi prezzi?? E la gente come campa, d'aria???

[Edited at 2006-05-18 14:10]


Direct link Reply with quote
 

Roberta Anderson  Identity Verified
Italy
Local time: 18:08
Member (2001)
English to Italian
+ ...
senonvoglionospazi... May 18, 2006

bastanonmetterlieineffettisirisparmiaunsaccoditempoedègiustochesivengapagatimeno



Direct link Reply with quote
 

LuciaC
United Kingdom
Local time: 17:08
English to Italian
+ ...
May 18, 2006

vivono d'aria...

Non so se conosci il famoso Tariffometro dell'ancor più famoso Simon Turner:
http://www.turner.it/tariffometro.htm

Se ho letto bene, la tariffa da te citata è praticamente al di sopra della tariffa fame e si situa nella fascia media! (ps. però senza spazi rientrebbe nella tariffa fame?)

Ti consiglio di seguire Biblit.it: ti renderai conto che ci sono persone disposte a lavorare gratis pur di mettere un piede nell'editoria e di veder pubblicato, piccolo piccolo, il proprio nome.

[Edited at 2006-05-18 15:17]


Direct link Reply with quote
 

Gisella Germani Mazzi
Switzerland
Local time: 18:08
German to Italian
+ ...
è vero... May 18, 2006

Ma molti per vivere fanno traduzioni tecniche. Però che senso ha lavorare quasi gratis solo per vedere pubblicato il proprio nome? Soddisfazione personale? Strategia di marketing? Mah!

Direct link Reply with quote
 

Maria Antonietta Ricagno  Identity Verified
Local time: 18:08
Member
English to Italian
+ ...
Lavorare stanca...ma farlo gratis ti ammazza May 18, 2006

ciao a tutti

nella mia unica esperienza di lavoro per l'editoria (ho dato una mano ad un amico in difficoltà) mi sono fatta un'idea precisa: correre a gambe levate se ti propongono un lavoro.
Un breve riassunto: lavoro consegnato a mano da un fattorino su fotocopia (!!) perchè non avevano una copia su file; vicissitudini inenarrabili per emettere la fattura (una burocrazia da suicidio); tariffa praticamente inesistente, e per finire il nome me l'hanno pubblicato, certo, ma sbagliato!

Antonella


Direct link Reply with quote
 

Andrea Re  Identity Verified
United Kingdom
Local time: 17:08
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
tariffometro etc May 18, 2006

In risposta a Lucia,

ho dato un'occhiata al tariffometro e non è che ci abbia capito un gran che.... Tra l'altro, lui parla di cartella editoriale da 1500 caratteri, inclusi gli spazi, mentre io ne avevo una ESCLUSI gli spazi.
Prendendo un documento a casaccio in inglese ho contato che senza gli spazi ho 335 parole (eq. a 9/335=0.0269EUR a parola)
Con gli spazi ho 277 parole (eq. a 8/277=0.0325EUR a parola).

Simon dice che le tariffe possono essere la metà di quello che avevano proposto a me.... così per un documento da 10000 parole ti pagano una media di 300EUR se non 150EUR (sui quali ci devi pure pagare le tasse). No, scusate, ma mi sa che mi sfugge qualcosa......

Tra l'altro come dicevo, la traduzione in questione non era per una lista della spesa o la traduzione dell'elenco telefonico, ma un testo piuttosto specializzato il quale, al contrario del manuale del frigorifero, una ristretta fetta di pubblico leggerebbe con estrema attenzione.
Chiaramente uno fa quello che gli pare, se il mercato ti permette di pagare delle cifre, e chi sono io per protestare??? Tuttavia vorrei sapere chi sono questi che campano di aria e amore..... e poi la gente si lamenta delle tariffe indiane....

Andrea


Errata: ho fatto i conti a 9 euro a cartella. Mi pareva che avessero detto 8-9, invece dicevano 7-8!!!!!!!

[Edited at 2006-05-18 16:05]


Direct link Reply with quote
 

Gisella Germani Mazzi
Switzerland
Local time: 18:08
German to Italian
+ ...
:) May 18, 2006

Io qualcuno lo conosco, ma non farei i nomi neppure sotto tortura!

Andrea Re wrote:

Tuttavia vorrei sapere chi sono questi che campano di aria e amore..... e poi la gente si lamenta delle tariffe indiane....

Andrea


Direct link Reply with quote
 

Andrea Re  Identity Verified
United Kingdom
Local time: 17:08
English to Italian
+ ...
TOPIC STARTER
Anche senza nomi.... May 18, 2006

... però puoi dare dettagli. Io più ci penso e più mi perplimo (come diceva comesichiama). Ovviamente faccio qualcosa di mooooolto sbagliato.

Andrea (che va a prendere l'attrezzatura per la tortura cinese:=)


Direct link Reply with quote
 

Gisella Germani Mazzi
Switzerland
Local time: 18:08
German to Italian
+ ...
appunto... May 18, 2006

Come dicevo sopra, sono persone che contemporaneamente "pe' campà" fanno traduzioni tecniche... Credo che risolvano così le cose. Io però non capisco: perché sprecare il proprio tempo lavorando quasi gratis? Per passione? Beh, allora a quel punto fallo per hobby! Io sono del parere che la professionalità vada pagata sempre e comunque (a parte quando si vuol fare beneficenza).
Insomma, i traduttori che lavorano per la gloria hanno un atteggiamento davvero tafazziano! Porteranno anche il sospensorio?


Andrea Re wrote:

... però puoi dare dettagli. Io più ci penso e più mi perplimo (come diceva comesichiama). Ovviamente faccio qualcosa di mooooolto sbagliato.

Andrea (che va a prendere l'attrezzatura per la tortura cinese:=)


Direct link Reply with quote
 

Riccardo Schiaffino  Identity Verified
United States
Local time: 10:08
Member (2003)
English to Italian
+ ...
Un compromesso... May 18, 2006

Roberta Anderson wrote:

bastanonmetterlieineffettisirisparmiaunsaccoditempoedègiustochesivengapagatimeno




Va bene inviare al cliente il file senza spazi, e dirgli che, visto che non li avevano pagati, tu non li hai messi.

Poi però, visto che sei uomo di buon cuore, puoi mandargli un secondo messaggio, per dirgli che ci hai ripensato, e che quindi nel file in allegato al secondo messaggio troveranno acclusi tutti gli spazi (e solo quelli: le lettere le avevano ricevute già con il primo file).

Anzi, direi di essere generoso e di mettercene qualcuno in più, tanto per fare buon peso.



[Edited at 2006-05-18 17:49]


Direct link Reply with quote
 

Piotr Kulczycki  Identity Verified
Local time: 18:08
Italian to Polish
+ ...
Ottima idea May 18, 2006

Va bene inviare al cliente il file senza spazi, e dirgli che, visto che non li avevano pagati, tu non li hai messi.

Poi però, visto che sei uomo di buon cuore, puoi mandargli un secondo messaggio, per dirgli che ci hai ripensato, e che quindi nel file in allegato al secondo messaggio troveranno acclusi tutti gli spazi (e solo quelli: le lettere le avevano ricevute già con il primo file).

Sono pienamente d'accordo! Ottima idea!


Direct link Reply with quote
 
Alfredo Tutino  Identity Verified
Local time: 18:08
English to Italian
+ ...
Andrea, te vonno fregà! May 18, 2006

Andrea, circa 10 anni fa ho tradotto un paio di romanzi per Salani a 16.000 lire lorde a cartella (di testo italiano e, needless to say, con tanto di spazi). Casa editrice professionale, ma non certo la più grande nè la più generosa tra le case editrici italiane. Devo ancora avere le fatture da qualche parte...

E ricordo di aver conosciuto una traduttrice che lavorava per Adelphi (sempre su testi letterari) a 50.000 lire a cartella (certo, quello doveva essere il livello più alto).

Naturalmente, se si traduce per case editrici molto più piccole le cose possono essere diverse.

Per i testi tecnici (ma anche per quelli letterari) ci può essere il problema degli studenti universitari, neolaureati o dottorandi che lo fanno per la carriera universitaria - specialmente se si tratta di compiacere qualche barone (che spesso farà - o farà fare a un parente o a qualcuno cui vuole gettare un osso - una revisione assai meglio pagata).

La cosa è particolarmente scandalosa, IMHO, se si considerano i prezzi dei testi tecnici.

(pregherei

[Edited at 2006-05-18 20:22]


Direct link Reply with quote
 

Aliseo Japan  Identity Verified
Japan
Local time: 01:08
Member
Italian to Japanese
+ ...
I traduttori fortunati May 19, 2006

Andrea Re wrote:
Tuttavia vorrei sapere chi sono questi che campano di aria e amore..... e poi la gente si lamenta delle tariffe indiane....


Forse chi per vivere puo' tranquillamente contare principalmente sul finanziamento del papa' o sullo stipendio del marito, oppure chi e' gia' in pensione e vuole solo arrotondare un po'. Sicuramente ve ne sono anche di molto bravi e, in ogni caso, visto che tutti parlano di libero mercato, e' un loro diritto accettare questi prezzi di mercato.

Mi sembra che di questi fortunati traduttori (o forse piu' traduttrici che traduttori) ve ne sia un'infinita' anche nei settori non prettamente editoriali, viste le tariffe che applicano.

Non e' forse questa la principale incognita per i traduttori piu' "mortali" che, al contrario, devono lavorare per vivere?

Mario Cerutti
http://www.aliseo.com





[Edited at 2006-05-19 01:11]


Direct link Reply with quote
 
Lorenzo Lilli  Identity Verified
Local time: 18:08
German to Italian
+ ...
Non solo traduzione letteraria May 19, 2006

A dire il vero non conosco nessuno che si occupi solo di traduzione letteraria, proprio perché sarebbe difficile (per non dire impossibile) arrivare alla fine del mese. I traduttori e le traduttrici che conosco fanno un libro o due l'anno e per il resto si dedicano alla traduzione tecnica. Nel mio caso la traduzione letteraria è un gradevole diversivo, ma non certo un modo per arricchirsi (per arrotondare sì, visto che per fortuna non lavoro a tariffe da fame ) In ogni caso non è detto che le case editrici grandi paghino più di quelle piccole, conosco delle eccezioni.

Direct link Reply with quote
 

María José Iglesias  Identity Verified
Italy
Local time: 18:08
Italian to Spanish
+ ...
Traduzione letteraria o traduzione per l'editoria? May 19, 2006

Non credo che le case editrici piccole paghino meno di quelle grosse... anzi! A volte quelle piccole sono pronte a pagare molto di più.

Io, per esempio, lavoro con una casa editrice che mi paga quanto qualsiasi altro cliente diretto (più del doppio di quello che è stato offerto a te e un pochino meno del triplo se parliamo degli 8 euro che hanno offerto a te), a cartella di 1500 caratteri, spazi INCLUSI, perché così è stato da me proposto in fase di preventivo.
Questo mi permette gestire anche dei grossi progetti e di contare su altri traduttori (che non si svendono).

Di fronte al cliente posso anche decidere in base alle parole e dire che per esempio una cartella = 210 parole o 200 o 230... e nessuno mi può saltare addosso, perché nei rapporti con i clienti sono io che stabilisco di volta in volta quanto voglio guadagnare per un dato progetto e quali sono le mie tariffe.

Per conto mio, l'editore deve fare come qualsiasi altro cliente: accettare la tua offerta o rifiutarla. Sta a lui certamente decidere se la qualità del tuo lavoro, la tua disponibilità, puntualità, accuratezza e tutto il resto costa quella tariffa o una molto inferiore.
Ma il mio consiglio è quello di non arrendersi comunque alla prima tariffa che offrono gli editori se questa ci sembra molto bassa (perché ovviamente ciascuno fa i propri affari e cura i propri interessi).

Penso che anche nei lavori di questo tipo vale la stessa regola che per le altre traduzioni: tutto dipende dai quantitativi, dalla continuità che si riesce a stabilire con quella data casa editrice e soprattutto dagli accordi con l'editore per quanto riguarda i diritti di autore, fatturazione (con IVA, senza IVA, ecc.) Forse anche questo può fare la differenza nella tariffa a cartella, non so.
Comunque 8 euro a cartella mi sembra davvero un prezzo molto molto basso, specialmente perché anche testi che apparentemente non sono "tecnici" nel senso in cui noi siamo abituati a capire questo termine, lo sono all'interno di quel dato ambito. Per esempio, un testo di arte può essere anche molto tecnico e richiedere tante ricerche... (e tanto tempo).

Non credo che si debba per forza lavorare "gratis" per l'editoria. E non credo sia nemmeno così, a dire il vero. Ci sarà forse meno lavoro in questo campo e dipenderà anche dalla propria combinazione linguistica, ma non trovo giusto che si deva lavorare gratis o semigratis come dite, a meno che la traduzione editoriale non sia un "hobby". Allora la cosa cambia, naturalmente.

E poi bisognerebbe forse distinguere se stiamo parlando della traduzione editoriale (che include qualsiasi tipo di pubblicazione), e lì c'è più lavoro e pagato molto meglio, o alla traduzione esclusivamente letteraria, che è un altro paio di maniche.


[Editado a las 2006-05-19 16:50]


Direct link Reply with quote
 
Pages in topic:   [1 2] >


To report site rules violations or get help, contact a site moderator:


You can also contact site staff by submitting a support request »

Traduzioni nel mondo dell'editoria (ovvero, i traduttori vivono d'aria e amore)

Advanced search






Anycount & Translation Office 3000
Translation Office 3000

Translation Office 3000 is an advanced accounting tool for freelance translators and small agencies. TO3000 easily and seamlessly integrates with the business life of professional freelance translators.

More info »
SDL Trados Studio 2017 Freelance
The leading translation software used by over 250,000 translators.

SDL Trados Studio 2017 helps translators increase translation productivity whilst ensuring quality. Combining translation memory, terminology management and machine translation in one simple and easy-to-use environment.

More info »



Forums
  • All of ProZ.com
  • Term search
  • Jobs
  • Forums
  • Multiple search